Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento
Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Telescopi e Montature
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 28-10-12, 23:31   #1
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,971
Question Un progetto per il futuro

Visto che sono un tipo frettoloso mi diverto ad immaginare quale potrebbe essere il mio secondo telescopio (il 60ino lo conto come terzo telescopio infatti pure nella sua plasticosità ha una sua piccola dignità)!

In realtà sono felicissimo del mio GSO che mi regala stupende visioni e penso di tenerlo per alcuni lustri (non sto scherzando!!!). Alla fine gli oggetti del cielo profondo che mi può mostrare sono moltissimi e il vero limite è spesso il cielo. Questo è e sarà il mio telescopio per il cielo profondo! Fortunatamente sono per ora quasi del tutto immune da strumentite e diametrite, non sento il bisogno di un diametro più grande che magari difficilmente riuscirei a gestire così bene come il mio dobson monolitico subito pronto all'uso e facilmente trasportabile e magari osserverei meno spesso e neanche sento il bisogno di costosi oculari che mi garantirebbero un campo apparente maggiore o una minore presenza di coma. Insomma sono veramente a posto così, mi mancano solo due filtri nebulari!

Il secondo telescopio in realtà vorrei farmelo regalare (sono un figlio unico viziato!) al momento della laurea (aspetta e spera!). O almeno vorrei farmi un po' aiutare a comprarlo visto che anni e anni di pratica di messa da parte della paghetta mi hanno fatto diventare un grande risparmiatore (sono tirchio se le circostanze lo richiedono).

Ma per ora è solo un'idea, una cosa l'ho imparata e cioè che l'uomo saggio fa passare del tempo tra un desiderio e la sua attuazione, ragionare a mente fredda e a distanza di tempo può evitare un'azione sbagliata.

Il ragionamento sarebbe quello di avere un telescopio secondario totalmente votato all'alta risoluzione su Luna, pianeti e stelle doppie (solo uso visuale), un telescopio da usare tranquillamente magari dal campo del mio babbo dove ci sono diverse luci (quindi niente deep) ma comunque dove sarei su un prato, un telescopio che nei limiti del diametro garantisca una visione perfetta con poche o punte aberrazioni e capace di cogliere dettagli finissimi e fornire immagini incise e calme, un telescopio di diametro più piccolo ma di eccelsa qualità.

Inizialmente avevo pensato ad un rifrattore acromatico da 10cm ma c'è il cromatismo e non ce n'è un modello lungo come vorrei a prezzi umani e poi come fare a gestire un metro e mezzo di lunghezza focale, con quale montatura? Quindi da escludere...

Poi avevo pensato ad un rifrattore semi-apocromatico da 10cm ma i prezzi sono comunque altini anche per i modelli cinesi e non c'è sicurezza di qualità ottica (non si conoscono neanche i vetri che utilizzano!). E comunque 10cm rimangono, forse abituato a 25cm potrebbe essere un salto così grande da farmene pentire amaramente...

A quel punto mi dico che se un rifrattore da 10cm con doppietto alla fluorite aveve dei prezzi umani quasi quasi, almeno sarebbe stato la perfezione... Ho visto qualche prezzo e CI SONO RIMASTO MALISSIMO! Mai e poi mai pagherei così tanto 10cm! Altrimenti andiamo a vivere con la mia famiglia sotto un ponte!

Cosa rimaneva allora?

Io sono arrivato alla conclusione che l'idea migliore sarebbe un Intes Micro Alter MH-68 (o MN 68 come si trova online ma non sul sito ufficiale), cioè un Maksutov-Newton 150/1200, rapporto focale F/7,9, ostruzione del 17% (su TS dichiarata 15% ma non sul sito ufficiale), correzione ottica dichiarata 1/6 Lambda, specchio in Pirex (su TS e genericamente online, ma non sul sito ufficiale, dichiarato con riflettività del 95% circa).

Ecco un LINK ad una recensione ben fatta mi sembra.

Voi che ne dite? Qualcuno ci ha mai osservato dentro? Quali sono i suoi difetti? Potrebbe darmi quello che cerco?

Conosco i difetti più evidenti:
  • l'acclimatamento è lento ma io lascio i telescopi in un locale dove non abitiamo al piano terra e quindi c'è sempre la temperatura ambiente senza riscaldamento, inotre il telescopio ha un grosso ventolone sul primario.
  • il difetto più grande è il peso di 9,9kg, ho bisogno di aiuto sulla montatura. La stabilità è una priorità ma il portafoglio anche! Io adoro le montature altazimutali ma non so se c'è una bestia che regga bene questo bisonte. Secondo voi la T-Sky con caricato solo questo sul braccio principale e con i contrappesi dall'altro lato lo regge? E se si come? Altrimenti converrebbe dobsonizzarlo? Oppure andare su un'equatoriale (ma io mi rifiuto di andare economicamente oltre la HEQ5, carico dichiarato 14 kg)?
  • il prezzo di 1495 euro da TS, ma se otticamente si avvicina alla perfezione potrei soprassedere; comunque è un prezzo MOLTO MINORE di quello dei rifrattori apocromatici veri.
Insomma ditemi la vostra opinione...

Infine una provocazione: è un telescopio che compete con i rifrattori apocromatici migliori, facendo le opportune proporzioni di diametro e tutto il resto, oppure no?
__________________
Mi chiamo: Saverio Falciani - Il mio blog: AMICO DELLE STELLE

Osservo con: Guan Sheng Optical Deluxe 250/1250 - Intes-Micro MN 68 152/1216 - Sky-Watcher Startravel 80/400 - Heyford 60/700 - Salmoiraghi & Viganò Magellano 10x50 - Breaker 7x35

Una stella brilla sull'ora del nostro incontro - J.R.R. Tolkien

Ultima modifica di Save87 : 28-10-12 23:44.
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 01:50   #2
c8sgtxlt
Moderatore
 
L'avatar di c8sgtxlt
 
Data di registrazione: Apr 2009
Ubicazione: trexenta,sardegna
Messaggi: 6,226
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

secondo me potresti benissimo usare il 25cm che già possiedi.
và bene l ostruzione minore del MN,ma non vedo come possa essere migliore del dob anche in alta risoluzione.
se proprio vuoi un secondo tele forse il 120ed sarebbe una buona scelta,non tanto perchè sia migliore del dob,ma almeno hai un tele discretamente potente e con un uso diversificato.

__________________
tele:lunt35mmhalfa+swed80+celestronc8"xltsucg5goto+meade lb 16"
che le stelle ti guidino sempre
Manuel


c8sgtxlt non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 29-10-12, 06:53   #3
NGC-Diego-1983
Utente Esperto
 
L'avatar di NGC-Diego-1983
 
Data di registrazione: Mar 2010
Ubicazione: provincia PD
Messaggi: 2,226
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Quote:
Save87 Visualizza il messaggio
Fortunatamente sono per ora quasi del tutto immune da strumentite e diametrite, non sento il bisogno di un diametro più grande...
Fase 1 della strumentite: NEGAZIONE!

Save, mi spiace dirtelo, ma i tuoi sono i primi sintomi!
Purtroppo la strumentite si propaga anche via internet, passando per i forum e per la tastiera dei computer!

Tornando in tema: :-)
Ho la tua stessa identica linea di pensiero, ossia per osservare da casa (IL a livello galattico..) ho più volte pensato ad un telescopietto leggero e da montare in 2 minuti per fare hi-res.

Io però, vista la comunque ottima qualità, ed il costo inferiore alla metà dell'Intes, sarei più propenso a puntare su un ottimo Mak 150 SW. Con 620€ hai un tubetto di cui tutti parlano stra-bene!

Ma c'è da dire un'altra cosa ancora:
come dice Manuel, il tuo boiler, si tratti dell'Intes o dello SW, comunque vince. 10cm in più di apertura sono una GAP incolmabile, qualsiasi sia il livello dell'ottica!

Dato che possiedi il 10" a tubo chiuso, che si monta all'istante, secondo me con quello sei già a posto per tutto quanto, senza il minimo dubbio (stesso ragionamento che faccio io col mio 8" e che mi fa passare subito la strumente).

__________________
...
I cieli sono stati il motore della scienza dell'uomo per millenni, fulcro delle sue speranze e dei suoi sogni per il domani.. (J.B. Sellers)

Dobson 326/1800 (f/5,52)
NGC-Diego-1983 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 07:19   #4
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,971
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

In effetti più dettagli del dobson non me li potrebbe mai mostrare, questo è poco ma sicuro!

Però ho come l'impressione che il seeing gli tagli le gambe certe notti in alta risoluzione al mio dobson... Quando il seeing è buono quello che osservo è una meraviglia ricca di dettagli, anche sui pianeti e sulla luna, ma certe volte c'è anche da dire che è pessimo e tutto si fa confuso e agitato. Invece con il rifrattore giocattolo da 6cm è sempre tutto immoto. So perfettamente che dipende solo ed esclusivamente dal diametro (un rifrattore da 25cm avrebbe gli stessi problemi del mio newton), per questo motivo pensavo ad un telescopio di diametro più piccolo ma di qualità ottima.

Certo il costo non è indifferente, ma se lo compro deve essere un rifrattore-killer! Forse l'ostruzione del Maksutov per l'alta risoluzione è troppo alta...

Comunque è solo un pensiero e tale rimane, però sarei stato curioso di sapere come vanno questi telescopi...

L'altra idea che mi viene in mente è di provare a diaframmare il dobson quelle notti, però perdere luce mi sembra un'eresia! Comunque ho in mente di fare 3 diaframmi: uno che elimini il bordo più esterno del primario dove dovrebbe essere lavorato peggio, uno con apertura eccentrica per evitare l'ostruzioni (questo voglio provarlo con l'Astrosolar anche sul sole) e l'ultimo a forma esagonale per sdoppiare meglio le stelle doppie visto che ho il sogno irraggiungibile di scorgere Sirio B.
__________________
Mi chiamo: Saverio Falciani - Il mio blog: AMICO DELLE STELLE

Osservo con: Guan Sheng Optical Deluxe 250/1250 - Intes-Micro MN 68 152/1216 - Sky-Watcher Startravel 80/400 - Heyford 60/700 - Salmoiraghi & Viganò Magellano 10x50 - Breaker 7x35

Una stella brilla sull'ora del nostro incontro - J.R.R. Tolkien
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 07:36   #5
SeanArgenti
Utente Esperto
 
L'avatar di SeanArgenti
 
Data di registrazione: Aug 2012
Messaggi: 2,101
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Io sono per l'estremamente grande e l'estremamente piccolo. Quindi io ho già in mente quali saranno i miei strumenti. Il dob in arrivo e un piccolo mak tele/spotting scope, da mettere nello zaino. Poi se uno può prendersi un 127, meglio ancora. Poi la strumentite più che altro si fa sugli accessori, e quelli magari nel giro di anni aumenteranno, ma gli strumenti se sono buoni restano. Magari di cambiarli se ne parla come regalo della pensione!
__________________
Skywatcher 130/650 PDS - H-Eq5 Synscan - Canon EOS 1100D - 18-55 IS II - 55-250 IS II - Tamron 70-210 - Super 25mm, TS WA 12mm, TMB 8mm , BST Explorer Planetary ED 5mm, TS Acro Barlow 2x, TS ED Barlow 3x, GSO APO Barlow 5x, Skywatcher LPR Anti Pollution Filter.
SeanArgenti non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 08:05   #6
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,802
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Io ho avuto l'INTES MN 61 ed era una meraviglia di ....esattamente 150mm di diametro , ho pure avuto l'MN 76 ed era una meraviglia di .... esattamente 180mm.

Non vedo perchè non dovrei pensare che l'MN SW da 190mm non debba essere una meraviglia di esattamente 190mm.

Se ne trovano di usati a prezzi umanissimi.

Ma se davvero vuoi superare il tuo buon newton da 250mm , allora ci vuole un RUMAK da 250mm.

Una valida alternativa ad un MN sarebbe un dobson ORION UK da 250/1600mm in versione deluxe.

Oppure il fratellone 300/1600mm deluxe.

Avresti grande luce ed adeguata risoluzione.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 29-10-12, 08:27   #7
Robb
Utente Esperto
 
L'avatar di Robb
 
Data di registrazione: Nov 2008
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 2,706
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Quoto c8sgtxlt.

Il seeing apparentemente migliore nel 60ino è dato dagli ingrandimenti, prova a usare quegli ingrandimenti anche col dob e vedrai che seeing ottimo
Se uno vuole salire con gli X qualunque telescopio sarà limitato dal seeing.
Solo che quando il seeing è buono un diametro generoso ha più banane (scientificamente parlando ).

Di questa discussione ne riparliamo dopo che avrai messo l'occhio in un 18" in binoculare con oculari da 82° (che per ora è lo struemento più godurioso in cui abbia mai osservato)
__________________
Forse s'avess'io l'ale da volar su le nubi, e noverar le stelle ad una ad una, (...), più felice sarei, candida luna.

Telescopio di notte: Dobson Jach Blak 16" e C8HD su Evolution
Telescopio di giorno: Lunt 60 BF 1200 PT FT DS
Oculari: Baader Aspheric 36mm - Explore Scientific 24mm - Ethos 13mm - Ethos 8mm - Barlow Powermate 2,5X
Filtri: DGM Optics NPB - Thousand Oaks OIII - Astronomik H-Beta
Robb non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 10:17   #8
NGC-Diego-1983
Utente Esperto
 
L'avatar di NGC-Diego-1983
 
Data di registrazione: Mar 2010
Ubicazione: provincia PD
Messaggi: 2,226
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Quote:
Save87 Visualizza il messaggio
So perfettamente che dipende solo ed esclusivamente dal diametro (un rifrattore da 25cm avrebbe gli stessi problemi del mio newton), per questo motivo pensavo ad un telescopio di diametro più piccolo ma di qualità ottima.
Allora in questo caso non devi fare altro che diaframmare il dob, ed avrai uno strumento anche migliore dell'intes, in quanto:
  • APOcromatico
  • SENZA OSTRUZIONE
  • che va in temperatura molto prima
  • se il seeing è buono puoi andare a tutta apertura e schiacciare in termini di prestazioni qualsiasi strumento di apertura inferiore
Credimi Save, avresti uno strumento perfetto per quello che vuoi tu, e spenderesti zero

Oltre il fatto che lo avresti già subito e non dovresti aspettare il regalo di laurea, per la quale potrebbe arrivare un bel Nexus 100 per esempio
__________________
...
I cieli sono stati il motore della scienza dell'uomo per millenni, fulcro delle sue speranze e dei suoi sogni per il domani.. (J.B. Sellers)

Dobson 326/1800 (f/5,52)
NGC-Diego-1983 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 11:36   #9
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,971
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Sono tutti consigli molto saggi i vostri, e penso proprio che li ascolterò e non lo prenderò, avendo già un ottimo telescopio da 25cm però sarei comunque curioso di metterci l'occhio dentro! Insomma qualche malattia che finisce con -ITE ce la devo pur avere anche io!

Comunque l'idea di avere un secondo telescopio molto perfezionato mi stuzzica parecchio, se solo fosse stato più leggero e meno ingombrante questo sarebbe stato ottimo; non è tanto perchè non riesco a gestirlo quanto perche assomiglia troppo al mio newton e forse non è un acquisto sensato, forse lo sarebbe di più un rifrattore di 10cm (il cui mercato indipendentemente se acro, semi-apo o apo non mi sembra per niente vantaggioso).

Veramente non voglio superare il diametro del mio 25cm, mi bastano, e quelli posso gestire in modo da massimizzare le serate osservative del cielo profondo.

Però vorrei un secondo telescopio per osservazioni planetarie, che spesso trascuro, relativamente mordi e fuggi ma di elevata qualità (nei limiti del diametro), anche perchè da casa mia non c'è verso di vedere bene quindi almeno 5 minuti di macchina dovrei farmeli, a quel punto caricarmi il dobson (e soprattutto tutto il resto) per andare così vicino mi blocca psicologicamente e ovviamente la luna mi capita di osservarla raramente ed è un peccato non perdersi nei suoi mari e crateri e anche i pianeti li relego a fine serata quando ho osservato più oggetti del cielo profondo possibile.

Forse uno SW 120 ED è il secondo telescopio ideale da affiancare a un dobson da 25cm, però il diametro e il rapporto focale sarebbero minori rispetto al MN e forse anche la perfezione dell'immagine. Dalla sua il rifrattore avrebbe un peso minore che mi permetterebbe di prendere una montatura meno critica e l'eternità delle lenti che non richiedono manutenzione, la possibilità di osservare con un prisma di Herschel il sole e con la torretta binoculare luna e pianeti. Ma poi se arriva scollimato senza possibilità di collimazione? Se mi capita un esemplare con lenti non buone considerando che 'sti cacchio di cinesi neanche ti dicono che vetri usano?

A questo punto preferirei spendere 500 euro in più dai russi e avere la certezza della qualità ottica, anche considerando lo specchio primario sferico di più facile realizzazione...

Comunque secondo voi che razza di montatura altazimutale o equatoriale ci vuole per un telescopio lungo 1200mm e pesante 10kg?
__________________
Mi chiamo: Saverio Falciani - Il mio blog: AMICO DELLE STELLE

Osservo con: Guan Sheng Optical Deluxe 250/1250 - Intes-Micro MN 68 152/1216 - Sky-Watcher Startravel 80/400 - Heyford 60/700 - Salmoiraghi & Viganò Magellano 10x50 - Breaker 7x35

Una stella brilla sull'ora del nostro incontro - J.R.R. Tolkien

Ultima modifica di Save87 : 29-10-12 13:43.
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-10-12, 11:50   #10
Robb
Utente Esperto
 
L'avatar di Robb
 
Data di registrazione: Nov 2008
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 2,706
Predefinito Re: Un progetto per il futuro

Preciso solo che diaframmando il dob è vero che otterresti uno strumento senza cromatismo (come ogni specchio) e senza ostruzione, però andrebbe in temperatura nello stesso identico tempo che senza diaframma perché lo specchio resta grande uguale.

Però sinceramente diaframmare uno strumento secondo me ha senso per fare confronti, ma non per usarlo normalmente. Non vedo quali vantaggi possa portare, vedo solo svantaggi. Se il seeing fa schifo basta stare a bassi ingrandimenti, cosa che faresti per forza (anche se il seeing fosse buono) con un diametro più piccolo.

Concordo invece sul binocolone, quello sì che offrirebbe una visione diversa!

PS: Per quanto riguarda la perfezione dell'immagine, una settimana fa ho visto il più bel Giove di sempre nel 10", a 380X (stavolta con schermo apodizzante) ha impressionato diversa gente, me in primis! Il 120ED sarebbe probabilmente più trasportabile, ma dubito fortemente che arrivi a darti immagini migliori del tuo 10".
__________________
Forse s'avess'io l'ale da volar su le nubi, e noverar le stelle ad una ad una, (...), più felice sarei, candida luna.

Telescopio di notte: Dobson Jach Blak 16" e C8HD su Evolution
Telescopio di giorno: Lunt 60 BF 1200 PT FT DS
Oculari: Baader Aspheric 36mm - Explore Scientific 24mm - Ethos 13mm - Ethos 8mm - Barlow Powermate 2,5X
Filtri: DGM Optics NPB - Thousand Oaks OIII - Astronomik H-Beta
Robb non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 23:43.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it