Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 26-08-21, 13:13   #6
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,731
Predefinito Re: Telescopio per planetario

In linea di principio ritengo preferibile un "ED" a un acromatico, anche se un 100/1000 ben realizzato è comunque uno strumento valido, soprattutto se utilizzi i filtri colorati.
L'ED/APO offre comunque una visione d'insieme sicuramente più appagante sul lato estetico.
In entrambi i casi (10 cm apo o acro) si tratta di strumenti alquanto ingombranti e richiedono montature di un certo impegno (io prediligo le equatoriali con inseguimento siderale).
La medesima montatura potrebbe reggere un catadiottrico tipo SC sui 20cm, notevolmente più capace ma anche molto più fastidioso da gestire.
Personalmente li posdiedo tutti e tre: il C8 è quello che mi ha regalato le immagini più dettagliate, il 100/900DL è quello "più costante".
Ottimi strumenti per l'osservazione dei pianeti sono infine i riflettori Newton: sono "facili" da mettere a punto rispetto ai catadiottrici Cassegrain, presentano immagini piuttosto secche e l'ingombro è inferiore rispetto a un rifrattore di analoga apertura.
Spesso sono proposti in configurazione Dobson, ma i 130/650 e 150/750 sono gestibili senza problemi con montature convenzionali "leggere".
Personalmente ho utilizzato lo Skywatcher 130 Heritage per osservare l'ultima opposizione di Marte mentre ero in vacanza: si tratta di una variante particolarmente economica e compatta del riflettore 130/650, che consiglio solamente se la trasportabilità riveste un'importanza fondamentale (il tubo è più compatto e leggero dei catadiottrici 127mm) o per ragioni di budget.
delo non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky