ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > I lungometraggi di Star Trek > Star Trek VI: Rotta Verso l'Ignoto

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 16-01-09, 23:09   #1
Locomotiva
Tecnico
 
L'avatar di  Locomotiva
 
Data Registrazione: 12 2008
Locazione: Piemonte
Messaggi: 627
Genere: Maschile
Predefinito Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

Sto almanaccando un po': Star Trek VI è chiaramente una metafora del crollo dell'Impero sovietico, e le reazioni dei Duri&Puri della Flotta Stellare all'annuncio del possibile armistizio non è poi molto diversa dalla reazione che ebbe l'apparato militare-industriale USA all'epoca della Glasnost.

Molti ricorderanno il "peace dividend", il dividendo della pace, ossia l'idea che -finita la guerra fredda- un sacco di soldi sarebbero stati risparmiati sugli armamenti ed usati per fare altro.
É chiaramente impossibile che ci fossero arrivati, dato che la TNG ha cominciato ad essere prodotta ben prima di star Trek VI, ma è curioso.

In sostanza, finché c'era la guerra fredda e un nemico (nel film come nella realtà), non c'era scarsità di soldi e si potevano mettere in cantiere nuove unità e tentare esperimenti anche balordi, tanto pagava pantalone.
Per stare nell'ambito Star Trek, oltre alla ricostruzione praticamente da zero delle navi classe Costitiution (dell'Enterprise originale resta ben poco, dopo i lavori del primo film), la Flotta si può permettere la base spaziale "a fungo" e di giocherellare con la transcurvatura mettendo in piedi una nave apposta, la NX-2000 Excelsior (salvo poi scoprire di aver fatto un buco nell'acqua e metterla in linea come nave normale, al comando di Sulu).
Insomma, soldi a pioggia.

Fate caso: nella prima serie di TNG, settanta e qualche anno dopo l'armistizio, è stata finalmente varata la prima nave classe Galaxy, la prima nave "non militare" in cui ci sono a bordo le famiglie e l'equipaggio non è in cuccette multiple (che si vedono anche sull'Excelsior all'inizio del sesto film, quando Sulu vira per mettersi lungo l'onda d'urto, si vedono i marinai che rotolano fuori dai letti a castello).

Tutte le altre navi federali che si incontrano nella prima stagione di TNG sono del periodo della guerra.
Incontrano un paio di navi della classe della Excelsior: una accompagna l'ammiraglio McCoy alla prima visita, un'altra, la Fearless, trasferisce il tecnico chiamato a modificare i motori - e la Fearless viene definita una vecchia nave, il che spiega perché sia stato possibile all'ingegnere migliorare i motori.
La nave scientifica col nome russo il cui equipaggio si è suicidato (terza puntata, quarta?) è una classe Miranda come la "Grissom" che orbitava attorno a Genesi nel terzo film: cioè uno scafo progettato un centinaio di anni prima.
L'unica nave mai vista in epoca TOS è la Stargazer - classe Constellation- che appare più piccola di una Excelsior e che ha un ponte di comando che addirittura ricorda quello della prima Enterprise TOS, stretto, angusto, con le consolle separate. Difficilmente una nave "moderna".
Oppure la Stargazer è una nave di classe inferiore - un cacciatorpediniere piuttosto che un incrociatore.

Quindi, è bizzarro, ma non sarebbe così strano ipotizzare che negli anni della timeline tra Star Trek IV e TNG in effetti la Flotta si sia trovata senza soldi.
Continuavano a varare modelli migliorati di progetti bellici (Excelsior/Miranda), cercavano di tenere in movimento tutto quello che potevano.

Ma per mettere assieme i soldi per progettare e costruire la prima nave post-bellica, ci sono voluti settant'anni.





Ho imparato ad usare la parola impossibile con la massima prudenza (Von Bulow)

Rebel Frequent Flyer - 63.877 Km per convention Star Wars - Conteggio Continua
Locomotiva Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 18-01-09, 09:02   #2
manuè
Capitano
 
L'avatar di  manuè
 
Data Registrazione: 02 2007
Locazione: Roma
Messaggi: 7,417
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

in effetti credo che tu abbia ragione, per come la vedo io le cose sono andate così:

sicuramente dopo il trattato di kitomer la federazione è stata presa dall'euforia della pace e si è fatta cullare dal falso senso di sicurezza dato dal trattato che la poneva nella posizione di potenza predominante del quadrante, non dimenticando ma allo stesso tempo non tenendo nella debita considerazione non solo l'esistenza di luoghi inesplorati dove nessuno è mai giunto prima ma anche gli antichi antagonisti al momento silenti: i romulani, che pure avevano avuto un ruolo base del fallito attentato alle trattative di pace, ma si sa che i politici tendono a dimenticare quello che potrebbe intaccare l'aura dorata delle loro conquiste e si lasciano adulare facilmente, dal che è intuibile che queste caratteristiche non andranno perdute neanche in futuro... purtroppo.

di tutto questo ne ha fatto le spese la flotta che si è vista tagliare le risorse ed è stata costretta ad abbandonare i progetti in corso, lasciando per un tempo eccessivamente lungo la linea principale basata sulla classe excelsior (ottima nave per carità ma gli anni passano per tutti), appoggiata da un pugno di navi classe ambassador, le uniche tecnicamente più evolute (tra cui l'enterprise C) e da tutte le vecchie navi già in servizio ed ancora in condizione di navigare, tra le quali le indistruttibili miranda (praticamente le 500 del XXIII secolo ).

le risorse per la ricerca e lo sviluppo di nuove unità anche se diminuite non sono state eliminate, ma nell'euforia generale a cui ho accennato prima sono state indirizzate verso navi di concezione che definire "utopica" è dire poco, mi sto riferendo ovviamente alla classe galaxy: navi enormi richiedenti uno sforzo immenso in termini di risorse materiali e di personale, che in un certo senso riprendevano, portandolo a livello spaziale, l'errata convinzione della loro "inaffondabilità" (come fu per il titanic e la yamato nel XX secolo), del quale si sarebbero pentiti dopo pochi anni con l'incontro con i borg e gli eventi di DS9.






8 maggio 2009: IO VEDO QUATTRO LUCI!
manuè Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 18-01-09, 13:32   #3
Locomotiva
Tecnico
 
L'avatar di  Locomotiva
 
Data Registrazione: 12 2008
Locazione: Piemonte
Messaggi: 627
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

Mi piace questa cosa della Yamato...

In effetti, si: la classe galaxy è una sorta di mostro concettuale.
La super-nave capace di fare tutto: comoda come un salotto, con la famiglia al seguito, spazi per tutti, una nave assieme civile, militare, da carico, da soma, di rappresentanza.
Con il (suppongo) costosissimo e complicato sistema di dividersi in due che ci sono voluti settant'anni per mettere a punto, ma che faceva tanto "politically correct": mi porto la famiglia ma la salvo.

Questo mentre le Excelsior e le Ambassador sferragliavano in giro sempre più asmatiche e con ripetuti lavori di mezza vita che rattoppavano, adattavano, ma non ricostruivano dallo scafo in su come le vecchie Constituition.

E l'idea balorda che poche, straordinarie, costosissime Galaxy potessero sostituire la flotta di tante "modeste" navi.

Una cosa che, tutto sommato, è reale: anche oggi l'aeronautica USA sferraglia con aerei anni'70 ed un pugno di ultramoderni, fantascientifici F-22.
E la marina si sta baloccando con idee di una "Littorial Ship", una nave che faccia tutto, dalla portaerei alla base per le Forze Speciali, dallo sbarco dei Marines alla nave comando. Sperando che non la silurino.





Ho imparato ad usare la parola impossibile con la massima prudenza (Von Bulow)

Rebel Frequent Flyer - 63.877 Km per convention Star Wars - Conteggio Continua
Locomotiva Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 19-01-09, 15:47   #4
Locomotiva
Tecnico
 
L'avatar di  Locomotiva
 
Data Registrazione: 12 2008
Locazione: Piemonte
Messaggi: 627
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

Aggiunta: evidentemente la cosa è magra per tutti.
Prima apparizione di una nave Klingon in TNG, 1x20.
É un D-7, cioè una di quelle navi che incontrava Kirk un secolo prima. Praticamente una vaporiera a carbone, in confronto ad una Galaxy.

Vero che i poveri Klingon hanno avuto i loro guai, ma son messi molto, ma molto peggio persino della Flotta Stellare.
Nella storia dell'episodio, una prima nave klingon ha lasciato tracce di armi romulane (giustamente, dato che il D7 era usato da entrambi) ed è stata distrutta da una abile manovra di due dissidenti Klingon a bordo di un cargo telleriano, il che dimostra che veramente erano alla frutta.
E poi ti appare 'sto secondo D7 che dice "ohibò, ma la prima nave che fine ha fatto?"





Ho imparato ad usare la parola impossibile con la massima prudenza (Von Bulow)

Rebel Frequent Flyer - 63.877 Km per convention Star Wars - Conteggio Continua
Locomotiva Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 20-01-09, 09:48   #5
manuè
Capitano
 
L'avatar di  manuè
 
Data Registrazione: 02 2007
Locazione: Roma
Messaggi: 7,417
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

sarà anche una "vaporiera a carbone" però al contrario delle navi della flotta stellare, sofisticatissime ed anche per questo fragili e quindi che necessitano di continua manutenzione, le navi klingon sono grezze, funzionali e resistenti, quindi anche se obsolete risultano perfettamente funzionanti senza bisogno di refit anche dopo un secolo, come testimonia il D-7 incontrato dalla voyager nel quadrante delta.

quindi l'impero klingon può benissimo passare la crisi dell'esplosione di praksis con la flotta che ha in quel momento, aspettare, ritirarsi su e poi pensare alle future navi.






8 maggio 2009: IO VEDO QUATTRO LUCI!
manuè Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 22-01-09, 20:44   #6
Locomotiva
Tecnico
 
L'avatar di  Locomotiva
 
Data Registrazione: 12 2008
Locazione: Piemonte
Messaggi: 627
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

Bhe, oddio, non so se è un gran ragionamento: è vero che c'è ancora qualche paese sperduto dell'Africa che usa i rustici T-34 sovietici prodotti durante la guerra mentre dei sofisticati Panther o Tiger ci sono rari esemplari marcianti in qualche museo, ma la "resistenza" senza manutenzione del mezzo non vuol dire che chi li metta ancora in campo non sia alla frutta.





Ho imparato ad usare la parola impossibile con la massima prudenza (Von Bulow)

Rebel Frequent Flyer - 63.877 Km per convention Star Wars - Conteggio Continua
Locomotiva Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-01-09, 01:59   #7
Vegeta
Cadetto IV Anno
 
L'avatar di  Vegeta
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: In sella
Messaggi: 393
Genere: Maschile
Predefinito Re: Il "Peace Dividend" ha colpito la Flotta? (Curiosità scema)

A dimostrazione del fatto che la storia è ciclica, vediamo ripetersi questa faccenda del Peace Dividing pari pari a partire dalla fine di Tng fino a Voyager.

 SPOILER - Click per visualizzare


Ho coperto il tutto nel caso Locomotiva non sia ancora arrivato a Ds9 e Voyager, e non voglia rovinarsi la visione.






E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Vegeta Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 09:38.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it