ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > I lungometraggi di Star Trek > Star Trek XI: Star Trek Il futuro ha inizio

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 04-06-09, 18:22   #871
Jeeg
Cadetto II Anno
 
L'avatar di  Jeeg
 
Data Registrazione: 11 2007
Locazione: Napoli
Messaggi: 154
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

Quote:
Neelix

Jeeg:
era un film, che si salva grazie al grande Wise alla regia, perchè se vogliamo parlarne nel topic apposito, ha una sceneggiatura (chi ha letto i libri sa bene che travaglio ha avuto...iniziare a girare solo col 1° atto, assurdo) che è un riciclo della Sfida e di qualche altro ep. TOS, senza contare che sacrifica alla SAGRA degli effetti speciali dell'epoca, (cosa di cui ci si lamenta per questo film) buona parte dell'umanità dei personaggi.

E uhura, sulu , chekov e scotty fanno da bella tappezzeria, per i 2 nuovi arrivi, almeno in ST ognuno ha il suo momento, che per un film con 7 potenziali personaggi mica è poco

Neelix:
No comment...

peccato...un forum è fatto proprio per commentare...
Jeeg Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 04-06-09, 22:17   #872
sora
Specialista
 
L'avatar di  sora
 
Data Registrazione: 08 2005
Messaggi: 761
Genere: Nessuno
Predefinito Re: Star Trek XI

Posso dire una cosa ot?

Ci sono diversi modi di pensare a un’”opera “.

C’è la conservazione in senso assoluto, senza cambiamenti , tramandando l’originale, la reliquia, il tesoro intatto, sottovuoto spinto: la tutela del passato per le generazioni future.

In genere tale sistema è applicabile e auspicabile per quelle opere che riteniamo beni unici ed irripetibili, sia nella forma che nella sostanza.

Credo che questo senso di preservazione ed inviolabilità possa essere adeguato ai beni dell’umanità, a tutti i testimoni del nostro passato, grandi e piccoli: il Colosseo, le Piramidi di Giza, la Cappella Sistina, i Buddha di Bamiyan, fatti esplodere dai Talebani (sono praticamente svenuta), la Gioconda, la semplice cappelletta della Madonnina che orna il muro di una vecchia casa…

Però se si pensa che pure alla Gioconda hanno fatto i baffi, e che gli stanno pure bene: Duchamp che sagoma!... E che per fare San Pietro usarono i marmi dell’Anfiteatro Flavio… Se penso al Manierismo, movimento artistico nato nel Cinquecento, bollato come mera scopiazzatura dei grandi del Rinascimento… Rivalutato è ora considerato a pieno titolo parte dell’età dell’oro dell’arte italiana… Se penso a Shakespeare, vate della lingua angla, autore sopraffino, intoccabile nella genialità, perfetto , immutato ed immutabile fino ai nostri giorni…

Ma poi basta pensare che nel sedicesimo secolo l’interpretazione era affidata esclusivamente agli uomini, che i teatri erano… quel che erano, e che, dell’omino, sono stati per loro natura, rimaneggiati più volte i copioni, gli strumenti della recitazione: adattati e condizionati da molti fattori, tra cui il gusto del pubblico, le necessità di scena, la bravura o la canaglieria di un‘interprete, i dettami su quale sia una buona o una cattiva performance (c’è stata una fase nel teatro inglese in cui questo era considerato… l’allontanamento e l’imparzialità nei confronti dei sentimenti e delle credenze del personaggio - il che è l’esatto opposto del metodo Stanislawskj)

Mi chiedo, allora: nei secoli con quante facce e in quanti modi è stato proposto il vecchio principe depresso, l’ Amleto? Quanti lifting ha fatto?In quante piccole grandi varianti si è presentato a noi? E tutto ciò per dire cosa?

Che la conservazione e il cambiamento da sempre coesistono, a volte si scontrano, a volte vanno a braccetto, a volte il “secondo” è meglio del primo, o il primo è meglio del “secondo”, o entrambi parlano lo stesso linguaggio in forme diverse; è nell’evolversi della vita e delle cose. Un aspetto che da sempre caratterizza il genere umano è il divenire, la mutabilità, la trasformazione, che vivono insieme alla tradizione, al passato, alla conservazione.

Nel cinema, nella tv, poi, è prassi: l’arte dell’intrattenimento è fluida, mobile, adattabile. Dal muto al sonoro, dal bianco e nero al technicolor . Senza il cambiamento ci rimarrebbe solo l’esperienza museale…

Star trek non sfugge alla norma: nulla si toglie all’originale, è lì, esiste, non c’è discriminazione, né minaccia, né pregiudizio. Si guarda il film, oggi (o non si guarda), domani si ripassano le puntate di ieri e l’altro ieri.

Forse quello che mi sfugge in tutta questa faccenda è il sentimento totalizzante(come forse a Borgata ) , piuttosto che la critica positiva o negativa del film in questione , l’emozione che si sviluppa con modalità diverse in ognuno di noi, per carattere, temperamento, formazione.

Non è Star Trek che non va , o va, siamo noi che proiettiamo i nostri desideri: per alcuni questi si chiamano canon, per altri timeline, per altri Spock, per altri i valori di una volta che non ci sono più (non è vero, ma è bello vedere il passato così, rassicura); per altri la “qualità negata a prescindere”, per altri “il futuro della serie a prescindere”, per altri il senso d’appartenenza,il luogo d’elezione… siamo noi che gli spesso addossiamo “altro” significato. C’è chi vive bene il passato, il presente e il futuro, c’è chi si sente maggiormente ancorato al passato, c’è chi invece è vede solo il futuro: vite diverse , pensieri diversi, esperienze diverse, tutti dentro, tutti fuori.






"Pupazzo, se veramente avrei avuto intenzione di aspettare te, potevano anche staccare la spina" - Janeaway/Neo a Harry Kim. Francescoweb Fecit -

sora Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 04-06-09, 22:26   #873
Rikirk
Capo Operazioni
 
L'avatar di  Rikirk
 
Data Registrazione: 05 2009
Locazione: Provincia di Udine
Messaggi: 3,471
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

Quote:
MiaPiccolina
I personaggi di Star Trek, sopratutto nei film, sono cambiati molto. E non mi riferisco al nuovo film. Ma sto parlando dei precedenti. Il modo un pò egoistico in cui si comporta Kirk nel primo film che nulla a che vedere con la serie TV. O anche quello di Spock, con la sua maschera di assoluta freddezza (mai avuta nella serie TV), la sfiducia che aleggia tra i personaggi della TOS. Comportamenti strani che ritornano a trasformarsi nel secondo film e così via... Kirk che nel sesto film dice a Spock "lasciamoli morire!", Spock che sempre nel sesto film colpisce con rabbia la mano di Valeris...

Ho rivisto il VI film proprio due giorni fa, per l'ennesima volta, lasciandomi ancora una volta stupire, commuovere.
Soprattutto dalla frase di Spok rivolta a Kirk:
"E' possibile che noi due, Kirk... Lei ed io, siamo diventati tanto vecchi e tanto inflessibili da essere sopravvissuti alla nostra utilità... Ne coglie il triste velo di ironia...? "

Comunque, ciò che dici è vero, di cambiamenti ce ne sono sempre stati ma a mio modo di vedere come "armoniche di una stessa onda"

PS: Nessuno vorrebbe "sopravvivere alla propria utilità"... ma di certo io non voglio diventare ne vecchio ne inflessibile!





RIKIRK

<<L'uomo puo' credere all'impossibile, non credera' mai all'improbabile.>>

Oscar Wilde
Rikirk Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 05-06-09, 17:51   #874
Starty
Cadetto I Anno
 
L'avatar di  Starty
 
Data Registrazione: 04 2008
Locazione: torino
Messaggi: 23
Genere: Femminile
Predefinito Re: Star Trek XI

Sora: brava, bravissima! Ti quoto in toto. Io volevo fare l'esempio della Medea che ho visto in tantissime interpretazioni. L'ultima ambientata nella seconda guerra mondiale, con il coro che recita di fronte a un canto di sterminio... distantissima dalla medea classica ma vicinissima a noi! Certo, poi siamo liberi di preferire un'interpretazione più classica e criticare quella moderna (una medea recitata da uomini con manici di scopa in mano non mi era piaciuta per niente). Così è anche per i fan di ST. Lecito preferire la TOS e i vecchi personaggi. Ma lasciare ai nuovi la possibilità di esprimersi è indispensabile per non morire....

Ho un dubbio: è questo messaggio? Ho scritto poco in questo forum e non ho ancora capito bene i distinguo... Sorry ai moderatori - correttori sono un po' tarda ma con il tempo ce la posso fare....





Non metterti mai a discutere con un idiota. La gente potrebbe non notare la differenza.
A. Schopenhauer, Parerga und paralipomena
Starty Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 05-06-09, 19:43   #875
Dr. Soong
Equipaggio
 
L'avatar di  Dr. Soong
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: Italia
Messaggi: 469
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

Mettendo da parte i vari pregiudizi su JJ,
secondo voi Spock della timeline2 (Quinto), è poi così diverso da quello della timeline1 (Nimoy)?

Personalmente nella TOS ho visto Spock prendere decisioni non logiche (per amicizia) e spesso l'ho visto ostentare sorpresa di fronte a certe scelte emotive umane come se in realtà volesse nascondere che anche lui non ne è estraneo. Quindi Spock della timeline2, visti gli eventi, mi sembra verosimile.





Non amare è illogico.


Stark: "...il mio lato, il tuo lato, il mio lato, il tuo lato...."


Willie: “Sto aggiustando la tua astronave, purtroppo non ci capisco gran che”
Alf: “Nemmeno io: io giro solamente la chiave e quella parte!”
Dr. Soong Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 05-06-09, 21:56   #876
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito Re: Star Trek XI

A me sembra diversissimo.





"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 05-06-09, 22:18   #877
Dr. Soong
Equipaggio
 
L'avatar di  Dr. Soong
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: Italia
Messaggi: 469
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

si, sembrano 2 persone diverse ma il percorso psicologico sembra coerente: senza la distruzione di Vulcano il personaggio di Spock di ST11 (Quinto) potrebbe benissimo MATURARE nello Spock originale (Nimoy)





Non amare è illogico.


Stark: "...il mio lato, il tuo lato, il mio lato, il tuo lato...."


Willie: “Sto aggiustando la tua astronave, purtroppo non ci capisco gran che”
Alf: “Nemmeno io: io giro solamente la chiave e quella parte!”
Dr. Soong Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 06-06-09, 00:13   #878
Ragno
Capo II Classe
 
Data Registrazione: 06 2007
Messaggi: 1,805
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

Quote:
sora
Mi chiedo, allora: nei secoli con quante facce e in quanti modi è stato proposto il vecchio principe depresso, l’ Amleto?

Ironia della sorte questo fu proprio l'esempio che usai qualche tempo fa per sottolineare come difficilmente mi sarei abituato alle nuove facce dei personaggi TOS, poichè Amleto, personaggio nato sulla carta, poteva essere reinterpretato secondo me all'infinito, mentre Kirk e Spock, nati sullo schermo, erano immanentemente legati alle movenze di chi li aveva animati per noi, ovvvero Shatner e Nymoi.

Purtroppo gli anni passano, e arriva il momento in cui anche i migliori attori non sono più credibili in certi ruoli, penso ad esempio a De Niro e Pacino e al loro ultimo film insieme, arrivato forse con 20 anni di ritardo, e allora concordo con Sora che è probabilmente giunto il momento di lasciare il campo a nuove interpretazioni del più classico degli equipaggi.

E' non è detto che Quinto e Pine siano gli ultimi ad interpretare Spock e Kirk...

Che poi all'udire la parola Kirk, nella mia testa si materializzerà, quasi fosse riflesso incondizionato, la faccia di Shatner, questo è un altro discorso.
Ragno Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 06-06-09, 14:56   #879
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,296
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

Una considerazione molto lapidaria (ma anche non del tutto sbagliata ) su Star Trek XI, pubblicata nell'ambito del lungo articolo sul film sul sito Ex Astris Scentia:

"Star Trek XI" suffers from its contrived premise and from the reduction of 40 years of the franchise to the simple formula "Star Trek = Kirk + Spock + a wee bit of McCoy + some sort of Enterprise".

hhiih...

qui l'articolo completo:
http://www.ex-astris-scientia.org/episodes/trekxi.htm

qui invece considerazioni sul restyling dell'Enterprise:
http://www.ex-astris-scientia.org/ar...se_comment.htm





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 06-06-09, 17:23   #880
Ragno
Capo II Classe
 
Data Registrazione: 06 2007
Messaggi: 1,805
Genere: Maschile
Predefinito Re: Star Trek XI

La critica all'aspetto esteriore dell'enterprise non la condivido affatto.
Mi è sembrata da subito una delle cose più riuscite del film.

Quanto agli interni effettivamente esiste un'eccessiva discrepanza tra le tubature stile titanic della sala macchine e la plancia sfolgorante.
Vero è che le tubature richiamano molto quelle tos, forse voleva essere una sorta di tributo.

Complessivamente l'enterprise la promuovo.
Ragno Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 21:58.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it