ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > I lungometraggi di Star Trek > Star Trek II: L'Ira di Khan

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 06-02-16, 16:44   #1
Kirk_Jameson
Tenente
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,830
Genere: Maschile
Predefinito La missione della Reliant.

Una cosa che non ho mai compreso fino in fondo è la logica della missione della Reliant.

Chekov nel diario di bordo dice che sono impegnati nella ricerca di un pianeta senza vita per il Progetto Genesis e che finora non hanno avuto nessun successo. La cosa mi ha sempre fatto storcere il naso: possibile che non si trovi un pianeta SENZA vita? Il problema dovrebbe essere il contrario. Ciò mi ha fatto pensare a due diverse interpretazioni:

1) con le avanzate tecnologie del 23° secolo si è scoperta vita anche dove si pensava non ci fosse; di conseguenza quasi tutti i pianeti di dimensioni apprezzabili hanno almeno qualche semplice forma di vita microscopica, quindi inadatti perché verrebbe distrutta dall'esperimento Genesis.

2) Loro cercano un pianeta sì senza vita, ma che abbia anche le corrette caratteristiche per impiantare un ecosistema stabile: massa, distanza dal sole. La conclusione implicita è che quasi tutti i pianeti che hanno la massa giusta e la posizione giusta hanno sviluppato la vita; da qui la difficoltà della missione della Reliant. Anche questo è un po' ottimistico: ad esempio Venere ha circa la massa giusta e la distanza giusta dal sole, ma è una roccia infuocata, corrosiva e sterile. E parliamo solo del nostro sistema solare.

Peraltro il dispositivo Genesis alla fine dimostra caratteristiche ben superiori a quelle previste, visto che crea dal nulla un pianeta abitabile a prescindere dalla posizione di un sole alla giusta distanza (YATI )

Voi cosa ne pensate?





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 06-02-16, 19:07   #2
Soleta
Capitano
 
L'avatar di  Soleta
 
Data Registrazione: 03 2012
Locazione: USS Excalibur
Messaggi: 8,030
Genere: Femminile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Penso che siano giuste entrambe le tue opzioni, e in più aggiungerei che forse il dispositivo Genesis necessita anche di determinate caratteristiche geofisiche nel pianeta che colpisce.





... maybe we'll come back to Earth, who can tell... with so many light years to go and things to be found, I'm sure that we'll all miss her so...

50
Soleta Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 09-02-16, 23:49   #3
Vegeta
Equipaggio
 
L'avatar di  Vegeta
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: In sella
Messaggi: 705
Genere: Maschile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Secondo me è giusta la seconda che hai scritto, cioè che non gli bastava trovare un pianeta privo di vita, ma bisognava anche che soddisfasse tutti quei parametri necessari a mantenere le forme di vita, una volta che fossero state impiantate.

E forse il problema era aggravato anche dal fatto che magari la Reliant poteva esplorare solo entro una certa area intorno al laboratorio Regula 1 e ovviamente si doveva tenere entro il territorio federale.

Per quanto riguarda la creazione del pianeta Genesis, anch'io la vedo come un effetto imprevisto del dispositivo che - detonando in una nebulosa e avendo quindi parecchio materiale a disposizione - probabilmente è riuscito a formare non solo il pianeta, ma un intero sistema solare. Non così assurdo, tutto sommato, considerando che in un episodio di DS9 (Il sogno di Nidell, mi pare), uno scienziato utilizza la protomateria per "riaccendere" un stella.





E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Vegeta Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 10-02-16, 00:27   #4
Kirk_Jameson
Tenente
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,830
Genere: Maschile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Secondo me la stella era preesistente ed è quella del sistema di Regula... mi sembra eccessiva la formazione di una stella, sarebbe un po' troppo "miracoloso" per la tecnologia della Federazione. Io propendo quindi per l'idea che Genesis sia un pianeta "aggiunto" al sistema stellare entro cui ruotano Regula e il laboratorio Regula 1. Oltretutto nelle scene della creazione del pianeta si vede, appunto, solo il pianeta e non l'accensione di una nuova stella.





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 10-02-16, 01:11   #5
Vegeta
Equipaggio
 
L'avatar di  Vegeta
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: In sella
Messaggi: 705
Genere: Maschile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Ma sì, niente vieta che ci potesse essere già una stella nella Mutara Nebula. Solo che non si intravede in nessuna scena, sicchè ho sempre pensato che il dispositivo Genesi avesse in qualche modo accelerato il processo di condensazione della nebulosa, portando alla creazione ex novo di un sistema solare.





E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Vegeta Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 10-02-16, 01:20   #6
Vegeta
Equipaggio
 
L'avatar di  Vegeta
 
Data Registrazione: 01 2009
Locazione: In sella
Messaggi: 705
Genere: Maschile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Inoltre ho sempre avuto l'impressione che la Mutara Nebula non facesse parte del sistema di Regula, anche se ora mi viene il dubbio... ricordo male o è in Star Trek III che a un certo punto David Marcus menziona le coordinate esatte del sistema?





E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Vegeta Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 10-02-16, 11:01   #7
Gas75
Capo II Classe
 
L'avatar di  Gas75
 
Data Registrazione: 05 2014
Locazione: Bari
Messaggi: 2,756
Genere: Maschile
Predefinito Re: La missione della Reliant.

Affinché un pianeta possa ospitare forme di vita deve possedere determinate caratteristiche geofisiche, astronomiche, ecc...
Il progetto Genesis, presumibilmente, permette di "correggere" alcuni parametri che stanno ostacolando la nascita della vita, ma non tutti: per esempio modifica spessore e composizione dell'atmosfera ma non l'inclinazione dell'asse di rotazione o la distanza dalla stella di sistema... Da qui, per come l'ho sempre capita io, l'annotazione di Checkov, che in effetti non si perde in dettagli tecnici non essendo lui per primo un Ufficiale Scientifico.





Studio tecnico 75 | Amici animali
Star Trek, la saga di fantascienza da sempre senza olio di palma.
Gas75 Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 21:05.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it