ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > Star Trek Vive ! > Religione, cultura, società in Star Trek

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 05-09-11, 12:49   #11
Didi77
Tecnico
 
Data Registrazione: 05 2011
Messaggi: 409
Genere: Nessuno
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Ci sono tante cose da discutere!

Quote:
Kirk_Jameson
Ecco, a questo punto bisognerebbe capire esattamente cosa recita questa benedetta Prima Direttiva.

In linea di massima il testo del primo comma è questo:
Quando si entra in contatto con un pianeta che si sta sviluppando in modo normale verso una civiltà tecnologica, un ufficiale non deve fare nessun accenno alla propria identità o alla propria missione, né interferire con lo sviluppo sociale di tale pianeta, né far riferimenti allo spazio, ad altri mondi o a civiltà più avanzate
però, come hai detto tu, ci sono 47 sub-ordini.

In realtà io penso che la prima direttiva sia in perenne evoluzione durante la storia.
Nella tos è appena una bozza di linea di condotta. Ci sono episodi in cui Kirk impartisce ordini che Picard o Janeway non avrebbero mai dato. Ad esempio in "a taste of armageddon" Kirk impartisce l'ordine generale 24, che comporta la distruzione del pianeta di Eminiar VII, solo perché non intende assoggettarsi alle regole che vigono su quel pianeta.
Ma anche in tng la questione è molto complessa. Nel già citato episodio "Haven", tutto ruota intorno al dilemma se sia giusto o meno salvare la vita a Wesley se ciò comporta il rifiuto di assoggettarsi alla legge del pianeta. Nel frattempo, non solo tutti si teletrasportano tranquillamente sul pianeta mostrando tecnologie aliene ad un popolo precurvatura, ma addirittura Picard teletrasporta una donna sull'Enterprise facendole venire il dubbio di trovarsi davanti ad una divinità... Alla faccia della prima direttiva!

Insomma: nemmeno gli autori sapevano bene cosa fosse la prima direttiva

Quote:
Rikirk

Questo mi fa venire in mente il film Isurrection (ebbene sì, qualche utilità ce l'ha !!! )

Lascia stare insurrection se non vuoi finire male!



In Insurrection a mio avviso si capisce cosa sia davvero la prima direttiva, al di là delle applicazioni letterali. Il senso è: "siamo sufficientemente potenti da fare quello che cavolo ci pare, ma non lo facciamo". Insurrection è un film coraggioso, che ci spinge (dovrebbe spingerci) a riflettere sul fatto che nessuno ha dato all'occidente il diritto di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato solo perché siamo tecnologicamente più avanzati degli altri.


Quote:
Brunt
Alla fine poi sono i vari capitani a decidere quando la coscienza impone l'aggiramento di questa regola

Concordo: come dice lo stesso Picard, la prima direttiva non è un'insieme di regole ma una filosofia.


Quote:
Dr. Soong
Nel caso di una guerra nucleare, i pochi superstiti potrebbero comunque dare il via ad un mondo migliore facendo tesoro degli errori passati...

Questa è una considerazione interessante, ma che dovrebbe, appunto, essere contestualizzata. Comunque una quasi-autodistruzione e l'autodistruzione totale comportano ragionamenti diversi.

Quote:
Dr. Soong
o magari nell'arco di milioni di anni su quel pianeta in assenza di competitori si svilupperà una nuova specie intelligente!
(Il fatto che una specie nasca, si evolva e poi scompaia sta nel normale ciclo delle cose)


Questo invece mi sento di escluderlo come parametro, in quanto le direttive della flotta stellare si applicano solo a specie che manifestano un progresso tecnologico. Ciò che accadrebbe agli scarafaggi o ai topi nel caso l'uomo si estinguesse è irrilevante. Non a caso la federazione colonizza pianeti su cui c'è fauna potenzialmente in grado di evolversi senza farsene un problema.
Didi77 Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 06-09-11, 11:53   #12
dogares
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Post molto ben studiato e dalla risposta poco banale. Difficile dire cosa sia giusto o meno. Mettiamo il caso che la Federazione si trovi di fronte ad un pianeta in cui la pedofilia sia regola normale oppure il sacrificio umano o il cannibalismo..
Come comportarsi ? Lasciare che tutto proceda nell'ordine costituito o no ?
Se una società avesse, come si vede in un episodio TOS, basato la propria cultura ed il proprio sviluppo sul nazismo, la si lascerebbe tranquillamente progredire? E del resto, schemi culturali e morali precostituiti da una evoluzione occidentale come la nostra, possono essere importati davanti ad una cultura estranea e nel caso nostro, addirittura aliena ?
E' molto complessa come cosa. Certo il lasciare il libero arbitrio al comandate di una nave spaziale è di per se abbastanza comodo e riduttivo di fronte a quella che viene sbandierata come "prima direttiva " e quindi di sacra importanza.
Vero è che se si dovesse ogni volta discutere con una conferenza il modo di agire circa il violare o applicare la prima direttiva di fronte ad una emergenza non se ne uscirebbe più. Credo che la prima direttiva sia un modello di civiltà generalmente accettato dai pianeti membri della federazione, o almeno fra i fondatori, che si basi su idee socialmente e eticamente riconosciute come valide a tutti gli effetti in mondi progrediti o meno. Ma su questo tipo di impostazione si può sempre discutere.
  Rispondi Citando
Vecchio 14-10-11, 21:10   #13
Weyoun
Comandante
 
L'avatar di  Weyoun
 
Data Registrazione: 06 2011
Messaggi: 3,449
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Interpreto la prima direttiva, piú come una forma di controllo per non permettere a civiltà tecnologicamente inferiori di venire in possesso di mezzi superiori alle loro conoscenze e di divenire dei potenziali pericoli per gli altri abitanti del Quadrante. Per tutto il resto, non c'é ragione di interferire anche se hanno abitudini (ai nostri occhi) discutibili, nemmeno se rischiano l'autodistruzione, devono fare le loro esperienze.





Spesso temiamo cio' che non riusciamo a capire. La miglior difesa e' la conoscenza... (Tuvok in "Star Trek Voyager: Il ciclo della vita")
Weyoun Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 15-10-11, 00:31   #14
Rikirk
Capo Operazioni
 
L'avatar di  Rikirk
 
Data Registrazione: 05 2009
Locazione: Provincia di Udine
Messaggi: 3,472
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Credo che quella di Wey sia l'interpretazione più chiara di questo topic.





RIKIRK

<<L'uomo puo' credere all'impossibile, non credera' mai all'improbabile.>>

Oscar Wilde
Rikirk Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 16-10-11, 22:48   #15
Weyoun
Comandante
 
L'avatar di  Weyoun
 
Data Registrazione: 06 2011
Messaggi: 3,449
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Grazie Riki
Aggiungo, che se arrivassero sulla Terra una razza che volesse interferire con i nostri usi e costumi perchè completamente diversi dai loro e per questo ritenuti sbagliati, noi come reagiremo ?





Spesso temiamo cio' che non riusciamo a capire. La miglior difesa e' la conoscenza... (Tuvok in "Star Trek Voyager: Il ciclo della vita")
Weyoun Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 16-10-11, 22:55   #16
Rikirk
Capo Operazioni
 
L'avatar di  Rikirk
 
Data Registrazione: 05 2009
Locazione: Provincia di Udine
Messaggi: 3,472
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Amico non c'è di che !!!
Dico quello che penso.





RIKIRK

<<L'uomo puo' credere all'impossibile, non credera' mai all'improbabile.>>

Oscar Wilde
Rikirk Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 16-10-12, 23:46   #17
Hybris
Sottoufficiale II Classe
 
L'avatar di  Hybris
 
Data Registrazione: 09 2012
Locazione: Pianeta Shardana del sistema Ichnusa
Messaggi: 1,366
Genere: Maschile
Predefinito

Allora - stiamo al gioco, fingiamo che sia tutto vero - questa è la prima direttiva come la riporta l'Amm. Riker in questo topic:

Quote:
Quando si entra in contatto con un pianeta che si sta sviluppando in modo normale verso una civiltà tecnologica, un ufficiale non deve fare nessun accenno alla propria identità o alla propria missione, né interferire con lo sviluppo sociale di tale pianeta, né far riferimenti allo spazio, ad altri mondi o a civiltà più avanzate.

Il grassetto è mio. Cosa si intende per "sviluppo normale"? E' normale che due popoli si autodistruggano? Bisogna capire anche le ragioni di questa direttiva, che a mio parere, dovrebbero essere quelle di tutelare la diversità culturale; ma che diversità culturale difendi se non salvaguardi prima di tutto l'esistenza stessa delle culture? Tutto ruota attorno al concetto di "sviluppo normale".

In questo sito la trovo scritta in modo diverso:

Quote:
Prima Direttiva
Quando si entra in contatto con un pianeta che si sta sviluppando in modo autonomo verso una civiltà tecnologica, un ufficiale non deve fare nessun accenno alla propria identità o alla propria missione, né interferire con lo sviluppo sociale di tale pianeta, né far riferimenti allo spazio, ad altri mondi o a civiltà più avanzate. La prima direttiva è seconda per importanza solo alla direttiva Omega.

Non c'è scritto "normale", bensì "autonomo". Qual'è la versione giusta?






Ultima Modifica di Nazudaco : 17-10-12 21:30. Ragione: Post consecutivi uniti.
Hybris Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 12-08-13, 02:57   #18
Warp83
Cadetto III Anno
 
L'avatar di  Warp83
 
Data Registrazione: 06 2013
Locazione: Quadrante Alfa
Messaggi: 99
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Per come la vedo io, il nocciolo della Prima Direttiva è la tecnologia. Ovvero: non è sbagliato interagire con altri mondi ma è pericolosa l'interazione tra livelli tecnologici assai distanti.
La tecnologia è un potere, e il Novecento ci ha insegnato che la tecnologia ha bisogno di filosofi che la sappiano utilizzare al meglio (si pensi, su tutti, al Galileo di Brecht): il "grande potere" e le "grandi responsabilità" camminano su due binarii paralleli, e se gli USA sganciano due atomiche sul Giappone poi per quasi settant'anni capiscono che è meglio lasciarle in naftalina. Se noi però regalassimo una Little Boy a un alias alieno di Giulio Cesare, lui saprebbe gestirla in maniera altrettanto matura? Se rifornissimo i Galli di Vercingetorige di occhiali per la visione notturna o di pistole automatiche, non staremmo compiendo uno "stupro" etico-culturale?
La tecnologia è pericolosa perché bisogna averla vissuta per capirne la portata, ed è questo il motivo per cui non la si può lasciar cadere in mano a chi potrebbe coglierne solo il potenziale bellico.

Tra l'altro, sono sicuro che quando l'uomo si affaccerà realmente fuori dal sistema solare molti regolamenti e norme di condotta si rifaranno alle intuizioni morali di Roddenberry & co.





Oh, merda!
(Ten. Com. Data, preparandosi all'impatto su Veridiano III)

Warp83 Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 12-08-13, 13:48   #19
Brunt
Guardiamarina
 
L'avatar di  Brunt
 
Data Registrazione: 04 2008
Locazione: Rorschach
Messaggi: 1,220
Genere: Maschile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Senza andare lontano, quando le società più tecnologiche hanno portato le loro conoscenze, oltre che certi usi e costumi tra popoli meno avanzati, quasi sempre è finita male. Probabilmente Roddenberry ha preso da quello l'ispirazione.





Brunt Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 12-08-13, 18:40   #20
Soleta
Capitano
 
L'avatar di  Soleta
 
Data Registrazione: 03 2012
Locazione: USS Excalibur
Messaggi: 6,322
Genere: Femminile
Predefinito Re: La Prima Direttiva spinta all'estrema conseguenza

Concordo con Warp83. Per l'evoluzione (biologica, sociale, culturale o tecnologica che sia) non ci sono scorciatoie.





... maybe we'll come back to Earth, who can tell... with so many light years to go and things to be found, I'm sure that we'll all miss her so...

50
Soleta Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 14:08.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it