ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > Star Trek Vive ! > Tecnologia Trek

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 07-01-12, 15:54   #1
Lory
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Lory
 
Data Registrazione: 12 2005
Locazione: Napoli
Messaggi: 1,516
Genere: Maschile
Predefinito La fisica di Star Trek

Non so se lo conoscevate già o se già è stato postato, comunque sentite questa conferenza, è molto interessante

http://www.youtube.com/watch?v=ieZ69...eature=related





Il concerto della nostra compagnia
quest'anno

The Disney Show - 2015

Foto
Lory Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 08-01-12, 13:53   #2
phoenix76
Cadetto I Anno
 
L'avatar di  phoenix76
 
Data Registrazione: 02 2009
Messaggi: 31
Genere: Nessuno
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Interessante, ma l' Ing. non si è soffermato molto sulla curvatura: voglio dire...l'ha paragonata ad un movimento "peristaltico"?!?! Tipo tubetto di maionese?!?!
Mi sembra una spiegazione un po' fiacca...insomma senza usare paroloni poteva spiegare che le gondole usano campi gravitazionali potentissimi per piegare lo spazio di fronte alla nave, ed espanderlo (con particelle di antigravità) dietro la nave..la quale senza muoversi effettivamente a velocità maggiore della luce, di fatto riesce in tal modo a coprire enormi distanze portata da un'onda...che se non ricordo male è la famosa bolla di curvatura...
Alla domanda "Ma l'accelerazione improvvisa che si ha quando una nave entra in curvatura, non ha effetti deleteri per l'equipaggio??" è stato risposto, giustamente, che gli smorzatori inerziali servono appunto a controbilanciare l'inerzia...ma non è stata detta la cosa essenziale: di fatto, quando la nave entra in curvatura, essa non muta la sua velocità in termini relativistici...è lo spazio che si piega attorno ad essa...quindi nessuno scossone per l'equipaggio.
Nel complesso, cmq, è stato un documentario molto interessante...specialmente quando il tizio in prima fila ha passato all' ing gli schemi del suo prototipo di comunicatore superluminale....funzionante perfettamente!!!
phoenix76 Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 09-01-12, 02:23   #3
Lory
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Lory
 
Data Registrazione: 12 2005
Locazione: Napoli
Messaggi: 1,516
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Mi ero accorto anch'io di questa cosa.

Vabbè per il resto è stato soddisfacente





Il concerto della nostra compagnia
quest'anno

The Disney Show - 2015

Foto
Lory Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 09-01-12, 14:27   #4
Gifh
Moderatore
 
L'avatar di  Gifh
 
Data Registrazione: 08 2007
Locazione: provincia granda
Messaggi: 2,819
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Molto belli, li avevo postati in una sezione che non raccoglie molti interessi...






My blog su Memory Alpha!

Blog personale: Il chimico impertinente
Gifh Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 09-01-12, 20:40   #5
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,328
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Quote:
phoenix76
Interessante, ma l' Ing. non si è soffermato molto sulla curvatura: voglio dire...l'ha paragonata ad un movimento "peristaltico"?!?! Tipo tubetto di maionese?!?!
Mi sembra una spiegazione un po' fiacca...insomma senza usare paroloni poteva spiegare che le gondole usano campi gravitazionali potentissimi per piegare lo spazio di fronte alla nave, ed espanderlo (con particelle di antigravità) dietro la nave..la quale senza muoversi effettivamente a velocità maggiore della luce, di fatto riesce in tal modo a coprire enormi distanze portata da un'onda...che se non ricordo male è la famosa bolla di curvatura...
Alla domanda "Ma l'accelerazione improvvisa che si ha quando una nave entra in curvatura, non ha effetti deleteri per l'equipaggio??" è stato risposto, giustamente, che gli smorzatori inerziali servono appunto a controbilanciare l'inerzia...ma non è stata detta la cosa essenziale: di fatto, quando la nave entra in curvatura, essa non muta la sua velocità in termini relativistici...è lo spazio che si piega attorno ad essa...quindi nessuno scossone per l'equipaggio.
Nel complesso, cmq, è stato un documentario molto interessante...specialmente quando il tizio in prima fila ha passato all' ing gli schemi del suo prototipo di comunicatore superluminale....funzionante perfettamente!!!

In tutti i casi questo principio con cui viene spiegato il motore a curvatura non mi ha mai convinto. D'accordo che tu comprimi e dilati lo spazio, ma le variazioni dei campi gravitazionali si propagano comunque con la velocità della luce (e non istantaneamente), quindi non vedo il vantaggio... di fatto non puoi aggirare la relatività in questo modo





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 12-01-12, 21:40   #6
Lory
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Lory
 
Data Registrazione: 12 2005
Locazione: Napoli
Messaggi: 1,516
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

No, perchè il campo di curvatura non è vasto anni luce ma ha un raggio di non più 10-11 kilometri (dipende poi dal fattore di curvatura, più il fattore è alto maggiore è l'intensità della compressione e in parte la "distanza compressa"), insomma spazi abbastanza piccoli affinchè l'azione del motore warp possa essere istantanea.

Non è che comprimono tutto lo spazio dal punto in cui si trovano fino alla destinazione, servirebbe un'energia spropositata; pensa alla voyager che deve arrivare nel quadrante alpha dal quadrante delta, dovrebbe comprimere 70.000 anni luce? quanta energia servirebbe per una cosa del genere?

Più semplicemente: se comprimi un kilometro davanti a te e lo fai diventare 1 metro hai già ridotto di mille volte il tempo che avresti impiegato: considera che col propulsore a impulso le navi di ST viaggiano a un quarto della velocità della luce, quindi per percorrere un anno luce ci metterebbero 4 anni; comprimendo 1 kilometro davanti alla nave ad 1 metro fai 365*4/1000 e i 4 anni diventano un giorno e mezzo.

Poi giustamente le gondole di curvatura si muovono insieme alla nave quindi l'origine del campo si sposta anch'essa insieme alla nave con tutto il campo, di conseguenza ultima man mano che la nave si sposta il chilometro compresso che ha davanti se lo porta con se.





Il concerto della nostra compagnia
quest'anno

The Disney Show - 2015

Foto
Lory Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 13-01-12, 12:07   #7
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,328
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

La tua osservazione è sensata ma proviamo a vederla in un altro modo e poi dimmi dove sbaglio

Metto dei numeri fittizi per capirci meglio.
Ipotesi 1) Io comprimo uno spazio davanti all'astronave, di ampiezza 1000. A causa della propagazione non istantanea delle variazioni di campo gravitazionale, per questa operazione impiego un tempo pari a 1000.

Ipotesi 2) Invece di farlo in un colpo solo, come giustamente dicevi tu io comprimo tanti pezzettini di spazio in sequenza, di ampiezza pari a 1. Visto che la velocità della luce è sempre quella, per comprimere ogni pezzettino di spazio impiegherò evidentemente un tempo pari a 1.

Ora: 1 unità di tempo x ogni pezzetto, moltiplicata 1000 pezzetti = 1000 unità di tempo... stesso tempo della ipotesi 1... quindi non c'è vantaggio. Dove sbaglio?





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 15-01-12, 18:21   #8
Lory
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Lory
 
Data Registrazione: 12 2005
Locazione: Napoli
Messaggi: 1,516
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Nel fatto che lo spazio che attraversa la nave è lo stesso che attraversano i campi di curvatura

Quote:
Kirk_Jameson
Invece di farlo in un colpo solo, come giustamente dicevi tu io comprimo tanti pezzettini di spazio in sequenza, di ampiezza pari a 1. Visto che la velocità della luce è sempre quella, per comprimere ogni pezzettino di spazio impiegherò evidentemente un tempo pari a 1.

Ora: 1 unità di tempo x ogni pezzetto, moltiplicata 1000 pezzetti = 1000 unità di tempo... stesso tempo della ipotesi 1... quindi non c'è vantaggio.


1 unità di pezzetto così piccola che anche moltiplicata per migliaia di pezzetti dà sempre un valore piccolo; prima che il valore possa diventare considerevolmente grande la nave già è arrivata a destinazione, perchè si muove in uno spazio ristretto.

In altre parole:

Se tu prendi il primo "pezzettino" di fronte a te e lo restringi poi l'attarazione di gravità impiegherà meno tempo per giungere al secondo pezzettino perchè è più vicino; e lo stesso vale per il terzo, si sarà avvicinato anch'esso e l'attrazione del campo impiegherà meno tempo per agire.

Quindi lo stesso campo di curvatura agisce da catalizzatore della propria azione.

Si potrebbe dire che gli stessi campi di curvatura viaggiano a curvatura





Il concerto della nostra compagnia
quest'anno

The Disney Show - 2015

Foto
Lory Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 16-01-12, 02:43   #9
Astris
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Astris
 
Data Registrazione: 03 2007
Locazione: Ve-Mestre
Messaggi: 1,022
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

No, questo non può funzionare... il campo di curvatura deve propagarsi prima di poter effettivamente agire. Però le navi in Star Trek non si muovono nello spazio normale, ma nel subspazio. La curvatura dello spaziotempo non deve estendersi fino a destinazione, ma basta che formi una bolla attorno alla nave, che poi si sposta nel subspazio, dove può viaggiare con distanze molto ridotte.





TrekPortal for Memory Alpha, il gruppo di traduzione in italiano della più completa wikia su Star Trek!
Astris Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 17-01-12, 03:01   #10
Lory
Sottoufficiale III Classe
 
L'avatar di  Lory
 
Data Registrazione: 12 2005
Locazione: Napoli
Messaggi: 1,516
Genere: Maschile
Predefinito Re: La fisica di Star Trek

Questo l'avevamo detto ma giustamente kirk ha risposto che in questo modo la somma dei ritardi di azione del campo (che si espande alla velocitò della luce) sarebbe uguale a se il campo si propagasse direttamente a destinazione: impiegherebbe anni ad arrivare prima che la nave possa partire...

E' a questo che stavo rispondendo.

Hai qualche spiegazione?





Il concerto della nostra compagnia
quest'anno

The Disney Show - 2015

Foto
Lory Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 19:11.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it