ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > Serie TV di Star Trek > Serie The Next Generation

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 28-10-08, 17:37   #1
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

Data Stellare 47941.7
Ro Laren è tornata a bordo dell'Enterprise dopo aver frequentato una difficile classe di aggiornamento ed essere stata promossa a Tenente. Per la sua promozione è stato organizzato un ricevimento di benvenuto in suo onore: la Tenente Ro viene ricevuta con calore dai suoi vecchi compagni d'avventura, Deanna, Beverly, Geordi e lo stesso Picard si congratula per la promozione. Il dialogo dei due viene però interrotto da Riker, che richiama al loro posto tutti gli ufficiali. Sul confine cardassiano stanno succedendo diverse scaramucce ad opera dei Maquis e l'Enterprise è stata chiamata proprio per difendere una nave da trasporto cardassiana che sta subendo un attacco da parte di piccole navi maquis. L'unico modo per interrompere la battaglia senza distruggere i Maquis è quello di sparare tra le navette e la nave trasporto una salva di siluri fotonici. Le navette maquis si ritirano, ma la notizia dell'incidente è ormai arrivata al Comando Centrale dei Cardassiani, che pretende un'azione decisa da parte della Flotta Stellare. E sarà proprio Ro a ricevere l'incarico di compiere una missione delicata: infiltrarsi tra i rinnegati Maquis e scoprire le loro forze.


Fonte: HyperTrek









"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 28-10-08, 17:44   #2
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

Ho trovato questo episodio davvero triste.
Mi dispiace che Ro Laren abbia sempre avuto una vita difficile e debba continuare ad averla.
In un certo senso questo sembra essere il suo destino perché avendo un carattere così tormentato si sente a casa sua in una cellula Maquis.
Avrei sperato che dopo un’infanzia difficile Ro Laren trovasse un po’ di serenità e di pace all’interno della Flotta, trovasse il suo posto ma purtroppo lei il suo posto lo ha trovato tra i Maquis e questo non credo potrà renderla mai serena.
Avrei davvero sperato una fine diversa per un personaggio che non è niente male; c’è chi si è sentito deluso per la fine che ha fatto Wesley, io mi sento molto più dispiaciuta per quella di Ro Laren perché sono sicura che non sarà mai felice (ammesso poi che una persona con un carattere tormentato come il suo possa esserlo). Il suo mi sembra un passo indietro anziché avanti, verso le tenebre piuttosto che la luce ma comprendo che una persona con il suo passato possa sentirsi bene solo nel fare quel tipo di scelta.
Se non fosse andata tra quella gente non avrebbe fatto la scelta che ha fatto ma dopo esserci stata ed aver cominciato a prendere confidenza diventava ogni momento più difficile per lei tradire quelle persone. Onestamente è più facile tradire la Federazione che quei poveracci dei Maquis. Se Ro Laren fosse stata un’egoista allo stato puro avrebbe pensato solo a se stessa, alla sua carriera e a non tradire Picard (che è una delle sue priorità) ma nel caso di Ro ci sono in ballo molti altri fattori personali e alla fine mi sembra che chi si sacrifica veramente è soltanto lei.
Certo che deve essere una situazione da far scoppiare la testa quella in cui in ogni caso si ha qualcuno da tradire. Non parlo tanto della Federazione che è un’entità troppo grande e troppo variegata per poter avere importanza per una come Ro.
A Ro Laren importava solo di non deludere Picard e non della Federazione in quanto tale. Forse non era consapevole neppure lei di questa cosa ma questa esperienza l’ha aiutata a capirlo.
Forse in Picard ha trovato una sorta di figura paterna, figura che sembra esserle mancata molto a quanto vediamo da questo episodio. In brevissimo tempo nasce un rapporto molto importante tra lei e l’anziano maquis che perde la vita nell’attentato cardassiano.
Sono molto dispiaciuta anche del fatto che Ro Laren ha dovuto tradire Picard: cosa che le peserà per sempre come un macigno.
Devo dire che apprezzo molto questi personaggi metà luce e metà ombra che vediamo in TNG (Alexander, Wesley, Ro Laren, Sito) perché non ne potevo più della perfezione della Federazione e dei suoi ufficiali.

Riguardo alla reazione di Picard posso solo immaginare cosa abbia provato.
L’episodio termina con un Picard impietrito (come mai l’ho visto prima) che non sente neppure ciò che Riker gli sta dicendo. Io ho trovato particolarmente pesante il fatto che l’episodio terminasse così, avevo sperato che ci sarebbe stato qualche altro fotogramma dopo.
Immagino che una piccola parte di lui stia pensando alla figuraccia fatta con la Federazione, al “tempo sprecato” a credere in Ro, ad addestrarla.
Immagino però che a parte la grossa delusione (quella che Ro Laren non avrebbe mai voluto dargli) Picard sia più che altro dispiaciuto per Ro e per la vita che ha scelto di fare. Una vita “sporca” e dolorosa rispetto a quella che si può condurre a bordo dell’Enterprise. Io trovo che sia un vero peccato che Ro si senta di appartenere ai Maquis: è così e non c’è niente da fare ma mi dispiace moltissimo.

Durante il colloquio al bar Picard era stato chiaro con Ro: se non se la sentiva doveva dirlo subito e invece lei credeva di farcela ma ha scoperto solo dopo che non era così. Credo che anche questo pesi molto al Capitano.
La decisione di Picard di farla affiancare da Riker è stata ovvia da parte del Capitano (anche se non è bastato) ma anche qui mi domando come mai i Maquis non siano stati diffidenti nei confronti di Riker o non abbiano controllato la sua identità. Non riesco a credere che Picard o Riker siano così poco conosciuti e anche il fatto che Picard in persona si sia presentato in quel bar per incontrare Ro Laren mi è sembrato un po’ strano.

Nonostante questo episodio mi sia piaciuto ho trovato i Maquis troppo disposti a fidarsi di Ro Laren, io mi sarei insospettita ancora di più visti i suoi successi e la facilità con cui venivano conseguiti, mi sarei insospettita per il fatto che appena arrivata fosse diventata un membro così attivo della cellula, insomma le idee venivano sempre da lei, le informazioni pure, un po’ troppo forse. E’ vero che si tratta di un ex ufficiale della Federazione molto entusiasta di sposare la causa dei Maquis ma la buona riuscita del furto dei medicinali sull’Enterprise (facile come bere un bicchier d’acqua) mi avrebbe insospettita più che fugare i miei dubbi.
La verità è che i Maquis sono dei dilettanti, dei civili che tentano come possono di combattere una guerra, non tutti hanno ricevuto un addestramento (anche se da quanto dice l’episodio parecchi ufficiali della flotta si sono uniti ai Maquis e infatti questa cosa si vede in più di un episodio e in più di una serie).

Niente tartine per l’ammiraglio Nechayev in questo episodio! Meglio non ripetersi!





"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 28-10-08, 18:39   #3
finalfrontier
Capitano
 
L'avatar di  finalfrontier
 
Data Registrazione: 04 2008
Locazione: Actually on Nx Discovery
Messaggi: 8,323
Genere: Maschile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

quoto in toto l'ottimo ed esaustivo commento della compagna di commenti leonardo.
aggiungo solo qualch postilla impazzita come mio solito.

Ritroviamo di nuovo dopo 7.20 (gran puntata quella) Gul Evek e l'odiosa - nonchè racchia - ammiraglio neceiev che stavolta dice a picard "niente tartine di caviale bulariano" in quanto nocive per la sua linea (?!!).

Ancora una volta (come nella missione suicida del cadetto Sito) una bajoriana - e che bajoriana, la più bella di tutte le bajoriane trek - aiuta i cardassiani infiltrandosi come spia nei Maquis.

L'asperat, il cibo preferito dal capo della cellula Maquis, sembra una piadina e il vecchio si prende una "sbandata paterna" per la bella Ro, anche se profetizza azzeccandoci "in cuor tuo sei dei nostri".

Non ricordo a proposito di cosa viene nominata DS9.

Toccante la scena in cui Ro ricorda con le lacrime agli occhi che il padre che ella era piccola suonava il belaclavio (lo stesso strumento che suona il vecchio Macias che le asciuga con un dito la lacrima sul viso) per far scappare i mostri (cardassiani?) da sotto il letto.

La svolta della vita di Ro si ha quando i cardassiani attaccano la cellula maquis e colpiscono a morte il loro capo Macias, il quale investe quale suo successore proprio la sua "fliglioccia" Ro.

Al minuto 35, nel bar, c'è un bellissimo primo piano del volto di Ro e il discorso di picard le fa uscire fuori le perplessità sulla riuscita della missione.

"Era tanto che non avevo la sensazione di appartenere a qualcosa" dice una Ro in lascrime che come dice Leo sembra più preoccupata di aver deluso picard, colui il quale la aveva riabilitata agli occhi della federazione, che se stessa.
Si, perchè Ro ha ingannato oltre che se stessa anche tutti coloro (riker compreso) che credevano e si affidavano a lei per quella missione. E un pò ha deluso anche me, anche se quello che c'è rimasto più male di tutti è proprio picard il quale ha dipinto sul volto la delusione più grande della sua missione settennale.
voto 7





L'intuizione, benchè illogica, fa parte delle prerogative di un comandante.
Non risvegliamo i morti e lasciamo il passato al passato.
Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo gentile di distruggere. Non c'è nulla di buono nella guerra. Eccetto la sua fine.
A volte l'innocenza è soltanto una scusa per i colpevoli.
finalfrontier Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 28-10-08, 19:57   #4
mandos
Cadetto I Anno
 
Data Registrazione: 08 2008
Locazione: italia/thailandia/altro...(mi muovo spesso)
Messaggi: 39
Genere: Maschile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

E quindi pare che io sia l'unico soddisfatto di come sia finito l'episodio.
Ancora una volta se qui c'è un entità che sbaglia è la federazione, pronta a sacrificare dei poveracci per avere "LA pace" : ma che pace e a che prezzo? Il grande Picard che rispetta sempre gli ordini (finche non gli pestano i piedi) ci arriva a capire di essere in torto marcio ? Dal mio punto di vista è lui l'uomo piccolo piccolo e deludente, tutto stretto nella sua uniforme : cosa avrebbe fatto se nella cellula Macquis ci fossero stati i suoi amici e i suoi cari?

Per Ro questo è il giusto finale, non poteva restare in una federazione che non sentiva sua, ogni individuo deve rimanere dove si sente a casa, e deve fare ciò che crede giusto, non cio che gli dicono siagiusto : è proprio perchè ci sono un sacco di burattini, pronti solo a prendere ordini da emeriti imbecilli che li mandano a morire che scoppiano le guerre.





JTK...17 infrazioni temporali SERIE... il piu' grosso fascicolo della flotta stellare : QUELL'UOMO ERA UNA MINACCIA
mandos Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 28-10-08, 20:03   #5
finalfrontier
Capitano
 
L'avatar di  finalfrontier
 
Data Registrazione: 04 2008
Locazione: Actually on Nx Discovery
Messaggi: 8,323
Genere: Maschile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

d'accordo però Ro (orribile cacofonia) dentro di sè sentiva e lo faceva trasparire anche dallo sguardo incerto, che avrebbe tradito picard.
perchè non dirglielo subito e cercare di spiegare le sue motivazioni o semplicemente abbandonare la missione?
in fondo, ripeto, picard l'ha riabilitata e non è stata di certo costretta a indossa re l'uniforme della flotta stellare.
ha tradito anche l'uniforme e ha sbagliato, punto.
il suo è stato un comportamento disonorevole.





L'intuizione, benchè illogica, fa parte delle prerogative di un comandante.
Non risvegliamo i morti e lasciamo il passato al passato.
Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo gentile di distruggere. Non c'è nulla di buono nella guerra. Eccetto la sua fine.
A volte l'innocenza è soltanto una scusa per i colpevoli.
finalfrontier Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 29-10-08, 00:48   #6
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

Io penso che Picard cerca sempre e comunque di non far morire le persone (umane o non poco importa).
La Federazione e Picard guardano la cosa su larga scala: non vogliono vedere morti nè i Maquis nè i Cardassiani, per loro contano i trattati che a lungo andare dovrebbero portare ad una stabilità.
Credo che se ci fosse stata una soluzione a portata di mano sarebbe stata subito adottata ma la situazione dei Maquis è un pò come la Questione Palestinese nel nostro mondo attuale: difficile trovare una soluzione semplice e che faccia contenti tutti.
Picard non può essere contento della strada che hanno deciso di intraprendere i Maquis e tantomeno che Ro si sia unita a loro (ma se al posto di Ro fosse stato un altro membro dell'equipaggio a fare quella scelta per Picard sarebbe stato ugualmente brutto).
Anche nell'episodio con gli indiani d'America ha fatto di tutto per convincerli a lasciarsi evacuare, la sua politica è quella e non credo che prenda solo ordini, crederà anche in ciò che fa anche se a volte alcune questioni sono davvero spinose e qualunque decisione venga presa qualcuno rimarrà scontento.

In questo episodio sono i Cardassiani a chiedere un intervento risolutivo della Federazione nei confronti dei Maquis, cosa avrebbe dovuto rispondere la Federazione?
Ovviamente i Cardassiani non sono altrettanto onesti ma questo non è un buon motivo per mettersi sul loro stesso piano e perdere credibilità e serietà nei confronti di tutti gli altri membri.

A volte si rimane delusi dalle scelte che le persone che ci circondano fanno, penso che ognuno di noi nella sua vita ha provato almeno una volta questa sensazione. Non è una questione di possesso o di voler imporre agli altri ciò che vogliamo noi, è tutt'altra la sensazione.

Riguardo al fatto che per Ro questo sia il giusto finale io non ne faccio tanto una questione di giusto o di sbagliato, mi sarebbe piaciuto che avesse fatto una scelta che la rendesse felice mentre la situazione in cui si è messa non la renderà tale. L'ho detto anche io che una come lei, trovandosi in una circostanza come quella in cui si è trovata non poteva far altro che la scelta che ha fatto però mi sarebbe piaciuto che la sua vita avesse preso una piega diversa.
Molti trovano il loro posto nella Federazione (nonostante qualche difettuccio ce l'abbia ma mi pare siano più i pregi) ma non tanto perchè sono attratti dall'entità in sè che è astratta bensì per gli incontri che si fanno o per le infinite possibilità (e qui mi riferisco alla tecnologia di cui dispone) che mette a disposizione.





"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 29-10-08, 17:51   #7
mandos
Cadetto I Anno
 
Data Registrazione: 08 2008
Locazione: italia/thailandia/altro...(mi muovo spesso)
Messaggi: 39
Genere: Maschile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

La discussione si fa interessante, ma toccando argomenti sociali di discreto rilievo rischia di sfocciare nell OT, rimanedo attienti a Star Trek, Dirò che dal mio punto di vista la scelta del Tenete, è quella che la renderà "meno infelice" Tradire il capitano, che tutto sommato nonrischia nulla, è molto meno doloroso che tradire una causa che sostiene col cuore, Ro vorrebbe fare felice un "padre" ma di fronte all'evidenza dell'orrore che si sta consumando deve fare la "scelta giusta" ed è quella che le fa meno male: fosse rimasta nella federazione non se lo sarebbe mai perdonato per tutta la vita...

Picard dal lato suo è più arrabbiato per il tradimento di una "figlia" che di un tenete, e non ci prova neppure a capire la situazione dal punto di vista della ragazza... ed è un "difetto" ricorrente nel personaggio che comprende le cose solo quando ne è coinvolto pienamente: ricordiamo l'episodio in cui Data vuole infrangere la prima direttiva per salvare una bimba spersa su un pianeta morente, il capitano si oppone completamente, ma poi quando sente piangere la ragazzina allora interviene : cosa perlomeno un poco ipocrita, Kirk o Sisko sarebbero intervenuti e basta... o ancora quando deve decidere se impiantare in "3 di 5" il virus che distruggerebbe i Borg...

Anche Ro probabilmente sbaglia (come dice final)a non abbandonare la missione e basta, ma se ne avesse parlato col capitano probabilmente lui le avrebbe impedito di fare ciò che poi ha fatto.. e questa è perlomeno una motivazione





JTK...17 infrazioni temporali SERIE... il piu' grosso fascicolo della flotta stellare : QUELL'UOMO ERA UNA MINACCIA
mandos Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 03-11-08, 22:55   #8
Poseidone
Tecnico
 
L'avatar di  Poseidone
 
Data Registrazione: 01 2006
Locazione: Padova
Messaggi: 684
Genere: Maschile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

...non credo che Picard non comprenda, sono più propenso a pensare, come dice Leonardo, che egli creda profondamente in quello che fa e che privilegi il bene dei molti su quello dei pochi. Lui stesso afferma che tutti simpatizzano con i maqis, ma la pace per la Federazione viene prima. Io sinceramente non gli do torto, per quanto la situazione dei Maquis è tragica. Purtroppo la pace ha spesso un prezzo iniquo, ma è comunque preferibile alla guerra su larga scala. Lo stesso Sisko si comporterà allo stesso modo più avanti.
Ro Laren d'altro canto è messa in una situazione poco invidiabile. Il suo problema è che lei stessa non indossava l'uniforme con convinzione, ma più per un senso di gratitudine per Picard. Di fronte alla causa maquis, così simile a quella del suo popolo, non ha resistito e gli ideali hanno prevalso.





"Solo 2 cose sono infinite, l'universo e la stupidita' umana.
Della prima non ne sono sicuro" Einstein
Poseidone Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-02-09, 20:43   #9
saavikam
Capitano di Flotta
 
L'avatar di  saavikam
 
Data Registrazione: 03 2007
Locazione: Genova - (Monte Seleya)
Messaggi: 6,741
Genere: Femminile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro

Quello di Ro Laren è sicuramente un personaggio multisfaccettato, a tutto tondo e, perciò, interessante. La storia che la vede protagonista è triste ed amara, e lascia presagire che, qualunque cosa l'attenda, sarà difficile riesca a trovare la serenità e la pace che desidererebbe e che meriterebbe. Nonostante tutto questo, non è un episodio che mi abbia presa più del tanto. Sarà che quelli che vedono i nostri non agire tutti insieme mi sanno di mancanti di qualcosa, sarà che - a pelle - trovo i Maquis abbastanza antipatichini, ma questa avventura non mi ha convinta del tutto.
Durante la vicenda, Ro subisce due perdite importanti: quella dell'anziano bajorano che le ricordava il padre perso quand'era bambina, e quella di Picard che perde per decisione propria. Non una decisione facile, presa a cuor leggero, ma sofferta e dolorosa. Quello di Ro Laren è un caso umano sulla perdita dei propri affetti.
Molto particolare la scena in cui Ro e Picky sono nel locale e parlano cheek-to-cheek della missione facendo finta di essere rispettivamente una prostituta ed un avventore.
saavikam Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 07-04-10, 18:50   #10
T'Mir
Tenente Comandante
 
L'avatar di  T'Mir
 
Data Registrazione: 08 2008
Locazione: Vulcan
Messaggi: 4,806
Genere: Femminile
Predefinito Re: 7.24 - Preemptive strike - Il tenente Ro



Episodio grandioso. Ho sempre amato il personaggio di Ro, l'ho sempre trovata un po' fuori luogo nella Flotta. Ho sempre immaginato che potesse essere una sorella minore o una cugina di Kira.

Ricordo distintamente che la prima volta che ho visto questo episodio ero intenta a tagliare la stoffa per il ricamo più grande che ho fatto, che ritrae una casa.

Ro è sfortunata. Ha avuto una vita difficili da bambina e anche una volta nella Flotta le cose non le vanno meglio. In un certo senso questa fine di Ro era immaginabile, perché come dice Picky, tutti simpatizzano per i Maquis. Però purtroppo non riesco a pensare che le sia andata meglio dopo. Penso che non sia sopravvissuta molto.

Mi spiace per Picard, ma secondo me anche lui era combattuto tra il sentimento di tradimento e la consapevolezza che non poteva andare in altro modo.

Anch'io ho notato la scena che cita Saavikam, sembra quasi una dolcezza d'addio, di scuse, di Ro che sa già che tradirà il Picky....





Ci sono solo 10 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono.

Villaggi SOS Italia - i Villaggi dei Bambini

Fabuland: racconti, vignette, creatività e gatti (e Trip Tucker vivo!)
T'Mir Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 13:39.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it