ATTENZIONE Se si riscontrano problemi con il log-in, effettuare
la procedura di recupero password a questo indirizzo. Grazie

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia
Registrazione Regolamento FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Vai Indietro   TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia > Star Trek Vive ! > Tecnologia Trek

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 14-04-16, 21:02   #11
Soleta
Capitano
 
L'avatar di  Soleta
 
Data Registrazione: 03 2012
Locazione: USS Excalibur
Messaggi: 6,322
Genere: Femminile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Ok!

Da un punto di cista prettamente umano, senza sforare nei diritti degli ologrammi (di cui però sono ferrea sostenitrice), la tua idea è perfetta: il ponte ologrammi permette a chiunque di sfogare le proprie deviazioni senza danneggiare esseri umani, e potrebbe diventare un prezioso strumento per i terapisti.





... maybe we'll come back to Earth, who can tell... with so many light years to go and things to be found, I'm sure that we'll all miss her so...

50
Soleta Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 14-04-16, 22:50   #12
Nazudaco
Moderatore
 
L'avatar di  Nazudaco
 
Data Registrazione: 05 2005
Locazione: Provincia di Perugia
Messaggi: 4,074
Genere: Maschile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Non sono uno psicologo ma non sono del tutto convinto che le manie omicide possano sparire facendo sfogare queste pulsioni in un ponte ologrammi.

Anzi, essendo gli ologrammi dell'universo trek del tutto realistici, si corre il rischio che il soggetto malato possa confondere la realtà con la fantasia e compiere una strage tra gli esseri senzienti.

Queste pulsioni andrebbero represse non agevolate, sia pure virtualmente.

Riguardo l'aspetto dell'uso dell'holodeck per risolvere i "problemi di coppia" non saprei. La morale cambia in fretta. Magari fra un paio di secoli la sessualità e il concetto di famiglia saranno vissuti in maniera diversa da oggi e non ci sarà bisogno di espedienti per cambiare il partner senza sentirsi in colpa (e del resto questa cosa succede anche adesso, se pur in maniera ancora limitata e con il timore del giudizio degli altri).





Regolamento di TrekPortal *Vademecum del buon postatore * F.A.Q.
Aderisci al team SETI di Trekportal, clicca sul banner per maggiori informazioni.
ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2009 - Modifiche varie.
Nazudaco Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 15-04-16, 10:40   #13
Regolo
Cadetto II Anno
 
L'avatar di  Regolo
 
Data Registrazione: 07 2015
Locazione: Giussano (MB)
Messaggi: 130
Genere: Maschile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Discussione bella e molto interessante.

Quote:
Kirk_Jameson
Mi chiedo, nell'ambito delle coppie, se questo uso dell'holodeck possa avere risultati positivi o negativi. Avendo a disposizione questa tecnologia, i tradimenti potrebbero ridursi: basterebbe crearsi il proprio uomo o la propria donna perfetta con cui fare sesso ogni volta che si vuole e sfogare quindi in quel modo le "pulsioni".
D'altra parte, potendo sfogare ogni propria fantasia all'interno del ponte ologrammi, la coppia "vera" si inaridirebbe presto.

In riferimento al dar sfogo ai propri desideri sessuali per parte mia non ci vedo molta differenza tra l'utilizzo
del ponte ologrammi e la prostituzione o lo "scambio di coppia". La simulazione è praticamente indistinguibile dalla realtà.

Prostituzione e scambio di coppia per alcuni sono un abominio, per altri "terapeutici"...
come al solito impossibile generalizzare.

Poi scrivi:
Quote:
Kirk_Jameson
Mi chiedevo anche e soprattutto se gli holodeck possano rivestire un ruolo terapeutico, magari con un utilizzo guidato da un consigliere, a individui con deviazioni gravi. Per esempio un uomo che abbia istinti omicidi (o anche peggiori...) potrebbe sfogare lì ogni propria perversione più odiosa, schifosa e aberrante senza fare del male a nessuno.

Secondo me, se esistesse l'holodeck potrebbe essere usato come un ottimo strumento terapeutico.
Ad esempio se una persona ha subito un trauma che la porta ad avere squilibri relazionali nella vita reale
ecco che rivivere questo trauma (affrontando la situazione in modo diverso) in una realtà simulata e sotto
la supervisione dello psicanalista potrebbe essere una terapia.
Cioè potrebbe essere un modo per affrontare le proprie paure, di guardarle sotto una prospettiva differente.

Rispondendo a Nazudaco, le proprie pulsioni non vanno represse e nemmeno agevolate, vanno comprese nella mente,
nei sentimenti, nelle emozioni, in pratica vanno comprese pienamente.
Cacciare sotto il tappeto i propri fantasmi non è un modo per farli cessare di esistere.

Comunque sia questa tecnica terapeutica (rivivere esperienze negative in una realtà simulata e controllata)
sarebbe molto simile (la sua forma perfezionata) allo "Psicodramma".

Saluti Astrali

Regolo





(È incredibile)... so spiegare perfettamente il meccanismo che regola la formazione dell'arcobaleno,
e non mi ero mai accorto di quanto sia bello. (Spock, Al di qua del paradiso)
Regolo Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 15-04-16, 12:46   #14
Essence
Capitano di Flotta
 
Data Registrazione: 04 2006
Messaggi: 5,648
Genere: Maschile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Quote:
Nazudaco
Non sono uno psicologo ma non sono del tutto convinto che le manie omicide possano sparire facendo sfogare queste pulsioni in un ponte ologrammi.

E' la mia stessa perplessità.


Quote:
Regolo
... le proprie pulsioni non vanno represse e nemmeno agevolate, vanno comprese nella mente, nei sentimenti, nelle emozioni, in pratica vanno comprese pienamente.
Cacciare sotto il tappeto i propri fantasmi non è un modo per farli cessare di esistere.

Concordo.
Essence Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 11-08-16, 17:14   #15
Divhael
Tecnico
 
L'avatar di  Divhael
 
Data Registrazione: 07 2012
Messaggi: 565
Genere: Femminile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Discussione interessantissima... che purtroppo mi sono persa finora, quindi partecipo molto in ritardo.

Quote:
Kirk_Jameson
Il ponte ologrammi, per la sua caratteristica di poter creare oggetti con una consistenza, potenzialmente consente di dare sfogo a ogni più recondita fantasia. Se è vero che il traffico internet per il 90% è legato ai siti porno, immagino che anche gli holodeck siano utilizzati a scopi sessuali per una simile percentuale. Credo che la cosa sia più o meno direttamente confermata in alcuni episodi di DS9 e TNG.

Mi chiedo, nell'ambito delle coppie, se questo uso dell'holodeck possa avere risultati positivi o negativi. Avendo a disposizione questa tecnologia, i tradimenti potrebbero ridursi: basterebbe crearsi il proprio uomo o la propria donna perfetta con cui fare sesso ogni volta che si vuole e sfogare quindi in quel modo le "pulsioni".
D'altra parte, potendo sfogare ogni propria fantasia all'interno del ponte ologrammi, la coppia "vera" si inaridirebbe presto.
A me basta vedere quanti uomini, attualmente, sono dipendenti dalla pornografia per figurarmi gli effetti negativi del ponte ologrammi usato per soddisfare le fantasie sessuali (abitudine che comunque sembra comune nell'universo di Star Trek).
Sulla carta lo trovo un uso della tecnologia completamente legittimo e positivo - se, però, una persona ha ben chiara la differenza tra quello che costituisce una fantasia sessuale e ciò che è nella realtà il sesso con un essere umano in carne e ossa.

Il problema con la pornografia e le sue possibili evoluzioni future, come potrebbe essere questa, è che non è accompagnata dalla consapevolezza che gran parte di quello che si sta vedendo non è una descrizione realistica del sesso e che è inutile aspettarsi quel tipo di esperienza da un incontro sessuale con una persona, che è ovviamente dotata di sentimenti e preferenze proprie. Nella pornografia sono assenti tutti gli aspetti meno gradevoli e "seccanti" del sesso, ed è assolutamente ovvio e giusto che sia così perché nessuno mai li includerebbe nelle proprie fantasie – ma non tutti sembrano averlo bene in mente, difatti c'è chi non riesce più ad avere rapporti soddisfacenti con una donna dopo che si è costruito certe aspettative. Non sono casi rarissimi, purtroppo.
Il limite più grande che vedo, per esempio, nell'uso della realtà virtuale per soddisfare le proprie voglie sessuali quotidiane è proprio la grandissima potenzialità in negativo che ha per creare una dipendenza patologica e una visione distorta dei rapporti sentimentali e della relativa sfera sessuale – visione che si ripercuote pesantemente sia sulla vita personale di chi ne è affetto che, in generale, sui rapporti con l'altro sesso (o con lo stesso sesso, per gli omosessuali).

È chiaro che non voglio essere disfattista e affermare che sicuramente questo sarebbe il risultato della diffusione della tecnologia olografica – semplicemente, la vedo una possibilità molto concreta. È auspicabile che in futuro si dia più attenzione all'educazione sessuale e affettiva per allontanare quanto possibile questo pericolo, ed è sicuramente così nella finzione creata in Star Trek (non ricordo alcuna storia in particolare che potrebbe farci sospettare il contrario).

Quote:
Kirk_Jameson
Mi chiedevo anche e soprattutto se gli holodeck possano rivestire un ruolo terapeutico, magari con un utilizzo guidato da un consigliere, a individui con deviazioni gravi. Per esempio un uomo che abbia istinti omicidi (o anche peggiori...) potrebbe sfogare lì ogni propria perversione più odiosa, schifosa e aberrante senza fare del male a nessuno.
Su questo punto ho gli stessi dubbi già espressi da Nazudaco, anche se non escludo a priori che una terapia del genere possa dare risultati positivi.
In realtà credo che un accenno a questo problema, anche se molto vago, si possa trovare proprio nell'episodio di Barclay. Mi sembra di ricordare che nel finale Troi faccia un accenno alle possibilità del ponte ologrammi per sfogare delle pulsioni che devono ovviamente essere represse nella vita sociale (aggiungendo, però, che è sempre possibile che questa seconda vita prenda poi il sopravvento su quella reale). Credo che sia possibile, quindi, che se ne possa fare anche un uso terapeutico.





A planet is the cradle of mind, but one cannot live in a cradle forever.
Divhael Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 11-08-16, 19:44   #16
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,323
Genere: Maschile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Quote:
Divhael
È auspicabile che in futuro si dia più attenzione all'educazione sessuale e affettiva per allontanare quanto possibile questo pericolo, ed è sicuramente così nella finzione creata in Star Trek (non ricordo alcuna storia in particolare che potrebbe farci sospettare il contrario).
Viene lasciato intendere molto chiaramente, se ben ricordo, che i clienti di Quark usino le sue holosuites a scopi sessuali, così come sessuali sono secondo me abbastanza chiaramente gli usi che ne fa Barclay (anche se non lo vediamo), con l'aggravante che va a simulare membri dell'equipaggio.





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 11-08-16, 20:20   #17
Divhael
Tecnico
 
L'avatar di  Divhael
 
Data Registrazione: 07 2012
Messaggi: 565
Genere: Femminile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Secondo me era sottinteso anche nell'episodio in cui Leah Brahms scopre la sua copia olografica. Magari Geordi non l'ha mai veramente usata in quel modo (anche se ne dubito ), ma la reazione dell'ingegnera mi ha sempre fatto immaginare che sospettasse un uso meno che professionale della sua persona. È quello che avrei pensato io al suo posto.

Suppongo che nel bar di Quark tutte queste limitazioni dettate dal rispetto e dal buonsenso vadano a farsi friggere molto più facilmente, considerato anche che i suoi clienti non sono esclusivamente gli ufficiali della Flotta Stellare e di solito non hanno grandi standard morali. Se non sbaglio, in un episodio di DS9 Quark cerca di fare di nascosto la scansione di Kira perché un affezionato frequentatore delle sue sale ologrammi voleva la sua copia per un programma erotico.

Io comunque intendevo che in Star Trek, a parte casi estremi come Barclay, sembrerebbe che la persona media abbia un controllo sufficiente a non farsi condizionare troppo da queste "avventure" nel ponte ologrammi (parlo dei cittadini federali, ovviamente).
Del resto, la Federazione è stata inventata appositamente per raccontare una società progredita. Se una tecnologia simile esistesse ora, con l'educazione sessuale traballante che tanta gente si ritrova, non credo che i risvolti negativi risulterebbero statisticamente insignificanti.

Personalmente credo che non solo ne farei uso in questo senso, ma troverei difficilissimo non diventarne almeno un po' dipendente. Se avessi la possibilità di programmare un ologramma apparentemente indistinguibile da una persona vera, con cui si può parlare normalmente e che si può toccare con mano, non ci penserei due volte. Difficile dire quali sarebbero i risultati a lungo termine. Forse chi si sente mediamente sicuro di se stesso e abile con l'altro sesso sentirebbe meno la tentazione di sostituire l'interazione reale con quella virtuale.

Qualche tempo fa ho letto un articolo su dei robot umanoidi, quasi indistinguibili (in senso estetico e "funzionale") da un essere umano, che un giorno non lontano potrebbero entrare a far parte della sessualità umana. Qualcuno nei commenti ha fatto notare che se l'uso questo tipo di oggetto si diffondesse la reazione degli uomini potrebbe essere quella di escludere le donne dalle proprie attività sociali perché non avrebbero più l'incentivo più grande a fare gruppi misti (e il contrario?). Anche se mi sembra una previsione cinica e troppo pessimistica, vista la concezione dei rapporti umani che ancora va per la maggiore, non la trovo neanche un'eventualità esageratamente improbabile.





A planet is the cradle of mind, but one cannot live in a cradle forever.
Divhael Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 11-08-16, 20:50   #18
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,323
Genere: Maschile
Predefinito Re: Utilizzo del ponte ologrammi per la terapia delle deviazioni

Quote:
Divhael
Qualche tempo fa ho letto un articolo su dei robot umanoidi, quasi indistinguibili (in senso estetico e "funzionale") da un essere umano, che un giorno non lontano potrebbero entrare a far parte della sessualità umana.

Non vorrei essere pessimista, ma credo che ci si arriverà inevitabilmente.
Nel mio racconto è una realtà concreta





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi


Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB is Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 02:51.


Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it