Visualizza messaggio singolo
Vecchio 21-11-07, 23:21   #16
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito Re: 2.09 - The Measure of a Man - La misura di un uomo

Quote:
binario
Confesso che aspettavo questo momento: ora voglio leggere i commenti di chi non aveva ancora visto TNG...



L'episodio mi è piaciuto molto.

C'è stato un momento in cui mi sarei quasi messa a piangere per Data e questo significa che senza accorgermene mi sono molto affezionata a questo personaggio.

Data ha la grande dote di rimanere calmo ed educato in qualsiasi circostanza, anche quando qualcuno gli vuole fare del male e questa è una cosa che contribuisce a far amare il personaggio. (Sembra non provare rabbia, aggressività nè altre emozioni umane "negative").

A volte poi sembra un bambino, ingenuo e candido e mentre preparava quella sua piccola valigia mi ha fatto una gran tenerezza.
Mi si è veramente stretto il cuore nel pensare a questo essere così diverso da noi e così speciale alla prese con la preparazione di una improbabile valigia (cosa ha da mettere un androide in valigia?) in vista di un ancor più improbabile viaggio (uno come Data dove se ne va dopo essersi dimesso dalla Federazione? Non riesco a vederlo in altri panni che non siano quelli del validissimo Comandante Data).
Penso che al di fuori della Federazione c'è molta gente malvagia che potrebbe prendersi gioco di Data e fuorviarlo; Data non è ancora "maturo" e ha bisogno di stare con le persone giuste.

Sono stata felice del fatto che abbia riconosciuto Maddox come una persona ancora incapace di svolgere il proprio ruolo per poi rifiutarsi quindi di mettersi nelle sue mani.

L'argomento affrontato in questo episodio è davvero alto, atipico per una serie di fantascienza e molto ben affrontato.
Non mi viene altro da dire al riguardo perchè non è questo il primo episodio in cui io ho visto trattare un tema del genere.

Data ha la grande fortuna di essere riconosciuto come essere eccezionale e alla pari fin dal primo momento dall'equipaggio dell'Enterprise. Per il MOE di Voyager non è stato così, all'inizio veniva considerato meno di niente dall'equipaggio e solo dopo le cose sono cambiate.
L'equipaggio dell'Enterprise vuole bene a Data e questa secondo me è una cosa che non dovremmo dare tanto per scontata.
Lo stesso atteggiamento che ha Maddox potevano averlo anche molte altre persone a bordo della stessa Enterprise.

C'è un'unica cosa che non mi ha convinto nell'episodio: il fatto che Maddox si convinca così facilmente, rinunci così facilmente e in pochi istanti passi da una convinzione all'altra arrivando addirittura a definire Data "uomo" in un lapsus.
Ero convinta che l'episodio terminasse senza una "redenzione" da parte di Maddox.
Secondo me a convincerlo è stata l'affermazione di Data riguardo al fatto di essere intimo di Tasha Yar. (Maddox non ha l'aria di uno facile alle relazioni umane, sembra preso solo dai suoi studi di robotica).

Philippa non mi ha fatto una grandissima impressione e nonostante sia capace nel suo lavoro devo dire che anche lei mi sembra essersi convinta troppo rapidamente.
Forse il fatto di tenere a Picard l'ha un pò indotta a vedere le cose come le vede lui.
Per Picard infatti pare che Data sia davvero importante.

Le apparizioni di Guinan sono sempre un piacere, l'attrice ha un volto particolarmente bello e luminoso mentre sciorina rare perle di saggezza.

Bella la tristezza di La Forge; insensato il senso di colpa di Riker che è stato costretto ad assumere la parte dell'accusa.

P.S.
Le donne non fanno che sbavare dietro a Picard eppure io non condivido questa loro predilezione.





"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando