Visualizza messaggio singolo
Vecchio 11-05-08, 22:22   #3
leonardo
Capitano
 
L'avatar di  leonardo
 
Data Registrazione: 08 2005
Locazione: ROMA
Messaggi: 3,640
Genere: Femminile
Predefinito Re: 5.04 - Silicon Avatar - L’entità di cristallo

Questo episodio mi è piaciuto molto, per diversi motivi.
Mi è piaciuto molto il rapporto che la Dottoressa ha stabilito con Data nel senso che è un rapporto che muta continuamente. Essendo Data il mio personaggio preferito mi ha divertito vederlo attraverso gli occhi di questa scienziata che credo da molti anni non abbia più nulla di questa professione.

A parer mio l'attrice ha recitato molto bene la sua parte, mi è piaciuta molto la scena finale in cui tocca il volto di Data pensando sia suo figlio e quando realizza che è Data ritrae piano piano le mani e le guarda come se non appartenessero neppure al suo corpo.
Anche io mi sono commossa quando Data ha letto una delle lettere con la voce del figlio e lei mettendosi di spalle e non guardando Data ha potuto avere ancora di più l'illusione che a parlare fosse suo figlio e non ha potuto far altro che sfogare le sue emozioni nelle lacrime.

L'impressione che ho avuto io è che questa donna sia impazzita perchè per tutti questi anni è vissuta col tormento che il figlio potesse farle colpa di qualcosa o perchè quando è morto lei era così lontana. Questa pazzia l'ha portata a perdere completamente la sua obiettività, a desiderare solo la vendetta, a trarre le conclusioni più sbagliate (la sua ipotesi sul fatto che Data fosse in combutta con l'entità cristallina è assolutamente agghiacciante e priva di fondamento) e quindi della scienziata non è rimasto assolutamente nulla.

Continua...





"Possedere non è dopotutto così importante come desiderare. Non è logico ma è spesso vero!" (Spock - "Il duello").
"Non avrei mai creduto che sarei rimasta turbata dal tocco di un vulcaniano!" (Comandante Romulana - "Incidente all'Enterprise").
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".
leonardo Non in Linea   Rispondi Citando