Discussione: Covid
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 11-11-20, 00:54   #31
Tyreal
Capo II Classe
 
L'avatar di  Tyreal
 
Data Registrazione: 05 2006
Locazione: Ristorante al termine dell'universo
Messaggi: 2,603
Genere: Maschile
Predefinito Re: Covid

Sono gli stessi.
Quelli che ieri erano no-vax o no-5g oggi sono negazionisti del Covid-19. Se andate e leggere i nomi dei "promotori" di certe idiozie sono sempre quelli: Qunial, Montagnari, Peppetrella... È tutta gente di un certo settore che probabilmente ha bisogno di proseliti per vendere il proprio olio di serpente e da anni si ricicla in ogni modo; fanno leva sul fascino della "cospirazione" in cui l'uomo comune si sente in qualche modo depositario di una verità più grande e finalmente può prendersi una rivalsa verso le persone più "in alto" sulla scala sociale. Quante volte da ragazzi c'era la conversazione "da bar" col tizio che la sapeva sempre più lunga e voleva insegnarci cose che ovviamente ignoravamo perché "lui era del giro"? È lo stesso meccanismo.
In situazioni normali sono tollerabili come simpatici cazzari, ma quando cominciano a far danni e soprattutto lucrano sulla pelle dei malati non bisognerebbe lasciar passare certe falsità. Ovvio, se non siamo competenti non abbiamo possibilità di capire se ci stiano prendendo in giro o meno, ma abbiamo la fortuna di vivere in un'epoca in cui la comunicazione e la reperibilità delle fonti è decisamente più agevole che in passato... Nel caso in particolare del coronavirus è sufficiente conoscere qualcuno che lavori in ospedale, non è una cosa così rara e soprattutto abbiamo avuto otto mesi per vedere quello che sta succedendo.
Se a novembre 2020, dopo quello che è accaduto, esiste ancora il "negazionista" le cose sono due: o è un ritardato o è in malafede.
C'è però un altro punto da precisare: in tanti semplicemente abbiamo paura.
Paura della malattia in sé, paura per noi o per i nostri cari, paura che il lockdown distrugga il nostro sistema economico e che non ci sia più modo di sbarcare il lunario, paura di persone che di punto in bianco urlano allarmi che a volte non capiamo, paura spesso fomentata da una stampa purtroppo non all'altezza di un paese civile. Alla paura non si reagisce razionalmente, non del tutto almeno e in tanti ci si rifugia in bugie rassicuranti, è un fenomeno normale e comprensibilissimo. Di fronte a questo tipo di situazioni servirebbe una comunicazione adeguata, soprattutto dagli esperti del settore, ma non sta succedendo e prevalgono le manie di protagonismo di troppi. Come cittadini in realtà non siamo né supereroi né criminali, cerchiamo solo di reagire nel modo che il nostro buon senso ci suggerisce. MA quando tutti sembrano urlare cose contraddittorie non è mica facile fare le cose che appaiono giuste se viste a mente fredda.

Ultima Modifica di Tyreal : 18-11-20 22:06.
Tyreal Non in Linea   Rispondi Citando