Discussione: JUNO e Giove
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 04-07-16, 20:29   #27
Kirk_Jameson
Tenente JG
 
L'avatar di  Kirk_Jameson
 
Data Registrazione: 01 2003
Locazione: Torino
Messaggi: 4,379
Genere: Maschile
Predefinito Re: JUNO e Giove

Due informazioni. Vado a braccio perché non sto consultando nessuna fonte mentre scrivo.

Juno avrà almeno due primati:

1) sarà la prima sonda a usufruire dei pannelli solari alla distanza di Giove. Per dare un'idea, Giove si trova a 5 volte la distanza della Terra dal Sole, quindi riceve 5x5=25 volte meno luce. Fino a qualche anno fa, pannelli solari con una resa tale da poter essere efficaci con così poca luce non erano possibili, infatti ogni sonda spaziale a quelle distanze doveva essere dotata di RTG (generatori a radioisotopi, che tramite delle termocoppie trasformano in elettricità il calore prodotto dal decadimento radiattivo di alcune "pasticche" di plutonio 238). Juno dimostra i progressi in questa tecnologia. Per chi dice che le imprese spaziali non hanno ricadute sulla vita di tutti i giorni.

2) sarà la sonda che si avvicinerà di più in assoluto a Giove (escluse quelle che hanno impattato con esso, cioè la capsula di Galileo e, in seguito, la sua sonda madre). Si avvicinerà se ben ricordo a circa 3.000 km dalla sommità delle nubi, migliorando di almeno 10 volte il precedente record, detenuto da Pioneer 11 che arrivò a circa 34.000 km nel 1974.

Juno sarà inoltre la sonda con la suite di strumenti più perfezionata per lo studio dell'atmosfera e dell'interno di Giove, anche se la minuscola fotocamera di bordo non può competere con quelle della sonda Cassini: quindi scordiamoci immagini spettacolari delle lune gioviane come quelle che arrivano ormai abitualmente dalle lune saturniane.

A dispetto dei suoi primati, Juno è una missione relativamente a basso costo e basso rischio: le precedenti Voyager e Galileo erano entrambe missioni di tipo "flagship" cioè veicoli spaziali ad altissimo costo, tecnologia e rischio. Per esempio, Galileo, che orbitava sul piano equatoriale di Giove, era esposta a un tasso di radiazioni enormemente più elevato di quello che sperimenterà Juno, così elevato che causava continui reset dei computer, scariche elettriche, offuscamento delle fotocamere, blocchi delle memorie a nastro. E' un successo che la sonda (che aveva tra l'altro, fin dal lancio, anche una grave avaria all'antenna principale di comunicazione) abbia resistito 8 anni attorno a Giove.
Juno invece durerà solo un paio d'anni e inoltre la sua orbita polare la pone fuori dalle aree a maggior rischio (anche se il dosaggio cumulativo di radiazioni sarebbe comunque letale per un umano). Inoltre non è dotata di strumentazioni per l'analisi delle lune (non è la sua missione) e ha una dotazione di propellente ridotta.

Ecco mi sembra di aver detto più o meno tutto ciò che mi ricordo.





Whatever happens, happens.
Kirk_Jameson Non in Linea   Rispondi Citando