TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia

TrekPortal - Il Forum di Star Trek in Italia (http://www.trekportal.it/tpforum/index.php)
-   Serie The Next Generation (http://www.trekportal.it/tpforum/forumdisplay.php?f=55)
-   -   1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint (http://www.trekportal.it/tpforum/showthread.php?t=9859)

Cpt. Hawk 04-09-07 01:28

1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Riassunto:

Data Stellare 41153.7. Il Capitano Jean-Luc Picard assume il comando della U.S.S. Enterprise - D, nuovissima ammiraglia della Flotta Stellare. La prima missione assegnatale pare tutto fuorché impegnativa: si recherà infatti presso la modernissima stazione di Farpoint, situata su Deneb IV per imbarcare gli ultimi ufficiali dell’equipaggio mancanti e, nel frattempo, indagare sulla misteriosa origine della stazione stessa, realizzata in tempi troppo brevi e in una zona decisamente povera, i cui abitanti, intenzionati a condividere le proprie risorse, hanno fatto richiesta di essere ammessi nella Federazione.

Ma durante il tranquillo viaggio l’Enterprise viene imprigionata in un potentissimo campo di energia, da cui non riesce a sfuggire. Un essere onnipotente, che si presenta con il nome di “Q”, dichiara solennemente che la razza umana è una razza violenta e immeritevole di viaggiare libera nelle immensità dello spazio. Sottopone quindi il capitano Picard e il suo equipaggio ad una sorta di processo in un tribunale da lui creato al fine di dimostrare la colpevolezza dell’umanità. Non senza fatica, tuttavia, il capitano riuscirà a “strappare” all’onnipotente Q una sorta di “scappatoia”, chiedendogli e convincendolo a dare loro l’opportunità di dimostrare quanto l’umanità sia migliorata nel corso dei secoli.
La missione a Farpoint si rivelerà densa di misteri e di incognite, la cui soluzione permetterà al capitano Picard e ai suoi uomini di guadagnare tempo presso il tribunale di Q. La condanna non è annullata, bensì “rimandata”.
Con lo scetticismo dell’onnipotente entità ha così inizio un lungo periodo di “prova”, di “osservazione”, durante il quale egli non mancherà mai di guardare all’Enterprise e al suo equipaggio come “campione dell’umanità”.








* * *


Ha così inizio il lungo e fortunato viaggio della nuova Enterprise D e del suo equipaggio, i primi a raccogliere la pesantissima eredità della TOS, nel lontano 28 settembre 1987 (praticamente vent’anni fa).
TNG ha inaugurato la tradizione di presentare un personaggio “storico” nel pilot di una nuova serie, quasi a fare da passaggio di “testimone“ tra le varie incarnazioni di Star Trek. Degno di nota il cameo di DeForest Kelley che qui interpreta il consueto burbero ufficiale medico Leonard “Bones” McCoy, ora anziano Ammiraglio, intento a supervisionare le dotazioni mediche delle nuove navi al loro varo.
Bello l’averlo abbinato al personaggio di Data, androide e quindi privo di emozioni: proprio a McCoy che per anni si è scontrato con la logica di Spock! :)

sora 04-09-07 09:31

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Frfrfrfr… Mi frego le mani… Frfrfrfrf…
Ihihihihi… Ridacchiando sotto i baffi… Ihihihi…
PrrrffffAHAHAHAH!… Che boiatona pazzesca… Ihihhihi… Perdirindina… Ehhh
Bella perché è bella… La sigla…
No, ma la sigla è bella, eh? Oh, ma proprio!… Ancora attuale… La sigla…
Ueh, mi son seduta davanti lo schermo e… sforzandomi… IARGC..CH..CH… strizzandomi… Mh mh… Concentrazione... Non respiro più… Divento blu... Ho cercato di essere… Per così dire… OGGETTIVA.AAAAAAAHHHH... riaaaa…Ffffff…Vado in bagno a far pipì…

Era da un po’ che non la rivedevo… Lo so, lo so, son passati gli anni, devo ripulirmi da qualsiasi preconcetto e diventar indulgente. Vedere tutto con occhi nuovi, come la prima volta (dormivo)! Dimenticare il passato e gli anni che passano (anche per lei, la serie). Lo sguardo vergine con cui contemplare, stuporosamente, il primo McGyver che fabbrica una bomba con un pannolino usato e un tappo di biro… Sì, quella magia…
I WANT TO BELIEVE, I WANT TO BELIEVE…
Sì, beh, potevo vedere pure con occhi nuovi, ma dovevo passare prima il tergicristalli per la muffa , licheni e ragnatele! Va’ com’è tutto imbrattato lo schermo! Va’ le rughe sui pixel! Senti l’odore, che spùsa, che chiuso!
PffffrrrrrAHAHAHA!
Pregevole e pieghevole…

1° parte
No, bella , perché è bella… La sigla… Poi comincia la puntata… di chi è la regia? Gabriel Cash! Oh, uno bravo! Io però mi aspettavo il seguito di SLAUGHTERBACK, questo che è? SLAUGHTERNEXT? Ah, bello.
Iniziamo dall’incipit... Inciampiamo nell’incipit…
Dunque si aprono le porte e mi appare l’angelo Gabriele… No ho sbagliato.
Era il capitano, che conduceva il popolo eletto fuori Egitto, Ben Kingsley… No, quella era la fiction della Bibbia, più nuova…
… appare il Picard, che di primo acchito appare fresco come una rosa (penso; va che anca lui l’ era giovane, vardalo lì, liscio, piccino e nasino, quattro peli in testa, il tirabaci, ciuccio… Puccci pucciù); poi tempo 30 secondi, cade lo stucco, e il vecchino dell’Enterprise, contemplando gli interni in mogano della nuova nave e gli spigoli arrotondati apposta ché non rischia di sbatterci e farsi male, si ritrova decano con la faccia ricoperta da venusta vetustà. Gli è partita una depressione, povero.
Forse che sia l’uso di prodotti scaduti nel reparto truccatori? Il fondotinta ha ceduto come la Fenice all’incendio, fuoco assassino? Vampate? …Crick crick crik… Si sgretola, tipo forfora dalla faccia!
Bell’uomo è bell’uomo, a me poi piacciono le canizie, e pure qualche rughetta, ma evidentemente lo spavento di fronte alla Troy minigonnata ha sortito un effetto imprevisto.

La Troy… Pòrella… forte non solo di cosce da terzino, ma pure di cotonatura SERVAGGIA (termine chiave), tagliata stile Mocho sfilettato, mi costringe a infierire su lei medesima santa donna(so che alcuni la amano così…Che dire de gustibus…Piace pure Martufello).
La greca, di cui conio estemporaneamente il soprannome LA TOFA, incrociando il formaggio giapponese perché la FETA non suona bena, col diminutivo di TOFANA, con la rappresenzione del suo ruolo sulla plancia, cioè la prozia povera di LA TOYA JACKSON, sinceramente mi fa ammettere come sia migliorata negli anni, stagionatura lenta con annesso effetto doppler ad allontanarsi dagli anni ’80… così, a modo di marezzature, profumi di fieno e latte vaccino.
Mai visto, è una che ha cambiato il corso degli eventi. Da donna fetente a donna piacente. Qui era all’inizio… Fetente… Oggi: meno fetente…
Meryl Streep avrebbe ucciso per la parte. I produttori, certo.
AH.AH AUHMMM… mmmmh…! …! Aaaaaaahmmmmm… AH ahah! AAAAAAAAAAAAAaaaaAAAh… Fine ictus.

L’avvio sottolinea già tutta l’importanza del personaggio.
“Capitano, percepisco dei sentimenti contrastanti! Un po’ amore un po’odio!”
“Quale dei due? Cosa vuole da noi la creatura aliena che ci minaccia?”
“BOH, un po’ tutte e due.”
“Perché ci odia?”
“BOH, sono mezza telepate e mezza ciofeca, Capitano, percepisco solo i sentimenti forti, tipo quando uno ti dice che ti ammazza, e lì è la violenza, oppure ti caccia la lingua in gola, e lì è l’amore.”
“Molto istruttivo. Ma di chi si tratta?”
“BOH, una mente vasta e aliena.”
“Cosa consiglia di fare?
“BOH.”
“Grazie Consigliere, meno male che le hanno dato un ruolo sulla nave, come faremmo senza?”
“BOH.”

L’”Overture” incalza e nel giro di quattro e quattro otto mi si mette in bella mostra, in rigidità a dir poco esponenziale (che nemmeno i coevi C.H.I.P.S, pure loro in uniforme), il resto del parziale equipaggio e della nave. Sulla USS MADAME TUSSAUD i manichini di cera dalla sala macchine alla plancia dimostrano quanto può essere eccitante una notte al museo. La componente anziana dell’equipaggio civile perde il controllo del pannolone e schianta rovinosamente biancheria pulita. Il Cicerone, malpagato, completa l’ennesimo giro extra, portando a casa con la disinvoltura di un geriatra nazista la presentazione del cast fisso: “Sinistra: tizio dorato, uguale a Spock, ma con un Girmi al posto del cuore. A destra: pannello retroilluminato con numeri e virgole. Accanto: Klingon, ci abbiamo fatto la pace, ma si tratta di creatura stupida e rozza, che priva di conoscenza del TV COLOR spara contro schermo gigante, ma noi non siamo razzisti e copriamo con lui la quota di diversabili destinata dalla flotta. In mezzo, poltrona del capitano in fintapelle e radica plastificata; alla sua destra, racchia di serie.. No photo, please, no photo!...”

Alla Sicurezza, una sicurezza: Tasha Yar, un uomo che riesce a convincere gran parte del personale della nave a rivolgirglisi con appellativi e i pronomi di genere femminile. Lucido, l’Ufficiale e Gentiluomo di fronte a situazione di crisi decide di affrontare i problemi a cartelle, ottenendone meritata doccia gelata.
E si compri un giornaletto porno, se proprio deve scaricarsi, Tenente!

Meritoria l’idea e impresa di far apparire efficiente anche il resto innominato dell’equipaggio, sempre all’erta e scattante nei suoi pantaloncini fitness in sala macchine, perché l’olio motore e i pistoni di curvatura non spaventano ginocchi depilati.
Come pistoni o pistolini, tutti presi da non si sa cosa a far cosa, si prodigano a conferire con ogni loro movimento l’impressione di dinamicità lavorativa, magari fosse il ballo di San Vito, aggirandosi insensatamente lungo traiettorie casuali con la stessa elasticità che fu di Zed Robot dalla Carrà.
Con passo marziale, evacuano la nave che, coerentemente, accosta i banchi phaser e i siluri fotonici a imbarco di migliaia di civili. La crisi del giorno e la piacevole compagnia forniscono l’occasione spontanea di mostrare la meraviglia tecnica del nuovo esemplare di Enterprise, lo scialuppone formato scodella gigante che alloca gran parte dello spazio utile del vascello a bar, appartamenti di lusso, slot machine, sauna e zona animazione; utile complemento che si vedrà circa una volta e mezzo in sette stagioni, e una è andata.

Trantran spasmodico causato dal primo allarme rosso della storia della nuova nave, accolto da Picard con un “Basta con ‘sto casino che mi sono già rotto.” Insomma l’allarme rosso… kaiser, si entra nel vivo dell’azione bene… Male, che son passati 50 minuti, all’insegna della tensione narrativa… A cercare di risollevare le sorti della banda daffori giunge la presenza di Q, volenterosa e già nei limiti brillanti, ma si può fare fino ad un certo punto, umanamente, ma anche alienamente; paro paro il Trelaine della TOS, con gli stessi vestiti (si ricicla in tempi non sospetti. Un punto a favore. Questo lo metto nel compost biologico).
Visto che un po’di sane botte potrebbero provocare il tracollo fisico delle baronie della plancia, per rimpolpare la comparsata di eccitazione, oltre che di citazione (mentre Tarantino rantola alla rievocazione necrofila dei cadaveri putrescenti degli stilemi della TOS), il simpatico alieno decide di condurre alla climax della parte prima tramite più rilassante dramma giudiziario, il preferito dal pubblico di Kojak.

Ospite sul set di un programma di Maria de Filippi – lo si vede dal pubblico di figuranti tipico mediaset – alcuni membri a caso dell’equipaggio si difendono dall’incalzante accusa:

“Siete SERVAGGI!”
“No, non siamo SERVAGGI!”
“SIETE SERVAGGI, VI DICO!”
“NO, NON SIAMO SERVAGGI!”

Moltiplicare ad libitum.
Ueh, mica è un punto di disonore esserlo, ma che te credi di essere Picard, franses come al solito, sciovinista!

Dai che arriva… eccola… La clim… eccolaa… zzzzzzz… Oh, è passata senza dir niente a nessuno, ma che tipa! Meno male che poi Q cresce e diventa Q (pel brunetto azzimato, l’unico che tiene testo-sterone a Picardin del Ciuffo. Da controparte birichina riesce anche se malamente a graffiare, in alcune battute).

Incontro a Farpoint sono due puntate camuffate da puntata doppia, con il sottilissimo filrouge del buon Q a cucirle senza che ce ne fosse bisogno, perciò dico fine, per adesso, al commento, con un solo gancio al tema del prossimo venturo sulla seconda parte: Riker giunge ed è vincitore morale della prima parte; si fa vivo con l’improponibile visetto liscio da soapopera degli anni ’50 e, forse in virtù di questo, viene trattato come il povero picio del caso da chiunque lo incontri; prima dalla Dottoressa Crusher, che gli dà del leccaculo, poi da Picard che, dopo averlo messo al corrente degli ultimi fatti riavvolgendo il nastro della puntata su schermo, lo tratta a pesci in faccia e mette alla prova tramite parcheggio manuale di Enterprise Magnete Plus su Enterprise Magnete Minus, all’accettabile rischio di un migliaio di vite umane civili, salvo poi confessargli imbarazzanti confidenze riguardo al triste rapporto col mondo dell’infanzia.

A presto, alla seconda parte, con nuove, incredibili avventure in compagnia dell’allegro Geordi, l’amabile Wesley Crusher e la sempre sorprendente empatica TROY!

leonardo 04-09-07 09:59

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Come tutti sanno in questo Forum, sono una persona tremendamente critica.
Ai tempi in cui li visionai feci a pezzi il Pilot (e le prime due stagioni) sia di Voyager che di DS9.
Forse farei volentieri a pezzi anche il Pilot di TNG se non temessi il linciaggio da parte degli utenti di TP che tanto parlano bene di questa serie. :asd

Scherzi a parte io ad una nuova serie e ai suoi personaggi principali ci devo fare l’abitudine, all’inizio mi sembra tutto così privo di senso e di calore, mi capita sempre.

La prima cosa che ho fatto dopo aver visto questo episodio è stato andare a vedere in che anno era stato girato ed avendo visto che si tratta del 1987 ho capito per quale ragione la puntata avesse un sapore così di antico e le atmosfere fossero molto simili alla TOS per giunta!
Anche la vicenda presentata è tipica della TOS (e le due meduse giganti mi hanno fatto un po’ sorridere). Così come gli ammiccamenti tra Riker e Troi.

La presenza dell’Ammiraglio McCoy (che piacere rivederlo!!! :)) mi è sembrato un ottimo modo per farci capire quanti anni sono trascorsi dai tempi di Kirk e anche un po’ un modo di farci intendere che Data altro non è che il “successore” di Spock.
Comunque la scena è stata molto carina, la paura di McCoy di farsi teletrasportare è d’altra parte conclamata.
Bella anche la frase relativa al fatto che l’Enterprise va trattata come una Signora e ti riporterà sempre a casa.

Ho trovato molto bella anche la scena in cui questa “nuova” Enterprise si separa, mostrandoci tra l’altro che su essa sono presenti intere famiglie di civili (?), e anche la manovra manuale di unione delle due parti che ci dimostra di che pasta è fatto il Comandante Riker.

Altra cosa che credo ai tempi abbia fatto scalpore sia stata la novità del ponte ologrammi: ho apprezzato anche la scena girata al suo interno.

Vorrei dire che c’è un fattore che gioca a mio discapito e che mi disorienta un po’: io ho visto prima la TOS, poi Voyager ed Enterprise contemporaneamente, poi DS9 ed infine arrivo a TNG.
Ho già detto altrove che secondo me l’ordine con cui le varie serie vengono visionate è importantissimo (e sarebbe meglio seguire l’ordine cronologico).
Ho conosciuto Q in Voyager (e devo dire che alla prese con Janeway era molto più morbido e simpatico), Worf ed O’Brien in DS9, Riker in Enterprise oppure nei film TNG pertanto sono rimasta strabiliata dalla sua magrezza!!! :eek:

Riguardo ai personaggi principali posso solo dire che Tasha Yar mi ha colpito in maniera davvero negativa (mi ha ricordato un po’ la pessima Kira delle prime stagioni di DS9).
Data mi è sembrato il personaggio più simpatico, fin dall’inizio. Forse è perché cerca sempre di compiacere gli altri ed è assai garbato.
Riguardo al Consigliere betazoide non ho nulla contro il suo personaggio ma in questo primo episodio mi è sembrato un po’ ridicolo il modo in cui sciorinava le varie emozioni che captava. Forse è colpa del doppiaggio italiano (come ho letto su hipertrek.org http://www.hypertrek.org/index.php/tng001?&ndx=338) oppure l’attrice doveva ancora entrare nel suo personaggio (cosa comprensibile del resto).
Riguardo a Worf ed O’Brien non ho nulla da dire tranne che mi sembravano tutti molto “ingessati” e professionali, molto probabilmente perché vogliono fare buona impressione sul nuovo Capitano.
La Forge è passato quasi inosservato ai miei occhi.
Il medico e suo figlio in questo primo episodio non mi sono sembrati così insopportabili come avevo letto ovunque in questo Forum.
Riguardo a Picard non è che mi abbia fatto proprio una grandissima impressione: sembra un po’ uno zitello acido. Voglio dire che a tratti è scortese, quasi maleducato.
Strana questa cosa che non sa trattare con i bambini! :confuso:
Sicuramente strada facendo tante cose cambieranno e i personaggi evolveranno (nel bene e nel male).

Un’altra delle cose che salta all’occhio è che le donne (se facciamo riferimento ai personaggi principali) hanno compiti più importanti di quelli che avevano nella TOS. Cosa naturale visto che sono passati un sacco di anni e nella realtà molte cose sono cambiate per le donne.

Finalmente adesso capisco l’avatar di Q_rioso e soprattutto la frase che c’è scritta sotto! :asd

Cpt. Hawk 04-09-07 10:14

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
:=OT Grazie sora! Mi sono fatto una bella “sganasada”, ne avevo bisogno! :) :=OT

Aspetto con ansia e trepidazione, quindi, anche il resto del commento (ti ricordo che il topic è unico, in quanto episodio doppio ;))


Benvenuta, FINALMENTE, in TNG leonardo! :)
Certo, seguire le serie come le hai seguite tu non è certo facile e crea un certo “slegame”, ma dopotutto non è certo colpa tua; e questo vale per tutti coloro che sono venuti a contatto con Star Trek in diversi anni e con diverse serie (e siete in tanti!).
Indubbiamente, come avevi letto, riletto e straletto ovunque, i primi passi di TNG non sono stati certo splendidi (anche DS9 del resto ebbe lo stesso problema). In più, TNG dovette affrontare l’ostacolo più grande: “sostituire” (o meglio “succedere”) la TOS e i suoi indimenticabili personaggi... Ci credo che i personaggi di TNG fossero tutti un po’ rigidi e tesi! :asd
È comunque normale accogliere con un po’*di distacco e incertezza dei nuovi personaggi, credo sia successo a tutti, anche a me, soprattutto con VOY. L’inizio è sempre così, sostituire volti noti ed amati con altri... anche se, comunque, non sono certo sconosciuti i personaggi di TNG nemmeno a te, perché immagino che qualche film lo avrai pur visto (o no?).

Allora, siediti in poltrana, comoda e goditi questo nuovo viaggio, che potrà solo migliorare con l’andare del tempo! Che bello, quasi invidio la tua “non conoscenza” di questa serie, il guardarla con occhi nuovi, vedere l’evoluzione dei personaggi e affrontare degli episodi decisamente “tosti”. Un “appello”: ricorda sempre (tu e gli altri che non conoscono TNG) che TNG ha vent’anni e che tutto quello che vedrai negli episodi è stato fatto PRIMA, prima di DS9, prima di VOY, prima di ENT. Ho letto spesso in vari topic commenti del tipo «Ah, beh, un tema così non è nuovo, è stato trattato anche in VOY, o in ENT ecc...». Ricorda sempre che è il contrario!

FRANCO 04-09-07 11:02

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Mi ricordo di aver visto questo primo episodio molti anni fa in modo molto occasionale.
Avevo ancora chiari i ricordi della serie classica e vedere una nuova ripresa di star trek con nuova nave e nuovi personaggi fu per me davvero una sorpresa.
Ricordo comunque che tutto sommato restai soddisfatto, anche se il paragone con il passato era inevitabile.
Certo dopo anni della fine della Tos, la tecnologia cinematografica era molto migliorata e gli effetti speciali erano molto più spettacolari.
Bellissima la separazione della sezione disco.
L'unico a non convincermi molto fu Picard, nel paragone con Kirk ne usciva maluccio, ma poi tutto sommato aveva un suo carattere ed era inevitabile che dovesse essere diverso dal suo illustre predecessore.

Riker 04-09-07 13:46

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
All'epoca della mia prima visione di questi episodi mi sono accontentato di sapere che era comunque marchiato Star Trek, e questo doveva essere una garanzia.
Premetto che ho iniziato a vedere la serie in ordine sparso senza sapere quante fossero le stagioni, e nemmeno niente della trama. Non avendo ancora la connessione o altri modi per informarmi, ho guardato questo doppio episodio dopo aver capito l'ordine cronologico della serie.

Il giudizio che ne do' adesso e' sicuramente influenzato dal tempo, e da cio' che in TNG gia' sappiamo essere successo.
Era l'alba di una nuova serie, personaggi nuovi, nave nuova, quindi per quanto riguarda me, aspettative alte, che in seguito non sono state mal investite.

Di questo doppio episodio ricordo anche io l'imbarazzante dialogo tra Troy e Picard che cerca di sapere qualche informazione sull'entita' aliena e ne esce piu' confuso di prima (e penso che anche lo spettatore sia restato "sbigottito").
I personaggi appaiono comunque un po' ridicoli, e questo e' dovuto sicuramente al fatto che essendo una nuova serie tutta la produzione e la caratterizzazione degli stessi doveva ancora trovare un suo senso.

Per quanto riguarda la trama del doppio episodio, direi che la prima parte inizia bene, creando un po' di suspance, mentre la seconda (parere mio), e' stata deludente.
Forse l'idea delle meduse spaziali, forse l'insieme di trama personaggi, pigiamini, etc...
Concludo dicendo oggi che l'ep. 1&2 sono quelli che ho visto meno di tutto TNG, concentrando la visione su episodi prodotti in seguito decisamente di piu' alta qualita' per la trama e i contenuti.

Cpt. Hawk 04-09-07 14:11

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
:=OT
Mi soffermo un momento su un paio di cosine, una “bruttura fotonica” (per rimanere in tema) e un errore.
Non è possibile sorvolare su quella sorta di uniforme visibilmente femminile indossata da un ufficiale a bordo dell’Enterprise. Ok, non sarà femminile e forse nel futuro non ci saranno problemi ad indossare certi abiti... Non è nemmeno un abito civile, ma si tratta proprio di una uniforme, con gradi e comunicatore!! Una bella uniformina attillata in pezzo intero, che termina con una meravigliosa “mini”. Spero almeno che sotto l’uniforme preveda una sorta di “shorts” per l’ufficiale. :asd
Sicuramente si è voluto dare un’impronta futuribile a tutto lo show, passando anche per questa tipologia di uniforme... meno male che, se non erro, non è stata più riproposta... nun se pò vedé!!! (oppure il guardaroba aveva finito le uniformi e il povero attore ha dovuto ripiegare sull’unica rimasta!)

L’errore lo si vede nella medesima scena in cui compare l’uniforme. In quella scena (di cui propongo un paio di fotogrammi), si notano alcuni civili (l’Enterprise, si sa, ne è zeppa) passeggiare tranquillamente niente popò di meno che... in sala macchine!!, riconoscibile dagli accessi laterali e, soprattutto, dal grande MSD (Master Systems Display, il pannellone di controllo con lo spaccato della nave)... È*risaputo che le zone “calde” della nave (plancia, sala macchine ecc...) sono “chiuse” ai civili, magari non per ragioni di sicurezza, ma fosse anche solo per non intralciare il lavoro degli ufficiali... Vabbè dài, è il primo episodio e hanno sicuramente voluto far vedere qualche passaggio diverso dai corridoi. :) Chi conosce la sala macchine, poi, sa che procedendo nella direzione della gente vista in foto si va direttamente al nucleo!

Le Tutine. Zelig o TNG? :asd
Passeggiando in sala macchine

Bene, mi pento e mi dolgo per questo lieve :=OT... ora su, voglio proprio leggere i pareri sull’episodio! *:=ok

Poseidone 04-09-07 14:18

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Finalemente vedo anch'io TNG. Anch'io ho fatto il percorso di Leonardo salvo aver visto sporadiche puntate della seconda e terza stagione quando Italia1 le trasmetteva alle due di notte...
Che dire? Il pilot, come tutti i pilot, è particolare e ha l'arduo compito di introdurre la serie e i suoi personaggi. I rimandi alla TOS sono vari ed evidenti, a cominciare da alcuni aspetti della nave (tipo la luce rossa intermittente sotto il visore della Plancia) e l'apparizione di McCoy quasi a passare un ideale testimone. Ma d'altra parte c'è anche molta innovazione, l'equipaggio è molto più vario, tanto per cominciare, più "federale". E poi c'è Data che piace fin da subito. E infine c'è Q, sparato subito lì nella prima mezzora a porre la grande domanda : l'umanità è davvero cambiata, o meglio è davvaro migliorata...penso che avremo diverse stagioni per scoprirlo! E ciò riconferma che il tema centrale di ST più che le stelle è l'uomo e la sua storia.
Gli effetti speciali, soprattutto nelle visioni d'esterno, soffrono un po' gli anni passati, soprattutto per chi come me viene dall'aver appena visto ENT e le ultime stagioni di DS9, ma dovevano cmq essere notevoli per l'epoca. Chissà se prima o poi faranno un restayling anche per TNG...
Che dire dei personaggi? Come già detto quello che colpisce di più è DATA, ma anche Riker mi ha dato una buona impressione. Per Piquard per ora aspettiamo...sembra sempre un po' "impacciato" nei rapporti interpersonali.

PS : Ma Colm Meaney qui interpreta O'Brien o qualcun'altro? Mi sembra che lo chiamino in un altro modo...

Cpt. Hawk 04-09-07 14:31

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
No no, è sempre il caro Miles O’Brien, che qui si aggira tra la sala macchine e, soprattutto, la sala teletrasporto, di cui è l’addetto principale.
Non ricordo a memoria se lo abbiano chiamato con qualche appellativo particolare. Di sicuro non lo hanno chiamato “Capo”, a cui ci siamo abituati con DS9. :)

leonardo 04-09-07 14:58

Re: 1.01 - 1.02: Encounter at Farpoint - Incontro a Farpoint
 
Anche a me è sembrato che lo chiamassero con un altro nome tuttavia nei titoli di coda c'è scritto O'Brien.


Tutti gli Orari sono GMT +3. Attualmente sono le 20:42.

Powered by vBulletin versione 3.5.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: www.vBulletinItalia.it