Calendario CFHT 2014
Coelum
Il Numero in Edicola
Abbonamenti
Abbonarsi è facile e veloce!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Deep-Sky

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Telescopi e Montature
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 04-04-13, 10:35   #71
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 9,103
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Non c'è fretta, tanto o piove o è nuvoloso...
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 04-04-13, 11:50   #72
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana (AR) Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,508
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Hai ragione, anche il seeing in quei brevi momenti di sereno (ieri sera con l'80ino dal balcone ho osservato M3 prima che si riannuvolasse, ma è meglio col Dobson ) il seeing è pessimo e le stelle scintillano. Bisogna aspettare quelle calde e immobili serate estive mi sa.
__________________
Elen síla lúmenn'omentielvo

Osservo con: Guan Sheng Optical 250/1250 Deluxe; Intes-Micro MN 68 152/1216; Sky-Watcher Startravel 80/400; Heyford 60/700; Salmoiraghi&Viganò Magellano 10x50; Breaker 7x35.
Saverio Falciani

Ultima modifica di Save87 : 01-06-13 00:08.
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-06-13, 10:26   #73
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana (AR) Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,508
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Ciao ragazzi, finalmente ce l'ho fatta a dare una fugace occhiata nel tele!

Per mettere in funzione questo tele mi ci è voluto un sacco di tempo!

Ieri pomeriggio l'ho collimato in fretta, ci sarà tempo per farlo meglio con calma e poi in serata ho dato uno sguardo da casa.

Ecco una FOTO fatta dal cellulare, in seguito ne posterò altre, che fa capire la mole dello strumento, è un mastodonte!

Sono contento anzitutto che la montatura altazimutale che ho assemblato lo tiene egregiamente, le vibrazioni si assestano in tre secondi e mezzo circa e cosa più importante i movimenti sono veramente molto fluidi, ma senza che il telescopio vada a spasso. Semplicemente se lo sposti si muove docilmente, appena lo lasci si ferma. Le frizioni dei movimenti non le uso neanche, le lascio tutte aperte. Questo risultato si è reso possibile anche grazie ai 10 kg di contrappeso che ho usato ed è molto facilitato dalla manopola nera che ho ideato e che mi sono fatto costruire, che si intravede anche nella foto, che permette di movimentare facilmente il tele.

Purtroppo questo telescopio richiede di lunghi tempi di acclimatamento quindi se ti metti ad una soglia dove dentro hai 30 gradi e fuori sono 20 difficilmente otterrai immagini calme, e questa era la mia condizione ieri sera. Per accelerare il processo ho usato la ventola che ha una grande portata d'aria e sicuramente aiuta, però potrebbe avere a sua volta effetti negativi quando è in funzione (non mi è sembrato, ma devo verificare). Inoltre ho guardato tutti oggetti sopra i tetti delle case, quindi anche il seeing domestico era pessimo, ma proprio pessimo. Stasera riproverò in condizioni migliori.

La prima cosa che ho puntato sono oggetti terrestri stagliati contro le luci del tramonto (il Sole era già andato giù). Sono rimasto molto colpito dalla perfetta apocromaticità del telescopio, neanche in condizioni assurde tipo un'antenna o le foglie di un albero contro il cielo super illuminato mostra niente di niente. La seconda cosa di cui sono rimasto colpito è la qualità ottica, il telescopio mostra veramente dei dettagli microscopici in maniera chiara ed inequivocabile e univoca, si capisce subito che è di un'altra pasta. La terza cosa che ho notato è la capacità di reggere gli ingrandimenti: sulle brevi distanze si può escludere un fattore che altrimenti rompe, il seeing, quindi ho potuto valutare bene. Su oggetti terrestri ho usato 250x tranquillamente e secondo me questo tele in condizioni buone è una macchina da 300x, cioè da due volte il diametro.

Poi sono passato al cielo, sulla Luna nonostante i tremolamenti e che era appiccicata ad un tetto ho avuto ottime visioni ed un dato molto positivo è che a 250x non è abbagliante come sul Dobson, quindi la si può osservare con più agio. L'impressione che il tele mi ha dato è di un notevole contrasto tra zone illuminate e non, e di incisività dell'immagine; ovviamente si tratta di sensazioni soggettive difficili da descrivere. Comunque per dirvi su Plato, lontanissimo dal terminatore, si vedeva almeno un craterino e Schickard era disseminato di craterini. Un altra sensazione che avevo era quella di profondità, si percepiva la differente altezza delle varie formazioni, per esempio su Gassendi. Poi sono stato un sacco su Aristarco, Erodoto e la Vallis Schroter nonchè sui Montes Jura. Ho provato anche velocemente 300x e mi è sembrato che li reggesse bene, seppure in quelle pessime condizioni.

Su Saturno ho avuto allo stesso modo buone impressioni, era tutto molto chiaro a cominciare dalla Cassini, per passare alle sfumature superficiali per finire ai contrasti creati dagli anelli rispetto al pianeta. Mi è sembrato un ottimo risultato considerando la condizione del momento. Purtroppo poi è andato dietro un albero e non l'ho più potuto osservare...

Le stelle sono incredibili: microscopiche punte di spillo, perfettamente puntiformi anche se portate ai bordi più estremi del campo. Stentavo a riconoscere Arturo da quanto era piccolina! Ho provato a puntare Algieba che era però davvero bassa; gli anelli di diffrazione erano rotti e agitati ma ho potuto intuire in quella turbolenza quello che il tele mi può dare sulle stelle doppie: piccoli dischettini con intorno un anellino di diffrazione deciso.

Una menzione merita il focheggiatore ed il backfocus. Siccome il backfocus è molto generoso, così che non ci saranno problemi a piazzarci una bella torretta binoculare, il focheggiatore deve essere estratto molto per pescare il fuoco; il problema è che di suo e con in più quel sistema a prolunghe diventa uno sbraccio notevole che flette facilmente, quindi si pongono dei problemi di ortogonalità con l'asse ottico, cosa verificata allo star test. Con i focheggiatori non sono fortunato ... pazienza, vorrà dire che insieme alla torretta binoculare prenderò anche un Baader Steeltrack!

Stasera farò nuove osservazioni molto più seriamente ed in condizioni migliori, speriamo bene! Vi farò risapere.
__________________
Elen síla lúmenn'omentielvo

Osservo con: Guan Sheng Optical 250/1250 Deluxe; Intes-Micro MN 68 152/1216; Sky-Watcher Startravel 80/400; Heyford 60/700; Salmoiraghi&Viganò Magellano 10x50; Breaker 7x35.
Saverio Falciani

Ultima modifica di Save87 : 21-06-13 10:30.
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-06-13, 11:26   #74
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 38,440
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Buon sangue non mente ,la INTES ed INTES MICRO hanno fatto solo ottimi strumenti.

Mi stupisce che ti stupisci del fatto che sia purissimamente APO , solo uno specchio può esserlo al 100%, mentre un APO si approssima , senza mai eguagliarlo.
__________________
Strumenti,montatura AZ-EQ6 GT--montatura MIZAR RV-85--montatura CELESTRON SLT--MAK SW BD 90mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED -- MAK SW BD da 127/1500mm--RUMAK INTES MICRO ALTER M615 da 152/2250mm--MAK SW BD da 180/2700mm--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- torretta binoculare LEITZ POTUGAL a 45°--torretta binoculare LUMICON--torretta binoculare DENKEMEYER--torretta binoculare TECNOSKY

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-06-13, 13:03   #75
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana (AR) Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,508
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Giovanni, però come dimensioni sembra un rifrattore ed ha pure la lente davanti, era per quello che mi aspettavo il cromatismo!

Scherzo, stasera spero di testarlo approfonditamente e che funzioni tutto bene.
__________________
Elen síla lúmenn'omentielvo

Osservo con: Guan Sheng Optical 250/1250 Deluxe; Intes-Micro MN 68 152/1216; Sky-Watcher Startravel 80/400; Heyford 60/700; Salmoiraghi&Viganò Magellano 10x50; Breaker 7x35.
Saverio Falciani
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-06-13, 15:54   #76
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 38,440
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Il menisco può ingannare, la modesta differenza di curvatura fra le due facce è compensata proprio dalla concavità globale del menisco.

Questi due accorgimenti in concerto fra loro quasi azzerano l'aberrazione cromatica.

I progetti MAK E MAK-NEWTON sono davvero geniali .
__________________
Strumenti,montatura AZ-EQ6 GT--montatura MIZAR RV-85--montatura CELESTRON SLT--MAK SW BD 90mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED -- MAK SW BD da 127/1500mm--RUMAK INTES MICRO ALTER M615 da 152/2250mm--MAK SW BD da 180/2700mm--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- torretta binoculare LEITZ POTUGAL a 45°--torretta binoculare LUMICON--torretta binoculare DENKEMEYER--torretta binoculare TECNOSKY

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-06-13, 16:37   #77
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 9,103
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Con questo strumento se vedrai del cromatismo sarà dovuto all'oculare oppure, e qualche volte capita, dalla rifrazione atmosferica.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-06-13, 12:47   #78
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana (AR) Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,508
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Ragazzi continuo ad aggiornarvi su questo telescopio, infatti qualche giorno fa avevo fatto un'uscitina più che altro per conoscere meglio il telescopio e per cercare di capire qualità ed eventuali problemi. Purtroppo la serata aveva gettato anche alcune ombre, perchè il seeing era pessimo, il telescopio pareva a tratti scollimato ed a tratti collimato facendo lo star test, inoltre fuori era molto freddo mentre in casa era molto caldo e la differenza di temperatura eccessiva ha fatto si che non sono riuscito ad ottenere immagini calme.

Fin qui ero molto preoccupato, ieri sera però con molta più calma ho lasciato le finestre aperte del locale dove lascio il tele per un paio di ore e poi ho puntato Arturo per fare lo star test. Per fortuna le problematiche evidenziate dipendevano dal seeing principalmente, ulteriore dimostrazione che valutare un tele è tutt'altro che semplice. Lo star test per farla breve era perfetto! Arturo era perfettamente circolare, sia intra che extra focale; gli anelli di diffrazione erano visibili in maniera pulitissima nonostante un'acclimatamento ancora incompleto; le immagini stellari sia intra che extra focale sono praticamente identiche, se non per un microscopico spostamento della zona nera centrale che denota una piccola flessione del focheggiatore (ma ancora una volta io ho collimato nella posizione dove in media raggiungo il fuoco, neutralizzando il problema). Un altra cosa che mi confondeva era l'altra sera è che a tratti il tele sembrava collimato ed a tratti scollimato; sembra impossibile eppure era così. Ieri sera ho capito da cosa dipendeva: evidentemente il particolare schema ottico con tutte le superfici curve crea uno strano effetto usando gli oculari in mio possesso, in particolare con il Planetary ED 5 mm, nel senso che se la stella sfuocata a centro campo è perfetta invece quando è a bordo campo tende ad appiattirsi da un lato, e da l'apparenza illusoria che il tele sia scollimato e che ci sia qualche strana aberrazione. Ma così non è perchè a centro campo l'immagine sfuocata è da manuale, ed a fuoco con il Planetary ED 5 mm è ugualmente perfetta. Sono molto contento perchè lo star test di ieri, quando il seeing era evidentemente non così terribile, mi ha rassicurato sulla qualità del tele.

Qualità che comunque avevo già verificato nelle osservazioni visuali, infatti anche con il seeing pessimissimo che avevo beccato Saturno era di alto livello, con una Cassini netta ed un alto contrasto tra gli anelli e la superficie del pianeta, e con tutte le sfumature ben presenti sulla superficie. Inoltre ho osservato anche alcune stelle doppie (95 Her, Alfa Her, 1 Boo, Pi Boo, Xi Boo) e devo dire che questo è il vero terreno di caccia di questo tele! Non vi potete neanche immaginare quanto sono puntiformi e piccole le stelle, veramente perfette e non solo a centro campo ma in tutto il campo apparente, anche ai bordi! A parte le stelle più luminose, che ne hanno molteplici, tutte le altre sono dischetti con un anellino di diffrazione intorno, proprio come in un rifrattore. Veramente, so di avere per le mani un rifrattore apo di 15 cm un po' ostruito e con qualche problemino termico e logistico in più!

Cosa mi piace di questo telescopio:
  • come si vedono le stelle, sia a fuoco (come le osserverò d'ora in poi, a verifiche concluse) sia fuori fuoco. Sui pianeti non ho avuto modo di provare seriamente, ma promette molto bene!
  • la capacità di reggere gli ingrandimenti. Si possono usare 250x anche con un seeing pessimissimo come quello dell'altra sera, con un acclimatamento imperfetto e da postazioni sfavorevoli; secondo me il tele regge i 300x in condizioni ottimali, cioè pari a due volte il diametro.
  • la ventola. Ha una portata veramente notevole, grazie al fatto che il tele è a tubo chiuso; questo agevola fortemente l'acclimatamento. Inoltre l'aria entra dai fori sul porta menisco, ed esce dalla ventola, passando per il tubo pieno di diaframmi; quindi il ricambio dell'aria è uniforme in tutto il tubo. I suoi benefici sono evidenti con l'occhio all'oculare. Infine può essere facilmente spenta tramite un pratico interruttore incorporato nel tele. Se uno non vuole usarla basta che avvita il coperchietto di metallo originale, tappandola di fatto.
  • l'intubazione: da cima a fondo, dentro e fuori, dai tappi agli anelli per finire ai diaframmi, è davvero robusta e convincente. Il telescopio infatti pesa quanto il Dobson pur essendo dieci centimetri di diametro in meno!
  • il trattamento antiriflesso del menisco, forte, uniforme, di colore violetto.
  • l'ostruzione microscopica, che rende però un pò più complesso ottenere una collimazione precisa usando un Cheshire a causa delle piccole dimensioni del secondario.
  • il cercatore, che nonostante ha dei problemini (qualche puntino nero che sporca le lenti, e da un lato il doppietto cementato purtroppo ha un problemino di scollamento ma solo in una zona piccina piccina) però quando ci butti l'occhio dentro ti chiedi su quale cercatore hai osservato finora! Il meccanismo di messa a fuoco, per certi versi simile a quello del focheggiatore, in questo caso si rivela vincente e di una grande intuitività. Cercare qualcosa nel mio 8x50 talvolta è faticoso e sfibrante mentre qui è di una goduria assoluta, non so come dirlo altrimenti. L'oculare è amichevole, le immagini chiarissime, veramente ottimissimo!
  • il backfocus, veramente esagerato e non ci saranno problemi con una torretta binoculare, cosa che farò appena possibile!
Cosa non mi piace:
  • il focheggiatore, che seppure ha un senso (infatti il sistema a prolunghe evita che il tubo rimanga sporgente all'interno, così evitando possibili ulteriori ostruzioni) però non è il massimo dell'intuitività. Ma a parte questo il vero problema è che non ha la capacità di sopportare carichi elevati e già con la barlow e lo Zoom il movimento diventa così duro da non essere usato. Questo focheggiatore è adatto solo per oculari leggeri e senza usare la barlow. Per il resto fa il suo lavoro, e la messa a fuoco seppure con più difficoltà rispetto al focheggiatore micrometrico GSO, è raggiungibile anche con precisione ad alti ingrandimenti.
  • il tempo di acclimatamento: inutile girarci intorno, è notevole e richiede un'attenzione specifica tipo aprire le finestre prima o portare il tele in una zona più fresca qualche ora prima. Non è impossibile gestire il tele ma di sicuro non è un tele mordi e fuggi. Secondo me due ore ci vogliono, anche con la ventola.
  • la collimazione, rischiosa da fare sul secondario vicino al menisco (per fortuna le viti rimangono in un'incassatura per evitare che la chiave a brugola sfugga e vada a rigare il menisco) ed è necessaria una minuscolissima chiave a brugola così che passare da una vite all'altra è un'impresa che richiede di staccarsi dall'oculare. Per il primario le viti di blocco sono tre piccole brugole (ma che richiedono una diversa chiave) che devono essere appena allentate e che se uno le perde visto che sono particolarissime è un casino. Le viti di collimazione del primario invece sono tre viti che si avvitano con il cacciavite a testa piatta e come si sa queste teste si spanano facilmente. A parte tutto però sembra che il tele la tiene perfettamente, cioè che non la perde durante i vari sballottamenti del trasporto e del montaggio.
Ecco adesso una carrellata di ulteriori fotografie dello strumento, che chiariscono anche come mi sono regolato di fronte ai vari problemi che ho incontrato:

Anzitutto ecco l'MN 68 insieme al sottoscritto: FOTO1.

Primo piano del tele: FOTO2.

Vista completa del tele: FOTO3.

Telescopio puntato allo zenit: FOTO4. Per fortuna è possibile puntare anche allo zenit, anche se in certe posizioni specifiche il tubo può toccare una gamba, ma comunque non è un problema.

Contrappesi per 10 kg: FOTO5. Sicuramente fanno si che il tele sia morbido morbido nel movimento azimutale. Veramente ottima la T-Sky che fa egregiamente il suo lavoro ed il tele è morbido come il burro grazie anche alla grande leva.

Morsetto Geoptik a doppio standard e slitta Losmandy Tecnosky personalizzata: FOTO6. Il morsetto è fissato con 4 viti alla montatura e la slitta con 9 al telescopio. L'insieme è molto robusto e sicuro, e fa si che i tempi di smorzamento delle vibrazioni quando si da un buffetto al telescopio siano rapidi.

Manopola per spostare il tele: FOTO7. Progettata da me e fatta costruire ed anodizzare. Ho cercato di capire in quale posizione era più comoda per spostare il tele e sono molto soddisfatto, infatti risulta molto intuitiva da usare, sia con la mano sinistra che con la destra e la posizione è comoda, per evitare posizioni innaturali che stancano. La manopola è a forma di martelletto, in allumino e sull'asta ho incollato col bostik una manopola in neoprene per bici per evitare il diretto contatto con il freddo metallo.

Spero che il tele vi piaccia, a me un sacco e non vedo l'ora di provarlo approfonditamente in ottime condizioni! Per ora nuvole e freddo...
__________________
Elen síla lúmenn'omentielvo

Osservo con: Guan Sheng Optical 250/1250 Deluxe; Intes-Micro MN 68 152/1216; Sky-Watcher Startravel 80/400; Heyford 60/700; Salmoiraghi&Viganò Magellano 10x50; Breaker 7x35.
Saverio Falciani

Ultima modifica di Save87 : 24-06-13 13:02.
Save87 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-06-13, 13:07   #79
Curiosity1989
Utente Junior
 
L'avatar di Curiosity1989
 
Data di registrazione: Apr 2013
Ubicazione: L' Aquila
Messaggi: 480
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Complimenti per il telescopio nuovo Save!! Ps..
Inaugura l' aquisto con un bell' oculare! Comunque per il resto grande acquisto
Spero ti renda soddisfatto
__________________
STRUMENTAZIONE: Sky-Watcher Dobson 254/1200 Celestron Travelscope 70/400 Bushnell Powerview 20x50 SbS grandangolare 10x50
OCULARI E FILTRI: Baader Hyperion Mark lll 8-24mm TS Planetary HR 4mm 60° Tecnosky SWA 24mm 70° TeleVue barlow 2X Astronomik UHC-E Astronomik Olll
Curiosity1989 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-06-13, 13:12   #80
Save87
Utente Super
 
L'avatar di Save87
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Foiano della Chiana (AR) Toscana Italia Europa Terra Sistema solare Via Lattea Universo
Messaggi: 3,508
Predefinito Re: Stavolta ho esagerato - preso un Intes-Micro MN 68 usato!

Grazie, ma in realtà è da qualche mese che ce l'ho, solo che tra denari necessari per tutto il necessario e difficoltà che ho incontrato per i vari pezzi, c'è voluto finora per metterlo in carreggiata. Guarda, la prossima cosa che mi prendo è una torretta binoculare (magari la T-Sky, buona ed economica) e una coppia di oculari! Ma per ora zero spese!
__________________
Elen síla lúmenn'omentielvo

Osservo con: Guan Sheng Optical 250/1250 Deluxe; Intes-Micro MN 68 152/1216; Sky-Watcher Startravel 80/400; Heyford 60/700; Salmoiraghi&Viganò Magellano 10x50; Breaker 7x35.
Saverio Falciani
Save87 non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 02:17.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it
Edizioni Scientifiche Coelum