Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Osservare il Cielo > Osservazioni in Alta Risoluzione
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 14-08-18, 16:24   #11
Dob
Utente
 
Data di registrazione: Sep 2009
Messaggi: 759
Predefinito Re: Marte 2018

Zone bianche in corrispondenza del polo nord (non visibile ora) potrebbero essere delle nebbie
Dob non in linea   Rispondi citando
Vecchio 17-08-18, 15:50   #12
GimoIng
Utente Junior
 
Data di registrazione: Apr 2018
Ubicazione: Trieste
Messaggi: 87
Predefinito Re: Marte 2018

Grazie per il chiarimento
GimoIng non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 23-08-18, 09:29   #13
Dob
Utente
 
Data di registrazione: Sep 2009
Messaggi: 759
Predefinito Re: Marte 2018

Marte del 22-08-2018

Osservato Marte ieri sera verso le 23 locali col Mak da 18cm a 385x. Solito seeing insufficiente ma con brevi attimi di calma. Oltre alla calotta polare ben delineata erano visibili due zone scure sul Mare Sirenum più un ulteriore condensazione stretta verso il bordo precedente che dovrebbe essere Phasis. Ho provato anche il filtro azzurro 80A trovandolo paragonabile come dettagli, forse addirittura più piacevole come visione, al solito rosso chiaro 23A.

Dob non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-08-18, 21:52   #14
Robb
Utente Esperto
 
L'avatar di Robb
 
Data di registrazione: Nov 2008
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: Marte 2018

Bello, interessante vedere le differenze rispetto alla volta scorsa!
__________________
Forse s'avess'io l'ale da volar su le nubi, e noverar le stelle ad una ad una, (...), più felice sarei, candida luna.

Telescopio di notte: Dobson Jach Blak 16"
Telescopio di giorno: Lunt 60 BF 1200 PT FT DS
Oculari: Baader Aspheric 36mm - Explore Scientific 24mm - Ethos 13mm - Ethos 8mm - Barlow Powermate 2,5X
Filtri: DGM Optics NPB - Thousand Oaks OIII - Astronomik H-Beta
Robb non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-08-18, 11:09   #15
Dob
Utente
 
Data di registrazione: Sep 2009
Messaggi: 759
Predefinito Re: Marte 2018

Marte del 29-08-2018

Dopo il passaggio della perturbazione dello scorso fine-settimana ho aspettato almeno 2 giorni prima di riosservare Marte infatti, di solito, subito dopo il passaggio di un fronte l'aria è tersa per il Fohn ma il seeing è pessimo. Comunque mi è andata bene nel senso che il seeing era senz'altro sufficiente all'altezza di Marte, anzi forse il migliore che mi sia capitato fin'ora in quanto il bordo del pianeta era nitido e senza ondulazioni. Oltre all'inconfondibile e nettissima calotta polare, la formazione più evidente era un triangolo scuro che dovrebbe essere Aurorae Sinus; tra questa e il bordo si vedeva una zona chiara (Argyre); verso il lato seguente un'altra condensazione scura che forse era Phasis: tra i due doveva esserci il Solis Lacus (il famoso "occhio di Marte") ma non l'ho percepito (a differenza delle opposizioni passate che era invece netto). Nell'emisfero nord visibile solo una zona stretta scura che dovrebbe essere Nilokeras ( oppure Niliacus Lacus ). Osservando con attenzione il bordo precedente era netto mentre quello seguente come sfumato e il pianeta non appariva perfettamente circolare: insomma si comincia a notare la fase


Dob non in linea   Rispondi citando
Vecchio 07-09-18, 10:33   #16
delo
Utente Esperto
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,424
Predefinito Re: Marte 2018

5 Settembre, 23:00-00:00 FC100DF (200x) Seeing abbastanza buono, III in media; eccellente trasparenza.


Il bordo del pianeta appariva piuttosto ben definito, e per un lungo tratto assolutamente immoto, consentendo di notare la fase.
A S spiccava la calotta polare, rimarcata da un sottile ma ben evidente bordo scuro; a NW si notava un'area grossomodo circolare particolarmente chiara (Argyre?).
Poco più a N, in corrispondenza delle latitudini temperate, un'area a minor albedo, e disomogenea, si estendeva per l'intero disco.

Grossomodo alle latitudini tropicali l'emisfero meridionale presentava una ricca variazione in albedo per l'alternarsi di "mari" e "terre": in particolare spiccava,a E, una grossa "C" intensamente scura, verosimilmente formata da Ellesponto e Mar Sabeo; tuttavia ho trovato maggiormente interessante l'osservazione delle più tenui aree occidentali, che dovrebbero corrispondere alle "insenature" del Mar Eritreo.
Nell'emisfero settentrionale predominavano le tonalità dell'arancio delle "terre"; a NW era visibile il complesso Mare Acidalium/Niliacus Lacus, con la caratteristica forma a goccia; a NE, prossima al margine settentrionale, una sottile "striscia" scura poteva essere la Sirte Boreale
delo non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 02:56.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it