Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > News di Astronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 10-09-08, 15:03   #1
Gabriele
Amministratore
 
L'avatar di Gabriele
 
Data di registrazione: Dec 2000
Messaggi: 313
Predefinito Stelle neonate e buchi neri

10 Settembre 2008
Stelle neonate e buchi neri
di Claudio Elidoro - Fonte: Science and Technology Facilities Council

La scoperta che nelle vicinanze del mastodontico buco nero che occupa il centro della Via Lattea orbitino centinaia di giovani stelle di massa elevata ha sempre lasciato piuttosto perplessi gli astrofisici. Com'era possibile che un processo così delicato qual è quello della formazione di una stella non risentisse delle potenti influenze gravitazionali esercitate dall'enorme massa del buco nero? Una serie di simulazioni computerizzate eseguite recentemente da due astronomi scozzesi, però, sembra possano fornire una risposta attendibile al problema.
Gli autori sono Ian Bonnell (St. Andrews University) e Ken Rice (Edinburgh University), che a fine agosto hanno pubblicato su Science i risultati ottenuti con il supercomputer SGI Altix presso la Scottish Universities Physics Alliance. Le simulazioni, che hanno richiesto oltre un anno di tempo-macchina, hanno seguito l'evoluzione di due gigantesche nubi di gas di oltre 100 mila masse solari mentre cadevano verso un buco nero supermassiccio. L'intento era quello di osservare il comportamento di queste nubi quando dovevano fare i conti con la potentissima azione gravitazionale del buco nero, ma lo scenario che è emerso ha offerto anche altre risposte.
Le simulazioni hanno mostrato che le nubi vengono distrutte dalla gravità del buco nero disperdendosi lungo tracce spiraliformi, una disposizione che consente il trasferimento di energia dalle regioni più prossime al buco nero a quelle più periferiche. Con il risultato finale che, mentre parte della materia che compone le nubi viene catturata dal buco nero, il resto riesce a sfuggire al suo abbraccio mortale e si dispone su orbite eccentriche. L'abbondanza di questa materia prima rende possibile che proprio in quelle regioni più esterne possano formarsi quelle stelle massicce caratterizzate da orbite eccentriche la cui esistenza sfida gli astrofisici.
Questo meccanismo, però, suggerisce un'ulteriore riflessione. Sottolinea infatti Bonnell: "Il fatto che le stelle che attualmente orbitano intorno al buco nero centrale della Galassia abbiano vite relativamente brevi - dell'ordine di 10 milioni di anni - indica che un simile processo di creazione stellare possa ripetersi più volte, una sorta di rifornimento continuo di stelle, insomma."
Se le simulazioni non ci hanno ingannato, ecco servito un altro importante tassello di cui si dovrà tener conto nella difficile ricostruzione dei meccanismi che originano e mantengono i massicci buchi neri che occupano il centro delle galassie.


Links:

http://www.scitech.ac.uk/PMC/PRel/STFC/YoungStars.aspx

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
Gabriele non in linea   Rispondi citando
Vecchio 12-09-08, 07:53   #2
etrusco
Utente Junior
 
Data di registrazione: Apr 2007
Ubicazione: tra la macchia e la città
Messaggi: 380
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Quote:
Gabriele Visualizza il messaggio
10 Settembre 2008
Stelle neonate e buchi neri
di Claudio Elidoro - Fonte: Science and Technology Facilities Council

La scoperta che nelle vicinanze del mastodontico buco nero che occupa il centro della Via Lattea orbitino centinaia di giovani stelle di massa elevata ha sempre lasciato piuttosto perplessi gli astrofisici. Com'era possibile che un processo così delicato qual è quello della formazione di una stella non risentisse delle potenti influenze gravitazionali esercitate dall'enorme massa del buco nero? Una serie di simulazioni computerizzate eseguite recentemente da due astronomi scozzesi, però, sembra possano fornire una risposta attendibile al problema.
Gli autori sono Ian Bonnell (St. Andrews University) e Ken Rice (Edinburgh University), che a fine agosto hanno pubblicato su Science i risultati ottenuti con il supercomputer SGI Altix presso la Scottish Universities Physics Alliance. Le simulazioni, che hanno richiesto oltre un anno di tempo-macchina, hanno seguito l'evoluzione di due gigantesche nubi di gas di oltre 100 mila masse solari mentre cadevano verso un buco nero supermassiccio. L'intento era quello di osservare il comportamento di queste nubi quando dovevano fare i conti con la potentissima azione gravitazionale del buco nero, ma lo scenario che è emerso ha offerto anche altre risposte.
Le simulazioni hanno mostrato che le nubi vengono distrutte dalla gravità del buco nero disperdendosi lungo tracce spiraliformi, una disposizione che consente il trasferimento di energia dalle regioni più prossime al buco nero a quelle più periferiche. Con il risultato finale che, mentre parte della materia che compone le nubi viene catturata dal buco nero, il resto riesce a sfuggire al suo abbraccio mortale e si dispone su orbite eccentriche. L'abbondanza di questa materia prima rende possibile che proprio in quelle regioni più esterne possano formarsi quelle stelle massicce caratterizzate da orbite eccentriche la cui esistenza sfida gli astrofisici.
Questo meccanismo, però, suggerisce un'ulteriore riflessione. Sottolinea infatti Bonnell: "Il fatto che le stelle che attualmente orbitano intorno al buco nero centrale della Galassia abbiano vite relativamente brevi - dell'ordine di 10 milioni di anni - indica che un simile processo di creazione stellare possa ripetersi più volte, una sorta di rifornimento continuo di stelle, insomma."
Se le simulazioni non ci hanno ingannato, ecco servito un altro importante tassello di cui si dovrà tener conto nella difficile ricostruzione dei meccanismi che originano e mantengono i massicci buchi neri che occupano il centro delle galassie.

Links:
http://www.scitech.ac.uk/PMC/PRel/STFC/YoungStars.aspx

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
egr.sig.gabriele, un signore ieri sera,10/09/08 mi ha detto che cè una supernova,(nuova?) e che si vede l'alone.io dico che lui vuol prendermi in giro, e non sà che forse è la luna, offuscata un pò dalle nuvole.ma se cè una supernova (nuova) me lo può dire? vorrei mandare a quel paese quel signore, che ha letto la notizia,se non fosse vera.grazie.
etrusco non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 18-09-08, 14:35   #3
CreduloneScettico
Utente Senior
 
L'avatar di CreduloneScettico
 
Data di registrazione: Aug 2008
Messaggi: 1,461
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Questa storia del buco nero al centro della Galassia mi lascia perplesso.
1) io ricordo che anni fa si affermava che non c'era buco nero al centro della Galassia
2) nessuna dichiarazione afferma che ci sia un buco nero, si afferma solo che le stelle che orbitano li' subiscono una forza che, per quel che ne sappiamo, solo un buco nero puo' dare. Ma i buchi neri, essi stessi, sono ancora ipotetici. Sarebbe il caso di precisare meglio quando si parla di ipotesi su ipotesi.
3) ma non s'e' vista nessuna lente gravitazionale, nessuna orbita distorta? Nulla?
CreduloneScettico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 18-09-08, 16:33   #4
mak 2000
Utente Senior
 
L'avatar di mak 2000
 
Data di registrazione: Mar 2008
Ubicazione: Acireale
Messaggi: 1,580
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Quote:
CreduloneScettico Visualizza il messaggio
Questa storia del buco nero al centro della Galassia mi lascia perplesso.
1) io ricordo che anni fa si affermava che non c'era buco nero al centro della Galassia
2) nessuna dichiarazione afferma che ci sia un buco nero, si afferma solo che le stelle che orbitano li' subiscono una forza che, per quel che ne sappiamo, solo un buco nero puo' dare. Ma i buchi neri, essi stessi, sono ancora ipotetici. Sarebbe il caso di precisare meglio quando si parla di ipotesi su ipotesi.
3) ma non s'e' vista nessuna lente gravitazionale, nessuna orbita distorta? Nulla?
Esattamente un anno e qualcosa fa, era possibile reperire sulla rete, un filmato nasa, dove veniva illustrata una immagine del centro della nostra galassia, si vedeva chiaramente l'orbita perturbata di una stella, che verosimilmente era attratta da qualcosa che assomigliava ad un buco nero, infatti nel breve filmato /non so oggi dove reperirlo/ veniva affermato che si trattava della prova ,della esistenza del fotre campo gravitazionale.
__________________
"Nell'opinione che Dio esista, vi sono tante difficoltà; in quella contraria, solo assurdità"
(Voltaire)
mak 2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 18-09-08, 22:23   #5
steve vai
Utente Junior
 
L'avatar di steve vai
 
Data di registrazione: Jun 2008
Ubicazione: Monserrato (interland di Cagliari)
Messaggi: 374
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

E stato confermato che vicino al centro della via lattea vi si trova un buco nero supermassiccio , precisamente ho seguito la cosa qualche mese fa a History channel , (Storia del Universo ) minacce dallo spazio profondo . Comunque niente di preoccupante al momento ( noi siamo in periferia ) .
steve vai non in linea   Rispondi citando
Vecchio 19-09-08, 11:15   #6
gianlu68
Utente Esperto
 
L'avatar di gianlu68
 
Data di registrazione: Oct 2006
Ubicazione: Borgomanero (No)
Messaggi: 1,692
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Per quanto riguarda le prove indirette (se fossero dirette non credo che saremmo qui a discuterne) dell'esistenza di un buco nero al centro della nostra galassia mai sentito parlare della radio sorgente Sagittarius A.

Saluti
Gianluca
__________________
Strumentazione: Meade LX 200 10" su forcella od in equatoriale - Oculari: 5,9,12,20,32mm - Baader Hyperion Zoom 8-24 - Filtri Colorati: Meade - Filtri Interferenziali: IrCut, Skyglow, Ha - Barlow: 2x, 3x - Philips VestaPro ora 900 - Canon 350d - Ccd Starlight Espress XVFM7 - Binocolo 10x50
gianlu68 non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 22-09-08, 10:03   #7
CreduloneScettico
Utente Senior
 
L'avatar di CreduloneScettico
 
Data di registrazione: Aug 2008
Messaggi: 1,461
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Mak2000, circa le orbite perturbate, mi piacerebbe avere informazioni a proposito. Non lo letto nulla del genere ma ovviamente non ho letto tutto. So che quel che s'e' visto sono orbite estemamente veloci, non sapevo fosse stata rilevata qualche distorsione. Hai informazioni a proposito? Il filmato l'ho visto ma non ho notato alcun accenno alla distorsione delle orbite.

Circa la conferma del buco nero, sono molto scettico. Almeno fino ad un paio di mesi fa la versione ufficiale era "siccome non conosciamo altro che possa generare tale forza, allora e' un buco nero".
Ma, di nuovo, magari non ho letto le ultime novita'? Hai delle informazioni a proposito?

Per gianl68: e' esattamente di Sagittarius A* (e non Sagittarius A) che sto parlando. Ovviamente.

Infine, le radio emissioni e i jet streams, non sono predizioni dei buchi neri, sono patch posticce. Quindi utlizzarle per dimostrare che abbiamo trovato i buchi neri e' un ragionamento circolare. Senza parlare del fatto che le emissioni radio rilevate in Sag A pare siano diffuse, non provengono cioe' da una zona eventualmente identificabile come il disco di accrescimento (dell'eventuale buco nero Sag A*) ma vengono da una zona piu' ampia. Sempre secondo quel che ho letto.
CreduloneScettico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 22-09-08, 17:21   #8
mak 2000
Utente Senior
 
L'avatar di mak 2000
 
Data di registrazione: Mar 2008
Ubicazione: Acireale
Messaggi: 1,580
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Guarda qua.
ciao, Mak.
__________________
"Nell'opinione che Dio esista, vi sono tante difficoltà; in quella contraria, solo assurdità"
(Voltaire)

Ultima modifica di mak 2000 : 22-09-08 17:29.
mak 2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 22-09-08, 18:22   #9
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,923
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

Quote:
CreduloneScettico Visualizza il messaggio
Questa storia del buco nero al centro della Galassia mi lascia perplesso.
1) io ricordo che anni fa si affermava che non c'era buco nero al centro della Galassia
2) nessuna dichiarazione afferma che ci sia un buco nero, si afferma solo che le stelle che orbitano li' subiscono una forza che, per quel che ne sappiamo, solo un buco nero puo' dare. Ma i buchi neri, essi stessi, sono ancora ipotetici. Sarebbe il caso di precisare meglio quando si parla di ipotesi su ipotesi.
3) ma non s'e' vista nessuna lente gravitazionale, nessuna orbita distorta? Nulla?
Una considerazione generica:
L'analisi del moto delle stelle nelle immediate vicinanze del centro galattico non fa solo sospettare, ma pare rivelare con sufficiente certezza una presenza di qualche milione i masse solari, concentrate proprio lì.
Concentrata in qualcosa che NON emette luce, e quindi è evidentemente di colore nero, o assimilabile al nero.
Che sia il buco nero delle teorie, o che non lo sia, che differenza fa?
Una concentraizone di massa superiore al milione di masse solari, NON Luminosa, piccolissima. Qualunque cosa sia, si comporta esattamente come un buco nero.
Chiamiamola "Oggetto misterioso" e non buco nero, ma tanto gli effetti sono esattamente gli stessi.
Quindi che differenza fa, ripeto?
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-08, 12:04   #10
CreduloneScettico
Utente Senior
 
L'avatar di CreduloneScettico
 
Data di registrazione: Aug 2008
Messaggi: 1,461
Predefinito Re: Stelle neonate e buchi neri

La differenza, secondo me, c'e'. Da una parte si descrive l'osservazione, dall'altra se ne offre una interpretazione pensando di conoscere tutto.
Oltre a questo, noto l'assenza del dubbio scientifico, nell'articolo, a proposito di buchi neri. Almeno un accenno al fatto che sono entita' teoriche da verificare, lo si potrebbe anche dare.
CreduloneScettico non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 21:09.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it