Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Archeoastronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 03-12-03, 14:44   #11
pegasus__2000
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2003
Messaggi: 95
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Quote:
Ugo Ercolani
A quando, la scienza ufficiale, fa risalire la conoscenza della precessione? A presto, Ugo
Bah mi sembra che, a quanto dice la "scienza ufficiale", come la chiami tu, la precessione degli equinozi fu notata per la prima volta da Ipparco (120 a. C ca.), e successivamente spiegata, nel 1687, da Isaac Newton, come dovuto principalmente all'attrazione gravitazionale della Luna e del Sole. Però prendi questo mio ultimo post con le dovute cautele.
pegasus__2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 03-12-03, 15:39   #12
erco
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Quindi Ipparco, per rilevarla, si sarà basato su documenti precedenti che ne parlavano, oppure su studi astronomici che davano posizioni diverse per le stelle più importanti.
Comunque, a parte le "rilevazioni astronomiche" che non mi paiono particolarmente difficoltose anche per i popoli antichi, chi e perchè non acetta le tesi sostenute dagli autori del libro?
Una curiosità, provenienta dalla lettura del libro in mio possesso: mi pare che nei documenti portati a prove a favore, gli antichi erano molto poco chiari nelle loro scritture. Ma questo credo che sia "fisiologico" nelle scritture antiche... A presto, Ugo
  Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 03-12-03, 15:54   #13
pegasus__2000
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2003
Messaggi: 95
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Le loro tesi non vengono accettate dagli archeologi, e anzi, ad esempio, Zawi Hawass il responsabile degli scavi di Giza ce l'ha a morte con questi due giornalisti. * Ugo ma te lo sai come hanno fatto gli archeologi a datare al 2.500 a.C. circa la cosiddetta "Grande Piramide", fatta costruire (ovviamente secondo l'archeologia "vera" e non "fasulla&quot come tomba funeraria dal faraone Cheope? Da una piccola, quasi minuscola, statuina (conservata nel museo del Cairo e che io ho visto e fotografato nell'ormai lontano 1997, durante il mio viaggio di nozze, ricordi ormai vaghi, anche perchè cerco di dimenticare il mio matrimonio andato male) ritrovata all'interno della piramide!!! *
Tutto questo perchè all'interno della piramide non è presente nessuna iscrizione... eppure gli Egizi sapevano scrivere ehehehe
Grazie a questa statuina, hanno dedotto che quella era la tomba di Cheope... Roba da matti! Io so che hanno usato questo metro, ma non sono un archeologo, ergo se qualcuno è a conoscenza di altre cose, non esiti, si faccia avanti a scrivere.
pegasus__2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 03-12-03, 20:52   #14
Redactor
Amministratore
 
Data di registrazione: Nov 2002
Messaggi: 725
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Per la precisione. Erodoto, che viaggiò lungamente in Egitto, riporta senza ombra di dubbio che le tre piramidi di Giza vennero dedicate a Cheope, Chefren, Micerino.
Per quanto riguarda le prove archeologiche, ci sono le famose iscrizioni (cartigli) scoperti da Vyse nelle camere di scarico. E altre che lo stesso Vyse scoprì allorchè tentò di trovare un’apertura sud della piramide. In questi marchi c’è scritto il nome ‘Le Due Signore’ di Cheope ... ".
Redactor non in linea   Rispondi citando
Vecchio 03-12-03, 21:12   #15
erco
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Prima cosa: ritengo necessario che chi si è interessato della questione, abbia la possibilità di raccontare qualcosa di più. Quindi si faccia avanti, come dice Pegasus, senza pregiudizi o sentenze. Vediamo di cercare di dipanare la matassa.
Stasera, ho avuto una brevissima discussione in merito, con un carissimo amico che si è interessato della faccenda e spiego quanto mi ha raccontato. Premetto che è lievemente a favore della tesi dei "giornalisti".
Premetto inoltre una considerazione di Pietro Planezio, non riferita a questo caso, secondo la quale chi scrive libri o pubblica articoli (o si presenta a talk-show o comunque, si rende famoso) lo fa per il proprio "benessere". Infatti vende libri, viene intervistato, piace al pubblico che "odia la scienza". Insomma: un successo! E, anche di questo, è necessario prendere atto.
Questo è quanto il mio carissimo amico, e vicepresidente di Polaris, mi ha brevemente riassunto.
I riferimenti astronomici della "piramide di Cheope" fanno pensare che la "costruzione" sia avvenuta attorno al 10450 A.C. Il cielo di quei tempi era "compatibile" con alcuni particolari della costruzione stessa.
Idem per la Sfinge che, sembra abbia qualche riferimento con la costellazione del Leone. I non corretti rapporti di dimensioni tra la testa ed il corpo della Sfinge potrebbero far pensare anche ad una sua "ricostruzione" non corretta.
Ed ora viene la parte più interessante. Se queste costruzioni sono nate realmente nel periodo citato dai giornalisti, probabilmente, a detta di alcuni, sono state costruite da civiltà precedenti il periodo dei faraoni. Sembra inoltre che alcuni tipi di lavorazioni non siano compatibili con le possibili "capacità tecniche" di queste persone. Restringendo (di molto) la cerchia di persone che accettano queste versioni, alcuni, è quasi uno sfogo naturale, deducono che a costruirle sono state "civilta" extraterrestri".
E qui mi fermo, ricordando comunque che resta sempre valida la possibile presenza di "civilta" pre-faraoniche.
Ora esprimo la prima cosa che mi viene in mente...
In astronomia, specie nella cosmologia, non esiste, apparentemente almeno, un'unica "scuola" che detta legge e zittisce gli scienziati che hanno opinioni diverse (Vedi Arp).
Trovo molto strano che, a smentire le decisioni della datazione delle piramidi, siano due giornalisti.
Vorrei sentire almento il parere di qualche archeologo che la pensa come gli scrittori del libro. Forse sarebbe in grado, esprimendosi in modo più appropriato, di smentire le teorie che vanno per la maggiore.
Senza mai dimenticare il pensiero di Planezio... A presto, Ugo * *

P.S. Anche il mio amico, certo più interessato di me, non è riuscito a terminare la lettura del libro da me citato(Planezio direbbe: però lo avete comprato!).
Seconda cosa che mi viene in mente: i movimenti "propri" delle stelle di Orione sono state prese in considerazione?
Perchè, rotta per rotta, la data della costruzione non può essere anno 36.450 A.C. ?
Il fatto che qualcuno ce l'abbia a morte con qualcun'altro non offre, a parer mio, alcun chiarimento.
Io ce l'ho a morte con chi si interessa di astrologia, ciò, credo, non sia una prova a favore degli astrologi...
  Rispondi citando
Vecchio 03-12-03, 22:30   #16
pegasus__2000
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2003
Messaggi: 95
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Quote:
Redactor
Per la precisione. Erodoto, che viaggiò lungamente in Egitto, riporta senza ombra di dubbio che le tre piramidi di Giza vennero dedicate a Cheope, Chefren, Micerino.
Per quanto riguarda le prove archeologiche, ci sono le famose iscrizioni (cartigli) scoperti da Vyse nelle camere di scarico. E altre che lo stesso Vyse scoprì allorchè tentò di trovare un’apertura sud della piramide. In questi marchi c’è scritto il nome ‘Le Due Signore’ di Cheope ... ".
Vabbè, Erodoto è posteriore, e come tutti gli storici narra le cose documentandosi su testi più antichi o addirittura trascrivendo tradizioni tramandate oralmente dal popolo... ergo non si può dedurre se sia vero o falso che le tre piramidi furono fatte costruire dai tre faraoni in questione. Non ho capito cosa avrebbe trovato Vyse... Il post sembra danneggiato...
pegasus__2000 non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 03-12-03, 22:34   #17
erco
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

E Redactor, con la sua memoria "Faraonica" ha colpito ancora!
Hai ragione Gama, Coelum settembre 2002 prima parte e ottobre 2002 seconda parte.
Le mie ricerche hanno dato buoni frutti!
Da COELVM dell'osservatorio Astronomico dell'università di Bologna marzo e aprile 1971, "La grande piramide" di R. Moia. Articolo certamente "scientifico" sul quale può essere possibile parlare con dati più reali.
Credo che l'attenta lettura dell'articolo potrà certamente essere utile come "base" di discussione.
Grazie Gabriele, e grazie anche a Coelum, Ugo

P.S. Il testo "rovinato" di Redactor, mi pare che dica questo:
E altre che lo stesso Vyse scoprì allorchè tentò di trovare un'apertura sud della piramide. In questi marchi c'è scritto il nome "Le Due Signore di Cheope ... ".
  Rispondi citando
Vecchio 03-12-03, 23:46   #18
pegasus__2000
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2003
Messaggi: 95
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Sono pienamente d'accordo con l'opinione di Pietro Planezio, mio caro Ugo: c'è chi farebbe carte false per avere successo!

Per quanto riguarda ciò che ha detto il tuo amico lascerei totalmente decadere l'ipotesi che a costruire le grandi piramidi e la Sfinge sia stata una "civilta extraterrestre", ma riterrei molto valida la teoria che possa essere esistita una o più civilta prima degli Egizi, dei Babilonesi etc. etc. con conoscenze molto avanzate, che per un oscuro motivo (un cataclisma, un meteorite o una cometa, il famoso diluvio di cui tutte le civiltà antiche fanno mensione, che ne so magari causato da un proiettile cosmico schiantatosi sul nostro pianeta) si è estinta e di cui si sono perse quasi tutte le tracce. Ho detto quasi non a sproposito, in quanto sono presenti in civiltà tra loro lontanissime delle caratteristiche comuni (vedi le piramidi egizie e quelle messicane, solo per fare un esempio, ma non voglio dilungarmi ulteriormente).

Per quanto riguarda i moti propri delle stelle 10.000 anni è un tempo abbastanza breve per poter notare movimenti apprezzabili a quanto so io (ma posso sbagliarmi, non sono di certo infallibile), specialmente se le stelle fanno parte della stessa aggregazione e si sono formate nel medesimo periodo.

"Perchè, rotta per rotta, la data della costruzione non può essere anno 36.450 A.C. ?" Ehehe hai ragione: 10.450 a.C. - 26.000 anni circa di precessione fa 36.450 a.C. !!! *

Ho scritto: "Le loro tesi non vengono accettate dagli archeologi, E ANZI (e non PERCHE'), ad esempio, Zawi Hawass il responsabile degli scavi di Giza ce l'ha a morte con questi due giornalisti".
Le prove a favore dei cosiddetti giornalisti "rivoluzionari" sono state cercate, secondo il mio modesto parere, nel posto giusto, tra le stelle!!!
pegasus__2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 04-12-03, 00:16   #19
pegasus__2000
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2003
Messaggi: 95
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Quote:
Ugo Ercolani
Il testo "rovinato" di Redactor, mi pare che dica questo:
E altre che lo stesso Vyse scoprì allorchè tentò di trovare un'apertura sud della piramide. In questi marchi c'è scritto il nome "Le Due Signore di Cheope ... ".
Ok, questo non prova che furono fatte costruire da Cheope, in quanto quest'ultimo e le sue Due Signore (beato lui *) potrebbero aver deciso di usare le piramidi come tombe e di scegliere di farsi seppellire in quella più grande, trovata già bella pronta per l'uso!!! *;D
pegasus__2000 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 04-12-03, 19:56   #20
erco
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Giza (Egitto) Anno 10450 a. C.

Vediamo un po' i miei pensieri di oggi...
Le stelle , e l'astronomia, entrano in campo da sempre.
Se devo costruirmi un orto mi conviene orientarlo in modo che prenda più sole possibile e così via. E' chiaro quindi che il cielo, le stelle, i punti cardinali hanno influenzato moltissime costruzioni. E chi studia le costruzioni antiche non puo non tenerne conto.
Poi, i posteri, potranno dire che, dato l'orientamento dell'orto, da nord a sud io ero un cultore della stella polare che proteggeva il raccolto ecc.
Scherzi a parte ci sono due quasi novità che ritengo giusto tenerne conto.
Il mio primo libro di astronomia, "Guardiamo il cielo" di Livio Gratton, mostra i moti propri delle stelle dell'orsa maggiore nel corso di 100.000 anni.
La costellazione che conosciamo noi era stravolta 100.000 anni fa e sarà stravolta fra 100.000 anni. Certamente, per questa costellazione, 10.000 anni hanno una influenza visibile anche ad occhio nudo. Quindi occorerebbe conoscere i moti propri delle stelle che formano la costellazione di Orione. Non credo che sia un'impresa impossibile per chi ne avesse voglia. Mi pare, ma non te lo posso assicurare, che nel libro non se ne parli.
Seconda "novità" è legata sempre ai "riferimenti astronomici" della piramide di Cheope. Lo studio che ti ho indicato su Coelum ne parla con precisi riferimenti, quindi, ripeto, le stelle sono sempre state in "causa".
Purtroppo ho una pessima notizia giunta or ora, mo ti spiego.
Quanto ho cominciato a fare è legato al "metodo scientifico".
Stavo cercando, sul "Il Mistero di Orione", qualche riferimento all'equatore celeste del periodo e, secondo i calcoli dell'autore, nel 2450 Epsilon Taurus (così scrive il traduttore!) ovvero la "stella 311" si trovava sull'equatore celeste, Elettrizzante sorpresa, racconta l'autore! Beato lui. Io ho cercato Epsilon Tauri e ho trovato, a lato, il numero 74. Oltre ai numeri PPM 119934 e Sao 93954. Cominciamo veramente male. Del Numero 311 nessuna menzione (uso Megastar)
Io sono bravo e buono, però non accetto di essere preso in giro da un libro.
Quindi ho deciso. Con grande dispiacere ho rimesso il libro sullo scaffale ed ho abbandonato qualsiasi interesse alla vicenda.
Come è possibile, per le mie misere capacità, decifrare la scrittura di un libro che non parla la lingua che io sono abituato a conoscere?
Ho dedicato al "Mistero di Orione" molto più tempo di quanto meritasse.
Sono veramente spiacente di questa triste conclusione.
Ti auguro di trovare, nelle tue ricerche, testi che soddisfino appieno le tue curiosità scientifiche, a presto, Ugo
  Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 00:21.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it