Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astrofisica e Cosmologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 07-04-17, 22:08   #531
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 572
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Per quanto riguarda invece l'immodificabilità della luce nello Spazio:

IN 1997 astronomer John Webb and his team at the University of New South Wales in Sydney analysed the light reaching Earth from distant quasars. On its 12-billion-year journey, the light had passed through interstellar clouds of metals such as iron, nickel and chromium, and the researchers found these atoms had absorbed some of the photons of quasar light – but not the ones they were expecting.

If the observations are correct, the only vaguely reasonable explanation is that a constant of physics called the fine structure constant, or alpha, had a different value at the time the light passed through the clouds.

But that’s heresy. Alpha is an extremely important constant that determines how light interacts with matter – and it shouldn’t be able to change. Its value depends on, among other things, the charge on the electron, the speed of light and Planck’s constant. Could one of these really have changed?

No one in physics wanted to believe the measurements. Webb and his team have been trying for years to find an error in their results. But so far they have failed.

Webb’s are not the only results that suggest something is missing from our understanding of alpha. A recent analysis of the only known natural nuclear reactor, which was active nearly 2 billion years ago at what is now Oklo in Gabon, also suggests something about light’s interaction with matter has changed.

The ratio of certain radioactive isotopes produced within such a reactor depends on alpha, and so looking at the fission products left behind in the ground at Oklo provides a way to work out the value of the constant at the time of their formation. Using this method, Steve Lamoreaux and his colleagues at the Los Alamos National Laboratory in New Mexico suggest that alpha may have decreased by more than 4 per cent since Oklo started up (Physical Review D, vol 69, p 121701).

There are gainsayers who still dispute any change in alpha. Patrick Petitjean, an astronomer at the Institute of Astrophysics in Paris, led a team that analysed quasar light picked up by the Very Large Telescope (VLT) in Chile and found no evidence that alpha has changed. But Webb, who is now looking at the VLT measurements, says that they require a more complex analysis than Petitjean’s team has carried out. Webb’s group is working on that now, and may be in a position to declare the anomaly resolved – or not – later this year.

“It’s difficult to say how long it’s going to take,” says team member Michael Murphy of the University of Cambridge. “The more we look at these new data, the more difficulties we see.” But whatever the answer, the work will still be valuable. An analysis of the way light passes through distant molecular clouds will reveal more about how the elements were produced early in the universe’s history.


https://www.newscientist.com/article...ot-make-sense/

E' quindi assolutamente certo che la velocità della luce sia costante, o che la luce non interagisca con la materia, "stancandosi"?
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 08-04-17, 07:44   #532
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 10,200
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
Giusto come aneddoto interessante: un'anomalia nel moto delle sonde Pioneer aveva fatto pensare a una possibile messa in discussione della Relatività.

http://www.space.com/16648-pioneer-a...ry-solved.html
Per l'esattezza la frase è questa:
"The scientists couldn't explain the slight slowdown, so they raised the possibility that some new type of physics that contradicted Albert Einstein's general theory of relativity may be responsible."
Mi sa che si tratta di una libera e fantasiosa interpretazione del giornalista, perché eventuali deviazioni da quanto previsto dalla RG possono essere rilevati là dove, nelle previsioni, la RG differisce sensibilmente dalla gravitazione newtoniana, quindi in vicinanza del Sole, e NON alle grandi distanze, là dove le differenze tendono ad annullarsi.

Paradossalmente, una delle possibili cause della anomalia avrebbe potuto essere la materia oscura: se per esempio fosse distribuita uniformemente nello spazio, il suo effetto gravitazionale cumulativo crescerebbe con il cubo della distanza dal Sole, e quindi diventerebbe tanto più sperimentalmente rilevabile quanto più fosse grande la distanza, e non viceversa.
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 00:17   #533
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 777
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
Beh ai tempi di Tesla la corrente alternata era considerata di scarsa utilità...
1) che c'entra
2) non è vero
3) la corrente alternata è lungi dall'essere "un'idea semplice"
Quote:
Comunque per apprendere meglio le cose, meglio non apprenderle acriticamente.
L'intero sistema accademico è fondato sull'apprendere le cose criticamente, quindi? Che stai a dire?

Quote:
E per farle apprendere meglio, meglio divulgarle con precisione e i dovuti distinguo. Così si evitano possibili incomprensioni, e deviazioni.
L'apprendimento non si fa con la divulgazione. La divulgazione divulga. Se vuoi apprendere segui dei corsi, o studia sui libri per conto tuo, oppure se hai qualche centinaio di anni da impiegare rifai tutti gli esperimenti. Voler imparare le cose dalla divulgazione è semplicemente stupido.

Riguardo alla qualità e alla correttezza della divulgazione, vanne a parlare coi divulgatori, non con me. Io dal canto mio, qui sul forum, ho sempre parlato con precisione e ho sempre tenuto presente la differenza tra fatti comprovati e i modelli che megli descrivono i dati, ma che non sono definitivi.
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 00:23   #534
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 777
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
E' quindi assolutamente certo che la velocità della luce sia costante, o che la luce non interagisca con la materia, "stancandosi"?
https://www.youtube.com/watch?v=n2N6WUv9AZs
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 10:24   #535
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 572
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Nulla al mondo è inevitabile, se non la morte, le tasse, e la permalosità.

Poi esistono vari livelli di apprendimento, come esistono, tornando alla metafora del calcio, varie categorie.

Esplicito meglio ciò che intendevo (e che presumo intendano le persone che hanno pubblicato sul Il Fatto, e che ho citato): se si vuole che tante persone non "devino" verso interpretazioni e teorie fantasiose, meglio porsi nei loro confronti con un atteggiamento umile in senso lato (per cui non presentare le proprie verità come assolute quando non lo sono, e non dare troppe cose per scontate, rifacendosi a un "fidatevi di me" che ormai sembra andare di moda) e non da autorità accademica (magari in salsa tronfia italiana).

Inoltre, mi spiace ribadirlo, ma il fatto che il sistema scolastico italiano, università (e relativi baroni) inclusa, mortifichi il critical thinking, è una realtà sotto gli occhi di tutti.

Comunque esplicito anche questo: non mi riferivo a te.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 11:01   #536
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 777
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
Inoltre, mi spiace ribadirlo, ma il fatto che il sistema scolastico italiano, università (e relativi baroni) inclusa, mortifichi il critical thinking, è una realtà sotto gli occhi di tutti.
La mia esperienza diretta dice il contrario. La scienza poi, e in particolare l'astrofisica, è intrinsecamente internazionale, quindi il sistema italiano ha ben poco impatto
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 12:38   #537
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 572
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Il sistema italiano ha impatto su quello che si divulga e insegna in Italia.

A monte la questione che ho sollevato (riportando delle considerazioni altrui) è: visto che tanta gente non crede alle teorie ufficiali, e invece ha fiducia in modelli alternativi, è possibile che ci sia una responsabilità del mondo accademico in tutto questo?
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 12:53   #538
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 572
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Planezio ha dato la sua risposta in merito, molto tranchant.

Io penso che invece anche in questo caso si debba andare oltre le "idee semplici".

Detta in altri termini: l'impegno profuso nel far quadrare le equazioni, è lo stesso profuso nel comunicare, e divulgare? Il rigore è lo stesso?

Comprendo il fastidio che si può avere nell'avere ripetutamente a che fare con scettici disinformati, ma siamo sicuri che certe teorie vadano enunciate con tanta sicurezza? e siamo sicuri che si incentivi adeguatamente lo spirito critico nei corsi universitari?

Ultima modifica di Nicolaldo : 09-04-17 13:34.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 14:48   #539
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 10,200
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
... visto che tanta gente non crede alle teorie ufficiali, e invece ha fiducia in modelli alternativi, è possibile che ci sia una responsabilità del mondo accademico in tutto questo?
Ma stai parlando si scienza in generale o stai parlando di cosmologia ?

Perché se stai parlando di cosmologia, a che percentuale dell'umanità pensi gliene freghi concretamente qualcosa se c'è stato davvero un BB oppure no ?...
Quote:
Comprendo il fastidio che si può avere nell'avere ripetutamente a che fare con scettici disinformati...
Quelli ci sono e ci sarebbero comunque a proposito di tutto. Ogni tanto compare ancora qualcuno che pensa di aver inventato il moto perpetuo...
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-04-17, 16:40   #540
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 572
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Mizarino Visualizza il messaggio
Ma stai parlando si scienza in generale o stai parlando di cosmologia ?

Perché se stai parlando di cosmologia, a che percentuale dell'umanità pensi gliene freghi concretamente qualcosa se c'è stato davvero un BB oppure no ?...
Parlo in generale, per applicarlo al particolare. Il fatto che gli appassionati di riferimento siano 100.000 invece che 7 miliardi, non credo che implichi che la logica e le dinamiche differiscano considerevolmente, anche se in un ambito più ristretto e colto c'è da aspettarsi una maggiore ragionevolezza media.

Penso che comunicare meglio, e specificando che molte questioni non sono ancora definitivamente chiuse, e conseguentemente anticipando le obiezioni, creerebbe meno diffidenza o ostilità in alcune persone, e le avvicinerebbe maggiormente alle posizioni prevalenti in ambito accademico. E questo a prescindere da quanto trendy sia l'ambito, e da quanti like prenda su Facebook.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 22:46.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it