Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Autorecensione Strumentazione
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 15-09-18, 17:25   #1
delo
Utente Esperto
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,403
Predefinito Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

Da qualche tempo stavo valutando l'acquisto di un oculare sui 40mm per l'osservazione di oggetti estesi a bassa luminosità superficiale, eventualmente con filtri nebulari.
Il progetto era ancora molto vago, e non ero andato oltre una generica ricognizione dei modelli disponibili; il caso tuttavia ha voluto altrimenti.
A dire il vero nella mia rosa iniziale non avevo contemplato gli ES, ma il prezzo tutto sommato concorrenziale e la buona reputazione di cui gode il marchio (almeno per alcune linee), uniti alla possibilità di avere l'oculare tra le mani per la serata mi hanno convinto ad acquistare il massiccio 40mm della linea "68° Ar" dallo stand di Tecnosky in occasione dell'ultimo Star Party di Saint Barthelemy.

L'oculare, una mostruosità grossa come una lattina di birra e pesante 1 kg, presenta una realizzazione abbastanza accurata: la generosa lente frontale esibisce un bel riflesso verde in luce naturale, e non ho rilevato tracce di polvere o altro materiale tra le lenti; tuttavia non ho apprezzato il paraluce (una minuscola conchiglia di gomma, il cui scopo principale pare essere quello di trattenere il tappo superiore) e l'opacizzazione del barilotto, decisamente migliorabile.
Nel complesso l'impressione è quella di un oggetto che ambisce ad avvicinarsi alla categoria "premium" riuscendo a mantenere l'illusione sino a che un'osservazione ravvicinata ne svela le piccole sbavature ed economie.

L'oculare dovrebbe essere sigillato e riempito con Argon: a parte proprietà di questionabile utilità (è dichiarato "impermeabile"...), ciò dovrebbe conferire una buona resistenza all'appannamento e ad aggressioni da parte di muffe; resta da vedere la durata nel tempo della sigillatura.


L'ES ha esibito un'eccellente (quanto scarsamente sospettata, vista la rudimentale conchiglia e ampia estrazione pupillare) ergonomia, risultando praticamente immune da fenomeni molesti quali "black out" (possibile, ma difficile, di notte; più facile di giorno), "kidney beaning" (totalmente assente), "edge of field brightening" (assente).
Per quel che riguarda le prestazioni, nell'Alter 500 l'oculare presentava un ottimo controllo dell'astigmatismo sino al diaframma di campo, nitido e a fuoco: per quanto non si tratti di un test particolarmente severo, è per il piccolo catadiottrico che ho acquistato l'oculare e pertanto tale risultato è stato per me molto significativo.
L'oculare ha fornito prestazioni soddisfacenti anche con il rifrattore FC 100/740 DF, decisamente meno con il Celestron C8 (lo strumento non è realmente corretto per oculari da 2", specie con diaframma di campo così ampio).
L'oculare presenta un rilevante ammontare di distorsione, caratteristica comune in questa tipologia d'oculare in quanto esteticamente ininfluente nell'utilizzo sui campi stellari, che ne rende a mio parere molto sgradevole l'utilizzo diurno.
Come segnalato per altri modelli, l'oculare esibisce aberrazione cromatica nella porzione più periferica (a stima per meno di 1/10 del campo apparente): ritengo però questo reperto realmente intrusivo solo inquadrando la Luna, o paesaggi terrestri in buona illuminazione. La restante porzione del campo presenta invece una buona fedeltà cromatica, senza dominanti.


In conclusione ritengo che l'ES 40mm/68° possa rappresentare una scelta interessante per i possessori di strumenti a medio/lungo fuoco con ampio campo corretto.
L'oculare è evidentemente pensato per l'osservazione di campi stellari o oggetti deboli di ampie dimensioni, mentre esito a consigliarlo ai possessori di grossi telescopi interessati anche a un oculare per panoramiche lunari (l'ES40 è a mio parere un po' "molle" in condizioni di forte illuminazione rispetto ad altri modelli).
Il principale difetto è rappresentato dall'enorme peso: strumenti molto piccoli, o con meccanica fragile, potrebbero diventare problematici da gestire, così come montature molto leggere.
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 15-09-18, 19:03   #2
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 47,437
Predefinito Re: Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

Io sul mio amatissimo ex M500 INTES MICRO, usavo con profitto straordinario il BAADER ASPHERICA da 31mm/72°.

Solo un pelo infinitesimo meno piatto risultava il fratello maggiore da 36mm/72° .

Entrambi inarrivabilmente leggeri per essere dei 2 pollici ed entrambi si esibiscono superbamente sul mio attuale INTES MICRO M603 da 152/1520mm ad f10.

Tornando All'IM 500 da 127/1270mm, con sopra l'ASPERIC da 31mm/72°, ottenevo 40x e ben 1°,8 di campo reale.

Con l'ASPHERIC da 36mm/72, ottenevo 35x e ben 2°,06 di campo reale, un valore strardinariamente ampio per un catadiottrico e pure a campo spianato.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM--torretta LUMICON--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 16-09-18, 09:16   #3
delo
Utente Esperto
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,403
Predefinito Re: Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

In realtà di solito utilizzo un Tal25mm/82°, che è piuttosto compatto e leggero (ca 300g) e fornisce un campo molto ampio (quasi 1° e mezzo a 60x); quello che volevo era un oculare che aumentasse la pupilla d'uscita.
Il 36mm Hyperion era nella rosa delle possibilità (avevo reputato abbastanza ridicolo acquistare un Panoptic per usarlo su strumenti a f/9 o più lenti), mentre non avevo nemmeno contemplato l'ES 40mm, ma Tecnosky aveva sottomano questo 40mm e così la sorte ha deciso...
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-09-18, 10:50   #4
astro61
Utente
 
L'avatar di astro61
 
Data di registrazione: Oct 2012
Ubicazione: Novara
Messaggi: 787
Predefinito Re: Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

A proposito di E.S. ho appena ordinato anch'io, dal Giuliano, due 9mm della nuova serie LER 62°. Vedremo...
__________________
DUE OCCHI VEDONO MOLTO MEGLIO DI UNO
C11HD su iOptron CEM60 e cavalletto Geoptik Hercules, rifrattore SW 150/750 con focheggiatore Titanium su iOptron AZ Mount Pro, APM 140 f/7, torretta Baader Zeiss Mark V, coppie di Takahashi LE 30, 12.5 e 5mm, coppia di Televue Panoptic 24mm, coppia di Meade 18mm serie 5000 HD-60, coppia di TS 7mm UWAN 82°, TS 40mm Paragon ED , Televue plossl 11mm, Meade serie 4000 Japan 26 e 15mm, Sky Quality Meter-L, Canon 12x36 IS II
astro61 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-09-18, 15:55   #5
sethy65
Utente
 
L'avatar di sethy65
 
Data di registrazione: Jan 2014
Ubicazione: Sondrio
Messaggi: 899
Predefinito Re: Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

Secondo me Explore Scientific è un marchio di tutta eccellenza ... mi riferisco agli oculari naturalmente (io ho tutta la serie 82°)
__________________
APM Apo 140 ED - Celestron Edge 11 HD - Lunt LS60mm/DS60/B1200CPT - Meade ACF 8" - Skywatcher Skymax Mak 127 - Stein Optik 80/1200 * Celestron CGEM DX - Celestron Nexstar Evolution - Explore Scientific Twilight I - TS AZT6
sethy65 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-09-18, 16:21   #6
Fran68
Utente Senior
 
L'avatar di Fran68
 
Data di registrazione: Feb 2015
Ubicazione: Catania
Messaggi: 1,058
Predefinito Re: Oculare Explore Scientific 40mm 68° Ar

Posseggo anche io l’oculare del titolo, enorme e pesante, ho posseduto il Vixen lxw 42mm da 72 gradi, rivenduto a seguito della vendita del mio primo C925, adesso avendo nuovamente lo S.C. Ho sentito l’esigenza di un oculare con focale lunga, per cui ad un prezzo molto vantaggioso, alcuni mesi fa (dai tedeschi) ho preso l’E.S. 40 mm 68 gradi
Il Vixen è un oculare top con peso ed ingombro molto basso e da questo punto di vista è veramente consigliabile, dal punto di vista della comodità in visione e qualità ottica, vado a memoria...ma nn ci sono enormi differenze rispetto al E.S.
__________________
Rifrattore sw 120/900 ed, Celestron C9,25
binocoli:nikon monarch 7 10x42.
Oculari: 12,5 orto takahashi in coppia; E.S. 14 mm in coppia;baader Morpheus 17,5 in coppia; Celestron x-cel 9 e 25mm in coppia;31 hiperion aspheric;e.s. 40 mm; baader Morpheus 6,5;9;12,5; Torretta Baader Zeiss
Azeq6 con Treppiede fortificato e mezza colonna 33cm

Ultima modifica di Fran68 : 16-09-18 16:25.
Fran68 non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 05:20.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it