Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astrofisica e Cosmologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 04-08-17, 17:27   #631
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 739
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Fintanto che quello che si muove viaggia nella stessa direzione, puoi solo misurare la velocità relativa. Quando inverte la direzione puoi anche determinare qual'è quello dei due che si sta muovendo, e invecchiando di meno.
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 04-08-17, 19:16   #632
paolopunx
Moderatore
 
L'avatar di paolopunx
 
Data di registrazione: Jan 2005
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Spesso si tende a pensare che chi viaggia più veloce invecchia più lentamente... ma finché si tratta di sistemi inerziali, per ognuno è il tempo dell'altro che scorre più lentamente (e le lunghezze che si contraggono).
Ciò significa che se per un terricolo il tempo di un'astronave che si muove a velocità costante relativistica si dilata (scorre più lentamente), per l'astronauta è il tempo del terricolo che scorre più lentamente.

Le cose cambiano solo se l'astronave cambia velocità (in modulo, direzione o verso).
Il classico esempio è quello noto come paradossi dei gemelli.
In questo caso il gemello astronauta ad un certo punto inverte la direzione di marcia (la velocità cambia di verso), pertanto cambia sistema di riferimento, la simmetria si rompe e il gemello astronauta torna a Terra più giovane...
Uno dei modi per risolvere il paradosso dei gemelli è quello di inviare ad intervalli di tempo regolari (per il proprio sistema di riferimento) dei segnali luminosi... cosa accade si può vedere in questa figura (diagramma di Minkowski) che ho realizzato.

https://postimg.org/image/b7cqtv49h/

Paolo

PS: le linee tratteggiate sono le linee di simultaneità del sistema astronave (eventi simultanei per l'astronave) , all'andata ed al ritorno...
__________________
Fotografo con Canon EOS 1000D modificata, su GSO RC 8" , focale 1600mm, telescopio guida acromatico 80/400 e Magzero Mz5 B/n, il tutto su EQ6 .
''Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi'' (Albert Einstein)
paolopunx non in linea   Rispondi citando
Vecchio 06-08-17, 15:03   #633
wpro153
Utente Junior
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Ancona
Messaggi: 346
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Molto interessante e bello il grafico. Ma ancora manca una parte davvero "sostanziosa": ovvero esiste o no il tempo e cosa è il tempo?

E' tempo che mi faccio una granita ...
wpro153 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 06-08-17, 15:26   #634
paolopunx
Moderatore
 
L'avatar di paolopunx
 
Data di registrazione: Jan 2005
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Non ti basta il caldo... giusto una domandina semplice, semplice...
Sinteticamente si potrebbe provare a rispondere almeno alla prima domanda.
Esiste il tempo?
Direi di si...
Prova a rimanere fermo (rispetto al suolo terricolo), su una sedia per 20 giorni, nel frattempo sono successe un sacco di cose: la barba cresce, se non ti sei alimentato dimagrisci, ecc.
Nel tuo sistema di riferimento puoi pensare anche di non muoverti nello spazio (o meglio rispetto al suolo terricolo, poichè in realtà la terra si muove...), ma ti muovi comunque nel tempo...
Semmai il problema è come misurare il tempo...
In genere si prendono a riferimento dei fenomeni che si ripetono ciclicamente e periodicamente : il periodo di rivoluzione della Terra intorno al sole, il periodo di rotazione della Terra, la frequenza di risonanza di un atomo, ecc.
Ciò non toglie che la misura del tempo, come quella dello spazio sono strettamente legate al proprio sistema di riferimento...
Cos'è il tempo, invece, è una domanda più filosofica... e non basta la sua definizione in termini di coordinata indispensabile insieme alle tre coordinate spaziali per identificare un evento nel proprio sistema di riferimento.


Paolo
__________________
Fotografo con Canon EOS 1000D modificata, su GSO RC 8" , focale 1600mm, telescopio guida acromatico 80/400 e Magzero Mz5 B/n, il tutto su EQ6 .
''Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi'' (Albert Einstein)
paolopunx non in linea   Rispondi citando
Vecchio 06-08-17, 20:26   #635
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 739
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
wpro153 Visualizza il messaggio
esiste o no il tempo e cosa è il tempo?
Il tempo è ciò che misuri con un orologio
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-08-17, 17:13   #636
tecnocrash
Utente Junior
 
L'avatar di tecnocrash
 
Data di registrazione: Sep 2009
Messaggi: 183
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Ganondolf Visualizza il messaggio
Fintanto che quello che si muove viaggia nella stessa direzione, puoi solo misurare la velocità relativa. Quando inverte la direzione puoi anche determinare qual'è quello dei due che si sta muovendo, e invecchiando di meno.
Devo pensare che il paradosso dei gemelli lo risolvi con l'accelerazione e quindi con la R.G.?
Riporto cosa dice in proposito Roger Penrose in "The road to reality" pg 421:
It used to be frequently argued that it would be necessary to pass to Einstein’s general relativity in order to handle acceleration, but this is completely wrong. The answer
for the clock times is obtained using the formula Ð ds (with ds>0) in
both theories. The astronaut is allowed to accelerate in special relativity,
just as in general relativity. The distinction simply lies in what actual
metric is being used in order to evaluate the quantity ds; i.e. it depends
on the actual gij . We are working in special relativity provided that this
metric is the Xat metric of Minkowski geometryM. Physically, this means
that the gravitational Welds can be neglected. When we need to take the
gravitational Welds into account, we must introduce the curved metric of
Einstein’s general relativity.
tecnocrash non in linea   Rispondi citando
Vecchio 09-08-17, 21:47   #637
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 739
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Infatti, Penrose ha perfettamente ragione, non c'è bisogno di tirare in ballo la RG per risolvere il paradosso. La RS è ben in grado di descrivere accelerazioni in spazitempi piatti
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-08-17, 07:57   #638
wpro153
Utente Junior
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Ancona
Messaggi: 346
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Possiamo certamente misurare il tempo con un orologio, ma manca ancora una definizione convincente di cosa è. Ancora la velocità e la gravità appaiono influenzarlo (esistono altre condizioni che possono modificare il suo scorrere?). La descrizione geometrica dello spazio tempo è l'unica possibile?

In fondo il tempo diventa una necessità per la conseguenzialità degli eventi. Un po' come due foto successive e la seconda viene sempre dopo la prima. Ma a ben vedere un evento emerge alla coscienza circa mezzo secondo dopo che esso è rilevato e questo produce un ritardo tra realtà "vera" e realtà "percepita". Anche il tempo ha le sue trappole. Ancora la velocità in fondo è una misura e nasce da un spazio diviso il tempo necessario a percorrerlo. Se il tempo di colui che percorre questo spazio, per qualche motivo, scorre più lentamente rispetto ad un osservatore esterno, l'osservatore esterno che velocità misurerà?

Per cui se io cammino alla velocità della luce (nell'esempio cui sopra) un'osservatore esterno a che velocità mi vedrebbe percorrere lo stesso spazio? Mi viene da rispondere "alla velocità della luce", ma sinceramente mi è proprio difficile da digerire.



W.
wpro153 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-08-17, 08:48   #639
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,925
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
wpro153 Visualizza il messaggio
... Ma a ben vedere un evento emerge alla coscienza circa mezzo secondo dopo che esso è rilevato e questo produce un ritardo tra realtà "vera" e realtà "percepita". ...
.
Sei un po' lento di riflessi. Fai attenzione quando guidi la macchina...
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 08:43.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it