Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astrofisica e Cosmologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 17-09-17, 19:33   #681
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Eppure un esperto in escamotage come il commercialista non lo sottovaluterei.

Ma sì, sicuramente è così.

Però focalizzandosi solo ed esclusivamente su un'opzione "vincente" (ma non definitiva) si potrebbe correre il rischio di finire intrappolati in un'ottica ristretta, mentre riflettendo anche su opzioni "scartate", si potrebbe tirarne fuori delle varianti o degli adattamenti interessanti.

Per cui meglio ogni tanto farsela anche con non-simili, con persone con vedute e background differenti.

Lo so, la Scienza non è un brainstorming di un'agenzia di pubblicità.

E il tempo è una risorsa limitata.

Però magari ogni tanto cambiare aria può far scattare qualche scintilla interessante,
anche come esercizio di debiasing.

Ultima modifica di Nicolaldo : 17-09-17 19:36.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-09-17, 13:01   #682
wpro153
Utente Junior
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Ancona
Messaggi: 353
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Da buon fruttivendolo una osservazione la vorrei fare ovvero, perché una singolarità puntiforme all'inizio? Del resto, ne sono convinto, una singolarità puntiforme è assai improbabile da realizzare. Infatti al centro di un pianeta sferico omogeneo la gravità è pari a zero (se la potessimo misurare), mentre il massimo della gravità, in questo esempio lo si misura alla superficie. Ne deriva che una singolarità forse si, ma non puntiforme, magari toroidale? Sferica? E se qualcuno/qualcosa si trovasse al centro di tale singolarità, al centro di una singolarità sferica, per esempio, cosa osserverebbe?

wpro153 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-09-17, 15:39   #683
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,462
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ciò che è davvero singolare è l'ossessione per la singolarità.

Nella singolarità tutte le leggi fisiche perdono di senso, perciò può solo essere guardata come il limite a cui tenderebbero le leggi fisiche se restassero totalmente valide anche a densità infinita e volume nullo.

Ma siccome perdono di senso, la tua domanda acquista una connotazione metafisica, del tipo "quanti angeli possono trovar posto sulla punta di uno spillo ?".
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 06:22   #684
aleph
Utente Esperto
 
L'avatar di aleph
 
Data di registrazione: Jul 2005
Ubicazione: Roma
Messaggi: 1,983
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ma senza neanche arrivare alla singolarità, la vera barriera fisica è l'orizzonte degli eventi.

Tutto ciò che è descrivibile e dunque "esiste" in senso fisico arriva fino all'orizzonte degli eventi, punto.

Già una frase in cui ci fosse il più semplice termine che tenti di fare capolino al di là di questa vera barriera, tipo quando ci si chiede cosa succede "una volta varcato l'orizzonte" oppure cosa "c'è" al di là, quasi come se potesse esistere una cosa tipo spazio, energia o quello che ci pare al di là della barriera, è una frase metafisica, fantastica, non reale insomma.

Per quale motivo poi gli scienziati stessi si trovino spesso a fantasticheggiare o fare appunto metafisica non ho idea, comunque quando parlano in quel modo non parlano di scienza.

Questa barriera fisica dell'orizzonte degli eventi secondo me non è neanche incoerente con il suo comportamento fisico fondamentale, ossia propagare nello spazio solamente gravità, carica elettrica e momento angolare. Anzi, ciascun orizzonte degli eventi è un preciso oggetto astrofisico, ha una forma sferica e un raggio ben preciso. Questa particolare sfera senza interno anzi è secondo me pure più affascinante da un punto di vista fisico di tante altre fantasie...

aleph non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 07:38   #685
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,462
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
aleph Visualizza il messaggio
Ma senza neanche arrivare alla singolarità, la vera barriera fisica è l'orizzonte degli eventi.

Tutto ciò che è descrivibile e dunque "esiste" in senso fisico arriva fino all'orizzonte degli eventi, punto.
Vero!
Tuttavia un ulteriore salto concettuale c'è.
La teoria che prevede l'orizzonte degli eventi non perde di senso all'interno di questo, interno che quindi, pur precluso all'osservazione sperimentale, non lo è alla speculazione teorica.
Per contro nella singolarità è la teoria stessa che perde di senso, come in aritmetica una divisione per zero, per cui anche una speculazione lì risulterebbe vana.
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 08:42   #686
wpro153
Utente Junior
 
Data di registrazione: Mar 2009
Ubicazione: Ancona
Messaggi: 353
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Mizarino Visualizza il messaggio
quanti angeli possono trovar posto sulla punta di uno spillo?".

Paradossalmente è proprio la domanda a creare il paradosso. E questo sottolinea, a pensarci bene, proprio l'errore di considerare l'aspetto "puntiforme" derivante dalla rigida applicazione del modello geometrico relativistico alla realtà. Mi chiedo se in fondo non riusciamo a comprendere ciò che accade all'interno di una singolarità proprio perché essa magari non esiste o perché forse vi siamo dentro. Una forma a "sfera o ad anello" di una singolarità, in fondo, divide lo spazio all'interno di essa da quello all'esterno (ammesso che vi sia un modo per differenziarlo) e se non poniamo limiti al raggio di questa singolarità (per esempio circa 14 miliardi di anni luce), ci troveremmo nella condizione di non sapere se ci troviamo dentro o fuori di essa nel nostro caso. Se ci trovassimo intorno al centro e se la forza di gravità è maggiore sulla superficie che al centro mi aspetterei proprio di osservare una accelerazione guardando " verso la superficie ". Possibile che l'universo sia una sorta di "buco nero"?

Ma è solo una teoria strampalata su cui l'incompletezza regna sovrana, infatti al di sopra di una minima complessità....

ps: se nulla può uscire dalla singolarità, come fa la gravità a venirne fuori? E questo in assenza di una teoria quantistica della gravità valida come lo si spiega?



Ultima modifica di wpro153 : 24-09-17 08:49.
wpro153 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 09:23   #687
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,462
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
wpro153 Visualizza il messaggio
Paradossalmente è proprio la domanda a creare il paradosso. E questo sottolinea, a pensarci bene, proprio l'errore di considerare l'aspetto "puntiforme" derivante dalla rigida applicazione del modello geometrico relativistico alla realtà.
Guarda che sei tu che lo applichi e quindi fai l'errore.
Prova a chiedere a Ganondolf (non a me che non sono del mestiere) se lui lo fa o se ha senso farlo.
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 10:04   #688
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,763
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Si parla tanto, vedo, di "Orizzonte degli eventi".
Bene, non è una cosa sconosciuta, ha un valore NUMERICO preciso.
Se stimiamo la Massa dell'Universo all'epoca del (presunto) Big Bang (anche senza tener conto della materia oscura) in 300 miliardi di Galassie ciascuna con 300 miliardi di masse solari, viene un totale di 9*10^22 masse solari. In questo caso l'orizzonte degli eventi vale 3*9*10^22 = 2,7*10^23 km.
Che sono, ma guarda un po', quasi 30 MILIARDI di anni luce.
E allora?
TUTTO il NOSTRO Universo si espande DENTRO il suo orizzonte degli eventi?

Ciao

P.S Che poi mi viene in mente una cosa:
In un articolo di Alan Guth, di una trentina d'anni fa, ai tempi della presentazione dell'"inflazione", Guth stesso diceva che il PARAMETRO DI DECELERAZIONE doveva necessariamente essere, per vedere l'Universo come NOI lo vediamo adesso, entro una parte su 10^15 vicinia "1", cioè con geometria dell'Universo piatta.
Boomerang in primis e poi satelliti mostrarono che, IN EFFETTI, la geometria dell'universo, ovviamente a grandi linee, sembra piatta.....
Perché (diceva Guth) per differenze maggiori, "O" l'Universo sarebbe già "imploso" oppure sarebbe disperso in maniera esagerata.
Ma se l'espansione sta accelerando?
Credo che la situazione generale sia un po' confusa. Per far tornare i conti prima si ricorre alla materia oscura, poi ANCHE all'Energia oscura, insomma....
Sinora non si è ancora ricorsi allo "Spirito Santo", ma non mi stupirei se, prima o poi...

Ultima modifica di Planezio : 24-09-17 14:10.
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 17:31   #689
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 782
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

[quote] Prova a chiedere a Ganondolf (non a me che non sono del mestiere) se lui lo fa o se ha senso farlo. [quote]
Penso, in quasi 70 pagine di questo thread, di essermi espresso abbondantemente sull'argomento. Ma c'è chi fa orecchi da mercante...

Quote:
Planezio Visualizza il messaggio
TUTTO il NOSTRO Universo si espande DENTRO il suo orizzonte degli eventi?
No, perché il nostro universo non è un buco nero.

Quote:
Credo che la situazione generale sia un po' confusa
A me sembra che sia confuso solo chi non conosce la fisica
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-09-17, 19:54   #690
aleph
Utente Esperto
 
L'avatar di aleph
 
Data di registrazione: Jul 2005
Ubicazione: Roma
Messaggi: 1,983
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

A me sembra che la fisica, se con questo termine si vuole ancora intendere la conoscienza della natura, non la conoscono soprattutto quelli che la studiano.

La descrizione migliore della natura che ci sanno dare gli addetti ai lavori è veramente poco elegante e dubito che per quanto complessa potrà mai essere la vera descrizione, questa sia anche lontanamente imparentata ad una simile schifezzuola.

aleph non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 18:55.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it