Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Autorecensione Strumentazione
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 13-06-19, 17:34   #1
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,569
Predefinito Vixen SG 2.1x42

Il Vixen SG 2.1x42 è un piccolo binocolo a grandissimo campo realizzato e commercializzato dall'azienda giapponese (in realtà Vixen realizza le componenti, e Miyauchi si occupa dell'assemblaggio).
Si tratta di un genere di prodotto non popolarissimo ai nostri climi per l'osservazione del cielo notturno, ma che potrebbe risultare più familiare agli estimatori di teatri (sebbene con livree ben differenti dal sobrio modello Vixen...): impiega infatti una versione dello schema galileiano, con tutto ciò che comporta nel bene e nel male.

MECCANICA
Il binocolo è ben realizzato anche se, come ho notato spesso con i prodotti Vixen, c'è qualche "peccatuccio".
Il sistema di messa a fuoco individuale è preciso e presenta un ottimo bilanciamento tra fluidità e resistenza, sebbene l'escursione non sia molto ampia; molto buono anche il meccanismo per la regolazione interpupillare.
Le dimensioni molto ridotte rendono in una certa qual misura "complicata" l'impugnatura, con un rischio concreto di toccare le lenti frontali, o l'eventualità di cadute; a ovviare il secondo è stata prevista una tracolla, in realtà un oggetto alquanto scadente e simile ai laccetti forniti con le macchine fotografiche compatte.
Sfortunatamente, essendo prevista una singola asola sul lato sinistro, non è nemmeno possibile rimediare artigianalmente.
IChiudo il paragrafo segnalando due piccole mancanze: l'assenza di una filettatura frontale per filtri nebulari da 50.8mm, e l'assenza di un paraluce circonferenziale morbido sugli oculare.

OTTICA
Le lenti presentano un ottimo trattamento antiriflesso, apparentemente identico a quello impiegato sui rifrattori della casa Giapponese, cui s'uniscono adeguata opacizzazione e diaframmatura.
Il campo inquadrato è sterminato (ad esempio l'intero Leone), sebbene l'ampiezza effettiva possa variare notevolmente a seconda dell'estrazione pupillare tollerata; ovviamente la correzione complessiva è lungi dalla perfezione, con evidente distorsione di giorno, e coma di notte.
A stima, con la mia estrazione pupillare, la distorsione è ben controllata solo nel terzo centrale (ca 9°), mentre l'aspetto delle figure diffrattive stellari è accettabile fino a circa metà (12-13°: in sostanza l'area tra Mizar e Phecda).
In uno strumento a così largo campo il controllo dei riflessi e della luce diffusa è vitale poichè è praticamente inevitabile inquadrare oggetti molto luminosi: il piccolo binocolo Vixen ha superato egregiamente la prova, con una soppressione totale dei riflessi della Luna e un invidiabile controllo della luce diffusa (assimilabile a un ottimo rifrattore).
Lo strumento non esibisce alcuna dominante cromatica.

PRESTAZIONI
Il Vixen SG 2.1x42 regala un'esperienza molto particolare, ma estremamente affascinante. Posando gli occhi nel binocolo si ha come l'impressione di godere di una vista potenziata: le stelle di campo aumentano drammaticamente, le stelle più luminose si caricano di colore, la trama della Via Lattea si dipana con maggior chiarezza, e il numero di oggetti del cielo profondo visibili si moltiplica.
Ovviamente l'ingrandimento modestissimo non consente di definirli, se non i più estesi, ma allo stesso tempo "maschera" egregiamente la presenza dello strumento ottico.
L'effetto è apprezzabile anche in presenza di forte inquinamento luminoso, ma dipende fortemente dalla possibilità di adattare l'apertura pupillare al buio (e mantenerla tale).
Devo ammettere che per realmente abituarmi al "Constellation Glass" ho dovuto impiegare una serata, poichè l'utilizzo non è così immediato per chi sia ormai assuefatto all'oculare del telescopio o ai binocoli convenzionali: a mio parere il maggior godimento si ottiene dalla visione diretta (in questo aiuta molto il campo apparente piuttosto ristretto, sotto i 40° ca) e mantenendo lo sguardo sempre fisso in avanti (muovendo il capo e non gli occhi per spostarsi nel cielo).
La metà centrale del campo visibile è particolarmente spettacolare, con una netta sensazione di tridimensionalità e colori saturi; evitare stelle molto luminose in periferia è praticamente impossibile, ma devo ammettere che l'aspetto francamente comatoso assunto non è sufficiente a distruggere lo spettacolo che le circonda.

PRO
regala un'esperienza molto particolare e a mio parere estremamente piacevelo
estremamente piccolo e compatto
buona resa ottica

CONTRO
non può montare filtri nebulari (mi sarebbe piacuto provarlo con l'H-beta...)
tracolla molto scomoda
è uno strumento "complementare"
praticamente inutile di giorno (e, visto il campo inquadrato, potenzialmente pericoloso)
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 14-06-19, 09:40   #2
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Strumento particolare e credo adatto solo a cieli davvero nerissimi.

la spaventosa pupilla di uscita di 20mm, farebbe melassa di un cielo cittadino, almeno quello i numeri prevederebbero.

Tuttavia a livello di esperienza personale sarebbe molto interessante.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- binocolo APM ED APO da 82mm a4 5°--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--3 torrette ZEISS ERETTIVE a 45°,1 torretta ZEISS non erettiva a 45°.

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 14-06-19, 15:51   #3
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,569
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Da quanto ho potuto valutare, quello che realmente conta è la possibilità di mantenere un buon adattamento al buio.

Lo strumento opera sempre a una pupilla che è doppia rispetto a quella dell'utente (i 42 mm di apertura servono essenzialmente a garantire un ampio campo reale): con una pupilla dilatata sui 5mm lo strumento fondamentalmente "aggiunge" una magnitudine rispetto alle stelle visibili, o anche più a seconda delle condizioni del cielo.

Ovviamente da un sito pesantemente inquinato è praticamente impossibile tenere fuori dal campo sorgenti luminose, con le prevedibili conseguenze sulla pupilla.


Voglio precisare che il termine di riferimento con questo strumento è l'occhio nudo, non l'osservazione con il telescopio; quale che sia il sito, il cielo avrà grossomodo lo stesso aspetto che a occhio nudo ma "amplificato" di un certo fattore.
In presenza di inquinamento lluminoso il risultato è però alquanto asimmetrico, perchè lo strumento riesce ad incrementare il contrasto tra sorgenti puntiformi e fondo cielo grazie all'ingrandimento che "spalma" la luminosità di fondo su una superficie maggiore, mentre il beneficio sugli oggetti diffusi sarà praticamente trascurabile, a parte i più concentrati.
Dalla città (mag. limite visuale attorno a 4), con occhio adattato al buio riesco a vedere tutto il piccolo Carro, fatto che implica un'amplificazione superiore alle due magnitudini (per quanto possa sembrare paradossale, assai più marcata* rispetto all'amplificazione di ca una magnitudine che sono riuscito a ottenere da un sito rurale...), ma continuerò a non vedere la Nord America, che invece si accende se impiego il binocolo da un sito almeno rurale.
Detto questo, poichè comunque l'osservazione a occhio nudo da siti inquinati è altamente deprimente, non mi sento affatto di consigliare il "Constellation Glass" a chi non abbia intenzione di recarsi ogni tanto in aree meno compromesse: piuttosto, ritengo più sensato investire quel denaro in un'uscita al buio e in un tappetino da palestra da 2€ per stendersi sulla schiena e godersi al meglio lo spettacolo





*in realtà dal sito buio, partendo da ca mag 6, si arriva a stelle più deboli, poco oltre la mag7, quindi il risultato finale è comunque nettamente superiore
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 15-06-19, 05:11   #4
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Delo, che tu sappia, di binocoli GALILEIANI a grandissimo campo, ne esistono anche tipo 3x42?

Sarebbe interessante una discussione in cui si mostra una raccolta del meglio del mercato, presente e passato di questi particolari strumenti.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- binocolo APM ED APO da 82mm a4 5°--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--3 torrette ZEISS ERETTIVE a 45°,1 torretta ZEISS non erettiva a 45°.

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 15-06-19, 06:57   #5
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,569
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Al momento ricordo solo un altro modello, il Kasai WideBino 2.3x40.
Non so se in passato fossero più popolari
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 15-06-19, 14:30   #6
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Ho fatto una ricerca ed ho trovato un binocolo con prismi a TETTO della TECNOSKY, modello IBIS OPTICS HORUS 5x25 da 15° di campo reale, una pupilla di 5mm ed un'estrazione pupillare di 15mm.

Il peso è di 540 grammi ed il prezzo di 129€.

Se il campo di 15 gradi fosse tutto fruibile, grazie ai 15mm di estrazione pupillare, questo binocoletto forse potrebbe essere un buon competitore del VIXEN.

Tu cosa ne pensi?
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- binocolo APM ED APO da 82mm a4 5°--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--3 torrette ZEISS ERETTIVE a 45°,1 torretta ZEISS non erettiva a 45°.

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 15-06-19, 19:49   #7
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,569
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Non saprei, a me sembra più uno strumento convenzionale.
Quello che rende "unico" il Vixen non è tanto il campo (che comunque è davvero enorme, più vicino ai 30°che ai 20°) quanto il bassissimo ingrandimento che di fatto sembra cancellare lo strumento.
Io ho un piccolo binocoletto 5x25 e l'impressione che ne ricavo è totalmente diversa: questo mi richiama l'8x30, non l'osservazione a occhio nudo
delo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-06-19, 13:31   #8
astro61
Utente
 
L'avatar di astro61
 
Data di registrazione: Oct 2012
Ubicazione: Novara
Messaggi: 982
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Tutto molto interessante! Bravissimo delo
sicuramente se mi pagassero lo comprerei al volo.
Però nello stesso tempo mi piacerebbe provarlo sotto cieli bui. Accenderebbe effettivamente tutte le nebulosità possibili (quelle del cigno diventerebbero spettacolari). Hai ragione sui filtri, se fosse stato possibile montarli le suddette nebulose diventerebbero pazzesche!
Infine credo che tre ingrandimenti sarebbero il compromesso ideale.
__________________
DUE OCCHI VEDONO MOLTO MEGLIO DI UNO
C11HD su iOptron CEM60 e cavalletto Geoptik Hercules, iOptron AZ Mount Pro, APM 140 f/7, torretta Baader Zeiss Mark V, torretta Zeiss supercharged, coppie di Takahashi LE 30, 12.5 e 5mm, coppia di Televue Panoptic 24mm, coppia di Meade 18mm serie 5000 HD-60, coppia di ES 9mm 62°, coppia di TS 7mm UWAN 82°, TS 40mm Paragon ED, Meade serie 4000 Japan 26 e 15mm, Sky Quality Meter-L, Canon 12x36 IS II
astro61 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 16-06-19, 18:51   #9
delo
Utente Super
 
L'avatar di delo
 
Data di registrazione: Jul 2011
Messaggi: 3,569
Predefinito Re: Vixen SG 2.1x42

Già, con una coppia di Hbeta si potrebbero tentare osservazioni molto interessanti.
Per quel che riguarda l'ingrandimento, ci sono due considerazioni.
La prima, ovvia, è che in questo strumento determina l'apertura effettiva: passare a 3x comporterebbe un aumento del 50% lineare.
L'altra è che lo strumento nasce per "simulare" l'osservazione a occhio nudo, e pertanto minore l'ingrandimento, migliore l'effetto.
Personalmente ritengo 2x un accettabile compromesso, anche perché i quasi 30° di campo reale aiutano molto a mantenere l'illusione.
Ripeto, si tratta di un oggetto molto particolare, che non può sostituire nessun altro strumento, ma che può essere sostituito solamente dall'osservazione a occhio nudo
delo non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 22:09.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it