Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astronautica
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 14-02-19, 13:04   #1
Franco52
Utente Junior
 
Data di registrazione: Jul 2016
Messaggi: 47
Predefinito Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Per rimuovere 90 bar di CO2 con una torre alta chilometri.

Immagine:

https://autocostruire.forumcommunity.net/?t=61075202
Franco52 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 15-02-19, 11:28   #2
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,524
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Su scala planetaria anziché regionale, vedo delle analogie con l'idea di sbancare il Passo del Turchino per eliminare la nebbia in val Padana...
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 15-02-19, 12:00   #3
Franco52
Utente Junior
 
Data di registrazione: Jul 2016
Messaggi: 47
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Hai ragione, forse e' meglio trasformare tutta la CO2 di Venere in diamanti:

https://autocostruire.forumcommunity.net/?t=60824170
Franco52 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 17-02-19, 18:03   #4
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Ma con tutta la CO2 terrestre che ci minaccia di un devastante effetto serra, proprio la CO2 VENUSIANA dobbiamo andarcela a prendere?

Sempre ammesso e per nulla concesso, che sia fattibile portare su VENERE quel mostruosamente immenso marchingegno e che effettivamente funzioni.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- binocolo APM ED APO da 82mm a4 5°--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--3 torrette ZEISS ERETTIVE a 45°,1 torretta ZEISS non erettiva a 45°.

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 21-02-19, 19:21   #5
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,763
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Ho sempre detto:
"Quando ascolto la Sonata Waldstein di Beeth0oven non posso fare a meno di chiedermi cosa mai passi per la testa di un uomo che scriva una cosa simile.
Quando leggo questi "progetti per terraformare" non posso, analogamente, fare a meno di chiedermi cosa passi per la testa di uno che proponga meccanismi simili.
P.S.
Secondo me , per valutare l'assoluta inutilità di qualsiasi progetto di questo genere per i pianeti, basterebbe leggere il racconto di Clarke:
Incontro con Rama.
E si capisce che con costo ed impegno MILIARDI di volte inferiore si possono ottenere risultati MOLTO, ma MOLTO migliori.
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-02-19, 06:27   #6
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Infatti, non siamo capaci di ......TERRAFORMARE I DESERTI TERRESTRI......

Anzi, assistiamo impotenti al loro avanzamento.

Non siamo capaci di .......TERRAFORMARE....... le steppe SIBERIANE e tutte le altre TERRESTRI, che dire dei POLI TERRESTRI, ma qualcuno vuole farlo su altri pianeti ed a costi e pericoli iperbolici.

Una fuga dalla realtà certamente innocua, ma pervicacemente praticata per convincere gli altri.

Il meccanismo è ......FIDEISTICO...... e come tale estremistico.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO ALTER M603 da 152/1520mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM-- binocolo APM ED APO da 82mm a4 5°--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--3 torrette ZEISS ERETTIVE a 45°,1 torretta ZEISS non erettiva a 45°.

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 27-02-19, 08:22   #7
Marcopie
Utente Esperto
 
L'avatar di Marcopie
 
Data di registrazione: Jul 2010
Ubicazione: Roma
Messaggi: 2,951
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Quote:
giovanni bruno Visualizza il messaggio
Infatti, non siamo capaci di ......TERRAFORMARE I DESERTI TERRESTRI......

Anzi, assistiamo impotenti al loro avanzamento.

Non siamo capaci di .......TERRAFORMARE....... le steppe SIBERIANE e tutte le altre TERRESTRI, che dire dei POLI TERRESTRI, ma qualcuno vuole farlo su altri pianeti ed a costi e pericoli iperbolici.
Io userei piuttosto il termine TERRADEFORMARE.
La Terra era perfettamente formata prima della proliferazione umana. Tutto quello che abbiamo fatto dall'invenzione dell'agricoltura in avanti è consistito nel danneggiare quanto preesistente, estinguere specie, depredare habitat, deforestare, scavare veleni dal sottosuolo e disperderli nella biosfera.
Anche l'avanzamento dei deserti è il risultato della nostra opera di TERRADEFORMAZIONE. Come fa notare Jared Diamond in "Collasso - come le società scelgono di morire o vivere", l'agricoltura nasce circa 10.000~15.000 anni fa in Mesopotamia, una terra un tempo ricchissima ed ora ridotta ad un deserto (l'Iraq).
P.s.: in Brasile hanno scoperto che le foreste pluviali generano il proprio stesso microclima: le piogge pomeridiane sono causate dall'evaporazione diurna della foresta stessa. Eliminando la foresta per vendere il legname e realizzare pascoli distrugge il ciclo dell'acqua: la pioggia smette di cadere ed il terreno si secca e desertifica.
__________________
Il mio libro: "Il cielo ritrovato" -> http://www.trekportal.it/coelestis/s...ad.php?t=59896
----------------------------------------------
L'astronomia visuale raccontata in un blog -> Diario di un ritorno alle stelle
Marcopie non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-02-19, 13:43   #8
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,763
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Non saprei dire, non sono un esperto di climatologia (e neppure appassionato) ma pensare che la Mesopotamia, SENZA l'intervento umano sarebbe ancora una terra fertile e ricca, mi pare proprio audace!
Ad oggi è inspiegabile come 2.000 metri di ghiaccio si siano potuti depositare in un clima di gran lunga tra i più aridi e secchi del globo terrestre (l'Antartide).
Il clima va e viene, le ere glaciali testimoniate dai residui morenici e dalla valli alpine si sono fatte e disfatta quando dell'opera dell'uomo non c'erano neppure le avvisaglie.
Che l'opera umana possa aver condizionato la Groenlandia (un tempo chiamata "terra verde" in quel ghiacciaio che è adesso, insomma....
Comunque l'uomo ha sempre e comunque cercato di adattare la Terra alle sue esigenze, ed al suo desiderio di "moltiplicarsi".
una Terra naturale e selvaggia non potrebbe in nessun modo permettere di sopravvivere a miliardi di esseri umani come viviamo noi, oggi.
Per questo io intendo dire che, anziché cercare di adattare all'Umanità Marte (ovviamente, DOPO aver adattato tutti ti deserti, ecc. ecc. che sono MOLTO più facili d addomesticare) una tecnologia in grado di far questo non avrebbe difficoltà a CREARE ambienti (tipo, appunto, RAMA) nello spazio, oltretutto GIA' protetti da raggi cosmici & C e confortevoli perché NATI confortevoli.
Insomma, come dicevano una volta i contadini:
"Perché alzarsi prima al mattino per andare a fare i proprio bisogni lontano da casa"?
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-02-19, 14:25   #9
nino280
Utente Super
 
L'avatar di nino280
 
Data di registrazione: Dec 2005
Ubicazione: Torino
Messaggi: 6,369
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

2 minuti fa ho aperto questa discussione.
Naturalmente non sono sufficienti 2 minuti per dare una risposta "Logica ed esauriente"
Ma in 30 secondo ho aperto un link e ho intravisto il degassificatore e cioè la colonna mi pare fosse alta 90 Km.
E che me frega, di togliere l'anidride carbonica?
Se poi su Venere ci sono 500 gradi di temperatura che me frega.
Che sia forse dovuto all'effetto serra a causa dell'anidride?
Allora mi rimangio le parole.
Allora tolta l'anidride che ci mettiamo? Nulla? Allora fa sempre troppo caldo come su Mercurio o sulla Luna.
Ossigeno? E' possibile. Devo leggere cosa propongono quelli della degassificazione.
Ciao
nino280 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-02-19, 15:54   #10
Marcopie
Utente Esperto
 
L'avatar di Marcopie
 
Data di registrazione: Jul 2010
Ubicazione: Roma
Messaggi: 2,951
Predefinito Re: Degassaggio veloce dell' atmosfera di Venere

Quote:
Planezio Visualizza il messaggio
Non saprei dire, non sono un esperto di climatologia (e neppure appassionato) ma pensare che la Mesopotamia, SENZA l'intervento umano sarebbe ancora una terra fertile e ricca, mi pare proprio audace!
La foresta amazzonica dimostra che il fattore chiave per la sopravvivenza della vegetazione è l'intrappolamento del ciclo dell'acqua (lo spiegavo più sopra).
Una volta che si taglia la foresta per fare pascolo il ciclo dell'acqua si interrompe. A quel punto l'impoverimento dei suoli e la successiva desertificazione sono dietro l'angolo.
Per me è perfettamente plausibile che dietro la perdita di fertilità del Medio Oriente ci sia stato l'intervento umano.

Quote:
Che l'opera umana possa aver condizionato la Groenlandia (un tempo chiamata "terra verde" in quel ghiacciaio che è adesso, insomma...
La Groenlandia era in parte 'verde' all'epoca in cui fu scoperta e successivamente colonizzata dai seguaci di Erik il Rosso (il nome viene dal danese Grünland: terra verde). Questo perché il clima, intorno all'anno mille, risultava leggermente più caldo che nei secoli successivi. Infatti intorno al 1330 iniziò quella che viene chiamata "Piccola era glaciale": http://www.scienze-naturali.it/ambie...i-responsabili
La vicenda è spiegata nel dettaglio in "Collasso", di Jared Diamond.
__________________
Il mio libro: "Il cielo ritrovato" -> http://www.trekportal.it/coelestis/s...ad.php?t=59896
----------------------------------------------
L'astronomia visuale raccontata in un blog -> Diario di un ritorno alle stelle
Marcopie non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 22:31.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it