Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > News di Astronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 28-11-07, 09:12   #1
Gabriele
Amministratore
 
L'avatar di Gabriele
 
Data di registrazione: Dec 2000
Messaggi: 228
Predefinito Atmosfere al carbonio

28 Novembre 2007
Atmosfere al carbonio
di Claudio Elidoro - Fonte: University of Arizona

Alle ormai innumerevoli scoperte che gli astronomi hanno potuto compiere grazie alla Sloan Digital Sky Survey (SDSS) bisogna aggiungerne un'altra. Questa volta non sono i cosmologi a ringraziare, ma gli astrofisici che si occupano di evoluzione stellare e la scoperta riguarda lo stadio estremo delle stelle di piccola massa, quello di nana bianca.
Già nel 2003 alcune tra le 10 mila nuove nane bianche messe allo scoperto dalla SDSS avevano attirato l'attenzione degli astrofisici. Qualche dozzina di esse, infatti, aveva mostrato di possedere un'atmosfera differente da quella solitamente osservata in tali astri e per questo motivo si era introdotta un'apposita tipologia, quelle delle nane bianche di tipo "SQ". La loro atmosfera non si presentava come la classica mistura di idrogeno ed elio, ma era caratterizzata da un'anomala abbondanza di carbonio.
Per giustificare questa presenza si era ipotizzato una sorta di occasionale meccanismo di convezione in grado di trascinare verso la superficie parte dei materiali sottostanti, ma uno studio pubblicato sull'ultimo numero di Nature propone un'ipotesi ancora più radicale. Patrick Dufour e James Liebert (University of Arizona) assieme ai loro collaboratori dell'Università di Montreal e dell'Osservatorio di Parigi sostengono infatti che queste stelle con atmosfera al carbonio potrebbero essere in realtà gli stadi finali dell'evoluzione di stelle con masse pari a circa 10 masse solari.
Secondo i ricercatori, insomma, sarebbe l'evoluzione stellare che porterebbe alla nascita di queste nane bianche di puro carbonio. Man mano che la stella - liberatasi ormai dall'idrogeno rimasto e giunta al capolinea della sua esistenza - si raffredda, la gravità separa le ceneri delle reazioni nucleari che hanno alimentato la sua fornace e forma gusci concentrici di ossigeno e carbonio avvolti da un sottilissimo strato di elio. A temperature tra i 18 mila e i 23 mila gradi il guscio di elio viene facilmente diluito dal rimescolamento dovuto ai moti convettivi che coinvolgono il carbonio sottostante. In questo modo è proprio il carbonio che diventa l'elemento più abbondante del guscio più esterno. L'ossigeno e gli altri eventuali elementi non vengono coinvolti nel processo perchè sono ormai sprofondati verso la regione più interna della nana bianca.
Secondo i correnti modelli di evoluzione stellare, però, la massa prevista per queste particolari stelle potrebbe già essere sufficiente a innescare l'esplosione di supernova e dunque si tratta ora di capire che cosa possa spingere una stella in una direzione piuttosto che nell'altra. E non sarà impresa facile.


Links:

http://uanews.org/node/17027

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
Gabriele non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-11-07, 19:22   #2
elmar
Utente Junior
 
Data di registrazione: Jul 2007
Messaggi: 97
Predefinito Re: Atmosfere al carbonio

Che le nane bianche sono essenzialmente di carbonio non è proprio una novità. Quello che mi meraviglia è che si pensi che stelle fino a diece masse solari potessero fare questa fine.

Dato che una nana bianca non può essere più grande del limite di Chandrasekhar che è intorno a 1,4 masse solari, quel limite di 10 masse solari sembra un po alto.

Dato che una stella a neutroni può andare a circa 3 masse solari sembra alto persino per questo. (a oltre 3 masse solari il raggio di Schwarzschild della stella a neutroni diventa più grande della stella stessa.)
__________________
Elmar GFN
elmar non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 18:09.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it