Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Strumenti di Ripresa Astrofotografica
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 29-12-11, 09:15   #1
Jacopo98
Utente Junior
 
L'avatar di Jacopo98
 
Data di registrazione: Feb 2011
Ubicazione: San Giovanni Teatino
Messaggi: 22
Predefinito CCD per neo-astrofotografo

Salve a tutti,
sono da tempo appassionato di astronomia e posseggo da quest'estate un Celestron C6 SGT XLT con cui osservo delle volte da cieli suburbani e delle volte da cieli incontaminati.
Vorrei avvicinarmi all'astrofotografia con un budget di circa €500, acquistando uno strumento che mi possa soddisfare per i prossimi anni con il miglioramento delle tecniche. Ovviamente mi interesserei sia di fotografia planetaria che deep sky.
Premetto che leggendo discussioni in merito sono rimasto colpito dalle capacità delle camere CCD, per questo ho cercato nel mercato e ho trovato la Atik Titan, a questo proposito vorrei avere delle delucidazioni:

1) Tenendo conto che mi trovo alla prima esperienza di astrofotografia CON TELESCOPIO la Titan si potrebbe rivelare di difficile uso?
2) Considerando che posso avvicinarmi a cieli con seeing ottimo, è meglio una camera monocromatica o RGB
3) Se la Titan, a vostro parere, è uno strumento difficile da usare, mi indichereste un'altra camera su cui orientarmi

Naturalmente non manca da parte mia la voglia di imparare l'utilizzo di questa camera!!!
Buone feste a tutti!!!
Jacopo98 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-12-11, 13:46   #2
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 18,745
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Se sei in una zona con buona trasparenza del cielo e con poco inquinamento luminoso ti conviene una fotocamera a colori. La Titan è una buona fotocamera, ma ha un sensore molto piccolo, che accoppiato al tuo strumento che è a lunga focale determina un campo di ripresa molto ridotto, grossomodo 11 x 13 primi d'arco. Puoi ampliare questo campo usando un riduttore di focale, ma al massimo puoi arrivare a qualcosa come 18 x 21 primi. Guarda un poco magari con l'ausilio di Stellarium o Cartes du Ciel quali oggetti possono rientrare in questo campo. Per un sensore più grande, se non vuoi spendere molti soldi, puoi optare per una Fotocamera Canon modificata.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 29-12-11, 13:56   #3
paolopunx
Moderatore
 
L'avatar di paolopunx
 
Data di registrazione: Jan 2005
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Ciao, non è facile risponderti.

L'astrofotografia è piuttosto complessa, soprattutto di soggetti del cielo profondo (galassie, nebulose, ecc.).

Ora il CCD da te indicato permette di effettuare riprese in B/n dei pianeti, ma per soggetti estesi come molte nebulose le dimensioni del sensore sono molto, molto contenute.

L'uso di un CCD non è semplicissimo, soprattutto se sei alle prime armi.

Hai pensato, in alternativa, almeno all'inzio, di usare una reflex digtale, invece di un sensore CCD ?

Tieni conto, però, che per la fotografia del profondo cielo è necesario acquistare anche un telescopio ed una camera guida (sia che usi un CCD oppure una Reflex).

Per le riprese planetarie, invece, conviene realizzare dei filmatii (al fine di scegliere i migliori fotogrammi e congelare il seeing).

Se poi vuoi usare un CCD in b/n, per realizzare immagini a colori, dovrai eseguire tre riprese utilizzando un filtro che lascia passare solo il Rosso, uno per il Blu ed uno per il Verde (il che complica ulteriormente la procedura di acquisizione ed elaborazione delle immagini).

Cieli sereni

Paolo


PS: ovviamente i CCD sono più sensibili e meno rumorosi delle reflex.
__________________
Fotografo con Canon EOS 1000D modificata, su GSO RC 8" , focale 1600mm, telescopio guida acromatico 80/400 e Magzero Mz5 B/n, il tutto su EQ6 .
''Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi'' (Albert Einstein)
paolopunx non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-12-11, 16:24   #4
Jacopo98
Utente Junior
 
L'avatar di Jacopo98
 
Data di registrazione: Feb 2011
Ubicazione: San Giovanni Teatino
Messaggi: 22
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Ho a disposizione una Olympus OM-4 (naturalmente a pellicola) e, in prestito da un parente, una Nikon D-90.
Come vi sembrano accoppiate al telescopio per le prime esperienze?
Jacopo98 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-12-11, 16:51   #5
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 18,745
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Usare una macchina a pellicola significa cominciare in modo molto difficile. Perchè tra il momento in cui fai la foto e quando la vedi passano dei giorni... Poi nelle foto su pellicola non si possono impiegare i software che ci sono per l'elaborazione delle immagini. Comunque fino a non molto tempo fa gli astrofili (e gli astronomi) facevano uso di pellicola. Te lo sconsiglio. Meglio la Nikon. Il problema per le reflex digitali è che hanno all'interno davanti al sensore un filtro che taglia l'infrarosso e parte del rosso, zone in cui i sensori sono molto, troppo sensibili. In questa regione però c'è la riga di emissione H-alfa dell'Idrogeno che caratterizza gran parte delle nebulose ad emissione. Se non si rimuove questo filtro le fotografie risultano prive di questa banda e quindi molto più scarse. Rimuovere il filtro o sostituirlo con uno diverso (disponibile solo per alcuni modelli di Canon) non è semplice e va fatto fare da uno specialista. Dopo la macchina fotografica non fornisce più dei colori corretti nell'uso normale. Quindi conviene casomai comprare una reflex già modificata usata.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-12-11, 19:30   #6
paolopunx
Moderatore
 
L'avatar di paolopunx
 
Data di registrazione: Jan 2005
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

C'è una sola imprecisione Cocco Bill, la sostituzione del filtro con uno specifico per astrofotografia, non compromette l'uso diurno della reflex, a condizione di usare la funzione di bilanciamento personalizzato del bianco.

Il problema è che la sostituzione ha un costo e si perde la garanzia... quindi se trovi una reflex modificata usata, perchè non approfittarne?


Ciao

Paolo
__________________
Fotografo con Canon EOS 1000D modificata, su GSO RC 8" , focale 1600mm, telescopio guida acromatico 80/400 e Magzero Mz5 B/n, il tutto su EQ6 .
''Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi'' (Albert Einstein)
paolopunx non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 29-12-11, 20:35   #7
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 18,745
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Su alcune macchine però la sostituzione non è possibile, il filtro va rimosso senza poterlo rimpiazzare. In questo caso il bilanciamento del bianco diventa molto difficile.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-12-11, 21:03   #8
paolopunx
Moderatore
 
L'avatar di paolopunx
 
Data di registrazione: Jan 2005
Messaggi: 2,632
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Non cìè dubbio, anzi se non metti nulla al posto del filtro rimosso, perdi anche la messa a fuoco automatica.

Ciao

Paolo
__________________
Fotografo con Canon EOS 1000D modificata, su GSO RC 8" , focale 1600mm, telescopio guida acromatico 80/400 e Magzero Mz5 B/n, il tutto su EQ6 .
''Due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi'' (Albert Einstein)
paolopunx non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-12-11, 07:41   #9
Jacopo98
Utente Junior
 
L'avatar di Jacopo98
 
Data di registrazione: Feb 2011
Ubicazione: San Giovanni Teatino
Messaggi: 22
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Ho capito anche il discorso delle reflex, ovvimente però, essendo la Nikon non mia, non posso far sostituire o elimininare il filtro in questione, quindi dovrei acquistarla io, ho visto da OSM la Canon EOS 1000D con Astrokit, in alternativa ho visto anche le Nikon che, avendo già a disposizione a casa obiettivi per il diurno, andrebbe meglio.
Quale delle due vi pare migliore??

Ultima modifica di Jacopo98 : 30-12-11 09:08.
Jacopo98 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-12-11, 09:24   #10
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 18,745
Predefinito Re: CCD per neo-astrofotografo

Guarda, io uso un CCD dedicato, però praticamente tutti gli astrofili usano le Canon, un buon motivo dovrebbero averlo. Fondamentale è prendere un modello che possiede il Live-view, altrimenti la messa a fuoco diventa molto noiosa da fare. La Eos 1000 dovrebbe averlo.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 16:13.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it