Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astrofisica e Cosmologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 24-11-16, 10:48   #331
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

I quasar oggetto dello studio si trovano tra i 6 e i 10 miliardi di anni luce (ammesso che la rilevazione sia esatta), sono 900 e sono stati osservati in un arco di tempo fino a 28 anni.

Cioè: in svariati anni non è stato rilevato nessun rallentamento (dovuto all'ipotetica dilatazione spazio-temporale, com'è stato riscontrato nelle supernovae di tipo Ia), nessuna differenziazione nel modo di pulsare/variare in luminosità, nei quasar lontani rispetto a quelli più vicini, in un range di 4 miliardi AL (da z: 0,43 a z: 0,72)

Penso che, proprio statisticamente parlando, la probabilità che una qualunque spiegazione possa compensare un tale dato osservativo, sia alquanto ma alquanto bassa...

E andrebbe ad aggiungersi ad altre spiegazioni la cui probabilità è alquanto bassa (fine-tuning dell'inflazione e peculiarità del suo campo energetico, eccezionalità della nostra epoca rispetto all'età presunta dell'Universo... vedi puntate precedenti)

Insomma mi pare di assistere a un ripetuto deus ex machina cosmologico...

I ceazionisti saranno felici.

Ultima modifica di Nicolaldo : 24-11-16 14:34.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-11-16, 16:55   #332
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 782
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Non hai capito (strano). Mi riferivo alla distribuzione statistica dei (presunti) buchi neri primordiali, che in media dovrebbero annullare l'effetto di dilatazione temporale.
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-11-16, 19:12   #333
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Stiamo parlando di quasar distribuiti in un arco temporale di 4 miliardi di anni, i più recenti dei quali risalgono a 6 miliardi di anni fa, quindi suppongo che i buchi neri primordiali c'entrino fino a un certo punto.

Ma soprattutto quello che non mi quadra (sempre dal basso delle mie scarne conoscenze, eh) è come mai i buchi neri sono distribuiti in maniera tale da annullare perfettamente l'effetto visibile della dilatazione temporale rispetto alla nostra posizione del Cosmo. Con una precisione millimetrica!!!!

Cioè né un rallentamento, né un'accelerazione, ma ESATTAMENTE l'azzeramento, la somma 0, e in tantissimi casi!

A me pare una bella coincidenza, su un campione di 900 oggetti, sparpagliati qua e là, e appartenenti a un vasto arco temporale.

Intendevo questa probabilità statistica, poi è chiaro che Hawking ha fatto riferimento a una presunta popolazione di buchi neri e relativa distribuzione nello spazio, in un determinato momento. Mi sembra strano che dai suoi calcoli statistici sia uscito un annullamento perfetto e su vasta scala dell'effetto ottico di cui sopra.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-11-16, 19:16   #334
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Cioè: questo annullamento ci può stare, ma con quale probabilità? La popolazione e la distribuzione dei buchi neri dovrebbe essere tale da portare ad un azzeramento perfetto rispetto alla nostra visuale.

Si fa prima a dire che c'è Dio e che fa tutto lui...
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-11-16, 22:33   #335
Ganondolf
Utente
 
L'avatar di Ganondolf
 
Data di registrazione: Sep 2011
Ubicazione: Venezia Mestre
Messaggi: 782
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ti sfugge un particolare: non serve che l'annullamento sia perfetto. Gli errori di misura per questo tipo di osservazioni sono molto grandi, e la precisione è a dir poco grossolana, il che rende un annullamento per microlensing se non evidente, quantomeno plausibile. La precisione millimetrica te la sei inventata tu.

In ogni caso, questa è solo una delle possibili spiegazioni, non necessariamente quella corretta. Ce ne possono essere molte altre, in particolare dato il fatto che sappiamo ancora ben poco della fisica dei quasar.

ps:
Quote:
A parte che pare che Hawkins veda buchi neri dappertutto
Questo è Mike Hawkins, non Steven Hawkins
Ganondolf non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-11-16, 07:35   #336
aleph
Utente Esperto
 
L'avatar di aleph
 
Data di registrazione: Jul 2005
Ubicazione: Roma
Messaggi: 1,987
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Effettivamente questo comportamento "anomalo" dei quasars non è un dettaglio da poco, e non può certo essere trascurato.

Al di la dei battibecchi sui nomi di Hawkins o StePHen HawkinGs, che di certo non sono rilevanti, penso proprio che il modello cosmologico basato sul cosiddetto big bang meriti ben diversa attenzione, viste le sue condizioni sempre più traballanti e piene di pecette da tutte le parti, e forse bisognerebbe cominciare a smettere di considerarlo affidabile tout court solo perché così ci hanno detto a scuola...

Le forzature per far quadrare il modello cominciano veramente ad essere un po' troppe, ed il solo fatto di non avere al momento valide alternative non vuol certo dire che vada difeso a questo livello...
aleph non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-11-16, 08:32   #337
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,497
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

La difesa del modello, che può apparire esagerata, oltre che essere fisiologica (conosco ben poche persone che non difendano ad oltranza le ipotesi alle quali sono affezionate), ha una sua ragion d'essere oggettiva di natura evoluzionistica.
Serve a far sì che il modello possa venir soppiantato (e di sicuro prima o poi lo sarà, in tutto o in parte) solo da un modello decisamente più valido, e non da qualsiasi schifezzella che tappa un buco e ne apre due...
E' un po', se vogliamo, la ragione per cui Madre Natura tende a conservare le specie, rendendo non fertili gli incroci fra specie diverse e rare le mutazioni che sopravvivono.
Mizarino ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-11-16, 20:47   #338
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Ganondolf Visualizza il messaggio
Ti sfugge un particolare: non serve che l'annullamento sia perfetto. Gli errori di misura per questo tipo di osservazioni sono molto grandi, e la precisione è a dir poco grossolana, il che rende un annullamento per microlensing se non evidente, quantomeno plausibile. La precisione millimetrica te la sei inventata tu.
Ok, ma moltiplica l'annullamento "grossolano" per 900, anzi per 900 su 900 = 100%.

Poi disperdilo su un lasso temporale di 4 mld anni (presunti).

Poi applicalo a un punto di osservazione alquanto ristretto rispetto all'Universo.

Quote:
Ganondolf Visualizza il messaggio
Questo è Mike Hawkins, non Steven Hawkins.
Tendenzialmente chi ha quel cognome (+/- G/S) è ossessionato dai buchi neri.

Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-11-16, 21:05   #339
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Ganondolf Visualizza il messaggio
In ogni caso, questa è solo una delle possibili spiegazioni, non necessariamente quella corretta. Ce ne possono essere molte altre, in particolare dato il fatto che sappiamo ancora ben poco della fisica dei quasar.
Infatti:

Un'altra caratteristica interessante dei quasar è che mostrano evidenze di elementi più pesanti dell'elio. Questo è preso come indizio del fatto che le galassie, all'inizio della loro vita, hanno attraversato una fase di massiccia formazione stellare creando stelle di popolazione III tra il tempo del Big Bang e i primi quasar osservati. Ma, fino al 2004, non è stata trovata alcuna evidenza a favore di queste stelle e, se esse non saranno trovate negli anni a venire e non sarà trovata una spiegazione alternativa plausibile per la presenza di elementi pesanti, si dovrà riconsiderare l'intero attuale modello di Universo.

Wiki-quasar
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-11-16, 21:20   #340
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ne ho già parlato in precedenza: ci sono variazioni di aspetto molto repentine in oggetti ritenuti molto distanti: com'è possibile? a quale eccezionale velocità dovrebbero avvenire queste variazioni, che noi vediamo verificarsi in maniera macroscopica a distanza di pochi anni?

Ma non è che forse questi oggetti non sono poi così distanti, e che quindi il redshift cosmologico andrebbe riconsiderato?

"Lontanissimi" quasar che mutano in pochi anni
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 13:26.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it