Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Esobiologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 26-11-06, 11:57   #21
LongJohnVargas
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2005
Messaggi: 161
Predefinito Re: Alpha Centauri

Ci siamo allontanati un po' tropo dall'argomento! Siete fuori tema!



Su focus di questo mese la Nasa elenca i 25 sistemi planetari su cui potrebbero esserci trace di vita in ordine di probabilità. Alpha Centauri A e B sono ai primi due posti della classifica. Continuo a pensare a questo sistema stellare doppio da mesi. Ci sogno su. Non dicco che ci sia vita, ma imaginate nuovi pianeti da considerare.... Nuovi giganti gassosi, nuovi rocciosi, nuovi nomi da dargli, nuove orbite, nuove discussioni sul concetto di pianeta...e tutto moltiplicato per due stelle...

LongJohnVargas non in linea   Rispondi citando
Vecchio 26-11-06, 15:05   #22
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Alpha Centauri

Il progetto inglese Dedalus, concepito tra anni '70 ed '80, puntava a raggiungere la stella di Barnard, una nana rossa posta a 6 anni luce. Perche' quella stella in particolare? Perche' sembrava proprio, dalle analisi di Peter Van Der Kamp, che quella stella avesse pianeti. Se ne parlava molto all'epoca.

In seguito, gli indizi a favore di questo sistema planetario si sono dissolti (Hubble ed altri telescopi a Terra hanno mostrato che il moto della Stella di Barnard non e' influenzato da pianeti "pesanti" in orbita intorno ad essa).

Pero' e' importante dire si stava ipotizzando una missione spaziale proprio perche' si pensava ci fossero pianeti intorno la stella di Barnard. Non abbiamo un'evidenza simile, ne' l'abbiamo avuta, per Alpha Centauri. Quindi finche' non si determinera' la presenza di pianeti, le chances di progetti volta a raggiungere questa stella sono bassine. Certo se si dovesse scoprire un pianeta con massa ed orbita simile alla Terra intorno una Alpha Cen A o B, allora ci si rimettera' di corsa a tavolino per progettare una missione per raggiungerle.

Una piccola nota: probabilmente non esistono giganti gassosi intorno Alpha Cen A o B. Le due stelle hanno un'orbita tale che vengono a trovarsi a circa 11 UA l'una dall'altra, nel punto di maggiore vicinanza, distanza che aumenta fino a 36 UA nel punto di maggiore distanza. Praticamente dalla distanza di Saturno a quella di Nettuno dal Sole. Simulazioni hanno mostrato che, in questa situazione, nessun corpo avrebbe un'orbita stabile intorno l'una o l'altra delle 2 stelle, se il raggio dell'orbita fosse maggiore di 2-2.5 UA. Quindi niente equivalente di Giove, Saturno, Urano o Nettuno.
Ne' Alpha Cen A o B hanno pianeti di massa gioviana in orbita ristretta, come 51 Pegasi: a quest'ora ce ne saremmo accorti da un pezzo, con gli stessi mezzi con cui abbiamo scoperto i pianeta di 51 Pegasi (e altri pianeti simili, i cosidetti 'hot Jupiters').
Resta dunque la possibilita' che l'una o l'altra, o ciascuna di queste 2 stelle, abbia l'equivalente del nostro Sistema Solare interno, cioe' pianeti rocciosi come Mercurio, Venere, Terra o Marte in orbita entro 2-2.5 unita' solari.
Che non e' cosa da poco

Ciao, Dark


Un link per leggere altre informazioni e speculazioni: http://en.wikipedia.org/wiki/Alpha_Centauri

Quindi probabilmente
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 26-11-06, 15:58   #23
Eremita
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Alpha Centauri

Quote:
Dark_GRB
Ne' Alpha Cen A o B hanno pianeti di massa gioviana in orbita ristretta, come 51 Pegasi: a quest'ora ce ne saremmo accorti da un pezzo, con gli stessi mezzi con cui abbiamo scoperto i pianeta di 51 Pegasi (e altri pianeti simili, i cosidetti 'hot Jupiters').
Resta dunque la possibilita' che l'una o l'altra, o ciascuna di queste 2 stelle, abbia l'equivalente del nostro Sistema Solare interno, cioe' pianeti rocciosi come Mercurio, Venere, Terra o Marte in orbita entro 2-2.5 unita' solari.Che non e' cosa da poco Ciao, Dark
Scusa Dark, ma le perturbazini orbitali di questi eventuli pianeti terrestri in orbite piuttosto strette intorno ad A o B Cen non possono essere rilevate? Tra l'altro essendo queste due stelle molto vicine le eventuali perturbazioni non dovrebbero essere più facilmente osservabili?
Comunque A e B centauri sono stelle di massa e tipo solare, personalmente sono scettico sulla possibile esistenza di questi sistemi planetari "terrestri" intorno a queste due stelle se davvero non vi sono pianeti giganti in orbita. Per quanto mi riguarda, se proprio si dovessero cercare dei pianeti di tipo terrestre in quel sistema stellare, li cercherei piuttosto intorno alla Proxima
Ciao
  Rispondi citando
Vecchio 26-11-06, 16:28   #24
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Alpha Centauri

Quote:
Eremita
Scusa Dark, ma le perturbazini orbitali di questi eventuli pianeti terrestri in orbite piuttosto strette intorno ad A o B Cen non possono essere rilevate? Tra l'altro essendo queste due stelle molto vicine le eventuali perturbazioni non dovrebbero essere più facilmente osservabili?
Ciao
Purtroppo no. Cerchero' di spiegare nella maniera piu' semplice possibile.

Supponiamo di avere un corpo a con massa Ma e un corpo b con massa Mb a distanza R tra di loro. Il baricentro dei due corpi si trovera' a distanza R x Mb/(Ma + Mb) da A, ed a distanza R x Ma/(Ma+Mb) da b. Dunque il baricentro e' piu' vicino al corpo piu' massiccio e piu' distante da quello meno massiccio.
Due corpi in rotazione, legati tra di loro da una forza, "orbiteranno" intorno al baricentro.

Per spiegare il concetto a tutti, provate ad immaginare un ballerino magro magro che danzi un valzer con una donna grassissima: mentre il ballerino fara' grandi giri, la grassona avra' "un'orbita" di raggio molto piccolo

Inoltre, dato che i due corpi dovranno percorrere le loro diverse orbite nello stesso tempo, il corpo di massa minore, che deve fare giri di raggio maggiore, dovra' anche muoversi a velocita' maggiore. Nell'esempio precedente, il ballerino mingherlino vola, la donna massiccia invece si muove appena.

Pensiamo adesso al caso Sole-Giove. Giove ha una massa 1000 volte inferiore a quella del Sole, per cui il baricentro Sole-Giove si trova 1000 volte piu' vicino al Sole di quanto non lo sia a Giove, e Giove deve percorrere un'orbita che e' 1000 volte piu' ampia di quella che il Sole deve percorrere intorno a questo baricentro. Il raggio dell'orbita di Giove e' 780.000.000 km, il raggio dell'orbita del Sole e' 780.000 km circa (poco maggiore del raggio del Sole stesso). Giove, orbitando in 12 anni, si muove a 12 km/secondo; il Sole, 1000 volte piu' massiccio, si muove a soli 12 m/secondo.
Ora, 12m/secondo e' ancora una velocita' che e' possibile rinvenire misurando lo spostamento delle righe spettrali per effetto Doppler. La velocita' minima che attualmente si e' grado di misurare e' circa 2 m/secondo.
Nel caso della Terra, abbiamo una massa che e' 1/330.000 circa della massa del Sole, ed una velocita' orbitale di 30 km/secondo. Fatti i conti, ne viene che il movimento del Sole intorno al baricentro del sistema Sole-Terra e' 0.1 m/secondo. Troppo poco per essere misurato.

Ne' si puo' rinvenire questo movimento misurando lo spostamento fisico del Sole: il raggio dell'orbita del Sole intorno al baricentro del sistema Sole-Terra e' 400 km. Che visti da 4.3 anni luce (la distanza tra noi ed Alpha Centauri), e' grande come lo spessore di un foglio di carta a 40.000 km.
Ci arriveremo in futuro, ma per ora e' semplicemente impossibile.

Spero di essermi fatto capire

Ciao, Dark.
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Vecchio 29-11-06, 18:46   #25
LongJohnVargas
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2005
Messaggi: 161
Red face Re: Alpha Centauri

Sei stato chiarissimo, incredibilmente chiaro. Hai dato una spiegazione molto comprensibile del problemi che riguardano l'avistamento di eventuali pianeti rocciosi del sistema Centauri A e Centauri B. In un certo senso, se si può dare un senso al valzer delle due stelle, Centauri B si comporta nei confronti di Centauri A allo stesso identico modo con cui si comportano rispeto al nostro astro i pianeti della compagnia solare. Il pianeta a cui può essere più paragonato Centauri B è quindi il nostro pianeta Giove a titolo d'esempio pratico. Insomma Centauri B è per Centauri A quello che Giove potrebbe essere per il nostro caro sole, visto che tutti i sistemi ruotano attorno a un in baricentro facilmente identificabile. Giove non è una stella certo. Ma questo paragone riesce comunque a dare una visione più chiara dei problemi che sorgono quando si ha a che fare con un sistema stellare come quello dei due astri Centauri.

Mi vengono delle domande in mente. Un ipotetico e solitario pianeta ruotante attorno a Cantauri A, posto a una distanza tale da giustificare la presenza d'acqua, avrebbe la stessa massa totale di quattro o cinque ipotetici pianeti rocciosi posti ad una distanza graduale dalla stessa stella? In altre parole un pianeta delle dimensioni di Cerere, Marte, Terra, Venere e Mercurio messi assieme, potrebbe avere la stessa totale massa di altri quattro o cinque pianeti rocciosi separati tra loro?

Potrebbe quindi esistere la possibilità che attorno a Centauri A possano esistere due bellissimi pianeti, uno simile a Venere di dimensioni più ampie posto ad una distanza tale da giustificare i fenomeni Venusiani in linea di massima, e uno ancora più grande, ad una distanza intermedia tra Terra e Marte dove l'acqua, potrebbe ricoprire gran parte del pianeta, oppure potrebbe essere più simile a Marte o addisritura a Titano o per quel che ne sapiamo completamente diverso per caratteristiche fisiche a qualsiasi altro pianeta roccioso conosciuto.
E se siamo fortunati il tutto è moltiplicato per due e ad una distanza relativamente bassa rispetto a tutto quello che ci circonda nel resto della galassia!! E non escludiamo gioviani o saturniani attorno a Proxima!
LongJohnVargas non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-11-06, 08:24   #26
Eremita
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Alpha Centauri

Vorrei sottoporre all'attenzione di tutti questa scoperta:

http://www.universetoday.com/2006/07...s-and-quasars/

In particolare vorrei chiedere a Dark, che inoltre conosce molto bene l'argomento e in particolare il campo di ricerca sui GRB; cosa si può trarre da una simile osservazione? Certo il campione statistico sui GRB è ancora molto scarso, però 14 su 15 mi sembrano già un buon inizio ed un buon indizio. Per cui tendendo per buoni i risultati ottenuti finora, non credi che questa nuova scoperta sia un altro punto a favore della possibile natura intrinseca del redshift cosmologico, piuttosto che di quello cinetico?
Ciao
  Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 30-11-06, 09:54   #27
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,763
Predefinito Re: Alpha Centauri

Dark, scusa, scorrendo la discussione vedo che nomini un progetto per raggiungere la stella di Barnard... Era una semplice chiacchiera, o se ne è parlato seriamente? Perchè l'ogetto piu veloce che abbiamo mai lanciato nello spazio, che ha ricevuto diverse "spinte" gravitazionali e quindi si muove con una velocità che noi non saremmo mai stati in grado di fornirgli, passerà vicino a Sirio fra circa un milione i anni.
Davvero una amministrazione di qualche tipo pensa di fare un progetto con scadenza così lunga? Lanciare una sonda che "arrivi" tra centinaia di migliaia di anni? Oppure era solo un "pour parler"?
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-11-06, 12:46   #28
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Alpha Centauri

Quote:
Planezio
Dark, scusa, scorrendo la discussione vedo che nomini un progetto per raggiungere la stella di Barnard... Era una semplice chiacchiera, o se ne è parlato seriamente? Perchè l'ogetto piu veloce che abbiamo mai lanciato nello spazio, che ha ricevuto diverse "spinte" gravitazionali e quindi si muove con una velocità che noi non saremmo mai stati in grado di fornirgli, passerà vicino a Sirio fra circa un milione i anni.
Davvero una amministrazione di qualche tipo pensa di fare un progetto con scadenza così lunga? Lanciare una sonda che "arrivi" tra centinaia di migliaia di anni? Oppure era solo un "pour parler"?
Ciao,

qui c'e' un link esaustivo:

http://en.wikipedia.org/wiki/Project_Daedalus

Ciao, Dark
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Vecchio 30-11-06, 16:53   #29
LongJohnVargas
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2005
Messaggi: 161
Red face Re: Alpha Centauri

Questo link parla del progetto Longshot, un astronave interstellare in grado di essere spinta da un motore nucleare ad Elio3 verso Centauri B in 100 anni.

Affascinante.

http://en.wikipedia.org/wiki/Project_Longshot

LongJohnVargas non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-06, 16:44   #30
LongJohnVargas
Utente Junior
 
Data di registrazione: Oct 2005
Messaggi: 161
Red face Re: Alpha Centauri

07.12.2006
Corot, a caccia di pianeti extrasolari
Durante la missione verranno effettuate anche misurazioni di astrosismologia

Partirà dal cosmodromo kazako di Baikonur il 26 o il 27 dicembre prossimi la sonda Corot del Centre National d’Etudes Spatiales (CNES), l’agenzia spaziale francese. Il vettore Soyuz-2-1b porterà in orbita polare a 827 chilometri di quota i 650 chilogrammi di carico che comprendono strumenti per l’osservazione che hanno come principale obiettivo la scoperta di pianeti extrasolari rocciosi anche relativamente piccoli, con dimensioni doppie di quelle della Terra. La missione prevede il monitoraggio di 60.000 stelle e la misurazione delle variazioni della loro luminosità, alla ricerca di quelle dovute a un passaggio di un ipotetico pianeta di fronte a esse.
Ci si aspetta che questo metodo possa evidenziare la presenza di diversi tipi di pianeti dai giganti gassosi a quelli più piccoli rocciosi. E sono proprio questi ultimi a interessare maggiormente. Mentre infatti i pianeti di dimensioni maggiori possono essere rivelati anche da Terra con diverse tecniche, non vale la stessa cosa per i pianeti paragonabili al nostro.
Oltre a ciò, la missione è stata progettata anche per effettuare misurazioni di astrosismologia. Dall’osservazione delle onde che si propagano sulla superficie delle stelle, infatti, sarà possibile ricavare numerose informazioni riguardanti la parte più interna, come massa, età e composizione chimica dell’astro.
"Corot – ha spiegato Ian Roxburgh, che fa parte del gruppo di ricerca della missione – osserverà un’ampia gamma di stelle, con diverse proprietà e differenti età: occorre avere un’idea della loro varietà per capire l’evoluzione stellare.”

Da "LeScienze".



LongJohnVargas non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 01:15.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it