Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Astrofisica e Cosmologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 11-12-18, 19:01   #731
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ma allora il LambdaCDM ha bisogno di "qualcosa" di esterno a ciò che descrive, per far quadrare i conti?
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-18, 19:11   #732
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,456
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
Ma il fatto di essere qui ed ora spettatori di qualcosa che è singolare nell'evoluzione (ancora presunta) dell'Universo, che avviene in un arco temporale molto limitato rispetto a una durata di decine di miliardi di anni (passato + futuro) è qualcosa di probabilisticamente strano.
Mmm..., ma se fosse così non sarebbe altrettanto strano, se non di più, che io e te siamo qui, ora, in un secolo che è la 50millesima parte della intera esistenza del genere Homo e che, guarda caso, rappresenta sotto vari punti di vista il periodo migliore nel quale potessimo nascere ?
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-18, 19:20   #733
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

NEXT time you fancy doing something really frustrating, try balancing a pencil on its sharpened tip. Your efforts will succeed for a second at most. Yet the universe has been succeeding at a similar gravitational trick for the last 13.8 billion years.

The feat is embodied in its geometry. According to Einstein’s general theory of relativity, matter and energy bend space and time, and the amount of stuff the universe contains will determine its ultimate fate. If the universe is dense enough to curve space-time in on itself, all that gravity will eventually collapse it back down to nothing. If the universe’s density is low, it curves outwards – and the weakness of the gravitational pull will mean it expands forever.

But our universe seems to fit in neither camp.


https://www.newscientist.com/article...-as-a-pancake/

La densità dell'Universo sembra fatta apposta per farlo esistere. E qui mi aspetto: "è il principio antropico, baby".

E no! sono le leggi e la composizione dell'Universo (NB: non ho detto soltanto "le leggi" ma "leggi + composizione") che sono millimetricamente calibrate, così come anche lo sono le orbite dei pianeti che rimangono relativamente stabili e non consentono collassi gravitazionali nonostante gli impatti di meteoriti, e così come le stelle rimangono stabili in equilibrio per miliardi di anni pur essendo delle polveriere atomiche... quante configurazioni si mantengono in equilibrio, per consentire l'attuale stato di cose? (e la nostra presenza qui ed ora ad arrovellarci in merito)

Insomma tutta la baracca potrebbe collassare o esplodere per vari motivi, non per uno solo. Perché non avviene? Non è forse perché il fine-tuning esiste, nel senso letterale della parola...?

Con questo mi sto dichiarando creazionista? No, come ho riportato post e post indietro, qualcuno ha giustamente osservato che se un Dio avesse creato tutto ciò solo per noi, sarebbe stato un gran sprecone (di tempo, di vite di miliardi di miliardi di esseri prima della comparsa nostra specie, di spazio e materia).

Quindi l'autore del fine-tuning non penso debba essere un dio come viene comunemente inteso dalle religioni....

Ma fosse invece un dio, o una mano (non necessariamente con attributi divini) più simile a quello concepito da Einstein (o Spinoza)?

Ultima modifica di Nicolaldo : 11-12-18 19:26.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-18, 19:21   #734
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Mizarino Visualizza il messaggio
Mmm..., ma se fosse così non sarebbe altrettanto strano, se non di più, che io e te siamo qui, ora, in un secolo che è la 50millesima parte della intera esistenza del genere Homo e che, guarda caso, rappresenta sotto vari punti di vista il periodo migliore nel quale potessimo nascere ?
Esatto! e infatti, se ricordi, post addietro ho posto (gioco di parole) più o meno questo stesso quesito.............
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-18, 19:27   #735
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Ho parlato di "mano"... mi raccomando, non buttiamola in caciara politica!!!
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 11-12-18, 19:37   #736
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Detta ancora in altri termini: si può parlare di principio antropico quanto si vuole, ma qui le coincidenze si accumulano!

E' un pullulare di coincidenze!!
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 12-12-18, 04:58   #737
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,456
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Meglio chiuderla qui, perché vedo che, dopo lungo silenzio, sei entrato nella fase di posting compulsivo...

Scherzo.
Tuttavia certe domande sulle probabilità e le coincidenze, apparentemente molto intriganti, a mio parere non hanno senso.
Non solo perché non troveranno mai risposta, ma soprattutto perché la nostra visione di "evento improbabile" dipende dall'ottica in cui ci mettiamo, ovvero dalla nostra capacità di distinguere una particolare configurazione da un'altra.

Se nella metropolitana incontriamo un conoscente che non vedevamo da anni, ci sembra una singolare coincidenza, ma ci appare tale solo perché quella persona la conosciamo.
In realtà ciascuno degli incontri che abbiamo fatto rappresenta una coincidenza, che tuttavia ci appare normale solo perché non conosciamo quelle persone.

Apprendo dal telegiornale di questa mattina di un atto di terrorismo a Strasburgo, nel quale, fra le vittime, vi è un turista tailandese. Qual era la probabilità, a priori, che quel poveraccio, nato e cresciuto in Tailandia, si trovasse a Strasburgo proprio in quel fatale istante e in quel fatale metro quadrato del mercatino di Natale?

Non ne sono sicuro, ma sospetto che all'Universo si possano applicare considerazioni del tutto analoghe...

Ultima modifica di Mizarino : 12-12-18 06:20.
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 12-12-18, 07:36   #738
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Il turista a Strasburgo poteva essere tailandese come congolano o equadoregno, ma noi siamo qui, e non apparteniamo a una delle migliaia di generazioni trascorse o che verranno, e neanche agli eoni dipanatisi in 4 miliardi di anni e che hanno visto la vita su questo pianeta, e questo pianeta si mantiene in un equilibrio gravitazionale che non lo fa mai collassare sulla sua stella né fa collassare il suo satellite su di esso, la stella si mantiene in equilibrio da miliardi di anni in maniera da né esplodere né collassare gravitazionalmente e nel frattempo mantiene un flusso di energia sostanzialmente costante e a noi favorevole, ci troviamo in quella fase unica dell'evoluzione dell'Universo in cui possiamo vedere gli effetti dell'inizio e la prospettiva dell'accelerazione futura (finestra che si misura in milioni di anni su uno sviluppo complessivo di decine o forse anche centinaia di miliardi di anni), la densità dell'Universo è tale da non dargli nessuna curvatura gravitazionale che lo faccia distorcere (quantità di massa esatta per ottenere un risultato di equilibrio dalle probabilità bassissime), per non parlare del fine tuning dei campi previsti alla nascita dell'Universo, ecc ecc ecc ecc...

Ti sembra la stessa cosa?

Stiamo parlando di una vera e propria architettura, non di un incasellamento probabilistico dove un componente vale l'altro, e comunque doveva pur starci qualcuno in quell'incasellamento.
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Vecchio 12-12-18, 10:37   #739
Mizarino
Utente Super
 
L'avatar di Mizarino
 
Data di registrazione: May 2004
Messaggi: 9,456
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

Quote:
Nicolaldo Visualizza il messaggio
Ti sembra la stessa cosa?
Sostanzialmente sì.

Nella Galassia (non parliamo poi dell'intero Universo) ci sono 200 miliardi di stelle.
Di questi miliardi una discreta frazione si trova in condizioni di stabilità paragonabili a quelle del Sistema Solare. Che ci sarebbe di strano se in un buon numero di queste si fosse sviluppata la vita?
Se qualcosa è possibile, prima o poi da qualche parte si verifica.
Se poi è anche probabile, si verifica frequentemente un po' dappertutto.

Ultima modifica di Mizarino : 12-12-18 10:46.
Mizarino non in linea   Rispondi citando
Vecchio 12-12-18, 11:28   #740
Nicolaldo
Utente
 
Data di registrazione: Oct 2010
Messaggi: 603
Predefinito Re: A volte ritornano - Perplessità sulla teoria del Big Bang, 2

observations led atheist Fred Hoyle to conclude that, "If you wanted to produce carbon and oxygen in roughly equal quantities by stellar nucleosynthesis ... your fixing would have to be just about where these [oxygen and carbon resonance] levels are actually found to be ... A common sense interpretation of the facts suggests that a superintellect has monkeyed with physics, as well as with chemistry and biology

Barrow and Tipler go on to show how water has a much higher boiling point than other substances, which allow it to also condense to form a liquid. Water has properties which are generally "absent" in similar substances. However, all of these facts would be meaningless if the Earth was in a position relative to the sun that made surface temperatures too hot, or too cold to allow for liquid water. This, and other similar facts show that the solar system itself has been "fine-tuned" and that it seems that a Designer has influenced the fundamental properties of the universe, but also much smaller details like the origin of our solar system

The very mathematical elegance of the universe is also a compelling observation. Physicist Paul Davies speaks for many scientists saying, "The temptation to believe that the Universe is the product of some sort of design, a manifestation of subtle aesthetic and mathematical judgement, is overwhelming. The belief that there is "something behind it all" is one that I personally share with, I suspect, a majority of physicists.

http://www.ideacenter.org/contentmgr...ils.php/id/837
Nicolaldo non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 15:28.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it