Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > News di Astronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 11-08-07, 10:09   #1
Gabriele
Amministratore
 
L'avatar di Gabriele
 
Data di registrazione: Jan 2001
Messaggi: 229
Predefinito Il sodio di Io

11 Agosto 2007
Il sodio di Io
di Claudio Elidoro - Fonte: Boston University

La scoperta che dalle parti di Giove vi sia una gigantesca nube di atomi di sodio risale agli anni novanta e fin dall'inizio è sempre stato abbastanza chiaro che all'origine di quella struttura c'era lo zampino del satellite Io con la sua frenetica attività vulcanica. Nonostante questa certezza, comunque, non si era ancora riusciti a fotografare direttamente la fonte di quel flusso di sodio. Su uno degli ultimi numeri di Nature, però, sono state pubblicate alcune immagini che testimoniano come finalmente gli astronomi siano riusciti nell'impresa.

Autori delle immagini sono Michael Mendillo (Boston University) e il suo team, che hanno sviluppato proprio per questa finalità un particolare metodo fotografico. La loro tecnica, definita HDI (high-definition imaging), risolve le difficoltà connesse alle lunghe riprese necessarie per catturare il debole segnale emesso dagli atomi di sodio acquisendo immagini con esposizioni molto brevi e poi combinandole tra loro. In questo modo i ricercatori riescono a evitare il fastidioso effetto-mosso causato dalla turbolenza atmosferica e a ottenere riprese particolarmente nitide. La difficoltà maggiore, ovviamente, è stata quella di intervenire sulle riprese ottenute e se pensiamo che a disposizione dei ricercatori vi erano 62.500 immagini possiamo avere un'idea dell'arduo lavoro necessario alla loro elaborazione.

Nelle immagini pubblicate su Nature è possibile individuare due distinte sorgenti degli atomi di sodio in fuga da Io. La prima è la regione in cui il satellite si scontra con il flusso di elettroni appartenenti al cosiddetto "toro di plasma", una sorta di ciambella che circonda Giove e che è composta da particelle cariche intrappolate dal campo magnetico del pianeta. La velocità con cui questa struttura ruota attorno a Giove è più rapida del moto orbitale di Io e questo comporta che il satellite venga continuamente flagellato da quel flusso di plasma. Una seconda e distinta fonte degli atomi di sodio si trova invece nella scia del flusso di plasma e alla sua origine vi sarebbero fenomeni chimici riconducibili all'attività vulcanica della piccola luna. I ricercatori, infatti, hanno notato che i cambiamenti individuati nella nube di sodio avvengono con gli stessi ritmi dell'attività vulcanica di Io.

Queste nuove immagini, però, non sono valide solo dal punto di vista estetico. Le informazioni che forniscono riguardo alla scala spaziale e all'intensità delle emissioni di sodio, infatti, saranno molto utili per verificare la correttezza dei modelli teorici che intendono spiegare la storia di quei gas in fuga da Io e la loro diffusione in una così ampia regione intorno a Giove.


Links:

http://www.bu.edu/phpbin/news/releas...ay.php?id=1373

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
Gabriele non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 05:44.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it