Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Scienze Astronomiche > Esobiologia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 18-04-14, 08:40   #1
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Kepler 186f

Uno apre la prima pagina dei quotidiani on-line e legge "scoperto il pianeta gemello della Terra". Non e' cosi', i titoli dei quotidiani enfatizzano.

Ora ho un po' di cose da fare; comunque il sito di Sky & Telescope fa un buon sommario di questa pur sempre interessante notizia:

http://www.skyandtelescope.com/astro...net-found-yet/


Dark
__________________
"The world is not all science and there are places where science cannot and even should not go. But this lesson has come surprisingly hard to many philosophers and scientists. Scientism is naive and it is hubristic. But, most of all, it’s just plain wrong." H. Allen Orr, review of S. Gould's "Rocks of Ages".

"Fra l’altro, dobbiamo chiarire fin dall’inizio che se una cosa non è scienza, non necessariamente è un male. Per esempio l’amore non è una scienza.” - R. Feynman
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Vecchio 18-04-14, 09:30   #2
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 18,745
Predefinito Re: Kepler 186f

Debbo dire che queste notizie, che vengono diffuse dai mass-media in modo da far immaginare mondi gemelli della Terra, magari da colonizzare, mi fanno un poco innervosire...
Per carità, non è una critica a Dark GRB, ci mancherebbe altro...
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 18-04-14, 13:40   #3
massimar
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Kepler 186f

beh, se è per questo al tg5 e su Italia 1 hanno fatto di peggio: hanno dato la notizia " scoperto il pianeta gemello della terra " mentre sullo sfondo passavano le immagini di un ( improbabile ) rendering di questo bellissimo pianeta con i suoi continenti, gli oceani e l'atmosfera, mentre maestosamente si muoveva intorno alla sua stella, fino al momento culminante dell'eclissi in cui la luce della nana rossa penetrava nella coltre atmosferica generando una miriade di sfumature colorate in un sublime tramonto cosmico
  Rispondi citando
Vecchio 18-04-14, 16:43   #4
fran&cis
Banned
 
Data di registrazione: May 2013
Messaggi: 732
Predefinito Re: Kepler 186f

La fonte di certe foto e certe notizie non è giornalistica ma, in questo caso, della NASA....starei attento a dire che l'enfatizzazione di certe scoperte dipende dai giornalisti...direi invece che in primo luogo dipende dagli "scopritori"....pubblicità, progresso...
fran&cis non in linea   Rispondi citando
Vecchio 18-04-14, 18:03   #5
massimar
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Kepler 186f

Hai ragione francis, la Nasa tira l'acqua al suo mulino, e visto dalla loro parte fanno bene, più interesse dall'opinione pubblica=più finanziamenti, dico solo che da inguaribile sognatore mi aspetto sempre un po' di senso critico dai giornalisti di casa nostra, che le "americanate" in puro stile Hollywood dovrebbero conoscerle bene !
  Rispondi citando
Vecchio 18-04-14, 18:57   #6
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Kepler 186f

Dal sito della missione Kepler:

http://kepler.nasa.gov/news/index.cf...ews&NewsID=330
__________________
"The world is not all science and there are places where science cannot and even should not go. But this lesson has come surprisingly hard to many philosophers and scientists. Scientism is naive and it is hubristic. But, most of all, it’s just plain wrong." H. Allen Orr, review of S. Gould's "Rocks of Ages".

"Fra l’altro, dobbiamo chiarire fin dall’inizio che se una cosa non è scienza, non necessariamente è un male. Per esempio l’amore non è una scienza.” - R. Feynman
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 18-04-14, 21:07   #7
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Kepler 186f

La stella centrale del sistema, Kepler 186, e' una nana rossa, di massa circa 0,5 masse solari e luminosita' (energia emessa su tutto lo spettro diviso tempo) pari al 5% di quella del Sole.

Kepler 136f, come il nome suggerisce, e' il sesto pianeta del sistema. Orbita a circa 0.41 unita' astronomiche dalla sua stella, grossomodo la distanza di Mercurio dal Sole. Riceve circa 435 Watt / m^2, circa il 30% di quanto riceva la nostra Terra.

Non si sa nulla della massa, perche' Kepler puo' stimare il diametro dei pianeti, il periodo orbitale e da quello il raggio dell'orbita, ma non la massa del pianeta. Il diametro e' circa 1,1 volte quello della Terra. Per quello che si sa, e' difficile parlare di un pianeta gassoso come Urano o Nettuno. O e' roccioso come la Terra, o e' un pianeta oceano.

Gli altri corpi noti del sistema di Kepler orbitano tutti vicini alla stella centrale ed hanno temperature troppo elevate, si ritiene, per ospitare forme di vita.

http://arxiv.org/pdf/1404.4368v1.pdf

Dark
__________________
"The world is not all science and there are places where science cannot and even should not go. But this lesson has come surprisingly hard to many philosophers and scientists. Scientism is naive and it is hubristic. But, most of all, it’s just plain wrong." H. Allen Orr, review of S. Gould's "Rocks of Ages".

"Fra l’altro, dobbiamo chiarire fin dall’inizio che se una cosa non è scienza, non necessariamente è un male. Per esempio l’amore non è una scienza.” - R. Feynman

Ultima modifica di Dark_GRB : 19-04-14 10:42.
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Vecchio 19-04-14, 14:09   #8
Planezio
Utente Esperto
 
L'avatar di Planezio
 
Data di registrazione: Jan 2003
Messaggi: 2,763
Predefinito Re: Kepler 186f

Sbaglierò, ma secondo me il significato di queste "clamorose scoperte" si può ridurre a poche considerazioni:
Praticamente quasi ovunque si siano cercati pianeti sono stati trovati, se ne sono trovati di dimensioni assortite ed a distanze assortite dalle loro Stelle.
Quindi, visto che si sono studiate poche migliaia di stelle e ce ne sono centinaia di miliardi, è ESTREMAMENTE FACILE che da qualche parte ci siano pianeti di dimensione adatta ed in posizione adatta.
Che poi ci si sviluppi la vita è un altro discorso.
Fino a che non ci saranno prove serie (pare che le indagini spettroscopiche durante le eclissi siano promettenti metodi di indagine) è questione di opinioni.
Personalmente penso che la vita si sviluppi (od arrivi, non so) ovunque sia possibile. Tipo "panspermia", per capirci.
Ma è un'opinione personale, scientificamente non vale nulla.
Ripeto, però è QUESTO il significato che attribuisco a questi clamorosi "proclama":
La cosa diventa sempre più "facile" e "probabile".
Poi, se son rose, fioriranno. E se sono carciofi, fioriranno lo stesso, anche se in maniera diversa.
Ciao
Planezio non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-04-14, 09:39   #9
Daniele_Rm
Utente Junior
 
L'avatar di Daniele_Rm
 
Data di registrazione: Jun 2010
Ubicazione: Roma
Messaggi: 167
Predefinito Re: Kepler 186f

alcuni ogni notizia la fanno sempre critica..
le notizie dei media son sempre ingigantite si sa, ma anni fa saremmo stati entusiasti solo per la scoperta di un altro pianeta, anche completamente inospitale, in un altro sistema..
negli ultimi anni la scoperta di super-Terre in zona abitabile gia' non ci entusiasma piu'..
ora la scoperta della prima probabile "Terra" in zona abitabile la sdiminuiamo..
ingigantire una notizia importante è sbagliato, farla passare come carta straccia lo è altrettanto.
Non si sta cercando la vita, si stanno cercando, come prima cosa, pianeti con condizioni simili a quelle terrestri, quindi probabilmente adatti alla vita per come la conosciamo. Alla fine magari la vita si trova nel pianeta che era dato fuori dalla zona abitabile e il pianeta considerato favorevole è completamente inospitale;
ma per ora è cosi'.

Il pianeta non è certamente il gemello della Terra, e come dice Dark la sua Stella è molto debole, ma Ipotizzando un albedo simile a quello terrestre avrebbe una temperatura di equilibrio di circa -80°c (Marte ha una temperatura di equilibrio di -63°c e la Terra di -18°c), assumendo quindi un atmosfera simile a quella terrestre il pianeta potrebbe avere una temperatura media di circa -45°c, quindi uno Psychropianeta (pianeti freddi compresi fra 0 e -50°c) qualcosa di simile alla nostra Terra nel Cryogeniano (650 ma) o un pianeta freddo ma libero dai ghiacci assumendo un atmosfera piu' spessa di quella terrestre (questo anche considerando che anche Marte aveva oceani)..
Questa in ogni caso è la mia interpretazione di Kepler-186-f-


,
__________________
.. noi ci guardiamo, il cielo ed io,
.. senza stancarci..


Ultima modifica di Daniele_Rm : 23-04-14 13:07.
Daniele_Rm non in linea   Rispondi citando
Vecchio 25-04-14, 17:11   #10
Dark_GRB
Utente Esperto
 
L'avatar di Dark_GRB
 
Data di registrazione: Sep 2004
Ubicazione: Sicilia
Messaggi: 2,533
Predefinito Re: Kepler 186f

La pagina di Wikipedia, che mi pare riporti interessanti informazioni.

http://en.wikipedia.org/wiki/Kepler_186f

Una cosa che andrebbe ricordata e' che il pianeta ha praticamente lo stesso raggio orbitale di Mercurio. Anche se la massa della stella che illumina Kepler 186-f e' circa la meta' di quella del Sole, gli effetti mareali avranno grandemente rallentato il periodo di rotazione del pianeta; un "giorno" di Kepler 186-f certamente durera' mesi. Il periodo di rotazione sara' probabilmente o in risonanza 3:2 con quello di rivoluzione od addirittura in risonanza 1:1, cioe' con il pianeta che tiene sempre la stessa faccia rivolta alla sua stella.

La stella che illumina Kepler 186-f e' probabilmente una nana rossa di tipo M1, con una luminosita' pari a circa il 4-5% di quella del nostro astro. Il pianeta e' quanto di piu' vicino possa essere alla sua stella senza che il suo periodo di rotazione sia certamente sincronizzato con quello di rivoluzione; allo stesso tempo esso riceve un irraggiamento sufficiente a non renderlo un congelatore.

Ricordo che ogni tanto "mi divertivo" ad immaginare e calcolare le condizioni di pianeti intorno nane rosse... le stelle di tipo M0-M1 sono quelle piu' deboli per cui si puo' ancora avere un pianeta ad una temperatura decente ed allo stesso tempo che non sia tidally-locked.

Pianeti che orbitano intorno stelle piu' deboli di Kepler 186 dovrebbero essere cosi' vicini che saranno quasi sicuramente costretti a rivolgere sempre la stessa faccia alla loro stella.

Dark
__________________
"The world is not all science and there are places where science cannot and even should not go. But this lesson has come surprisingly hard to many philosophers and scientists. Scientism is naive and it is hubristic. But, most of all, it’s just plain wrong." H. Allen Orr, review of S. Gould's "Rocks of Ages".

"Fra l’altro, dobbiamo chiarire fin dall’inizio che se una cosa non è scienza, non necessariamente è un male. Per esempio l’amore non è una scienza.” - R. Feynman

Ultima modifica di Dark_GRB : 25-04-14 17:16.
Dark_GRB non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 02:05.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it