Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > News di Astronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 14-11-09, 11:30   #1
Gabriele
Amministratore
 
L'avatar di Gabriele
 
Data di registrazione: Dec 2000
Messaggi: 229
Predefinito Acqua, finalmente!

14 Novembre 2009
Acqua, finalmente!

di Claudio Elidoro - Fonte: NASA

Ciò che conosciamo del nostro satellite si arricchisce dunque di un nuovo capitolo. A dispetto della scarsa spettacolarità di quel doppio tuffo suicida del razzo Centaur e della sonda LCROSS verso le regioni del Polo Sud lunare lo scorso 9 ottobre, i dati scientifici che cominciano a trapelare dai laboratori di ricerca sono incredibilmente importanti.

Le prime analisi dei dati spettrali indicano senz'ombra di dubbio che nel materiale liberato dall'impatto sul fondo del cratere Cabeus vi è la presenza di acqua. Lo spettrometro infrarosso a bordo di LCROSS ha infatti registrato le tipiche bande di assorbimento del vapore d'acqua a 1.4 e 1.85 micron, mentre un secondo spettrometro ha registrato una emissione a 309 nanometri, traccia caratteristica lasciata dal radicale idrossile quando le molecola d'acqua vengono spezzate dalla radiazione ultravioletta del Sole.

Secondo Antony Colaprete, LCROSS project scientist, la presenza di acqua è evidente sia nel pennacchio gassoso sia nella coltre dei materiali espulsi dall'impatto oltre i bordi del cratere Cabeus. Una sua stima approssimata di quanto vapore d'acqua fosse contenuto nella porzione di pennacchio inquadrata dagli strumenti suggerisce una quantità di circa un centinaio di chilogrammi. "Abbiamo provato tutte le possibili ragionevoli combinazioni di materiali - ha dichiarato Colaprete - ma solo quando abbiamo preso in considerazione l'acqua i risultati combaciavano con i dati di LCROSS. E' naturale che prima di tutto abbiamo esaminato in dettaglio ed escluso la possibilità di possibili contaminazioni indotte dal razzo Centaur."

Gli spettri, però, indicano che non c'è solo acqua. Sono molti gli ingredienti che potrebbero comporre il materiale sollevato dall'impatto, compresa l'anidride carbonica, il monossido di carbonio e anche alcune molecole organiche quali il metano, il metanolo e l'etanolo. Per poter definire la composizione corretta ci vorrà ancora un po' di tempo. Quando avremo la lista completa sarà come fare un tuffo nel passato più remoto non solo del nostro satellite, ma dell'intero Sistema solare. Quell'incredibile trappola ghiacciata in ombra da miliardi di anni ha infatti preservato per tutto questo tempo i materiali più primitivi.

Grande successo, dunque, quello della missione LCROSS: poco appariscente e spettacolare, ma di grandissima sostanza.


http://www.coelum.com/index.php?goto...&nvm=11&id=609
Gabriele non in linea   Rispondi citando
Vecchio 14-11-09, 12:03   #2
conte
Utente Esperto
 
L'avatar di conte
 
Data di registrazione: Feb 2007
Ubicazione: per adesso quì,poi un pò più là.
Messaggi: 2,025
Predefinito Re: Acqua, finalmente!

Quote:
Gabriele Visualizza il messaggio
14 Novembre 2009
Acqua, finalmente!
di Claudio Elidoro - Fonte: NASA

Ciò che conosciamo del nostro satellite si arricchisce dunque di un nuovo capitolo. A dispetto della scarsa spettacolarità di quel doppio tuffo suicida del razzo Centaur e della sonda LCROSS verso le regioni del Polo Sud lunare lo scorso 9 ottobre, i dati scientifici che cominciano a trapelare dai laboratori di ricerca sono incredibilmente importanti.

Le prime analisi dei dati spettrali indicano senz'ombra di dubbio che nel materiale liberato dall'impatto sul fondo del cratere Cabeus vi è la presenza di acqua. Lo spettrometro infrarosso a bordo di LCROSS ha infatti registrato le tipiche bande di assorbimento del vapore d'acqua a 1.4 e 1.85 micron, mentre un secondo spettrometro ha registrato una emissione a 309 nanometri, traccia caratteristica lasciata dal radicale idrossile quando le molecola d'acqua vengono spezzate dalla radiazione ultravioletta del Sole.

Secondo Antony Colaprete, LCROSS project scientist, la presenza di acqua è evidente sia nel pennacchio gassoso sia nella coltre dei materiali espulsi dall'impatto oltre i bordi del cratere Cabeus. Una sua stima approssimata di quanto vapore d'acqua fosse contenuto nella porzione di pennacchio inquadrata dagli strumenti suggerisce una quantità di circa un centinaio di chilogrammi. "Abbiamo provato tutte le possibili ragionevoli combinazioni di materiali - ha dichiarato Colaprete - ma solo quando abbiamo preso in considerazione l'acqua i risultati combaciavano con i dati di LCROSS. E' naturale che prima di tutto abbiamo esaminato in dettaglio ed escluso la possibilità di possibili contaminazioni indotte dal razzo Centaur."

Gli spettri, però, indicano che non c'è solo acqua. Sono molti gli ingredienti che potrebbero comporre il materiale sollevato dall'impatto, compresa l'anidride carbonica, il monossido di carbonio e anche alcune molecole organiche quali il metano, il metanolo e l'etanolo. Per poter definire la composizione corretta ci vorrà ancora un po' di tempo. Quando avremo la lista completa sarà come fare un tuffo nel passato più remoto non solo del nostro satellite, ma dell'intero Sistema solare. Quell'incredibile trappola ghiacciata in ombra da miliardi di anni ha infatti preservato per tutto questo tempo i materiali più primitivi.

Grande successo, dunque, quello della missione LCROSS: poco appariscente e spettacolare, ma di grandissima sostanza.

http://www.coelum.com/index.php?goto...&nvm=11&id=609
gabriele sei arrivato secondo
conte non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 20:51.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it