Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Astronomia Pratica
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 06-04-17, 09:16   #11
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 16,286
Predefinito Re: Comparazione dei miei strumenti

Per prima cosa ti consiglio di dare subito un'occhiata alla doppia Castor, alfa gemini SAO 60198 sep 4,63” per vedere come sia il seeing. In questo caso l'ideale è usare circa 180 ingrandimenti con entrambi gli strumenti. Questa è stata la mia prima "mira" l'altra sera, quando ho messo a fianco il TS APO 130 ed il Maksutov Rumak 180/1800. Ho capito subito che il Maksutov risentiva molto di più del seeing che non era ottimale. Infatti tutto il resto delle osservazioni è stato di conseguenza.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 07-04-17, 14:10   #12
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 45,662
Predefinito Re: Comparazione dei miei strumenti

Quello del seeing è un aspetto spinoso della questione.

Se il seeing è mediocre, il 120ED parte con un vantaggio che non corrisponde ala suo reale potere risolutivo.

Ovvero il C9.25 parte svantaggiato perchè performerà meno del suo reale potere risolutivo.

Un'altre sera dal seeing .....EPOCALE..... i risultati sarebbero diametralmente opposti.

Ecco perchè si usano le mire ottiche, tipo le griglie di ARGENTIERI e tante altre, io stesso testo i miei strumenti in terrestre su dei bersagli molto tecnici ed a breve distanza, per ridurre al minimo l'influenza del seeing.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO M500 da 127/1270mm ad f10--RUMAK INTES MICRO ALTER M615 da 152/2250mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM--torretta LUMICON--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 07-04-17, 20:24   #13
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 16,286
Predefinito Re: Comparazione dei miei strumenti

Sapere che il proprio telescopio è di qualità fa piacere. Però alla fine osservare delle mire non mi appaga più di tanto. Quindi, visto che il telescopio l'ho preso per osservare il cielo la comparativa mi piace farla su quello. Si capisce che per avere una valutazione di uno strumento in questo modo ci vuole non meno di un anno di osservazioni, perchè va testato con condizioni varie di seeing e su tanti soggetti diversi. Il Rumak se il seeing è buono dà ottime immagini, me ne accorsi una volta che osservavo la Luna con la torretta e mi ero dimenticato di togliere la Barow 3,6 x che uso per osservare il Sole col Coronado. Quindi stavo osservando a 600 ingrandimenti, ma l'immagine era ancora buona. Osservando Plato capii che c'era qualcosa che non andava, era enorme... Certo non vedevo nulla di più che con la metà degli ingrandimenti, ma l'immagine era sempre molto nitida. Invece l'altra sera ho visto che col cattivo seeing era andato subito in crisi, mentre l'apocromatico da 130 mm ne risentiva poco e mi mostrava stelle ancora discrete ed un Giove anche molto particolareggiato. Dalle prove sinora fatte debbo dire che il TS APO 130 mm va alla grande in tutte le condizioni. Magari ci vuole un poco perchè vada in temperatura se è freddo.
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Vecchio 08-04-17, 07:53   #14
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 45,662
Predefinito Re: Comparazione dei miei strumenti

Mi fa molto piacere leggere che hai tirato il RUMAK a 600x, daltronde è un f10 e come tale si porta dietro un'ostruzione simile ad un SCT, per cui patisce un cattivo seeing un poco di più di un RUMAK ad f15.

Ma quando il seeing è ottimo il rapporto focale perde molto della sua importanza ed emerge il diametro e la qualità ottica ed ecco servitii 600x, davvero tantissimi per un 180mm.

Se uno desidera un discreto campo abbinato ad una buona prestazione ottica, l'f10 alla fine è il più equilibrato, anche se si perdono delle frazioni minime di prestazione ottica.

__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO M500 da 127/1270mm ad f10--RUMAK INTES MICRO ALTER M615 da 152/2250mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM--torretta LUMICON--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 03-07-17, 05:40   #15
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 45,662
Predefinito Re: Comparazione dei miei strumenti

Parlando di SEEING, ieri sera un cielo bellissimo e molto trasparente, decido di tentare la prima osservazione di SATURNO.

Poto fuori il C11 CPC HD, ben sapendo che ad IVREA un cielo bellissimo significa un cattivo SEEING.

Parto con due CELESTRON X-CELL LX da 25mm/60° in torretta binoculare, per soli 136, ma la turbolenza impasta le immagini sia di GIOVE che della LUNA.

Metto un diaframma a lati rettilinei aperto a 90°, migliora la turbolenza, ma perdo tropo segnale.

Riprovo con un diaframma aperto a 120° e si dimostra più utile.

Passo a quello aperto a 135° ed aumenta la potenza ottica e rimane uguale il vantaggio per la turbolenza.

Mi dovrò dunque ricredere su cosa scrisse il mia mico VALTER FERRERI su NUOVO ORIONE, il quale affermava di mettere semplicemete un diaframma aperto a 180°, ovvero occultare seccamente metà obbiettivo.

SATURNO, troppo basso, migliorava con i diaframmi, ma era comunque scarsissimo e lo era persino nel rifrattorino da 70/500mm a 25x, montato in parallelo sul C11.

Oggi, per puro spirito di ricerca, farò dunque il diaframma consigliato da FERRERI con apertura a 180°, ovvero che tappa metà obbiettivo.

Metà di un C11 è grosso modo l'apertura del ACF da 8" e di un C8 e molto di più del già prestazionale MAK SW 180, come area colletrice di luce.
__________________
Strumenti,--C11 CPC DELUXE EDGE HD--MEADE LX90 ACF 8"-- montatura IOPTRON AZ-IEQ45 DUAL PRO--montatura EZ-TOUCHE--rifrattore SW 70/500mm--rifrattore ACRO SW BD 102/500mm-- rifrattore SW BD da 120/600mm--rifrattore APO 120ED --RUMAK INTES MICRO M500 da 127/1270mm ad f10--RUMAK INTES MICRO ALTER M615 da 152/2250mm ad f15--binocolo TENTO 20x60--binocolo ZEIS 10x50 JENOPTEM--torretta LUMICON--torretta DENKEMEYER BIG EASY--torretta DENKEMEYER II--

Una vagonata di oculari ,tutti in coppia.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 04:58.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it