Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Autocostruzione
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 19-07-18, 17:39   #31
maurizio77
Utente
 
L'avatar di maurizio77
 
Data di registrazione: Mar 2010
Ubicazione: provincia di milano
Messaggi: 648
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

ciao Astrotecnico quindi se ho capito sei favorevole a forare "prima"e poi lavorare il primario bloccando il tassello di vetro,forare a primario finito sarebbe un'incubo!
__________________
"L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


Winston L.S. Churchill



strumenti.tal newton 10. intes MN180 stein. 77-910 rifrattore.
seben acro 130 f11
maurizio77 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 20-07-18, 07:33   #32
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Relativamente al fatto di forare lo specchio prima o dopo la lavorazione le scuole di pensiero sono diverse.

Si può forare prima della lavorazione totalmente e poi rimettere al suo posto il cilindro di vetro che si ottiene dal carotatore, fissandolo con del gesso. Non usare colle perchè troppo adesive e si rischia poi di danneggiare il vetro per estrarre il cilindro. Nemmeno il silicone è adatto perchè il fissaggio non è sufficientemente solido.

Oppure si può forare in parte prima e terminare a lavorazione finita. Questo evita di asportare totalmente il cilindro di vetro e migliora la qualità di lavorazione al bordo del foro.

Perchè parlo di eventuali problemi al bordo del foro ?


Il vetro è un materiale amorfo e quindi non ha un reticolo cristallino ordinato. Questo fa si che il suo comportamento non è così stabile come si pensa. Lasciando il foro centrale senza il suo "tappo" significa esporre il bordo a possibili deformazioni e alla formazione del bordo ribattuto. Sebbene queste deformazioni e il bordo ribattuto si trovano in pratica nel foro, quindi sono comunque coperte dalla battuta del paraluce dello specchio, tipico dei cassegrain, è sempre bene non averle.

Meno errori meno problemi !
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 20-07-18, 07:53   #33
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Apro una parentesi a proposito della punta che si può usare per forare il vetro oltre al nostro semplice carotatore autocostruito. Ne abbiamo già parlato, però ritengo che dire due ulteriori parole non guasta.

In commercio esistono delle tazze diamantate. Ci sono di qualità molto elevata, per uso continuo e gravoso, ma anche economiche, per uso amatoriale.


Il costo delle seconde è molto basso, quindi sicuramente appetibile per noi. C'è però un problema: devono essere utilizzate con raffreddamento ad acqua corrente altrimenti si scaldano per attrito molto durante la foratura, trasmettendo al vetro una gran quantità di calore, tra l'altro molto localizzato e quindi particolarmente pericoloso.
================================================== ======
Più semplicemente: il vetro si scalda nel punto del foro, tende quindi ad espandersi rapidamente e se non si prendono immediati provvedimenti (vedi acqua in abbondanza) il risultato è un bel crack !

Ultima modifica di astrotecnico : 23-07-18 07:55.
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 20-07-18, 11:29   #34
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Abbiamo detto che prima di effettuare una vera foratura di uno specchio è sicuramente meglio fare qualche prova con qualche spezzone di scarto.
Il problema che ora si pone è quello di fissare il più saldamente possibile al supporto del trapano il pezzo da forare. Come fare ? Le soluzioni possono essere diverse. Io ne propongo una che fa uso di qualche scarto di legno e poche altre cose. Lascio alla vostra inventiva altri metodi


Costruire un semplice supporto per la foratura di specchi

I materiali per la costruzione del supporto sono i seguenti:
  • quadrotto di multistrati da 20 millimetri circa di spessore (va bene anche uno spezzone di comune listellato) di dimensioni superiori al diametro dello specchio
  • 4 listelli di legno
  • qualche vite per pannello di lunghezza adeguata
  • colla vinilica
  • vernice impregnante (flatting o quello che volete voi, non è critica)
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-07-18, 07:47   #35
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Ora che abbiamo i materiali possiamo costruire il supporto di foratura del nostro specchio. In pratica si tratta di fare una specie di vassoio con quattro spezzoni di listello di legno. Per le dimensioni occorre tenere in conto che, il quadrotto di legno che fa da supporto, deve avere i lati maggiori del diametro dello specchio più il doppio della sezione del listello usato. Se per esempio usate un listello di sezione 20 x 20 millimetri e dovete bloccare uno specchio da 300 millimetri di diametro, dovete fare il quadrotto di almeno 340 millimetri di lato. Io in ogni ogni caso vi consiglio di abbondare un po’ su queste misure, quindi, diciamo, fare il quadrotto da 380 x 380 millimetri, anche per avere un minimo di bordo utile al fissaggio a mezzo morsetti da falegname o simili. Ovviamente i listelli vanno fissati in maniera tale che lo spazio che rimane al loro interno è comunque pari al diametro dello specchio.





Cosa molto importante è fare in modo che lo specchio non è troppo stretto tra i listelli. Deve essere fissato saldamente, però senza esagerare. A questo scopo un metodo che io uso abitualmente è quello di applicare sul bordo dello specchio uno o due giri di nastro di carta. Questo permette di posizionare lo specchio appena forzato all'interno dei listelli. Vi consiglio inoltre di praticare un foro passante al centro del quadrotto di diametro di 25 - 30 millimetri, per poterlo smontare agevolmente.
L'assemblaggio del nostro supporto di foratura è banale. Si tratta infatti di tagliare i listelli di legno nella misura corretta a formare un quadrato, le cui misure interne sono praticamente pari al diametro dello specchio, leggermente abbondante se desiderate fissare lo specchio con il metodo del nastro adesivo di carta sul bordo. Praticare il foro sul fondo del quadrotto, per poi fissare i listelli con colla vinilica e viti o chiodi, come preferite. Come ultima operazione verniciate abbondantemente con flatting o impregnante.

Ultima modifica di astrotecnico : 23-07-18 13:24.
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-07-18, 11:52   #36
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Prime prove di foratura

Eccoci finalmente al momento forse più elettrizzante: le prime prove di foratura con il nostro carotatore !
Ovviamente è consigliabile farle con qualche spezzone di vetro da finestra o comunque qualche scarto. Se fate un salto da un vetraio sicuramente trovate scarti di vetro di vari spessori e spesso anche del cristallo da diversi millimetri. Non avrete grosse difficoltà a farvi dare qualche spezzone per fare le prove, soprattutto se gli spiegate come farete il foro, cioè con abrasivo, acqua e il carotatore autocostruito
Non curatevi dell'eventuale sguardo di compatimento dell'artigiano, che è ovviamente abituato a fare questi fori con tazze diamantate e che considera il vostro metodo trogloditico ..........



Avete il vetro ? E allora cosa aspettate: proviamo !

Il primo tentativo fatelo con la normale lastra di vetro da finestra. Quindi mettete uno spezzone adeguato nel vostro supporto appena costruito e poi sovrapponetene un’altra, che è poi quella che viene effettivamente forata.
Quella posta sul fondo serve, come gia detto, per ottenere il foro più netto possibile.

Ora dovete creare sulla superficie della lastra da forare una specie di cratere di diametro un po’ superiore a quello del carotatore e lo potete per esempio fare con del mastice da finestra oppure con del silicone. In pratica create un anello a rilievo sul punto dove volete forare. Come diametro diciamo circa 1,5/2 volte quello del carotatore. Ovviamente se lo fate con il silicone dovete aspettare che asciuga.


A cosa serve questo misterioso anello ? Semplice: serve ad evitare che l’abrasivo se ne vada subito dal punto di taglio ! Il carotatore, durante la rotazione, tende infatti ad allontanare l’abrasivo dal punto di taglio.

Fatto l'anello di contenimento, mettiamo il nostro supporto sul trapano a colonna. Le modalità di fissaggio sono diverse secondo che trapano si usa, però di solito per fare questa operazione bisogna mettere il trapano a sbalzo sul tavolo di lavoro, fissando il supporto a quest’ultimo.
Ora avviamo il trapano e scegliamo un numero di giri molto ridotto. Mettiamo la miscela abrasivo/acqua all’interno del cratere e abbassiamo molto gentilmente il carotatore fino a toccare il vetro. Sentiremo immediatamente l’azione mordente dell’abrasivo, con un rumore del tutto simile a quello provocato durante la lavorazione di uno specchio. Usiamo poca pressione e lasciamo lavorare l’abrasivo per po'. Dopo alcuni decine di secondi andiamo a vedere come vanno le cose e sicuramente vedremo che i taglienti del carotatore hanno lasciato per mezzo dell’abrasivo una po' di traccia circolare opaca sul vetro. Questo è chiaramente segno che tutto procede bene !
Piano piano continuate con moderata pressione, aggiungendo di tanto in tanto abrasivo e controllando che la temperatura non è eccessiva. La traccia sul vetro sarà sempre più netta e profonda, fino a forare la lastra.

Complimenti ! Avete appena fatto il primo vostro foro nel vetro !

Ultima modifica di astrotecnico : 23-07-18 12:04.
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 23-07-18, 12:12   #37
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Ricordate!
  • forate con regime di rotazione basso
  • controllate la temperatura in continuazione
  • se c'è troppo calore fermate il processo per un po'
  • se il vetro si è scaldato molto NON GETTATEGLI ACQUA FREDDA SOPRA
  • maggiore è lo spessore del vetro e più grande è il rischio di provocare una frattura
  • uno dei momenti più critici è quando il carotatore sbuca dalla faccia posteriore perchè vi può staccare frammenti ecc.
  • se per qualche motivo il carotatore si blocca dentro al foro parzialmente eseguito non tentate di sbloccarlo dandogli colpi ecc ma mettete il tutto a bagno in acqua tiepida

Ultima modifica di astrotecnico : 23-07-18 12:16.
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 23-07-18, 13:38   #38
maurizio77
Utente
 
L'avatar di maurizio77
 
Data di registrazione: Mar 2010
Ubicazione: provincia di milano
Messaggi: 648
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

grazie Astrotecnico ti seguo non ci abbandonare per troppo tempoanche perchè mi sono
procurato tre dischi in calciosodico uno da 250mm spesso 30mm 2 da 300mm spessi
40mm di questo spessore sono stato fortunato,devo chiarirmi le idee sul progetto e
disegno ottico per costruire il carotatore di diametro uguale al foro che indicherà il progetto
__________________
"L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


Winston L.S. Churchill



strumenti.tal newton 10. intes MN180 stein. 77-910 rifrattore.
seben acro 130 f11
maurizio77 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-07-18, 06:44   #39
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Avete fatto qualche prova di foratura ? Tutto ok ? Bene: allora, ora che sappiamo cosa fare per creare il foro sul primario del Cassegrain, andiamo avanti.


Supponiamo di avere gia forato il nostro primario 300F5: ora manca il secondario !
Prima però di parlare del secondario e della sua realizzazione dobbiamo risolvere un grosso problema ovvero come fare le misure sul secondario.


Infatti per quello che riguarda il primario abbiamo la possibilità di utilizzare l'apparato di Foucault e il reticolo di Ronchi. La forma è parabolica e fare dei test è relativamente facile.
Ma lo specchio secondario del Cassegrain è iperbolico !
Questo è un bel problema !
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 24-07-18, 08:57   #40
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 950
Predefinito Re: Come fare un Cassegrain

Abbiamo appena detto che il secondario è iperbolico e quindi dobbiamo vedere come misurarne la forma.
Facciamo però un passo indietro è andiamo a vedere i metodi più conosciuti con i quali si verifica la forma del secondario di un Cassegrain.

Dal punto di vista professionale l’iperbolico può essere verificato con metodo dell’autocollimazione, ideato da una nostra vecchia conoscenza e cioè l’ottico americano G.W.Ritchey. Si tratta di un test molto attendibile, ad elevata sensibilità, poiché gli errori, dove ci sono, vengono amplificati due volte, quindi ben visibili. Il materiale occorrente è:
- un supporto per lo specchio primario
- un supporto per il secondario
- una sorgente di luce puntiforme (LED a elevata luminosità o LASER)
- reticolo di Ronchi
- uno specchio piano, con precisione della superficie di 1/10 di lunghezza d’onda , possibilmente alluminato, di dimensioni maggiori o uguali al primario
- lo specchio primario

In fondo si tratta di poco cose che, se vogliamo costruire specchi, dobbiamo avere in casa o comunque sono più o meno facilmente realizzabili.

Tranne una: lo specchio piano ! Purtroppo questo è un oggetto particolarmente costoso e non facile da autocostruire! Un buon piano da 300 o meglio 400 millimetri di diametro può costare anche qualche migliaio di euro. Per rendervi conto dei costi date un'occhiata qui Comunque, per i più coraggiosi, presto descriverò le modalità di realizzazione di uno specchio piano con le caratteristiche richieste.

Ultima modifica di astrotecnico : 24-07-18 09:04.
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 19:23.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it