Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Osservare il Cielo > Radioastronomia Amatoriale
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 13-02-18, 21:28   #1
AndreaB
Utente Junior
 
L'avatar di AndreaB
 
Data di registrazione: Sep 2007
Ubicazione: Pisa
Messaggi: 333
Invia un messaggio tremite Skype a AndreaB
Predefinito Pulsar

Le pulsar sono oggetti cosmici iperdensi con emissione prevalente in banda radio, sono il risultato dell'esplosione di stelle massiccie che dopo la fase di supernova lasciano un nocciolo residuo costituito prevalentemente da neutroni.
Traduzione estrapolata dal sito : ( neutronstar.joataman.net/ )

Una pulsar, abbreviazione di stella radio pulsante, è una stella di neutroni rotante altamente magnetizzata che emette un raggio di radiazione elettromagnetica che può essere osservata solo quando il raggio di emissione è rivolto verso la Terra.
Una buona analogia è un faro la cui luce può essere vista solo quando la lente è puntata nella direzione di un osservatore e dà un aspetto pulsato alla luce fissa della sorgente luminosa emittente.
La prima pulsar è stata osservata il 28 novembre 1967 da Jocelyn Bell che osservava impulsi separati da 1,33 secondi che provenivano dalla stessa posizione sul cielo e mantenuti in tempo siderale.
Il segnale fu soprannominato LGM-1, per "piccoli uomini verdi" (un nome scherzoso per esseri intelligenti di origine extraterrestre).*Fu solo quando una seconda fonte pulsante fu scoperta in una parte diversa del cielo che l'"ipotesi LGM" fu completamente abbandonata.*La pulsar fu successivamente soprannominata CP 1919, ed è ora nota da numerosi designatori tra cui PSR 1919 + 21, PSR B1919 + 21 e PSR J1921 + 2153.
Le stelle di neutroni sono molto dense e hanno periodi di rotazione brevi e regolari.*Questo produce un intervallo molto preciso tra gli impulsi.*I periodi di impulso variano da circa un millisecondo a secondi e sono unici per ogni singola pulsar.
Una stella di neutroni è il prodotto della trasformazione esplosiva di una stella massiccia.*La vita di ogni stella è un attento atto di bilanciamento: la gravità del proprio materiale si sposta verso l'interno, mentre la pressione del calore e della luce prodotta dalla combustione dell'idrogeno in elio nel nucleo della stella spinge verso l'esterno.
Per una stella massiccia, questa danza delicata continua per milioni di anni, fino a quando l'apporto di idrogeno nel nucleo non si esaurisce.
La gravità inizia a prendere il sopravvento e il nucleo si contrae e si riscalda.
Questo aumento di temperatura permette alla stella di fondere l'elio in elementi ancora più pesanti, allontanando temporaneamente il collasso gravitazionale.
Il ciclo continua per millenni, con il nucleo della stella che diventa sempre più caldo e denso.
Nelle regioni più interne del nucleo, una massa di ceneri di ferro inizia a crescere.
Questo è il fine della linea: il ferro non può essere fuso in elementi più pesanti senza un apporto di energia.*
Quando abbastanza ferro si accumula all'interno del nucleo, collassa rapidamente.*Elettroni e protoni sono "schiacciati" insieme per formare neutroni.*
Questi neutroni temporaneamente ma violentemente bloccano il collasso.
Nel processo gli strati esterni della stella vengono fatti esplodere in una supernova, l'esplosione più spettacolare della natura.
Il nucleo residuo, largo circa venti chilometri e densamente pieno di neutroni, è chiamato stella di neutroni.
Le stelle di neutroni sono uno studio estremo.
Pesano all'incirca il doppio del sole, ma hanno un raggio di appena 1 / 30.000 (che si traduce in una densità approssimativamente equivalente a quella di un nucleo atomico).
Qualsiasi residuo del momento rotazionale della stella originale si traduce in un rapido spin-up della stella di neutroni collassata, più o meno nello stesso modo in cui un pattinatore su ghiaccio è in grado di far ruotare le braccia distese vicino al petto.
Le frequenze di rotazione apparenti variano da oltre 700 giri al secondo (42.000 RPM !!!) a solo 1 giro in 12 secondi (5 giri / min).
Il Vela Pulsar ruota a un moderato 672 giri / min.
Per alcuni pulsar millisecondo, la regolarità della pulsazione è più precisa di un orologio atomico.
Questa stabilità consente di utilizzare pulsar millisecondi per stabilire il tempo di effemeridi o per costruire orologi a pulsar.
Permette anche un modo unico di separare il segnale pulsar da altre fonti.
AndreaB non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 18:33.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it