Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > News di Astronomia
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 01-09-08, 08:12   #1
Gabriele
Amministratore
 
L'avatar di Gabriele
 
Data di registrazione: Dec 2000
Messaggi: 229
Predefinito Sulle tracce di Steins

1 Settembre 2008
Sulle tracce di Steins
di Claudio Elidoro - Fonte: ESA

Da qualche settimana la sonda Rosetta, svegliata dallo stato di ibernazione strumentale nel quale era stata posta, sta puntando l'asteroide (2867) Steins sia con le usuali fotocamere impiegate per la navigazione, sia con il sistema OSIRIS (Optical, Spectroscopic and Infrared Remote Imaging System). L'obiettivo è quello di definire l'orbita dell'asteroide con la maggior precisione possibile, riducendo l'errore dei dati attuali da circa 100 a solamente 2 chilometri, così da pianificare al meglio la manovra orbitale correttiva prevista per metà agosto e, cosa più importante, ottimizzare il flyby del prossimo 5 settembre, allorchè la sonda dell'ESA transiterà solamente a 800 chilometri di distanza dal corpo celeste.
"Per le prime tre settimane di questa campagna osservativa - precisa Andrea Accomazzo, Operations manager della sonda presso il centro ESA di Darmstadt in Germania - sarà solamente OSIRIS che, grazie alla sua vista acuta, potrà individuare l'asteroide. A partire da una decina di giorni prima dell'incontro, però, anche le due fotocametre di navigazione della sonda potranno finalmente tenere sotto controllo Steins". Il programma osservativo prevede che per le prime tre settimane d'agosto Rosetta inquadri l'asteroide due volte alla settimana, mentre a partire dal 25 e fino al 4 settembre, dunque alla vigilia del flyby, le rilevazioni si infittiranno diventando quotidiane.
E' la prima volta nell'intera storia della missione Rosetta che OSIRIS viene utilizzato praticamente quale strumento astrometrico. Il lavoro della sofisticata apparecchiatura di ripresa, però, fornirà anche altre importanti informazioni su Steins oltre alla sua precisa collocazione in cielo. I dati raccolti attraverso le osservazioni, infatti, permetteranno di ricostruire con precisione la curva di luce dell'asteroide, fornendo agli astronomi addizionali informazioni sia sulla forma del corpo celeste sia sulle caratteristiche del suo moto di rotazione.
Il meglio di sè, però, Rosetta dovrà darlo il 5 settembre, quando un'altra serie di immagini ravvicinate di un asteroide andrà ad arricchire gli archivi dei planetologi e farà nuovamente emozionare tutti gli appassionati.


Links:

http://www.esa.int/esaCP/SEMF0B8N9JF_index_0.html

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
Gabriele non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 02:23.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it