Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Osservare il Cielo > Radioastronomia Amatoriale
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 20-02-15, 21:50   #21
Sat
Utente Senior
 
L'avatar di Sat
 
Data di registrazione: Dec 2009
Messaggi: 1,059
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Quote:
Sat Visualizza il messaggio
Il radar Graves è quello alla portata di qualsiasi antenna/ricevitore.
...
Se a qualcuno dovesse venire la voglia metto un'altra immagine catturata pochi minuti fa.
Ho messo il sistema in automatico che cattura gli eventi e li salva anche in mia assenza e questo è quello che ho trovato:



Sembra di vederlo ad occhio nudo.
__________________
How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Sat non in linea   Rispondi citando
Vecchio 25-02-15, 13:17   #22
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Se non si dispone di un buon ricevitore per radioastronomia può essere utile un preamplificatore a larga banda come questo, inserito direttamente sull'antenna in modo da compensare l'attenuazione del cavo e migliorare di molto la sensibilità del ricevitore

[IMG]http://i1084.photobucket.com/albums/j404/andreatom44/P2250052_zpspriq5wra.jpg[/IMG]

[IMG]http://i1084.photobucket.com/albums/j404/andreatom44/P2250053_zps5g7xqcwo.jpg[/IMG]

si tratta di un mmic (micromodulo) a larga banda MSA 0386; il contenitore l'ho realizzato in unico blocchetto di ottone fresato perchè avevo necessità di linearizzare il guadagno fino a 3 GHz, ma può essere realizzato molto più semplicemente e ad un costo veramente irrisorio se si lavora a frequenze relativamente basse; consiglio questo componente perchè ha delle ottime caratteristiche, con un guadagno di circa 20 dB e una cifra di rumore inferiore a 3 dB; questa foto mostra un segnale a 50 MHZ -120 dBm



Come si può notare il rumore si trova a -170 dBm, migliorando di 15 dB la sensibilità già eccezionale dell'analizzatore............
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 25-02-15, 13:48   #23
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Scusate, mi correggo; il micromodulo non è l'MSA 0386 ma il BGA 616; quell'altro lo avevo usato in altre applicazioni; andrebbe bene lo stesso, ed è anche più "umano" da manipolare ma ha un rumore più alto.......
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 26-02-15, 17:39   #24
astrotecnico
Utente
 
Data di registrazione: Jun 2005
Ubicazione: Perugia
Messaggi: 919
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Bello lo spectrum analyzer ! Ottimo anche il pre. Complimenti !
astrotecnico non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-02-15, 09:42   #25
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Grazie per i complimenti Marco, ma in questo caso andrebbero fatti a RHODE & SCHWARZ; è uno strumento veramente fantastico e me lo sognavo da una vita; non so proprio come facciano! il rumore di fase del primo O.L. è pressochè inesistente; a 200 Hz dalla portante si trova a -100 dB, come si vede in questa foto che mostra un segnale a 100 kHz proveniente da un generatore sempre R&S ma di bassa frequenza......

[IMG]http://i1084.photobucket.com/albums/j404/andreatom44/PB070027_zpsdretooxm.jpg[/IMG]

Un lavoro invece di cui vado orgoglioso è questo



Questo non lo sanno fare tutti e non esiste in commercio; si tratta di un attenuatore "attivo" che ho ottenuto modificando il partitore capacitivo di un attenuatore BIRD; lo scatolino che si vede sotto è un "convertitore di impedenza" che utilizza un comunissimo BFR 93 A e rende il prelievo a 50 Ohm costanti a tutte le frequenze.

Il dispositivo regge un kW e l'attenuazione può essere variata con continuita da -30 a -60 dB, piatta entro 0,5 dB da 100 kHz a un Giga ad ogni livello di attenuazione (è maggiore l'errore che introduce l'analizzatore) e quello che è più importante non altera il contenuto armonico del segnale; questa foto mostra la risposta in frequenza con l'attenuazione regolata a 50 dB

[IMG]http://i1084.photobucket.com/albums/j404/andreatom44/PB080030_zpsohapqakr.jpg[/IMG]

Ritornando in argomento, per quanto riguarda il preamplificatore niente di che........ una volta era molto più difficile realizzarli e tu lo sai bene; oggi con i microchip che incorporano tutti i componenti è diventato un gioco da ragazzi; anche la meccanica non è affatto critica se non viene utilizzato per scopi strumentali e nei vari data sheet si trovano tutte le indicazioni, anche per quanto riguarda lo stampato; solo raccomando di realizzarlo in versione stagna da montarsi direttamente sull'antenna altrimenti si rischia di peggiorare la situazione e con pochissimi euro si trasforma un ricevitore mediocre in uno professionale...........
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)

Ultima modifica di ANDREAtom : 27-02-15 09:47.
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-02-15, 19:01   #26
AndreaB
Utente Junior
 
L'avatar di AndreaB
 
Data di registrazione: Sep 2007
Ubicazione: Pisa
Messaggi: 328
Invia un messaggio tremite Skype a AndreaB
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Si tratta di uno strumento notevole e non potrebbe essere altrimenti, trattandosi di R&S, ma che lascia spiazzato l'utilizzatore se proviene da strumenti analoghi completamente analogici.
AndreaB non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 27-02-15, 19:23   #27
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Ciao! Lo so, anche io ho impiegato diverso tempo per abituarmi; il primo analizzatore era un Takeda Riken completamente analogico, ma ti assicuro che i "pro" sono assolutamente superiori ai "contro"; con questo poi che impiega moderni microprocessori la sweeppata non si distingue da una analogica; quando lavora in alta risoluzione, oltre ai filtri analogici (Gaussiani) che partono da 10 Hz ha anche i filtri FFT da da 1 Hz a 30 kHz, che consentono una sweeppata con velocità di VENTI volte superiore.......
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-02-15, 09:11   #28
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Se qualcuno avesse intenzione di realizzare il pre. non deve far altro che ricopiare pari pari la disposizione delle piazzole visibili nella foto; darò alcune indicazioni per i meno ferrati in materia (non si offendano gli esperti)

http://i1084.photobucket.com/albums/...ps5g7xqcwo.jpg

La basetta è in vetronite spessa 0,8 mm lunga 14 larga 12 mm e ramata da ambo i lati; le piazzole si possono ricavare molto semplicemente dopo aver fatto un disegno di massima sulla basetta come visibile nella foto e asportando il rame con un trapanino a mano ad alta velocità, facendo scorrere la punta sul rame a mo' di fresa, inclinandola leggermente; il BGA 616 ha due piedini di massa diagonalmente opposti, uno di ingresso e uno di uscita dove si collegano i due condensatori di accoppiamento da 10 nanofarad;

http://www.infineon.com/dgdl/Infineo...15419102bb163b


il condensatore di by-pass in alto a sinistra è da 100 nanofarad, poi c'è una resistenza da 330 Ohm che non si vede sotto al cavetto schermato che porta l'alimentazione (a 12 Volt) dalla piazzola quadrata al piedino di uscita. Finito. E' importantissimo collegare la massa superiore (che risulterebbe interrotta dalle fresature) alla massa estesa nel lato inferiore, forando la basetta nei punti strategici, vicinissimo ai due piedini di massa del BGA, poi dove si collega il condensatore di by-pass e negli altri angoli, vicino ai connettori; lo scatolino può essere realizzato in vari modi se si lavora a frequenze inferiori a un GHz, facendo i collegamenti con i connettori più corti possibile; per frequenze più elevate e se si vuole sfruttare appieno le caratteristiche del BGA bisogna farlo come l'ho fatto io. buon lavoro.
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 01-03-15, 09:58   #29
ANDREAtom
Utente Esperto
 
L'avatar di ANDREAtom
 
Data di registrazione: Mar 2011
Ubicazione: Macerata
Messaggi: 2,305
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

@ AndreaB, voglio mostrarti un'altra peculiarità di questo eccezionale strumento.......

[IMG]http://i1084.photobucket.com/albums/j404/andreatom44/P3010049_zpsdf5rb5v0.jpg[/IMG]

Lo schermo può essere diviso in due finestre, schermo A e schermo B; in questo caso vedo contemporaneamente le armoniche e la modulazione di un segnale a 100 MHz, (più il rumore dovuto a uno schifo di generatore FLUKE) ma a ciascuna finestra posso assegnare qualunque settaggio e vedere come varia un parametro in funzione dell'altro nel circuito sotto esame; questo significa che lì dentro ci sono DUE analizzatori, quindi due frontend, due catene di IF, filtri e conversioni varie completamente separati fino alla rivelazione; sarebbe impensabile che i settaggi venissero commutati ad ogni sweeppata....... anche se per loro tutto è possibile

Un'altra cosa che lascia stupefatti, riesce a contare la frequenza fino a 0,1 Hz di risoluzione, in tempo reale e SENZA fare sosta con lo sweep sul marker posto sopra al segnale come fanno tutti gli altri analizzatori; forse utilizza l'altro frontend sintonizzandolo a zero span quando viene posto il marker sul segale ....... Poi una marea di altre funzioni e sottomenù che non mi basterebbe un'altra vita per imparare ad utilizzarle tutte; considera anche che questo modello non è certo il TOP CLASS RHODE & SCWARZ; tecnologie mostruose...........
__________________
Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior........
--------------------------
(Fabrizio de Andrè)
ANDREAtom ora è in linea   Rispondi citando
Vecchio 01-03-15, 10:12   #30
Cocco Bill
Moderatore
 
L'avatar di Cocco Bill
 
Data di registrazione: Feb 2010
Ubicazione: Firenze
Messaggi: 16,820
Predefinito Re: Caratteristiche di un ricevitore per radioastronomia

Un bello, anzi bellissimo strumento. Ora, se non sbaglio, tu con l'elettronica ci lavori, sarebbe più pesante l'acquisto per un semplice hobbista come me, per dirne una. Oramai ho abbandonato l'elettronica, dal tempo della gioventù, quando costruivo apparecchi CB... bei tempi...
Cocco Bill non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 20:33.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it