Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Autorecensione Strumentazione
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 31-05-06, 16:39   #1
sbab
Utente
 
L'avatar di sbab
 
Data di registrazione: Apr 2006
Ubicazione: Savignano sul Rubicone (FC)
Messaggi: 718
Predefinito [Telescopio] - Meade - Dobson Lightbridge 12"

Ciao a tutti.
Da poche settimane ho acquistato il nuovo dobson Meade Lightbridge 12" nella versione deluxe.
Visto che si tratta di un modello abbastanza nuovo, penso di fare cosa gradita postando le mie prime impressioni su questo strumento.
Tenete presente però che sono poco più che neofita, quindi prendete le mie affermazioni con le dovute cautele.....

Volevo uno strumento complementare al mio attuale sw mak 127, che va molto bene sui pianeti ma ZERO sul deep; però non volevo spendere cifre assurde perché in fin dei conti sono ancora alle prime armi.
Quindi la scelta è caduta sul dobson e visto i problemi di trasportabilità delle versioni classiche, ho optato per questo nuovo a tralicci.
Ero molto indeciso tra versione standard e deluxe, ma alla fine ho preso il deluxe che, oltre ad
avere i cuscinetti in acciaio per il movimento in azimuth (che è veramente molto fluido e ben regolabile), è fornito con l'oculare 26mm da 2" e 70° di campo apparente. Già questo da solo vale la differenza di prezzo.

Premettendo che non sono un esperto e che ho iniziato ad osservare al telescopio solo dall'estate scorsa, eccovi le mie prime impressioni:

In azimuth il movimento è molto fluido e si può regolare la frizione del movimento a piacere.
In altezza invece il movimento è meno fluido e c'è un certo grip minimo che impedisce alle volte di apportare delle correzioni precise sulla posizione in altezza, in quanto imprimendo una spinta troppo debole il tele non si muove e invece andando a spingere di più si rischia di farlo "scattare" in su o in giù. Comunque penso sia solo questione di abitudine e che occorra prenderci un pò la mano. Inoltre il fatto di poter essere subito operativi e di poter agire direttamente a mano sul movimento per centrare gli oggetti rende il tutto veramente molto facile, molto più semplice rispetto all'uso della montatura equatoriale. Una cosa importante è che hanno aggiunto (rispetto alla versione originale e a quella recensita su Nuovo Orione) un freno per regolare la frizione anche in altezza, in modo da poter montare accessori e oculari pesanti sul tubo secondario senza il pericolo di sbilanciare il sistema.

Un'altra modifica che hanno fatto è stata quella di aggiungere 3 rondelle (di cui una dotata di sfere, tipo cuscinetto) tra la manopola di regolazione della frizione in azimuth e la base. Questo consente un ulteriore miglioramento della fluidità di movimento in azimuth, anche a frizione particolarmente "tirata". Però ho notato che con l'inserimento di questi 3 ulteriori spessori (che nella prima versione credo non ci fossero), ora la manopola in questione sfiora la base del primario quando si punta un oggetto molto alto, verso lo zenith. In particolare c'è una posizione in cui il movimento del tele in altezza subisce un leggero impuntamento a causa di questo. Penso che provvederò sostituendo due delle suddette rondelle con due più sottili.

Per il resto, meccanicamente parlando, lo strumento è veramente molto ben fatto. I tralicci si montano e si smontano in un attimo e sono molto solidi una volta montati. Le viti di collimazione del primario
sono dotate di molle e lo specchio primario è dotato del marcatore centrale per la collimazione. Il secondario invece presenta una molla sulla vite centrale dello spider (quella con cui si regola l'offset del
secondario lungo l'asse del tubo).

Per quanto riguarda il focheggiatore, per quanto io non sia per nulla un esperto, mi sembra veramente ottimo: ha la vite per il blocco e anche una vite con cui si regola la frizione della corsa del
focheggiatore. In questo modo è possibile focheggiare in modo molto dolce e preciso senza apportare vibrazioni nel sistema. Inoltre il focheggiatore è dotato degli anelli in ottone sia sul principale (2&quot
che sull'adattatore da 31.8. L'unico difetto è la breve corsa che ha: usando l'oculare da 2" in dotazione il fuoco si raggiunge al limite della corsa, tant'è che non è possibile con questo oculare fare uno star test in extrafocale (perché più in fuori di così non ci va...). Invece con gli oculari da 31.8 nessun problema.
In ogni caso basterebbe aggiungere una prolunga.

Per quanto riguarda il cercatore, quello in dotazione al mio è la versione LS (lusso sfrenato!). E' un bel giocattolino di metallo, bello solido, che risulta utile per un primo puntamento ad occhio. Dopodiché
però io lo sostituisco con un bel 9x50 che avevo preso per il mio mak.
Qui c'è stato il problema della incompatibilità della slitta: dalle foto sembrava infatti che la slitta del cercatore fosse identica a quella a sgancio rapido presente sugli Skywatcher, Orion, ecc.. Invece
questa è un pò più stretta e il cercatore skywatcher e orion NON entra! Poco male: ho comprato la
slitta Orion (15 euro!) e l'ho sostituita (svitando le due viti, che sono invece perfettamente compatibili tra le due slitte, per cui non ho dovuto forare nulla). Ora nella slitta Orion che ho messo entrano sia
il mio cercatore 9x50 che quello in dotazione al lightbridge.

Gli upgrade che ho apportato dopo essermi documentato anche nel newsgroup di yahoo dedicato a questo strumento sono i seguenti:

1- Ho sostituito le molle per la collimazione del primario: quelle originali infatti sono poco rigide, quindi il telescopio non sempre mantiene la collimazione nel corso della serata osservativa. Con le nuove molle (prese in ferramenta) è tutta un'altra storia e non è più necessario usare le viti di blocco.
## continua.....##
__________________
Meade Lightbridge 12" deluxe
SW mc127 su eq3.2
sbab non in linea   Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 16:59   #2
sbab
Utente
 
L'avatar di sbab
 
Data di registrazione: Apr 2006
Ubicazione: Savignano sul Rubicone (FC)
Messaggi: 718
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

## parte II##

2- Ho aggiunto la slitta per il cercatore Orion/Sky Watcher, così ora uso contemporaneamente sia il mio 9x50 Orion, che il red dot del lightbridge.
3- ho schermato i tubi dei tralicci (che sono di colore bianco/grigio e belli riflettenti) mettendo quelle guaine isolanti nere per tubazioni idrauliche (si tratta di una spesa di 2 euro)
4- ho acquistato su internet il fodero per schermare l'intelaiatura dalla luce. Volendo me lo potevo fare in casa, però ho letto che bisogna stare attenti a non mettere un semplice telo nero stretto attorno ai tubi perché (essendo l'aggancio dei tralicci sul secondario a soli 3 punti e non 4) in questo modo il telo andrebbe a finire sul percorso ottico; occorre quindi mettere dei distanziatori rigidi a supporto del telo.
5- ho acquistato anche dei "cappucci" per coprire secondario e primario quando sono smontati. Nell'imballo originale infatti c'erano solamente un coperchio in pvc per lo specchio principale (da mettere proprio dentro la cella del primario) e i sacchi di nylon.
6- infine mi sono dotato di un collimatore laser con cui la collimazione (che comunque va ritoccata ogni volta che si monta il telescopio) è veramente una questione di pochi minuti (meno di 5!).
7- Ho applicato alla base i cerchi graduati sia per l'azimuth che per l'altezza. Ora, usando il mio palmare, posso puntare gli oggetti direttamente mediante le coordinate altazimutali. Devo dire che il sistema, una volta che la base del tele è posta bene in piano, funziona veramente (all'inizio non ci credevo....).

Prove sul campo:

Inutile dire che il montaggio e smontaggio del sistema completo è veramente velocissimo e si fa senza nessuno strumento accessorio (senza cacciaviti o chiavette varie, ma tutto a mano). Servono 10 minuti per il montaggio e 5 per lo smontaggio!!!!
Per quanto riguarda l'utilizzo del telescopio, venendo da uno SW mc127 su montatura equatoriale, ero molto curioso di toccare con mano il dobson per provare di persona la differenza nell'uso del sistema
altazimutale senza inseguimento e ne sono rimasto piacevolmente sorpreso.
Una sera ad esempio (con la luna quasi piena), dopo essere tornato a casa verso le 23, visto il cielo sereno mi è presa la smania di tirare fuori il tele.... Avrò impiegato meno di una decina di minuti per
spostare il telescopio e metterlo in giardino e per preparare il tutto, e considerate che il tele prima era smontato e "insaccato" nei suoi sacchi di nylon dell'imballo originale. Stessa cosa alla fine dell'osservazione: in meno di dieci minuti avevo sistemato tutto in garage!
Venendo all'osservazione vera e propria, mi sono divertito prima a dare un'occhiata a saturno che però era ormai troppo basso a ovest (si vedeva a malapena la divisione di cassini a 250x), poi mi sono spostato
per guardare un pò la luna (bellissima, ma troppo luminosa anche a 250x), ed infine sono rimasto una mezzoretta buona su giove di cui vedevo bene la macchia rossa e anche i festoni sulle bande equatoriali
(uno spettacolo!). Mi sono divertito molto ad osservare il pianeta a 250x che entrava nel campo del mio oculare (un ortoscopico da 6mm con soli 45° di campo apparente!) a destra, passava attraverso il campo per poi uscire a sinistra. Nel tempo che impiegava ad attraversare il campo visivo (circa 15-20 secondi) la visione era sempre diversa: a volte si vedeva meglio un particolare, altre volte un altro. Dopodiché si trattava di riportare il pianeta nel bordo destrodel campo visivo e ricominciare l'osservazione. E' decisamente un approccio diverso rispetto a quanto ero abituato prima con il mak motorizzato, sicuramente più scomodo perché occorre ripuntare il pianeta ogni 15-20 secondi (ovviamente dipende dall'ingrandimento) però molto più appagante. Inoltre la visione in movimento del pianeta nell'oculare ti
costringe ad osservarlo con molta più attenzione. Mi sono ritrovato ad osservare giove per circa 30 minuti a fila, cosa che non avevo mai fatto prima con il mak, ed è stato veramente uno spettacolo... ero io
che inseguivo Giove nel suo tragitto, e non il motore della montatura...!

Sul cielo profondo ovviamente questo strumento da' il meglio di sè.
M13 è una nuvola di stelle e l'ho spinto al massimo fino a quasi 400x con un oculare da 4mm.
M51 è spettacolare: si vedono i bracci della spirale e si vede anche il braccio che va a finire sulla galassietta più piccola
M82 mostra chiaramente la banda scura trasversale e si vedono le nebulosità centrali
M27 nella volpetta si riesce ad ingrandire fino a riempire l'oculare senza perdere luminosità in modo apprezzabile!

Ora aspetto qualche ultima serata con cielo sereno prima dell'arrivo della luna per poter sperimentare più a fondo le prestazioni di questo strumento....

Scusate se sono stato troppo prolisso, ma quando io cercavo informazioni prima dell'acquisto avrei pagato pur di avere un pò di notizie fresche fresche, quindi spero di essere utile a qualcuno!
Ovviamente sono sempre disponibile per ulteriori domande.

Cieli sereni a tutti
Sbab
__________________
Meade Lightbridge 12" deluxe
SW mc127 su eq3.2
sbab non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 31-05-06, 17:09   #3
sbab
Utente
 
L'avatar di sbab
 
Data di registrazione: Apr 2006
Ubicazione: Savignano sul Rubicone (FC)
Messaggi: 718
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Altre osservazioni in risposta a Freccia:

Quote:
Una volta montato e' manegevole?
Come vanno i cuscinetti in metallo?
Come giudichi l'oculare da 26mm da 70 gradi in dotazione? E' corretto fino ai bordi?
Quanto tempo impieghi per montarlo?
Il montaggio richiede veramente pochi minuti; se non fosse che poi io voglio anche metterlo ben in piano per poter usare i cerchi graduati, servirebbero diciamo 3 minuti per montarlo e 3/5 minuti per collimarlo; dopodiché colleghi le batterie alla ventolina e sei già operativo!

I cuscinetti in metallo consentono movimenti in azimuth fluidissimi. Non so come andrebbe con quelli standard in teflon, ma questi in acciaio sono eccezionali.

L'oculare da 2" e 70° di campo è un buon 2". Valido per il grande campo che offre, però ai bordi è parecchio "comatoso". L'ho confrontato con un Vixen LVW 2" 42mm di un amico e...... non c'è paragone!
Comunque è un oculare migliore rispetto a quelli forniti normalmente in una dotazione di serie.
Da solo vale la differenza di prezzo della versione deluxe, senza contare i cuscinetti in acciaio.
__________________
Meade Lightbridge 12" deluxe
SW mc127 su eq3.2
sbab non in linea   Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 17:49   #4
marcon
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Veramente bella la tua recensione
  Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 18:01   #5
ema69
Utente
 
L'avatar di ema69
 
Data di registrazione: Mar 2006
Ubicazione: AP
Messaggi: 846
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Complimenti per la recenzione
Una cosa non mi è chiara. . . . .
Quando dici che il mac127 nel depsky è ZERO, cosa intendi?
Io ne ho appena acquistato uno . . . :'( :'( :'( :'(
__________________
Binocolo bresser 10x50
Skywatcher mc 127
Orion SkyQuest XT 8"

Al mio segnale scatenate l'inferno !!!
ema69 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 19:18   #6
pedro2005
Utente Super
 
L'avatar di pedro2005
 
Data di registrazione: Dec 2005
Ubicazione: Verona
Messaggi: 7,149
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Grazie per la stupenda prova dello strumento.
Ciao.
__________________
Il mio sito (astrofoto-test-tutorial):
www.pedro2005.blogspot.com
pedro2005 non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 31-05-06, 21:42   #7
sbab
Utente
 
L'avatar di sbab
 
Data di registrazione: Apr 2006
Ubicazione: Savignano sul Rubicone (FC)
Messaggi: 718
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Quote:
Una cosa non mi è chiara. . . . .
Quando dici che il mac127 nel depsky è ZERO, cosa intendi?
Io ne ho appena acquistato uno . . .
Il mak127 è ottimo per i pianeti e da soddisfazione sugli oggetti deep più luminosi, come M13 e gli ammassi aperti, oltre alle stelle doppie. Invece sulle galassie, praticamente all'oculare si vede ....il buio!

Non ti preoccupare, secondo me hai fatto un'ottima scelta. Io il mio mak me lo tengo stretto perché è troppo comodo da portare a spasso e mi farà ancora divertire, ad esempio per fare riprese con la webcam o la digicam, cosa che nel dobson non posso fare.

Però sul deepsky, in visuale, 127mm sono un po' pochini.
__________________
Meade Lightbridge 12" deluxe
SW mc127 su eq3.2
sbab non in linea   Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 22:16   #8
batti38
Utente Esperto
 
L'avatar di batti38
 
Data di registrazione: Sep 2003
Ubicazione: Rimini
Messaggi: 2,847
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Ciao Sbab,

Ho avuto la fortuna di poter osservare con questo dobson(non uno qualunque,proprio il suo )e sono rimasto molto affascinato. 30cm nel deep si fanno sentire eccome, nella stessa serata M51 col mio e con questo non c'era paragone.

L'unico punto che ancora non mando giù è la mancanza della motorizzazione, io sono un sostenitore del dobson per il profondo cielo, pensando che per il deep la motorizzazione non serve, ma con 30 cm si può arrivare fino ad oltre 200x anche su oggetti deep, e qui inseguire l'oggetto a mano secondo me è un po' frustrante.

Molto bello anche esteticamente e meccanicamente.
__________________
L'anello più debole è anche il più forte:spezza la catena
batti38 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 31-05-06, 23:57   #9
lukaweb
Utente
 
L'avatar di lukaweb
 
Data di registrazione: Dec 2003
Ubicazione: Prov. AP
Messaggi: 545
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Ciao Sbab e grazie per l'ottima recensione

Da alcuni giorni sto leggendo anche il gruppo yahoo sulla serie LightBridge
http://groups.yahoo.com/group/Meade_...dge_Telescopes

... e ormai credo di essermi convinto

Ciao

Luca
__________________
Newton 8" F/5 su EQ6 con MCU Update
Dobson 12" GSO

Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno. - Albert Einstein
lukaweb non in linea   Rispondi citando
Vecchio 01-06-06, 07:56   #10
freccia
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Meade Lightbridge 12": prime impressioni

Sbab, grazie mille per il tuo resoconto cosi' dettagliato, mi hai chiarito molti dubbi. Questo LightBridge mi piace sempre di piu', credo porprio che fra un po' lo prendero'.

ciao
  Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 18:25.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it