Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Acconsento


Atik
Coelum Astronomia
L'ultimo numero uscito
Leggi Coelum
Ora è gratis!
AstroShop
Lo Shop di Astronomia
Photo-Coelum
Inserisci le tue foto
DVD Hawaiian Starlight
Segui in diretta lo sbarco di Philae sulla Cometa
Skypoint

Vai indietro   Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia > Il Mondo dell'Astronomo dilettante > Strumentazione > Telescopi e Montature
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Calendario Cerca Messaggi odierni Segna come letti

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità  di visualizzazione
Vecchio 27-07-11, 06:51   #1
Alessandro1972
Utente
 
Data di registrazione: Feb 2009
Ubicazione: Massa Carrara
Messaggi: 525
Predefinito sensibilità al seeing

Eccomi di nuovo qui a chiedere chiarimenti....
leggendo varie discussioni ho notato che spesso si parla di alcuni strumenti meno sensibili al seeing rispetto ad altri.
La mia domanda è questa: ciò deriva dalla mancanza di ostruzione o da altri fattori?
Perché se il seeing dipende dalla turbolenza e trasparenza dell'aria non capisco cosa centri lo schema ottico. Quindi presumo sia una questione di ostruzione e, forse, di velocità di acclimatamento dovuto a tubi aperti o chiusi....
Se qualcuno mi potesse spiegare

Alessandro
__________________
- Konus rifrattore 60/700 di circa 20 anni fa; Celestron C8; Rifrattore SW 80/600 ED
- Binocolo Reporter 12x50; Binocolo Nikon 7x35 action
- Torretta binoculare TS
- Camera QHY5L II

Il mio blog: http://passioneastronomica.blogspot.com

Fare la birra artigianale, il mio blog e i miei libri : http://easyallgrain.blogspot.it/
Alessandro1972 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-07-11, 07:04   #2
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Bisogna distinguere su tre distinti tipi di SEEING .

Tutti conoscono il seeing ATMOSFERICO.

Ma vi è pure il seeing LOCALE ,tipo il telescopio sopra un asfalto infuocato, o sopra un BALCONE rovente.

Infine vi è il seeing strumentale che attiene al raffreddamento dello strumeto.

Inoltre ,l'ostruzione molto alta ed una scadente lucidatura sono fonte di maggiore sensibilità ai tre tipi di turbolenza combinati.

Di sicuro influisce anche il diametro,più è grande e più aumenta la sensibilità.

Ma se vi è un buon seeing atmosferico e si ha cura di evitare il seeing locale e lo strumentale,il diametro maggiore è sempre utile.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Astrel Instruments
Vecchio 27-07-11, 07:12   #3
Alessandro1972
Utente
 
Data di registrazione: Feb 2009
Ubicazione: Massa Carrara
Messaggi: 525
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Veloce e competente come al solito! Grazie, ora mi è più chiaro!!!!

Ale
__________________
- Konus rifrattore 60/700 di circa 20 anni fa; Celestron C8; Rifrattore SW 80/600 ED
- Binocolo Reporter 12x50; Binocolo Nikon 7x35 action
- Torretta binoculare TS
- Camera QHY5L II

Il mio blog: http://passioneastronomica.blogspot.com

Fare la birra artigianale, il mio blog e i miei libri : http://easyallgrain.blogspot.it/
Alessandro1972 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-07-11, 07:28   #4
Dark_Matter
Utente Super
 
L'avatar di Dark_Matter
 
Data di registrazione: Feb 2005
Ubicazione: Jesolo
Messaggi: 6,450
Predefinito Re: sensibilità al seeing

per capirne di più senza uscire dal forum puoi vedere qui http://www.trekportal.it/coelestis/s...ighlight=fried
__________________
Dob 16" JB
Dark_Matter non in linea   Rispondi citando
Vecchio 27-07-11, 19:35   #5
tatomoil
Utente Junior
 
L'avatar di tatomoil
 
Data di registrazione: Oct 2010
Ubicazione: varese
Messaggi: 296
Predefinito Re: sensibilità al seeing

La differente sensibilità alla turbolenza atmosferica si nota tipicamente tra rifrattori e riflettori a vantaggio dei primi.....provo a spiegarti il perchè; oltre alla gà citata otturazione, occorre osservare che la turbolenza atmosferica deviando il fronte d'onda dalla traiettoria originaria è assimilabile ad un errore di lavorazione dell'ottica ed essendo noto che nella riflessione l'errore presente sulla superficie ottica si raddoppia, mentre nella rifrazione di dimezza ecco spiegata (spero) la maggior sensibilità alla turbolenza degli specchi rispetto alle lenti.
La differenza è drammatica se prendiamo in esame uno specchio lavorato con tolleranze commerciali, mentre si attenua se abbiamo a che fare con uno specchio di elevata qualità
__________________
Osservo con:
TELESCOPI: Zeiss AS 150/2250; Meade 152ED; SW 120 ED; Pentax EDHF 75
OCULARI: set Zeiss AbbeI 4-6-10-16-25-34 mm; TMB supermono 6 e 8 mm.; Takahashi LE 5mm.; barlow Zeiss Abbe 2x
MONTATURE: Losmandy G11; Vixen GP-DX; treppiede Baader AHT
tatomoil non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-07-11, 06:40   #6
gigiastro
Utente
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: Brianza e colline reggiane
Messaggi: 685
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Quote:
Alessandro1972 Visualizza il messaggio
Perché se il seeing dipende dalla turbolenza e trasparenza dell'aria Alessandro
ciao Alessandro il Seeing riguarda però solo la turbolenza dell'aria e non la trasparenza; tant'è che spesso si ha ottimo seeing e pessima trasparenza, oppure ottima trasparenza e pessimo seeing.

Ciao
__________________
In uso continuo: C5; C8. In uso saltuario: Newton 200-f5--WO Zenithstar 66SD; Celestron 102-500.
gigiastro non in linea   Rispondi citando
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky
Vecchio 28-07-11, 10:07   #7
Alessandro1972
Utente
 
Data di registrazione: Feb 2009
Ubicazione: Massa Carrara
Messaggi: 525
Predefinito Re: sensibilità al seeing

chiarissimo grazie!!!!!
__________________
- Konus rifrattore 60/700 di circa 20 anni fa; Celestron C8; Rifrattore SW 80/600 ED
- Binocolo Reporter 12x50; Binocolo Nikon 7x35 action
- Torretta binoculare TS
- Camera QHY5L II

Il mio blog: http://passioneastronomica.blogspot.com

Fare la birra artigianale, il mio blog e i miei libri : http://easyallgrain.blogspot.it/
Alessandro1972 non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-07-11, 12:09   #8
tatomoil
Utente Junior
 
L'avatar di tatomoil
 
Data di registrazione: Oct 2010
Ubicazione: varese
Messaggi: 296
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Una convinzione sbagliata, anche se legittima è quella secondo cui in generale, a parità di altri fattori (tipo di obiettivo, precisione di lavorazione ecc.) uno strumento a fuoco lungo risenta di meno della turbolenza rispetto ad uno a fuoco più corto.
Questa "sensazione" che ho rilevato anche io nelle diverse esperienze fatte è dovuta ad una maggior facilità di chi oseerva negli strumenti "lunghi" di ottenere con sicurezza un preciso punto di miglior fuoco, grazie alla maggior profondità di fuoco appunto.
Questa peculiarità ti permette nei rari e brevissimi istanti di buon seeing (stiamo parlando di una sessione caratterizzata da seeing mediocre), di catturare i dettagli.
Diversamente con uno strumento "corto" in condizioni di seeing mediocre, sarà molto difficile effettuare una precisa messa a fuoco e quindi è assai probabile che i "magic moments" sfuggano alla vista.
__________________
Osservo con:
TELESCOPI: Zeiss AS 150/2250; Meade 152ED; SW 120 ED; Pentax EDHF 75
OCULARI: set Zeiss AbbeI 4-6-10-16-25-34 mm; TMB supermono 6 e 8 mm.; Takahashi LE 5mm.; barlow Zeiss Abbe 2x
MONTATURE: Losmandy G11; Vixen GP-DX; treppiede Baader AHT
tatomoil non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-07-11, 18:28   #9
giovanni bruno
Moderatore
 
Data di registrazione: Jul 2007
Ubicazione: ivrea
Messaggi: 48,054
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Per aumentare la lunghezza focale si può sempre usare una lente di barlow che di fatto raddoppia o triplica la focale e di conseguenza anche la profondità di fuoco.

Me ne accorgo sul mio APO TRIPLET cortissimo da 80/480mm,ebbene estraggo il fuoco per la torretta denkemeyer con la parte ottica della TELEVUE 2x che con il tiraggio passa a 3,25x.

Quindi ,f6 x 3,25=in realtà opero ad f 19,5 e la fuocheggiatura migliora moltissimo rispetto all'uso in monoculare con un oculare cortissimo per raggiungere lo stesso ingrandimento.
giovanni bruno non in linea   Rispondi citando
Vecchio 28-07-11, 20:18   #10
Mars4ever
Utente Esperto
 
L'avatar di Mars4ever
 
Data di registrazione: Mar 2003
Ubicazione: Padova
Messaggi: 2,044
Predefinito Re: sensibilità al seeing

Quote:
tatomoil Visualizza il messaggio
oltre alla gà citata otturazione, occorre osservare che la turbolenza atmosferica deviando il fronte d'onda dalla traiettoria originaria è assimilabile ad un errore di lavorazione dell'ottica ed essendo noto che nella riflessione l'errore presente sulla superficie ottica si raddoppia, mentre nella rifrazione di dimezza ecco spiegata (spero) la maggior sensibilità alla turbolenza degli specchi rispetto alle lenti.
Falsità gigantesche e sbufalate innumerevoli volte. Sarebbe ora di smetterla di parlare per sentito dire di cose che non si conoscono.
__________________
Salviamo il po' CON l'apostrofo (e non l'accento!) e "un altro" e "qual è" SENZA.
Mars4ever non in linea   Rispondi citando
Rispondi


Links Sponsorizzati
Geoptik

Strumenti della discussione
Modalità  di visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire i messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare gli allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 15:37.


Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it