Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 08-07-08, 07:45   #3
etrusco
Utente Junior
 
Data di registrazione: Apr 2007
Ubicazione: tra la macchia e la città
Messaggi: 328
Predefinito Re: L’impressionante cratere di Marte

Quote:
Gabriele Visualizza il messaggio
5 Luglio 2008
L’impressionante cratere di Marte
di Claudio Elidoro - Fonte: NASA – Caltech – UC Santa Cruz

E' dagli anni settanta - cioè da quando, grazie alle sonde, si è potuto esaminare nella sua totalità la superficie di Marte - che i planetologi hanno tra le mani questa patata bollente: come spiegare la doppia faccia del Pianeta rosso? A cosa imputare la presenza di un emisfero, quello settentrionale, praticamente liscio al quale fa da controaltare un emisfero meridionale più elevato e tormentato da innumerevoli crateri? Tra le tante risposte era stata avanzata anche la possibilità che quella dicotomia dipendesse da un gigantesco impatto primordiale, ma mancavano prove concrete. Ora sembra proprio che le ultime osservazioni e alcune simulazioni computerizzate non lascino più alcun dubbio. Almeno, questo è quanto si può concludere sfogliando il numero di Nature dello scorso 26 giugno, sul quale sono stati pubblicati ben tre studi riguardanti la dicotomia superficiale di Marte e la sua possibile origine impattiva.
A riportare in primo piano l'idea dell'impatto è anzitutto la conferma, grazie alle rilevazioni altimetriche e gravimetriche del Mars Reconnaissance Orbiter e del Mars Global Surveyoy, che l'emisfero settentrionale di Marte è praticamente tutto occupato da un mastodontico cratere. Lo studio è opera di Jeffrey Andrews-Hanna (MIT) e di altri due ricercatori (Maria Zuber e Bruce Banerdt) e toglie ogni residua incertezza sulle dimensioni in gioco. La struttura incriminata è il bacino Borealis che, con i suoi 8500 km di diametro, occupa circa il 40% della superficie del pianeta e risulta addirittura quattro volte più grande del bacino Hellas, il secondo classificato nella graduatoria dei maggiori bacini d'impatto marziani.
Lascia un po' perplessi il fatto che la forma del bacino non sia circolare bensì ellittica, ma le simulazioni computerizzate in 3D condotte dal team coordinato da Margarita Marinova (California Intitute of Technology) hanno mostrato che una simile struttura potrebbe essere ricondotta all'azione di un proiettile che colpì Marte con un angolo compreso tra 30 e 60 gradi. Lo scenario dell'impatto gigante è stato esaminato anche dal team dell'Università della California (Santa Cruz) coordinato da Francis Nimmo che, utilizzando un modello bidimensionale, è riuscito a studiare l'evento con una maggiore risoluzione valutando anche le conseguenze indotte nell'emisfero opposto dalla propagazione delle onde d'urto.
Dalle simulazioni è emerso che per originare una struttura come il bacino Borealis è necessario chiamare in causa un oggetto più grande di Plutone. Questo significa che l'evento deve essere collocato almeno 3.9 miliardi di anni fa, un'epoca in cui nel Sistema solare vagavano ancora proiettili di grosso calibro. Un evento davvero remoto, dunque, ma che si è rivelato cruciale per l'evoluzione del pianeta Marte.

Links:
http://www.nasa.gov/mission_pages/MR...-20080625.html
http://today.caltech.edu/today/story...story_id=30142
http://www.ucsc.edu/news_events/text.asp?pid=2303

Leggi la notizia su Coelum

Facci sapere la tua opinione sulla notizia!
Inserisci un commento qui di seguito!
scusa, ma l'U.AI. lo mette su mercurio, ma che sono due allora?digita, bacino borealis su google,viene fuori quello che ti ho detto.ma possibile simili sbagli dall'u.a.i.boh!
etrusco non in linea   Rispondi citando