Discussione: Verso il default
Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 18-06-19, 10:25   #5223
aspesi
Utente Super
 
L'avatar di aspesi
 
Data di registrazione: Nov 2009
Ubicazione: Terra dei Walser
Messaggi: 4,920
Predefinito Re: Verso il default

Era ora!
3000 miliardi immessi in pochi anni e l'inflazione in Europa non arriva ancora al 2% annuo.

(Nel 2011, quando ho iniziato questo thread, dicevo che servivano 2000 miliardi... e tutti a ridere. Ma quanto sarebbe stato meglio agire prima!)


Ancora una volta, il simposio di Sintra, in Portogallo, si dimostra un evento importante. Il presidente della BCE sceglie questo evento per annunci importanti. "In assenza di un miglioramento, al punto che sia minacciato il ritorno di un'inflazione sostenibile ai livelli desiderati, sarà necessario un ulteriore stimolo". Draghi rilancia il QE: "il programma di acquisto di asset ha ancora uno spazio considerevole". Nel caso non fosse sufficientemente chiaro il concetto, nel suo intervento afferma che, “ulteriori tagli dei tassi e misure per mitigare qualsiasi effetto collaterale continuano a far parte degli strumenti a nostra disposizione”. Se non è un wahatever it takes, poco manca.

Le Borse europee sentono Mario Draghi parlare di taglio tassi e subito girano al rialzo: indice EurosTOXX 50 +0,7%. Dax di Francoforte +0,5%. Ftse Mib di Milano +0,9%.

Scende l’euro , a 1,119 su dollaro (-0,3%). Precipita il rendimento del BTP, a 2,16% (-13 punti base), Ma si rafforzano tutti i bond della zona euro. Bund ai nuovi minimi storici di rendimento a -0,30% (-5 punti base).


Intanto:
La fiducia degli investitori tedeschi nell'economia della Germania a giugno è precipitata a causa delle preoccupazioni per l'andamento della produzione industriale e per l'impasse nella disputa fra Stati Uniti e Cina sul commercio.

E' quanto emerge dall'indagine congiunturale a cura dell'istituto di ricerca Zew.

Ultima modifica di aspesi : 18-06-19 10:27.
aspesi non in linea