Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 06-06-19, 12:34   #96
aspesi
Utente Super
 
L'avatar di aspesi
 
Data di registrazione: Nov 2009
Ubicazione: Terra dei Walser
Messaggi: 4,835
Predefinito Re: Mini-Bot: inizio della fine?

Il dato più significativo è l'andamento del PIL reale:
- quello italiano è salito dal 1980 al 1999 del 50% e è diminuito del 3% dal 2000 al 2019
- quello UE28 è salito del 60% dal 1980 al 1999 e è salito di un ulteriore 25% dal 2000 al 2019
- quello mondiale è salito dell'80% dal 1980 al 1999 e è salito ulteriormente del 55% dal 2000 al 2019

Un'altra considerazione è il rapporto debito/PIL, cresciuto in Italia dal 1980 al 1999 dal 60% al 110%, molto di più che nei 20 anni precedenti. Il motivo principale è stato il divorzio fra Stato e Banca d'Italia dell'81, che abolì il vincolodi acquisto dei titoli del debito pubblico rimasti invenduti dopo le aste, che ha ridotto l'inflazione, ma allargato il tasso reale d'interesse (differenziale con l'inflazione) e quindi ha aggravato i conti pubblici.

In ogni caso, la condizione fondamentale affinché il debito pubblico sia sostenibile è che il tasso di crescita dell'economia lorda sia superiore al tasso d'interesse.
Visto che in Italia la differenza tra tasso di interesse sul debito e tasso di crescita è positivo, se non si cambia, il rapporto debito pubblico/PIL non sarà sostenibile a lungo.

Per quanto riguarda il Giappone, nonostante il suo debito/PIL sia ormai al 250%, il rapporto fra crescita nominale e tassi di interesse si è sempre mantenuto su valori tali da assicurare la sostenibilità del suo debito, per questi fattori:
- la politica monetaria della sua Banca Centrale (che crea moneta acquistando massicciamente i titoli e ciononostante NON genera inflazione)
- la struttura della detenzione del debito (quasi il 90% è posseduto da banche nazionali e assicurazioni dei residenti, non passa di mano sul mercato e non è quindi soggetto a speculazione e alto spread).
aspesi non in linea  
Links Sponsorizzati
Telescopi Artesky