Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 29-03-11, 23:18   #11
Michele Xintaris
Utente Super
 
L'avatar di Michele Xintaris
 
Data di registrazione: Jun 2009
Ubicazione: Atene
Messaggi: 5,586
Predefinito Re: F.O.R . : le basi dell' astroimager planetario

Ciao Alex,

Mentre condivido da un punto di vista il tuo pensiero e vedo il tuo punto,penso che ci sono un pò di però.
Se posso parlerò da esperienze personali.
Certo che bisogna sfruttare al massimo ciò che si ha e non è neccessario arrivare ad un punto di spesa specifico per trarre gioia e risultati buoni in ambito astrofotografico.
Capirai se condivido il tuo pensiero!Per 20 anni ho usato binocoli ed un cielo buio.
Prendendo spunto dalla traccia "guida" sul discorso che ha fatto Skyluke, parto dall "Fondamento".
Ecco, questo sia dal punto di vista di preparazione teorica che di strumentazione è importante secondo me ed è un pò come costruire una casa.Sicuramente tante cose si imparerano nel percorso (nessuno nasce con la conoscenza) ma un minimo dev'essere gia in posseso sia dal punto di vista teorico che di strumentazione ed anche,cosa fondamentale,la voglia di rendersi conto dei limiti di ogni metodo e strumentazione come anche la voglia di evolvere ed adattarsi.
Quindi una montatura equatoriale o equatorializzata,almeno nel nostro livello amattoriale secondo me è fondamentale.Una montatura non per forza di 10.000 euro ma sovradimensionata e capace di reggere saldamente la strumentazione di ripresa.
Questa è forse l'unica costante in astrofotografia amatoriale,almeno dal mio punto di vista.
Il resto cambia in base ai gusti ed esperienze e necessità.Dimensione e spesa compresa.
Sia ben chiaro che parliamo di astrofotografia e che comqunque chi parte per questo hobby parte già con la consapevolezza che spenderà piu soldi in relazione all'apertura che userebbe in visuale.
Perchè non usare una Alt-Az? O perchè non sfruttare quel che si ha?Si certo si fà e si deve fare SEMPRE!,ma almeno si deve rendere conto delle limitaizoni che pongono.Io stesso ho fatto "pazzie" che mi hanno divertito in crisi di astinenza ma ben rendendomi conto delle limitazioni sia della strumentazione che dei risultati:
(recente esempio)
http://www.webalice.it/michail.xintaris/M31FT.html

Montare 3 kg su questa montatura peso piuma per fotografare M31 con DSLR non è saggio ma ci si diverte si.

Stessa cosa vale anche per la postazione.Si sfrutta tutto quel che si ha!
Ma sempre sapendo che se non si sposta sotto un cielo buio o se si fà foto da dentro la finestra attraverso palazzi non si arriverà a sfruttare al massimo il cielo e la strumentazione.
Personalmente d'inverno da Roma riprendo da piano terra con un FOV di -+15° in altezza (30°-45°) e 60° in azimuth da Sud'est a Sud-Ovest con tanto di meridiano.
Ebbene ne ho fatte di rirpese planetarie in 2 anni da Roma (e qualche Deep) alcune soddisfacenti ma mi sono bastate 2 su Giove con seeing buono dalla campagna,con il telescopio privo di fattori che lo influenzano per farle mangiare polvere.Potrei focheggiare per ore dalla città,non eliminerei mai le trubolenze dai camini di fronte.O la mancata termostabilizzazione in 3 ore che aprirei la finestra d'inverno.

La stessa cosa vale anche per il metodo di ripresa.Come tanti anch'io sono partito con il metodo in afocale.La Cybershot sul oculare a mano libera.Dopo 3 foto ci si rende conto che si ha bisogno di stabilità.Quindi vada per il mircostage 1.Dopo 50 foto ci rende conto che qualche singola foto in high res è "fortunata" e viene riuscita ma non è niente in confronto con 1000 fotogrammi sommati per eliminare i effetti deletteri del seeing anche con una webcam da 50 euro in primo fuoco.
Di nuovo si rende conto della scomodità del sommare con Registax 50 fotogrammi di 5 megapixel della compatta digitale.(il programma va strisciando anche su pc potenti).

In poche parole si rende conto che bisogna adattarsi e acettare delle limitazioni di un metodo,o di una data strumentazione.
Bisogna spendere 5000 euro per fare foto o osservare bene? Certo che no!!Come anche non c'e' scritto da nessuna parte che bisogna spenderli subito.

Se si parte già con una mezza idea di quel che si vuole fare si può programmare tutto e cercare di complettare il setup divertendosi nel percorso man mano.
Personalmente volevo un setup viaggiatore per astrofotografia "ibrido" da viaggio leggero.Piu Deep ma anche High res (con i limiti del 150mm per il High res).
Ci ho messo 2 anni per arrivare ad un punto a dire che è quasi completto,i ragazzi lo sanno sul forum,partendo con il solo C6 su CG5 .Ho cercato di sfruttare il setup nel percorso al massimo in tutti i sensi e ambiti e si mi sono divertito un sacco e mi ci diverto anche adesso ma non posso neggare che il mio telescopio non renderà mai come rende sotto un cielo buio in campagna apperta, che la webcam non si può confrontare con una foto singola da una compatta all'oculare o un cellulare,o che continuare a fare pose non guidate, per quanto posso essere migliorato nel tempo facendole (anche per motivi logistici) non potrò mai andare a tempi di esposizione facilmente piu lunghi di un minuto , un minuto e mezzo a queste focali (1m-1.5m) o piu profondamente a meno che se non uso un'autoguida.Cosa che finalmente ho acquistato e spero di usare presto.
Penso che Sky intendeva questo quando parlava di seguire i consigli o di tenere un atteggiamento positivo e apperto per una crescita in quest'ambito per chi è interessato ad aprofondire.Tanto la maggior parte di noi lo fà per divertimento e si diverte approfondendo.

Quindi parlando sempre di Fondamenta ci si raggiona come si dovrebbe costruire una casa secondo me:
A)Come e Che si vuole fotografare/osservare? Che target come focali? (già si possono fare 2 conti in tasca e con i pesi (se si vuole un setup leggero o meno)
B)Da dove fotograferò ed osserverò per la maggior parte delle volte?Cioè che seeing medio,trasparenza e risoluzione mi permettera il cielo che mi ritroverò?
C)Che montatura regge in modo soddisfacente tutto questo per poter considerarlo?

A+B+C (Diametro dell'OTA,Montatura,Strumentazione di ripresa.)

Spero non servono tante aspirine dopo un post cosi lungo.E chiudo dicendo che continuo a condividere il tuo pensiero riguardo al sfruttare al massimo anche un paio di binocoli cinesi o un acromatico di 60mm!Tutto fin che si vuole coltivare una passione o divertirsi
__________________
My Site

Ultima modifica di Michele Xintaris : 29-03-11 23:28.
Michele Xintaris non in linea   Rispondi citando