Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

meta 28-04-15 12:49

Re: Verso il default
 
e ci sarebbero anche dopo un'eventuale uscita dall'euro, però pagate in moneta emessa dallo stato greco.
dal tuo commento parrebbe che la cosa non interessi i percettori di stipendi pubblici e pensioni, io credo invece che a loro stia a cuore, come da recente sondaggio.

argaiv 28-04-15 13:14

Re: Verso il default
 
Non so se l'hai notato anche tu ma gli Stati che pensano solo a stipendi pubblici e pensioni si sono estinti...

Sono gli stipendi privati quelli fondamentali, soprattutto se si tratta di aziende che esportano e vengono pagate in moneta estera. Senza di questi non ci sono nè pensioni nè stipendi pubblici.

L'euro ci ha illusi di poter ridurre l'export ma non siamo economie abbanstanza mature da poter importare e basta.

Michele Xintaris 28-04-15 13:21

Re: Verso il default
 
Siccome vivo la situazione da molto vicino, posso dirle che nella la mia famiglia fortunatissima ancora perche si mangia, ci sono anche percettori sia di pensioni zoppate a piu del 60% (liquidazione compresa ovviamente che ha avuto un bel Haircut nel famoso PSI del 2012) sia chi lavora con attivita propria.
Ebbene rapresentiamo la minoranza ormai.
Una enorme fetta della popolazione attiva, non solo non arriva alla fine del mese ma fa la fame vera e propria da anni.Mangiando un pasto a giorni alterni spesso e avendo perso lavori a eta molto sensibili come 50 anni, 55 anni, 45 anni..senza possibilita di trovarne facilmente...anzi.Mentre quelli giovani (under 25) qualsiasi lavoro fanno e qualsiasi orario fanno non hanno diritto a piu di 300 euro al mese..giusto perche sono under 25. (misura imposta dalla troika per lo "sviluppo".)

Quindi si, i Greci vogliono restare all'euro, come tendenza siamo pro-Euro ed europa da sempre ma se vai a chiedere ad uno di quelli che hanno perso tutto se vogliono l'euro o meno ti possono dire tranquillamente che se ne fregano visto che A)hanno perso tutto, B) Non si ricordano nessuna situazione simile prima dell'euro.

Io non posso dargli torto, perche sinceramente non me la ricordo nemmeno io una situazione cosi..ne file alle piazze e alle chiese per mangiare...nei medici del mondo e senza frontiere che operano nel territorio nazionale cosi attivamente...e ne gente che svende le case proprie (ricordo che in grecia l'investimento su mattone è il principale tipo d'investimento che si fa e la stragrande maggioranza delle famiglie ha/aveva una casa propria) perche non riesce ne tennerle ne passarle ai figli.. Figli che nella maggior parte dei casi hanno lauree e che partono per l'estero per sempre.

Quindi...sinceramente..per quanto sono pro-Europa.. poco mi interessa anche a me l' euro visto che molto probabilmente se non voglio che mi sostengono ancora i miei (nell'euro) dovro abbandonare le terre che amo per praticare e non credo per una terra nella zona euro perche non credo che garantisce molta stabilita ultimamente.(essendo nell'euro,posso dirle che gli ospedali operano con minimo personale,senza medicine,senza garze,senza pagare i stipendi,senza avere le cose di base per patologie di base).
Alle Farmacie mancano medicine di base, perche semplicemente lo stato ha abbassato talmente tanto i prezzi che le industrie non vendono piu in Grecia,
La mutua è "mutua" per dire perche il paziente assicurato paga da 58% al 100% della cura che deve ricevere e giustamente l'anziano percettore di pensione non capisce ome mai?!

In pratica c'e' un default "interno" vero e proprio con sospensione dei pagamenti da anni.L'unica cosa che non "c'e'" è un default vs i debiti esterni..quindi.... euro o non euro pochissimo cambia. Non sono economista ma credo che la ricetta è abbastanza tossica per le popolazioni e fa bene solo alle banche.
PS.E all'euro
Saluti.

PS. Scusatemi per il lunghissimo post e il tono se era un po brusco, purtroppo sono forse un po piu sensibile del dovuto ultimamente

aspesi 28-04-15 17:45

Re: Verso il default
 
Quote:

Michele Xintaris (Scrivi 752493)
Siccome vivo la situazione da molto vicino, posso dirle che nella la mia famiglia fortunatissima ancora perche' si mangia,

Grazie per il tuo contributo, vorrei venisse meditato dagli euroeuforici...

----
Euroburocrati imbecilli! Come possono, non dico pretendere, ma anche solo pensare che uno Stato, il cui popolo è stato lusingato e poi portato in condizioni economiche disperate, possa restituire i prestiti, dati in ritardo e con il contagocce, e anche con gli interessi?

In casi come questo, il mondo va avanti solo con la solidarietà, i necessari aiuti economici devono essere misurati, ma dati a fondo perso.
Anche restando all'interno di questa moneta fasulla, dal fondo si può risalire solo con il default dei debiti: e lo dico pur avendo ancora in carico due vecchie obbligazioni elleniche.

Mizarino 28-04-15 18:48

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 752507)
In casi come questo, il mondo va avanti solo con la solidarietà...

Così la prossima amministrazione allegra dello stato X, per guadagnare consenso, spende e spande, tanto poi arriva la solidarietà...

Può anche darsi che la solidarietà sia la scelta migliore per tutti, ma se chi ha sbagliato non paga non ci sono deterrenti ad evitare che le cose si ripetano...

Sat 28-04-15 18:55

Re: Verso il default
 
Le Olimpiadi in Grecia del 2004 furono l'inizio del default



...


Il budget di 15 miliardi di euro per finanziare le Olimpiadi greche, poi sforato, furono l'inizio della fine per i conti di Atene, un buco contabile da cui il paese non si risollevò più. La XXVIII edizione dei Giochi olimpici si tenne in Grecia dal 13 al 29 agosto, e venne considerata un'occasione che il Governo greco di allora guidato da Costas Karamanlis voleva utilizzare per rilanciare la destinazione sul mercato turistico mondiale. Un obiettivo che si rivelò poi una chimera.


...

argaiv 28-04-15 19:01

Re: Verso il default
 
Non fosse che in questo caso, chi ha sbagliato non ce la fa a pagare...

Stiamo usando la Grecia per svalutare un pò e quindi dare uno stimolo all'export ma ci va di mezzo la gente.

D'altra parte anche uscendo farebbero la fame quindi chi se ne frega?

Riki.simio 28-04-15 21:06

Re: Verso il default
 
quando la gente comincerà a capire che i foglietti colorati che ha in portafoglio sono appunto foglietti colorati e basta ... vedrete che bel patatrak all'attuale sistema finanziario (fallimentare) ed alla forma di governo occidentale (democrazia)..

la massa monetaria in circolazione ha già perso da tempo qualsiasi collegamento con la realtà.

aspettiamo il prossimo storno di mercato per vedere cosa succederà... anche perchè siamo prossimi all'overdose

meta 28-04-15 21:11

Re: Verso il default
 
Quote:

Riki.simio (Scrivi 752523)
la massa monetaria in circolazione ha già perso da tempo qualsiasi collegamento con la realtà.

questo, non dirlo ad aspesi che come rimedio a tutti i malanni, dalla disoccupazione alla calvizie, propone da tempo di aumentare ancora e senza limiti proprio la massa monetaria.

Riki.simio 28-04-15 21:45

Re: Verso il default
 
http://intermarketandmore.finanza.co...imi-72105.html

aspesi 29-04-15 07:07

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752524)
questo, non dirlo ad aspesi che propone da tempo di aumentare ancora e senza limiti proprio la massa monetaria.

??? :spaf:
Certo che è difficile farsi capire... Eppure, come la penso "su creazione del denaro e debiti di stato" l'ho ripetuto almeno in 200 messaggi anche solo in questo thread... :cool:

(I problemi veri non sono certamente "i foglietti colorati" e il valore dell'aggregato M0)

argaiv 04-05-15 05:50

Re: Verso il default
 
Aspesi... cosa ne pensi?

D'Attorre (PD) a LA7:

"Questi geni di Bruxelles hanno stabilito che ogni Paese ha un certo tasso di disoccupazione sotto il quale non può scendere
” altrimenti aumentano i salari. Nel Def è tutto scritto: nel 2019 la disoccupazione sarà ancora ai livelli di oggi, se tutto va bene."

https://youtu.be/coQ6szOr4sk

Davvero l'Europa ci impone di tenere la disoccupazione a questi livelli?

aspesi 04-05-15 08:58

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 752770)
Aspesi... cosa ne pensi?

Penso che nel 2019 i livelli di disoccupazione (come li intendiamo adesso) saranno più alti.
Non solo per noi, anche per la Germania, gli Stati Uniti, il Giappone...
E al momento non ho la certezza se questo è un bene o un male.

Penso anche che sarà in vigore il reddito vitale di cittadinanza (=esistenza) e che si sarà iniziato a lavorare per la modifica radicale del modello attuale di creazione del denaro.
Che dovrà essere "inevitabilmente" non onerosa per il fabbisogno, spese e infrastrutture,degli Stati nazionali (o, forse, mi illudo...)

Sapete che l'Italia paga e fino al 2040 quasi certamente dovrà continuare a pagare 3 miliardi all'anno alle banche private, per le perdite sui derivati, perché certi "geni" avevano pensato di assicurare il debito pubblico contro l'aumento dei tassi?
Un'intuizione azzeccatissima, proprio quello che ci voleva e che purtroppo annullerà il vantaggio "tasso quasi azzerato" prodotto a seguito del Quantitative Easing di Draghi...
Ma l'assurdo più assurdo è che questo tipo di assicurazioni NON DOVREBBERO ESISTERE (per gli Stati), in quanto non c'è ragione alcuna per cui le obbligazioni pubbliche debbano stare sul mercato e pagare interessi.

meta 04-05-15 09:08

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 752771)
..)

Sapete che l'Italia paga e fino al 2040 quasi certamente dovrà continuare a pagare 3 miliardi all'anno alle banche private, per le perdite sui derivati, perché certi "geni" avevano pensato di assicurare il debito pubblico contro l'aumento dei tassi?....

in quanto non c'è ragione alcuna per cui le obbligazioni pubbliche debbano stare sul mercato e pagare interessi.

maria cannata è una santa, davanti alla sua icona accendo candele e porto fiori.
insomma ci si lamenta del costo dell'antifurto perchè poi i ladri non sono venuti, magari perchè temevano ci fosse.

la ragione per cui il debito pubblico paga interesse è che bisogna convincere qualcuno a comprarselo. conosci un paese che non ha debito pubblico oneroso? eppure secondo te sarebbe così semplice...basta stampare cartamoneta, aspettare che l'inchiostro asciughi e poi lo stato può fare tutta la spesa pubblica che vuole, con l'avvedutezza che ben conosciamo, almeno in Italia.

aspesi 04-05-15 09:55

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752772)
la ragione per cui il debito pubblico paga interesse è che bisogna convincere qualcuno a comprarselo.

Non è così (anzi, purtroppo è così "ora", perché interessa a certi poteri forti), come ho più volte cercato di spiegare in questo thread.

Quello che serve per evitare deficit (e quindi l'accumulo di un debito via via insostenibile) è il pareggio di bilancio ad esclusione della spesa per interessi, che è l'unica fonte del debito pubblico che ci troviamo.

argaiv 04-05-15 14:10

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 752771)
Penso che nel 2019 i livelli di disoccupazione (come li intendiamo adesso) saranno più alti

Però io pensavo che la disoccupazione fosse dovuta alla concorrenza cinese, alle tasse, alle lungaggini burocrati eccetera mentre scopro, dalle parole dell'esponente del PD, che uno dei punti fermi dell'Europa è proprio quello di mantenere volutamente alta la disoccupazione...

In poche parole vogliono tanti disoccupati perchè ciò terrebbe bassa l'inflazione... Ma che lo vadano a spiegare a chi ha perso il lavoro o a chi ha dei figli disoccupati (47% di disoccupazione giovanile in Italia).

Quote:

meta (Scrivi 752772)
insomma ci si lamenta del costo dell'antifurto perchè poi i ladri non sono venuti, magari perchè temevano ci fosse.

Ma scherzi? I derivati sono stati venduti come assicurazione ma non lo sono mai stati, era un pretesto per vendere dei contratti truffa.. Difatti molti (enti e privati) sono riusciti a farli annullare.

meta 04-05-15 15:05

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 752775)

Ma scherzi? I derivati sono stati venduti come assicurazione ma non lo sono mai stati, era un pretesto per vendere dei contratti truffa.. Difatti molti (enti e privati) sono riusciti a farli annullare.

è un argomento che non conosci; niente di male, succede. però non bisogna credere di poter surrogare con un paio di domande a google, come fanno quelli che si indignano sul fatto quotidiano, sempre e su tutto.

le imprese private (non ci sono privati risparmiatori sottoscrittori di derivati "speciali") che hanno ricorso in giudizio contro gli stessi, sono evidentemente quelle che ci hanno rimesso. quelle che ci hanno guadagnato, tutte zitte e mute e contente.

le prime si sono appigliate alla definizione di "operatore qualificato", richiesta dal TUF, testo unico della finanza. insomma, "non so, non sapevo, sono un povero pinocchio vittima del gatto e la volpe..." da vergognarsi, in molti casi.
gli enti locali, anche peggio: sapevano di rischiare, ma sapevano anche che la eventuale perdita sarebbe arrivata dopo anni, magari sul capo di un'altra amministrazione; meglio allora incassare denaro subito, spenderlo e vantarsi con gli elettori.

il tesoro italiano è sovrano, cioè può non pagare nulla ( "annullamento in autotutela" dicono i sapientoni) senza nemmeno dover dare queste risibili spiegazioni, tanto i cattivoni che lo avrebbero abbindolato non possono andare da nessun giudice a chiedere il rispetto del contratto.
perchè allora paga? anzi, ha pagato qualunque colore avesse il governo, e dichiara che continuerà a farlo.
se si smetttono i facili panni dell'indignazione permanente, magari ci si arriva da soli.

argaiv 04-05-15 18:03

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752776)
è un argomento che non conosci; niente di male, succede. però non bisogna credere di poter surrogare con un paio di domande a google, come fanno quelli che si indignano sul fatto quotidiano, sempre e su tutto.

Prova a proporre a Google un terzo pulsante: oltre a "CERCA" e "MI SENTO FORTUNATO" potrebbero aggiungere un: "SENTI IL PARERE DI META"

Io purtroppo di derivati ne so più di quanto vorrei ma non è questo il posto per parlarne. Sicuramente oggi è molto più facile fare annullare i contratti... purtroppo è passato talmente tanto tempo da quando hanno iniziato a farli quindi molti ormai non sono più oggetto di ricorso.

Sicuramente sono stati definiti da Warren Buffett "armi di distruzione di massa" ma immagino che tu sappia meglio di lui cosa siano in realtà...

meta 04-05-15 21:18

Re: Verso il default
 
si stava parlando dei derivati sottoscritti dal tesoro italiano, nell'ambito della gestione tecnica del nostro immane debito pubblico, un argomento circoscritto.

puntuale come le rondini a primavera, esce la citazione di W.Buffett, il primo risultato che sputa google e lo si dovrebbe anche prendere come argomento decisivo.
W.Buffett, che si vuole straricco perchè saggio e prudente, può anche parlar male dei derivati, ma per motivi che potrebbero sorprendere.

a chieder meglio a google, si recupera roba migliore.
http://www.linkiesta.it/derivati-pil-dibattito

i derivati sono l'unico mezzo per scomporre e maneggiare i rischi e la collettività ricava grandi vantaggi dallo sviluppo dei mercati di tali strumenti.

argaiv 04-05-15 22:42

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752782)
i derivati sono l'unico mezzo per scomporre e maneggiare i rischi e la collettività ricava grandi vantaggi dallo sviluppo dei mercati di tali strumenti.

Sì beh certo sono talmente un affare che noi in Italia ne abbiamo fatti a quintali:

La mina derivati sull'Italia: esposta tre volte più della Germania

http://www.repubblica.it/economia/20...ata-106952610/

Sarà per questo che andiamo così bene...

meta 05-05-15 07:07

Re: Verso il default
 
non sono un affare, sono uno strumento.
per battere i chiodi occorre il martello, per gestire capitali o debiti immani occorrono i derivati; più derivati sono disponibili sul mercato, meglio si può scegliere il peso e il prezzo del martello.

dall'articolo da te postato, si vede bene che l''Italia ha scelto di assicurarsi pesantemente e la Germania no.
può essere un errore usare un martello troppo grosso? certo, però siamo in territori inesplorati dove si può commettere un solo errore, il primo e l'ultimo.

a detta di parecchi esperti, se la gestione tecnica del debito italiano fosse stata affidata a un responsabile di assoluta fiducia e lealtà ma di metodi finanziari tedeschi, saremmo già finiti in default da quel bel pezzo. le bmw, sì, la finanza tedesca no, non sono capaci, prendono troppi rischi. il loro debito pubblico è pari al nostro, ma la loro economia è più grande di un 65%%, quindi è facile da gestire anche per un tedesco.

argaiv 05-05-15 08:21

Re: Verso il default
 
Mi spieghi quale razza di polizza assicurativa ti costringe a pagare migliaia di euro in caso non si verifichino le condizioni per cui ti sei assicurato?

Assicuri l'auto in caso di furto per 10mila euro e se non te la rubano devi pagare 10mila euro... mah!

Sono delle scommesse non delle assicurazioni. Tu scommetti che l'euro salirà rispetto al dollaro e, se si verifica questa condizione ti pagano (una cifra limitata). Se NON si verifica devi pagare tu (una cifra ILLIMITATA)

Questo è quanto. Un ente pubblico non dovrebbe poter scommettere ai cavalli, così come una piccola attività o uno stato.

meta 05-05-15 09:51

Re: Verso il default
 
tu non conosci la differenza fra valore nozionale del derivato e perdita/guadagno dello stesso
ci provo: il nozionale è l'importo su cui viene calcolato il risultato del derivato. nel caso dell'assicurazione rc, potrebbe essere il massimale, cioè l'assicurazione ti paga i danni che provochi fino a quella cifra. e la perdita per il contraente è il premio annuale che paga, il guadagno si ha se si provocano incidenti di valore superiore al premio.

nei derivati, dipende dai contratti però il nozionale è sempre molto superiore al risultato, cioè le perdite/guadagni tangibil, ma anche di diversi ordini di grandezza.
se il tesoro italiano ha derivati per un nozionale (prendo tutti i dati dal tuo articolo, che non hai letto) per 163 mld , le perdite di 37 sono teoriche (i contratti non sono in scadenza adesso e nemmeno scadranno insieme) a fronte di una caduta dei tassi assolutamente eccezionale. ai santoni che la davano prevedibile con sicurezza, bisogna chiedere subito se sono diventati ricchi... ex post e a parole son buoni tutti. prediamo a d es. le banche tedesche che nel 2011 hanno svenduto il debito italiano; ci hanno rimesso un sacco di soldi.

il sugo di 'sta menata è che di fronte a un debito mostruoso, si accusano i tecnici che lo hanno tenuto in piedi, non quelli che con le loro decisioni largamente condivise dall'elettorato, lo hanno creato.

argaiv 05-05-15 14:30

Re: Verso il default
 
Ok l'esempio dell'assicurazione era fuorviante e, come hai scritto, la perdita è inferiore al nozionale. Oltretutto si parla di perdita potenziale a scadenza.

Il problema è che se aspetti la scadenza rischi di finire in default per i derivati perchè potresti dover pagare tutto in una volta. Quindi la maggior parte di chi ha stipulato dei derivati in perdita li rinegozia prima che scadano. Rinegoziandoli però si deve aumentare il nozionale per motivi che non sto a spiegare qua. Per questo motivo vedi nozionali altissimi e contratti a lunga scadenza.

Comunque la mia impressione, dopo aver buttato tanti soldi in quei contratti, aver parlato con legali, con tecnici sia delle banche che miei personali, dopo aver valutato ogni aspetto e non averci comunque capito una mazza è che siano UNA GRANDISSIMA INC****A... altro che assicurazione.

Il motivo per cui non scoppia un casino domani è solo uno: Se fai causa la banca ti può chiudere i fidi per ripicca.... Quindi chi fa causa in genere è già alla frutta mentre chi può paga e sta zitto. Chiaramente il costo di queste scommesse andate male è tutto a carico di clienti/contribuenti

aspesi 05-05-15 16:31

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752789)
a fronte di una caduta dei tassi assolutamente eccezionale. ai santoni che la davano prevedibile con sicurezza, bisogna chiedere subito se sono diventati ricchi... ex post e a parole son buoni tutti.

http://www.trekportal.it/coelestis/s...7&postcount=15

http://www.trekportal.it/coelestis/s...40763&page=382

argaiv 06-05-15 18:57

Re: Verso il default
 
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015...resse/1656832/

Purtroppo gli enti locali non possono più stipulare contratti derivati... che tragedia

meta 06-05-15 21:41

Re: Verso il default
 
le amministrazioni locali devono imparare a spendere solo quello che riescono ad incassare da tasse locali. finora hanno tuonato contro lo stato centrale cattivo, il maltempo, le cavallette...

più difficile sarà eliminare il substrato culturale implicito in queste vicende, coè che la spesa pubblica, sempre e comunque fa bene.
fosse anche l'upfront per la copertura di un rischio, si spendano subito anche quelli.

argaiv 07-05-15 05:09

Re: Verso il default
 
Meta, anche la pressione fiscale al 53% fa bene sempre e comunque?

http://www.economia.rai.it/articoli/...0/default.aspx

aspesi 07-05-15 06:55

Re: Verso il default
 
Secondo il Rapporto "Fiscalità e crescita economica" dell'Ufficio Studi Confcommercio, a fronte di un aumento della pressione fiscale in Italia del 5% dal 2000 al 2013, il Pil procapite è sceso del 7%. In Germania nello stesso periodo la pressione fiscale è diminuita del 6% mentre il Pil reale procapite è aumentato del 15%. In Svezia, paese fuori dall' Ue ad esempio, la pressione fiscale nello stesso periodo è scesa del 14% e il Pil reale procapite è aumentato del 21%.

Cosa mai sarà successo in questo periodo?
L'invasione delle cavallette o un'altra delle piaghe d'Egitto? :D

Viva l'euro e le misure di austerità... :mad:

meta 07-05-15 08:07

Re: Verso il default
 
la germania aveva conti pubblici in ordine.

la svezia era già riemersa da una sua gravissima crisi finanziaria degli anni '90, col senno di poi progenitrice di quella che poi ha colpito l'europa, , e l'aveva fatto con misure come il passaggio al sistema pensionistico contributivo IMMEDIATO e generalizzato, tagli di spesa etc.
pensa un po', han dovuto fare manovre di austerità severe, senza nemmeno poter dare la colpa all'euro! eh, ma loro son svedesi....:)

citare germania e svezia per attaccare l'austerità è come spararsi in un piede.

meta 07-05-15 08:20

Re: Verso il default
 
l'elevatissima pressione fiscale uccide. ma è conseguenza di impegni dissennati di spesa pubblica, sono collegati come la coda al cane.
non è però la coda che porta a spasso il cane.

aspesi 07-05-15 11:01

Re: Verso il default
 
Non è difficile trovare.... chi legge tutto.... ma non capisce niente :D

Quote:

Cosa mai sarà successo in questo periodo?
L'invasione delle cavallette o un'altra delle piaghe d'Egitto? :D

Viva l'euro e le misure di austerità... :mad:
Questa domanda è troppo semplice... per questo alcuni non riescono a rispondere :D

argaiv 07-05-15 19:27

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 752872)
l'elevatissima pressione fiscale uccide. ma è conseguenza di impegni dissennati di spesa pubblica, sono collegati come la coda al cane.
non è però la coda che porta a spasso il cane.

Quindi qual'è la soluzione?

Lasciare che gli enti locali vadano ad aumentare gli interessi passivi da pagare giocando ai derivati?

Fregarsene delle ruberie e degli sprechi perchè tanto ormai gli impegni dissennati ci sono già stati?

Facciamo qualche ponte che finisce nel nulla per far lavorare 4 manovali della Coop rossa?

Dimmi tu...

meta 07-05-15 19:52

Re: Verso il default
 
fare come la svezia dopo la crisi del '90. aspesi ci ha ricordato che dopo ha avuto ottimi risultati economici.

argaiv 07-05-15 20:08

Re: Verso il default
 
Ma la Svezia ha 9 milioni di abitanti l'Italia 60 milioni... Sarà mica la stessa cosa

meta 07-05-15 20:38

Re: Verso il default
 
la direzione è quella.
l'altra porta alla grecia e all'argentina.

aspesi 12-05-15 16:21

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 752507)
Euroburocrati imbecilli! Come possono, non dico pretendere, ma anche solo pensare che uno Stato, il cui popolo è stato lusingato e poi portato in condizioni economiche disperate, possa restituire i prestiti, dati in ritardo e con il contagocce, e anche con gli interessi?

Ridicolo! :rolleyes:

Il negoziato tra il governo greco ed i suoi creditori prosegue con grande difficoltà e con minimi avanzamenti.
La Grecia ha onorato oggi una delle scadenze, rimborsando 750 milioni di euro al Fondo Monetario Internazionale: le indiscrezioni circolate oggi sulla modalità del pagamento, mostrano quanto siano critiche, se non disperate, le condizioni delle casse pubbliche greche.
I soldi che hanno evitato il default sarebbero stati prelevati da una fornitura ad Atene da parte dello stesso Fondo Monetario Internazionale.
:D

Antonio DAMICO 20-05-15 15:13

Re: Verso il default
 
So' finiti i soldi ... e mo' che succede ?????????
http://www.ansa.it/sito/notizie/econ...72ecfa20d.html.

Io farei come... ma che ce frega ma che ce importa se dentro er vino ci hai messo l'acqua e nui glie dimo, e nui glie famo.., ciai messo l'acqua e nun te pagamo....:fis:

argaiv 20-05-15 19:48

Re: Verso il default
 
Son mesi che dicono la stessa cosa... mai successo niente. L'Euro è una condanna a vita.

meta 20-05-15 21:04

Re: Verso il default
 
la grecia ha già fatto default una volta e non è stata invasa, anzi sono stati prestati altri soldi. poi hanno fatto carte false per usare l'euro, nessuno li ha costretti, e possono riprendere a stampar dracme quando vogliono.


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 19:38.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it