Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

argaiv 03-03-14 10:50

Re: Verso il default
 
Astromauh... se non rischi niente non ottieni niente.

Possiamo anche dare alla nostra classe politica altri 20 anni per capire cosa fare ma vedrai che cambierà poco...

aspesi 03-03-14 16:14

Re: Verso il default
 
Come dicevo:

Quote:

aspesi (Scrivi 714631)
Altre sofferenze e miliardi spariti dalle banche italiane (in particolare Unicredit), a seguito del fallimento dell'Ucraina (che già era fallita nel 1998 e 2000)

Oggi Unicredit -6,16% (e non è finita qui...)

Dark_GRB 03-03-14 18:16

Re: Verso il default
 
Sembra che il mercato dell'auto in Italia stia ripartendo. Terzo mese consecutivo con il segno piu'. Un altro spiraglio di luce in mezzo alla notte.

http://www.quattroruote.it/notizie/e...fa-consistente

Dark

astromauh 03-03-14 18:51

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 714735)
Come dicevo:



Oggi Unicredit -6,16% (e non è finita qui...)

E tu oggi quanto hai perso?


:hello:

aspesi 03-03-14 19:37

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 714776)
E tu oggi quanto hai perso?


:hello:

Almeno una Panda... :cry:

f16006a 04-03-14 07:19

Re: Verso il default
 
Hai un portafoglio così poco differenziato? :eek::eek::eek:

aspesi 04-03-14 08:15

Re: Verso il default
 
Quote:

f16006a (Scrivi 714789)
Hai un portafoglio così poco differenziato? :eek::eek::eek:

Beh. no... anzi, forse è il contrario...
e, per quanto riguarda le banche, settimana scorsa ho alleggerito e ora sono fortemente sottopesato (proprio per questo, ieri mi è andata meno peggio di quanto avrebbe potuto essere)

argaiv 04-03-14 11:39

Re: Verso il default
 
Se Aspesi vende cade Unicredit :rolleyes:

Finalmente una tassa che vorrei ad ogni costo:
“Patrimoniale del 50% sulle proprietà dei partiti”. Proposta di legge sfida la Casta



http://www.ilfattoquotidiano.it/2014...-casta/901195/


Non succederà mai ma è bello crederci :fis:

aspesi 04-03-14 21:41

Re: Verso il default
 
Questi sono i Paperoni italiani:
http://www.soldionline.it/infografic...ssifica-forbes

ANDREAtom 05-03-14 07:01

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 714778)
Almeno una Panda... :cry:

Ma allora scusa, non era meglio se acquistavi una Panda (usata) invece di tioli? :D
Poi la porti dal carrozziere che gli da una bella lucidata, poi (anzi, prima) dal meccanico, per una revisione sommaria ed eventuale sostituzione delle parti più essenziali, poi arretri il contachilometri e dopo un mese la rivendi, guadagnando almeno il 20%, che corrisponde al 240% all'anno........ :eek: poi ricominci con un'altra panda....... :D (mai fare questo con le auto di grossa cilindrata) così facendo hai messo in circolazione del denaro, hai salvato le auto che stavano a marcire dal concessionario da una sicura demolizione......... (evitare possibilmente di rivolgersi la notaio per queste operazioni)
Questa "barzelletta" è per dire che solo attraverso il LAVORO e gli scambi diretti l'economia (forse) potrà riprendere, non con l'intermediazione delle banche che fanno solo i loro interessi e quelli di alcune "categorie" che di soldi ne hanno già troppi........

aspesi 05-03-14 07:40

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 714907)
Ma allora scusa, non era meglio se acquistavi una Panda (usata) invece di tioli? :D
Poi la porti dal carrozziere che gli da una bella lucidata, poi (anzi, prima) dal meccanico, per una revisione sommaria ed eventuale sostituzione delle parti più essenziali, poi arretri il contachilometri e dopo un mese la rivendi, guadagnando almeno il 20%,.

Con quello che proponi, per guadagnare almeno il 20% avrei dovuto aspettare un mese... e non un giorno (come è successo con l'euforia di ieri, dopo il buon senso mostrato da Putin).;)

Ovviamente, hai però ragione sul discorso lavoro ----> ricchezza

f16006a 05-03-14 09:45

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 714798)
Beh. no... anzi, forse è il contrario...
e, per quanto riguarda le banche, settimana scorsa ho alleggerito e ora sono fortemente sottopesato (proprio per questo, ieri mi è andata meno peggio di quanto avrebbe potuto essere)

Beh, se è molto differenziato e hai perso con UNICREDIT il valore di una panda, vuol dire che sei ricchissimo :D

Mizarino 05-03-14 12:04

Re: Verso il default
 
Mi sa che è all'undicesimo posto nella lista linkata qualche post fa sui Paperoni d'Italia ... :D

aspesi 05-03-14 14:01

Re: Verso il default
 
Quote:

f16006a (Scrivi 714928)
Beh, se è molto differenziato e hai perso con UNICREDIT il valore di una panda, vuol dire che sei ricchissimo :D

Non mi sono spiegato.
La perdita si riferiva all'insieme dei titoli presenti nel portafoglio; tra i quali, per quanto riguarda le banche, ho solo una modesta quota di Intesa e Banco Popolare.

argaiv 05-03-14 15:18

Re: Verso il default
 
Ieri l'altro la borsa è scesa del 3,3% se non sbaglio... Ma Ucg ha fatto peggio. Ammettiamo che tu abbia perso il 5% in media quel giorno, visto che la panda costa circa 10k euro allora il tuo portafoglio è attorno ai 200.000 euro

Per la serie "i conti in tasca" :D

ANDREAtom 05-03-14 16:05

Re: Verso il default
 
bisogna vedere quale Panda ha perso; quella a metano "full optional" costa molto di più........ :D

Epoch 05-03-14 16:17

Re: Verso il default
 
.... e se è una panda del 1980 con la carrozzeria da buttare vale circa 100 €... :D

aspesi 05-03-14 18:03

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 714961)
Ieri l'altro la borsa è scesa del 3,3% se non sbaglio... Ma Ucg ha fatto peggio. Ammettiamo che tu abbia perso il 5% in media quel giorno, visto che la panda costa circa 10k euro allora il tuo portafoglio è attorno ai 200.000 euro

Beh...:D
Ho precisato che sono sottopesato sulle banche (il mio portafoglio ha tenuto molto meglio del MIB ;)) ; e inoltre solo un folle investirebbe il 100% in azioni... :)

f16006a 06-03-14 15:38

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 714983)
Beh...:D
Ho precisato che sono sottopesato sulle banche (il mio portafoglio ha tenuto molto meglio del MIB ;)) ; e inoltre solo un folle investirebbe il 100% in azioni... :)

Io i miei pochi soldi li ho al 50% in un fondo al 100% azionario :P
però lo compro con PAC :)
Nel 2013 ha reso bene, 15%

aspesi 06-03-14 15:51

Re: Verso il default
 
Azionario su quale area?
Immagino, europa o america, non certo emergenti, India o Cina...

Attenzione ai fondi.
In genere, guadagnano di meno quando la borsa di riferimento sale e perdono di più quando scende.

astromauh 06-03-14 17:01

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 714961)
Ieri l'altro la borsa è scesa del 3,3% se non sbaglio... Ma Ucg ha fatto peggio. Ammettiamo che tu abbia perso il 5% in media quel giorno, visto che la panda costa circa 10k euro allora il tuo portafoglio è attorno ai 200.000 euro

Per la serie "i conti in tasca" :D

Questi conti li avevo fatti pure io, ma ho preferito non dir nulla per discrezione.

Quote:

aspesi (Scrivi 714983)
... e inoltre solo un folle investirebbe il 100% in azioni... :)

E quindi dovresti avere altri 200.000 investiti in BOT. :D

Complimenti!

:hello:

Mizarino 06-03-14 18:55

Re: Verso il default
 
200+200 =400.
Perciò in un vecchio post aveva messo il tetto per la patrimoniale a 500mila €!... :D

aspesi 06-03-14 19:14

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 715096)
200+200 =400.
Perciò in un vecchio post aveva messo il tetto per la patrimoniale a 500mila €!... :D

???? :confused:

Ho detto che il mio portafoglio in titoli azionari si era comportato molto meglio del MIB (che quel giorno aveva perso il 3,34%). Senza contare che non ho solo azioni italiane (e le altre borse avevano perso meno).

E' arbitrario poi pensare che la composizione sia 50:50 fra azioni e obbligazioni (fra l'altro, in vita mia non ho mai comprato un solo bot (cct e btp, sì, ma di bond ce ne sono centinaia) e da sempre la quota che riservo alle azioni non è mai stata superiore al 30%)

f16006a 07-03-14 07:25

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 715069)
Azionario su quale area?
Immagino, europa o america, non certo emergenti, India o Cina...

Attenzione ai fondi.
In genere, guadagnano di meno quando la borsa di riferimento sale e perdono di più quando scende.

Certo, altrimenti dove sta il loro guadagno? :D
Comunque certo, azionario europa e america (che penso di voler vendere, come l'anno scorso c'è stato il riassestamento delle obbligazioni, quest'anno sento puzza di crollo azionario che è gonfiato a dismisura).

f16006a 07-03-14 07:26

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 715096)
200+200 =400.
Perciò in un vecchio post aveva messo il tetto per la patrimoniale a 500mila €!... :D

Per me va bene metterlo a 20.000 :D:D:D

ANDREAtom 07-03-14 09:28

Re: Verso il default
 
@Aspesi, se faccio un investimento (con l'auto) quanto mi danno? :D

Epoch 07-03-14 09:57

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 715137)
@Aspesi, se faccio un investimento (con l'auto) quanto mi danno? :D

Ti bastano 5 anni? :D

ANDREAtom 07-03-14 10:02

Re: Verso il default
 
:D

c8sgtxlt 07-03-14 15:34

Re: Verso il default
 
Con la condizionale però! :D

Epoch 10-03-14 07:50

Re: Verso il default
 
Dipende... Solo se sei incensurato! :D

aspesi 05-05-14 07:50

Re: Verso il default
 
Per non far morire il thread

"Le bugie sull'euro della patetica minoranza che purtroppo governa le sorti del paese". Paolo Savona

"È un insulto alla sovranità popolare affermare che gli elettori non sanno scegliere e quindi le élite devono farlo per loro"
Solo i mitomani dell'euro, una patetica minoranza che purtroppo governa le sorti del paese, non ammettono che l'euro sia una moneta mal costruita e affidano il loro ingiusto dominio al terrore di ciò che può accadere se l'euro fosse abbandonato. Con questa premessa, il noto economista italiano Paolo Savona, in un articolo per Imolaoggi, sostiene come il compito degli studiosi sia quello "di illuminare la strada degli elettori e non tenere lo strascico dei governanti nella speranza di trarne personale beneficio". Perciò i quesiti che devono essere rivolti all'elettore sono i seguenti:
1. Vuoi stare nell'euro con le conseguenze sotto i tuoi occhi o affrontare il costo dell'uscita?
2. Vuoi continuare ad aumentare il debito pubblico per stare meglio o tagliare la spesa pubblica accettando le conseguenze?
3. Vuoi rimborsare il debito pubblico cedendo il patrimonio statale o pagando più tasse per rimborsarlo?

http://www.lantidiplomatico.it/dettn...?idx=6&pg=7741

Mizarino 05-05-14 08:57

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 724056)
"È un insulto alla sovranità popolare affermare che gli elettori non sanno scegliere e quindi le élite devono farlo per loro"

No, malgrado i fischi che potrei attirarmi, nego che sia un insulto.

Gli elettori sanno benissimo (e devono) scegliere in materia etica, ma è totalmente demagogico affermare che lo sappiano fare con cognizione di causa in materia tecnica.

Questo purtroppo è il paese dove per decidere se praticare o no il metodo Stamina a spese del SSN ci si rivolgerebbe ad un giudice o ad un referendum popolare e non agli scienziati competenti (meno male che Guariniello è stato abbastanza intelligente da incriminare Vanoni...)

In un eventuale referendum sull'uscita dall'euro, il 95% delle risposte, non importa se a favore o contro, sarebbero dettate dalle ghiandole endocrine e non da un ragionamento basato sulla competenza. Competenza peraltro inutile perché anche chi dovrebbe esserlo raggiunge conclusioni diverse sostanzialmente sulla base di una ideologia e non di una scienza.

Dark_GRB 05-05-14 09:48

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 724069)
[...]
il 95% delle risposte, non importa se a favore o contro, sarebbero dettate dalle ghiandole endocrine e non da un ragionamento basato sulla competenza.
[...]

Considerazione che ritengo vera e che si applica anche a tanti altri campi, non solo Vanoni o l'euro.

aspesi 05-05-14 10:43

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 724069)
Gli elettori sanno benissimo (e devono) scegliere in materia etica, ma è totalmente demagogico affermare che lo sappiano fare con cognizione di causa in materia tecnica.

E' la democrazia, bellezza. :D
Non è assolutamente importante che ogni scelta sia quella giusta.
D'altronde, non lo è praticamente mai (per la maggioranza e i più deboli) se venisse lasciata ai "cosiddetti" esperti, che sempre devono rispondere e tener buoni chi li paga.

In materia sanitaria, fermo restando che ognuno è libero di scegliere ed utilizzare la cura che preferisce, non si possono però pretendere rimborsi neppure parziali fuori dai protocolli ufficiali. Sanciti dalla delega politica.

Mizarino 05-05-14 11:57

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 724090)
E' la democrazia, bellezza. :D
Non è assolutamente importante che ogni scelta sia quella giusta.

Purtroppo i limiti della democrazia sono proprio questi: basta che vi sia un sufficiente numero di bischeri che sposino la tesi del demagogo di turno, e la scelta diventa giusta per definizione ...
Per quanto riguarda i "cosiddetti esperti" quello che non capisco è perché questi debbano essere dei loschi prezzolati quando sposano tesi diverse dalle tue e invece diventino dei competenti, onesti e autentici esperti quando sposano le tue, o meglio quando tu sposi le loro... :D

fran&cis 05-05-14 13:15

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 724090)
E' la democrazia, bellezza. :D
Non è assolutamente importante che ogni scelta sia quella giusta.

Per rispondere ad una tale perla di saggezza, basterebbe citare l'arcinota fiaba del pifferaio magico....comunque....

Nessuno è in grado di calcolare quale sia il rapporto costi/benefici di una eventuale uscita dall'euro. Innanzitutto dipenderebbe dall'essere oppure no un'uscita concordata fatta in alleanza con altri paesi di peso (ad esempio Francia) oppure totalmente unilaterale e isolata...chi potrebbe garantire su come sarebbe guidato e negoziato un tale processo e con quali condizioni?.....si potrebbe chiedere a Mago Merlino....

Sicuramente avremo ripercussioni negative su:
  • debiti contratti in euro, da pagare in lirette da parte delle imprese nazionali
  • inflazione interna e conseguente riduzione del potere d'acquisto e del valore dei risparmi
  • incremento del costo delle materie prime e di tutti i beni importati
  • difficoltà di accesso al credito internazionale
  • sostanziale ripresa dell'incremento del debito pubblico (saltati i vincoli imposti dall'Europa) che esalterebbe ulteriormente l'incremento dell'inflazione
  • andrebbero inoltre valutate le conseguenze dell'esistenza di eventuali clausole internazionali per rottura di accordi inerenti l'adozione della moneta unica
Potremmo avere, meno sicuramente, benefici in termini di:
  • esportazioni (sempre che qualche paese stizzito non ci chiuda i propri mercati) grazie però non ad una maggiore competitività intrinseca ma ai prezzi di saldo imposti dalla liretta, almeno per un certo periodo.....
  • possibilità per i fancazzisti di ricevere attraverso l'incremento del debito pubblico più risorse a fondo perduto...così almeno stanno boni....
Ora, in un democratico e consapevole sondaggio solo i produttori di beni esportabili e i fancazzisti voterebbero a favore di un'uscita dall'euro...non è improbabile che proprio i fancazzisti costituiscano ormai, già da soli, una solida maggioranza.......;)

Epoch 05-05-14 14:33

Re: Verso il default
 
Quote:

fran&cis (Scrivi 724106)
...
Sicuramente avremo ripercussioni negative su:
  • incremento del costo delle materie prime e di tutti i beni importati
Potremmo avere, meno sicuramente, benefici in termini di:
  • esportazioni (sempre che qualche paese stizzito non ci chiuda i propri mercati) grazie però non ad una maggiore competitività intrinseca ma ai prezzi di saldo imposti dalla liretta, almeno per un certo periodo.....

E a mio modico pensiero da non addetto ai lavori le due cose si annullano a vicenda, visto che per produrre in Italia importiamo praticamente Tutto.

aspesi 05-05-14 16:15

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 724096)
Per quanto riguarda i "cosiddetti esperti" quello che non capisco è perché questi debbano essere dei loschi prezzolati quando sposano tesi diverse dalle tue e invece diventino dei competenti, onesti e autentici esperti quando sposano le tue, o meglio quando tu sposi le loro... :D

Non capisco da dove tu tragga queste affermazioni.
A meno che credi nella "missione" dei potenti di scendere in campo e sacrificare vantaggi e privilegi per il bene comune.
Guarda ad es. come si oppongono quei figli di m.....ta dei magistrati alla decurtazione dei loro stipendi...

A parità di conoscenze e competenza, la "verità" va sempre cercata in chi non ha (o ha minori) interessi personali.
O addirittura se ci rimette in quello che sostiene.

aspesi 05-05-14 16:26

Re: Verso il default
 
Quote:

Epoch (Scrivi 724117)
[/list]E a mio modico pensiero da non addetto ai lavori le due cose si annullano a vicenda, visto che per produrre in Italia importiamo praticamente Tutto.

Assolutamente, no!!!!
L'attività dell'industria italiana è di trasformazione; ove la materia prima che viene importata è una voce assolutamente trascurabile sul valore del prodotto finale.

Nel '92, la svalutazione della lira comportò un'inflazione successiva pari a meno di un sesto, che è poi, più o meno la quota di importazione del petrolio e dell'energia.

Tutte le cosiddette "ripercussioni negative" sono montate ad arte da chi, economista o credulone, vuole mantenere lo status quo.

"Solo i mitomani dell'euro (pochi, ma potenti), per intima vocazione od opportunità, continuano a negare questo dato di fatto: se non si cambia, non si avrà né crescita, né occupazione."

fran&cis 05-05-14 18:05

Re: Verso il default
 
Nessuno è in grado di prevedere cosa esattamente accadrebbe...non gli economisti né tantomeno Aspesi....io ho elencato pro e contro oggettivi di un'uscita dall'euro e le pesanti incertezze di un tale processo...i contro risultano numerosi e pesanti anche se difficili da quantificare, i pro pochini e anch'essi di quantificazione controversa e comunque solo temporanea......

Resta poi il dato empirico ricavabile dalla Storia, in cui la svalutazione monetaria è un placebo che finisce per risvegliare ancora più incattivita la malattia che intenderebbe combattere e che induce a ripetute svalutazioni con sfinimento della competitività della propria economia e generale impoverimento....potrebbe essere meno rischioso provare ad applicare i candelotti di zolfo....:D

I mitomani del non euro, però, minimizzano.....anche senza alcuna considerazione o riflessione hanno già deciso che conviene assolutamente uscire dall'euro...è un'evidente reazione "de panza"....o una forma di bisogno incontenibile tipo quello generato dai problemi alla prostata.:D

L'uscita temporanea dallo SME, pienamente concordata in ambito europeo e in un contesto dei primi anni '90, quando la Cina e la globalizzazione dei mercati erano ancora da venire, è totalmente diverso......ma vallo a spiegare ai mitomani....:D


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 20:14.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it