Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

aspesi 05-07-15 18:44

Re: Verso il default
 
La Grecia ha detto NO.

Ca..i amari per l'euro "irreversibile".


(A proposito dei messaggi precedenti: comportamenti "squallidi" non hanno molto a che vedere con i disegni criminosi della finanza e con l'euro)

argaiv 05-07-15 19:17

Re: Verso il default
 
E mo so cOXI...

Da domani si troveranno senza liquidità...

USA ed Europa gliela faranno pagare cara questa "alzata di testa"

astromauh 05-07-15 20:21

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 756707)
C'è una cosa poco chiara però; come mai è venuta fuori quella lettera? più che una lettera di dimissioni o di licenziamento sembra un contratto....... :D addirittura lo UPMC si impegna a non rivelare le sue "malefatte" a eventuali datori di lavoro che dovessero chiedere referenze........

E pensare che Marino è un mio gemello astrale (una persona nata negli stessi giorni). :D

Un mio altro gemello è questo qui.

In realtà gemelli astrali sono solo le persone nate a pochi minuti di distanza, e se così non fosse avrei smesso di credere nell'astrologia da un bel pezzo. :D


:hello:

ANDREAtom 05-07-15 21:11

Re: Verso il default
 
E cos'è che ti assimila a Ignazio Marino? tu quanto hai rubato?....... :D

Erasmus 06-07-15 05:22

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 756713)
La Grecia ha detto NO.

Ca..i amari per l'euro "irreversibile".

No, non è così.
Ma chi ha una "fissa" fatica a riconoscerla! :D
I "Ca..i amari" continueranno per i poveri greci.
Per i poveri, mica per tutti i greci.
-----------------------------------
Ieri sera ho sentito (tra le varie sparare di giornalisti, alcune secondo me demenziali) anche una parte del discorso di Varoufakis ... contenente un sacco di fregnacce.

Ma il tutto c'entra quasi niente con l'Euro.

Non esistono procedure per l'uscita dall'Eurozona.
Esitono però precise procedure per l'uscita dall'UE.
Dunque, ... la Grecia si accomodi pure fuori, ed io ne sarò contento!
Ma nessuno mi accontenterà.
----------
Fa bene Tsipras a tirare la corda in modo da concludere con la migliore ..."ristrutturazione del debito" possibile. Occhio, però, a non tirare troppo: la corda potrebbe anche rompersi.
––––
:hello:

Erasmus 06-07-15 05:51

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 756724)
E pensare che Marino è un mio gemello astrale (una persona nata negli stessi giorni). :D

Un mio altro gemello è questo qui.

In realtà gemelli astrali sono solo le persone nate a pochi minuti di distanza, e se così non fosse avrei smesso di credere nell'astrologia da un bel pezzo.

Accidenti: sei peggiorato parecchio e di colpo!
Cos'è stato? Un terribile colpo di sole?
Sei uscito dopo pranzo senza cappello e il sole t'ha arrostito le meningi?

Qui si crepa dalla calura. Ma lì dalle tue parti mi sa che è anche peggio di qua.

E questo spiegherebbe l'improvviso tuo peggioramento
---------
:hello:

argaiv 06-07-15 06:20

Re: Verso il default
 
Quote:

Erasmus (Scrivi 756737)
Fa bene Tsipras a tirare la corda in modo da concludere con la migliore ..."ristrutturazione del debito" possibile. Occhio, però, a non tirare troppo: la corda potrebbe anche rompersi.
––––
:hello:

Meglio che si rompa piuttosto che ti si avvinghi attorno al collo.

Antonio DAMICO 06-07-15 06:46

Re: Verso il default
 
Secondo me, mio modesto parere, credo stiate facendo i conti senza l'oste.
E l'oste si chiama Putin...
Se così fosse è un genio, gli americani creano un putiferio in ucraina per limitare l'accesso ai porti nel mediterraneo e lui si prende la Grecia... :D
Fantapolitica ?
Forse, ma se così fosse, sai che inc....a per il morettone americano... :D:D

meta 06-07-15 06:50

Re: Verso il default
 
i greci vogliono soldi, la russia non ha neanche gli occhi per piangere, solo armi.

aspesi 06-07-15 06:57

Re: Verso il default
 
Quote:

Erasmus (Scrivi 756737)
Ma il tutto c'entra quasi niente con l'Euro.

Non esistono procedure per l'uscita dall'Eurozona.
Esitono però precise procedure per l'uscita dall'UE.
Dunque, ... la Grecia si accomodi pure fuori, ed io ne sarò contento!

:hello:

La Grecia E' nell'Europa.

Se non altro dal punto di vista geografico e per la sua storia di civiltà e democrazia.

Altro che se c'entra l'euro.
E' lui che ha illuso i greci di essere diventati ricchi senza lavorare, di spendere e spandere (arricchendo le banche tedesche)... salvo poi svegliarsi più poveri e impotenti di prima e con disuguaglianze sociali maggiori.

argaiv 06-07-15 07:06

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 756747)
i greci vogliono soldi, la russia non ha neanche gli occhi per piangere, solo armi.

Armi = soldi

Con i soldi ti compri le armi ma anche con le armi ti prendi i soldi...

In ogni caso la Grecia non andrà da nessuna parte. Senza liquidità ci saranno sommosse popolari e a breve torneranno a bussare alla BCE calando le braghe.

L'euro è una condanna a morte... puoi uscirne solo orizzontalmente

Antonio DAMICO 06-07-15 07:10

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 756747)
i greci vogliono soldi, la russia non ha neanche gli occhi per piangere, solo armi.

E gas.

Antonio DAMICO 06-07-15 07:12

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 756750)
Armi = soldi

Con i soldi ti compri le armi ma anche con le armi ti prendi i soldi...

In ogni caso la Grecia non andrà da nessuna parte. Senza liquidità ci saranno sommosse popolari e a breve torneranno a bussare alla BCE calando le braghe.

L'euro è una condanna a morte... puoi uscirne solo orizzontalmente

Se così fosse la cosa, sarebbe preoccupante, ciò vuol dire che siamo schiavi della BCE ?

astromauh 06-07-15 07:17

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 756729)
E cos'è che ti assimila a Ignazio Marino? tu quanto hai rubato?....... :D

No, non si tratta di quello. La somiglianza è basata sulla impopolarità. Il 70% dei romani non rieleggerebbe Marino, mentre a Richard Benson gli tirano addosso dei polli quando fa dei concerti. :D

Mi salva giusto Ornella Muti nata anche lei a pochi giorni dalla mia nascita.


Quote:

Erasmus (Scrivi 756742)
Accidenti: sei peggiorato parecchio e di colpo!

Te ne sei accorto? Bravo!

Ma non so come hai fatto ad accorgertene, perché dalle ultime cose che ho scritto non si può capire.

L'astrologia sostiene che esistono delle corrispondenze tra il cielo di nascita e le persone nate sotto quel cielo, per cui le persone nate sotto un cielo simile dovrebbero assomigliarsi tra loro.

Però bisognerebbe mettersi d'accordo su cosa si intende per cielo di nascita simile. Le persone nate ad un paio di giorni di distanza, in realtà non hanno un cielo di nascita simile, a meno che non siano anche nate in un ora simile.

Ho usato il termine gemelli astrali per scherzo, perché in realtà qui si parlava di "cugini astrali", trattandosi di persone nate nel periodo della mia nascita, ma non esattamente nel mio giorno di nascita e non nella mia ora di nascita.

Ho sentito parlare di uno studio sull'astrologia basato proprio su questo. In pratica avrebbero preso i nati a Londra in una settimana del marzo 1958, per vedere se quelli nati a breve distanza tra loro presentassero delle caratteristiche comuni. Secondo l'autore di questo studio, il test avrebbe avuto un esito negativo, solo che non sono riuscito a trovare dettagli su di esso, perché pare che non sia mai stato pubblicato.

:hello:

argaiv 06-07-15 07:30

Re: Verso il default
 
Quote:

Antonio DAMICO (Scrivi 756752)
Se così fosse la cosa, sarebbe preoccupante, ciò vuol dire che siamo schiavi della BCE ?

La domanda è... di chi è schiava la BCE?


https://www.youtube.com/watch?v=4NAM3rIBG5k :mmh:

astromauh 06-07-15 07:39

Re: Verso il default
 
L'adozione di una moneta unica avrebbe fatto pensare ad un livellamento delle economie degli stati partecipanti. Come mai è successo invece il contrario?

Come mai l'economia della Germania si è rafforzata e la Grecia è alla bancarotta?

Qualcuno me lo può spiegare?

:hello:

Epoch 06-07-15 07:57

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 756755)
L'adozione di una moneta unica avrebbe fatto pensare ad un livellamento delle economie degli stati partecipanti. Come mai è successo invece il contrario?

Come mai l'economia della Germania si è rafforzata e la Grecia è alla bancarotta?

Qualcuno me lo può spiegare?

:hello:

No!
Non è una "Moneta" unica che livella le economie, ma una politica economica comune.
Che in Europa non c'è ancora.

argaiv 06-07-15 07:58

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 756755)
Come mai l'economia della Germania si è rafforzata e la Grecia è alla bancarotta?

Qualcuno me lo può spiegare?


Hai presente la storia del cetriolo e dell'ortolano?

Ecco... la Grecia è l'ortolano.

Antonio DAMICO 06-07-15 09:04

Re: Verso il default
 
Bella questa....

PAUL KRUGMAN: “IL VERO RISCHIO PER BERLINO È CHE LA GRECIA DIMOSTRI CHE CI SIA VITA FUORI DALL’EURO”

:D

astromauh 06-07-15 09:07

Re: Verso il default
 
Quote:

argaiv (Scrivi 756757)
Hai presente la storia del cetriolo e dell'ortolano?

No, ma mi sono documentato.

Resta da capire qual è il meccanismo che ha fatto si che la Germania diventasse più ricca e la Grecia più povera. Perché le differenze che c'erano già prima si sono estremizzate in questo modo? Se non si comprende questo meccanismo non si può trovare la cura giusta.

:hello:

meta 06-07-15 09:27

Re: Verso il default
 
la grecia ha avuto una brusca frenata negli ultimi 5 anni, a ma era cresciuta in modo incredibile nei 5 precedenti, a causa dell'euro.

entrando nell'euro e spergiurando di rispettare la disciplina associata a una valuta stabile, la grecia ha instantaneamente ottenuto credito agevolato dal mercato che ha creduto alle loro promesse. quindi grande balzo in avanti e poi schianto successivo.

il cittadino greco adesso ha all'incirca il reddito del 2004 e questo rimane nel mondo un reddito elevato. il malesssere gravissimo deriva allora dall'aver assaggiato la droga di un aumento di ricchezza ottenuto senza sacrificio alcuno. è una droga troppo dolce per non volerne ancora e ancora. le zie però altri soldi al nipote non ne vogliono più dare, visto come li spende. delle promesse, meglio non parlare.:cry:

Mizarino 06-07-15 12:35

Re: Verso il default
 
Una moderna parabola del figliuol prodigo (storia vera).

Un mio amico è il minore di tre fratelli.
Un anno, quando i tre fratelli erano ragazzi, decisero di fare insieme una vacanza estiva, ma il padre non navigava nell'oro e non poteva permettersi di finanziarla: dovevano mettere loro i soldi da parte per dieci mesi, per pagarsela.
All'arrivo dell'estate i due fratelli minori, rinunziando a vari svaghi e spese voluttuarie, avevano messo da parte la somma necessaria. Il maggiore non ne era stato capace, ed era senza soldi.
Il padre, mosso a compassione, finanziò lui la vacanza al fratello maggiore.

Quanto vogliamo scommettere che, se facessimo un sondaggio fra i greci (ma anche fra gli italiani del sud), in maggioranza darebbero ragione al padre, considerando con indulgenza il fratello maggiore, mentre se lo facessimo fra i tedeschi, al 95% direbbero che il padre ha sbagliato, considerando con severità il fratello maggiore ?

Ecco dove stanno le differenze di cui chiedeva Astromauh... ;)

argaiv 06-07-15 13:57

Re: Verso il default
 
L'euro è come un vestito studiato per uno che vive a Berlino e indossato da uno che vive a Mikonos.

E' chiaro che non va bene e, se da una parte favorisce chi lo vende dall'altra sfavorisce chi lo indossa.

La Grecia, l'Italia, la Spagna, il Portogallo non sono adatti ad avere una moneta forte come l'euro.

Questo è il problema.

Mizarino 06-07-15 14:49

Re: Verso il default
 
Un po' come dire che non siamo adatti ad essere persone serie... :D

logxlogy 06-07-15 14:56

Re: Verso il default
 
Hai centrato il problema..

Quando venne creato l'Euro con i tassi di interesse notevolmente piu' bassi
da quelli a cui eravamo abituati, se avessimo deciso di diventare una nazione ed un
popolo maturo, avremmo potuto chiudere con decenni di cialtroneria..

Abbiamo fatto un'altra scelta e preso un'altra direzione.. Usando il denaro
facile che potevamo prendere in prestito grazie all'Euro abbiamo generato
un debito colossale, senza creare nulla di solido (infrastrutture, scuola, strade e ospedali ecc).

Finita la cuccagna ci rimane un debito colossale e non abbiamo rimodernato e aggiornato il paese.

Quello che invece ha fatto la Germania, che ha ristrutturato il paese per renderlo adatto
al nuovo secolo.

astromauh 06-07-15 19:41

Re: Verso il default
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 756780)
Una moderna parabola del figliuol prodigo (storia vera).

Un mio amico è il minore di tre fratelli.
Un anno, quando i tre fratelli erano ragazzi, decisero di fare insieme una vacanza estiva, ma il padre non navigava nell'oro e non poteva permettersi di finanziarla: dovevano mettere loro i soldi da parte per dieci mesi, per pagarsela.
All'arrivo dell'estate i due fratelli minori, rinunziando a vari svaghi e spese voluttuarie, avevano messo da parte la somma necessaria. Il maggiore non ne era stato capace, ed era senza soldi.
Il padre, mosso a compassione, finanziò lui la vacanza al fratello maggiore.

Quanto vogliamo scommettere che, se facessimo un sondaggio fra i greci (ma anche fra gli italiani del sud), in maggioranza darebbero ragione al padre, considerando con indulgenza il fratello maggiore, mentre se lo facessimo fra i tedeschi, al 95% direbbero che il padre ha sbagliato, considerando con severità il fratello maggiore ?

Ecco dove stanno le differenze di cui chiedeva Astromauh... ;)

Ma adesso ti sei messo a raccontare parabole?

Sei su una china pericolosa ... :eek:

Però non so se hai risposto veramente alla mia domanda. Una volta stabilito che la virtù è premiante in economia, non si può però ridurre tutto a questo.

Io posso cercare di essere virtuoso nei miei comportamenti, e ad esempio evitare di pagare 1 euro per una bottiglia d'acqua dall'alimentari sotto casa (ma non è troppo?), però un altro aspetto della questione è dove prendere gli euro, ossia dalle opportunità di lavoro che posso trovare. Qualcuno potrebbe dire che anche questo dipende sempre dal singolo, ma sicuramente dipende anche da ciò che ti circonda.

Insomma se non ci sono queste opportunità, hai voglia ad essere virtuoso, ma ti puzzi dalla fame. La creazione di queste opportunità dovrebbe essere compito degli stati.

:hello:

aspesi 06-07-15 20:08

Re: Verso il default
 
Quote:

logxlogy (Scrivi 756798)
Usando il denaro
facile che potevamo prendere in prestito grazie all'Euro abbiamo generato
un debito colossale, senza creare nulla di solido (infrastrutture, scuola, strade e ospedali ecc).

Il nostro debito pubblico non è mai aumentato così tanto, quanto adesso, negli ultimi anni di cosiddetta austerità. E nonostante le condizioni favorevoli (basso spread, QE e basso prezzo del petrolio).

meta 06-07-15 20:11

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 756831)
La creazione di queste opportunità dovrebbe essere compito degli stati.

:hello:

gli stati possono con grande facilità realizzare la piena occupazione, ad es. con la leva obbligatoria oppure facendo scavare canali con un cucchiaio.

quello che storicamente non sono mai riusciti a fare è di produrre ricchezza, cioè creare imprese che ricavano più di quello che spendono e quindi si sostengono e crescono da sole.

per la ricchezza di una nazione, condizione necessaria sono i diritti di proprietà e la libera iniziativa in regime di concorrenza.

Mizarino 07-07-15 05:21

Re: Verso il default
 
Quote:

astromauh (Scrivi 756831)
Però non so se hai risposto veramente alla mia domanda. Una volta stabilito che la virtù è premiante in economia, non si può però ridurre tutto a questo.

Più che di virtù, si tratta di atteggiamento mentale verso la coerenza nei confronti della trasgressione, dell'agire senza pensare alle conseguenze ...

P.S. Noi veniamo dalla cultura cattolica del perdono e dell'indulgenza, loro (la Germania) vengono dalla cultura luterana della coerenza e del rigore.
Noi siamo stati fregati dal Papato... ;)

ANDREAtom 07-07-15 07:05

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 756833)
Il nostro debito pubblico non è mai aumentato così tanto, quanto adesso, negli ultimi anni di cosiddetta austerità. E nonostante le condizioni favorevoli (basso spread, QE e basso prezzo del petrolio).

Certo; il denaro bubblico quando non viene rubato viene sperperato, nelle opere inutili, inconpiute, dai costi gonfiati; vengono regalati a quattro soldi ai soliti "amici", i quali saranno poi molto "riconoscenti" gli edifici dei centri storici, sede delle pubbliche amministrazioni, che poi vanno a pagare l'affitto a tre volte il valore di mercato in altre sedi......

Il debito pubblico NON PUO' esistere, è una truffa; un meccanismo per prendere i soldi a molti, che li producono nei capannoni industriali e le botteghe artigiane per trasferirli a pochi......
Per appianare il debito pubblico basta costringere i ladri e gli incapaci a restituire il maltolto ed ELIMINARE LE BANCHE, che prestano soldi che non hanno, e solo a chi può dimostrare che non ne ha assolutamente bisogno.

meta 07-07-15 07:21

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 756844)

Il debito pubblico NON PUO' esistere, è una truffa; un meccanismo per prendere i soldi a molti, che li producono nei capannoni industriali e le botteghe artigiane per trasferirli a pochi......
Per appianare il debito pubblico basta costringere i ladri e gli incapaci a restituire il maltolto.

molta, molta confusione

Il"meccanismo" che citi, sono le tasse, non il debito pubblico.

se si spende più del gettito fiscale, bisogna farsi prestare i soldi da chi ha risparmiato. questo è il debito pubblico. è inoltre falso ritenere che i deficit pubblici siano dovuti prevalenteemnte alle ruberie, i due fenomeni differiscono di diversi ordini di grandezza. ammeno che di non considerare ladri la stragrande maggioranza dei pensionati: certo se li condanniamo a restituire la metà, in media,delle pensioni già incassate e per le quali non vi erano sufficenti contributi, la gestione del debito si semplifica parecchio.:)

Michele Xintaris 07-07-15 07:37

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 756763)
la grecia ha avuto una brusca frenata negli ultimi 5 anni, a ma era cresciuta in modo incredibile nei 5 precedenti, a causa dell'euro.

entrando nell'euro e spergiurando di rispettare la disciplina associata a una valuta stabile, la grecia ha instantaneamente ottenuto credito agevolato dal mercato che ha creduto alle loro promesse. quindi grande balzo in avanti e poi schianto successivo.

il cittadino greco adesso ha all'incirca il reddito del 2004 e questo rimane nel mondo un reddito elevato. il malesssere gravissimo deriva allora dall'aver assaggiato la droga di un aumento di ricchezza ottenuto senza sacrificio alcuno. è una droga troppo dolce per non volerne ancora e ancora. le zie però altri soldi al nipote non ne vogliono più dare, visto come li spende. delle promesse, meglio non parlare.:cry:

Ma scusami Meta...qualle "droga"..i rediti non sono a livello del 2004. Se intendi la differenza mangiare non mangiare ok ti capisco...è una droga.. Qui ci sta 1.5 milioni di greci che mangiano in mense capisci che vuol dire? Nessun reditto , nessun lavoro. Oltre 5 milioni vivono alla soglia della poverta o sotto. I ragazzini alle scuole ricevono latte e frutta da aiuti agli intervalli..e tante famiglie contano su questo per far mangiare i bimbi. Siamo 10 milioni. Fai tu i i conti... Ma veramente pensate mai a quel che srivete qui?

Io mi scuso per il tono, non intervengo piu mi sale solo il sangue nel cervello a leggere
certe cose.
Spero solo che non capita mai una cosa cosi all'Italia cosi ..non ti rendi conto realmente di come sono le cose e quanto ti puo mancare l'iverno il riscaldamento o il cibo...o ai figli che non hanno colpa.."droghe" che uno assumeva ben prima dell' Euro.

ANDREAtom 07-07-15 07:59

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 756846)
molta, molta confusione

Il"meccanismo" che citi, sono le tasse, non il debito pubblico.

se si spende più del gettito fiscale, bisogna farsi prestare i soldi da chi ha risparmiato. questo è il debito pubblico. è inoltre falso ritenere che i deficit pubblici siano dovuti prevalenteemnte alle ruberie, i due fenomeni differiscono di diversi ordini di grandezza. ammeno che di non considerare ladri la stragrande maggioranza dei pensionati: certo se li condanniamo a restituire la metà, in media,delle pensioni già incassate e per le quali non vi erano sufficenti contributi, la gestione del debito si semplifica parecchio.:)

Certo; ma chi è che ha speso più del gettito fiscale, non certo io; la mia pensione è stata calcolata con il metodo contributivo, e me la sono straguadagnata; e guarda che le ruberie (ma soprattutto gli sprechi) si sono accumulati nel corso degli anni e non sono poca cosa.
Insomma, se l'amministrazione di uno stato non avviene con la "diligenza del buon padre di famiglia" sarà sempre peggio.....

ANDREAtom 07-07-15 08:13

Re: Verso il default
 
Certo che il debito pubblico è aumentato in questi ultimi anni; il gettito fiscale nonostante gli aumenti delle tasse (anzi, proprio a causa di questo) è diminuito;

https://it.wikipedia.org/wiki/Curva_di_Laffer

le grosse industrie vanno a produrre all'estero, le altre attività lavorative chiudono a ritmo impressionante; rimangono le imprese commerciali, ma quelle importano i prodotti e non producono ricchezza....

meta 07-07-15 08:27

Re: Verso il default
 
Quote:

Michele Xintaris (Scrivi 756849)

Io mi scuso per il tono, non intervengo piu mi sale solo il sangue nel cervello a leggere
certe cose.
Spero solo che non capita mai una cosa cosi all'Italia cosi ..non ti rendi conto realmente di come sono le cose e quanto ti puo mancare l'iverno il riscaldamento o il cibo...o ai figli che non hanno colpa.."droghe" che uno assumeva ben prima dell' Euro.

francesco daveri, lavoce.info nel 2012:

A partire dal 1997, la spesa pubblica si avvia a crescere in modo incontrollato, alimentando investimenti pubblici di dubbia utilità e sostenibilità. La rapida riduzione del costo del credito indotto dall’aspettativa dell’entrata nell’euro alimenta gli investimenti privati. Magicamente (ma non troppo, a pensarci) la crescita del Pil pro-capite greco accelera notevolmente. Nel 1997-2008 triplicherà rispetto ai trent’anni precedenti al 3,2 per cento annuo, anche agevolata da un rallentamento della dinamica demografica, grazie alla diminuita crescita della popolazione (da +0,7 a +0,2 per cento annuo). E così il miglioramento nel tenore di vita, quasi assente per tanti anni, diventa d’un tratto un elemento molto tangibile per la società greca.
Il reddito pro-capite aumenta del 50 per cento in poco più di 10 anni, dopo che c’erano voluti 27 anni per aumentarlo solo del 30 per cento. Viene il momento della riscossa nei confronti degli altri paesi dell’Europa mediterranea che nello stesso periodo sperimentano tutti una crescita inferiore: la crescita si dimezza rispettivamente a +1,5 e +1,3 per cento per Portogallo e Spagna e quasi si azzera a un modesto +0,4 per cento per l’Italia.
Ma la riscossa è di breve durata. E il bagno di realtà successivo particolarmente drammatico. Quando arriva la crisi del post-2008, nessun paese se la passa bene in Europa. Nel 2009-11, però, il Pil pro-capite greco scende più di tutti, del 4,5 per cento annuo, mentre in Spagna e Italia il calo è “solo” del 2 per cento e in Portogallo dell’1,5 per cento. E arrivano la troika (Commissione europea, Fmi e Bce) e gli scontri e le fiamme di piazza Sintagma. Mentre la grave crisi nel resto dell’Euro-Med avviene in presenza di limitati conflitti sociali.


la grecia poi non è , a tutt'oggi, un paese "povero" nemmeno al confronto degli ultra ricchi paesi-euro. portogallo, slovenia, slovacchia, repubbliche baltiche hanno tutti redditi inferiori o comparabili, alcuni hanno superato crisi debitorie più gravi e con meno strepito. non è un caso che non abbia trovato un alleato che sia uno.

per non parlare delle nostre aree depresse.
questo è un bel grafico grecia vs. magna grecia.
https://c1.staticflickr.com/1/411/19...bc564b41_z.jpg

ignorare i fatti e ascoltare solo il sangue che ribolle, è la ricetta preferita di tutti i regimi peronisti. regimi liberamente scelti, non particolarmente democratici perchè consociativi, ma sicuramente poveri e ingiusti.

Michele Xintaris 07-07-15 08:41

Re: Verso il default
 
Il redito Greco era piu alto di quelli paesi anche prima dell' euro.Non puoi fare confronti con paesi baltici ex-protectorati dell' USSR...anche adesso il costo della vita li è di molto inferiore al nostro o al medio europeo.

Per quanto riguarda il sangue che bolle, no..certo che non lo sento.Infatti sono uno del 38% che ha votato pro euro...e pro riforme...ma questo non vuol dire che se sento-leggo cose non vere non posso farmi venire il sangue al cervello.

Con questo chiudo e vi saluto.:hello:

meta 07-07-15 08:48

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 756853)
Certo che il debito pubblico è aumentato in questi ultimi anni; il gettito fiscale nonostante gli aumenti delle tasse (anzi, proprio a causa di questo) è diminuito;

https://it.wikipedia.org/wiki/Curva_di_Laffer

le grosse industrie vanno a produrre all'estero, le altre attività lavorative chiudono a ritmo impressionante; rimangono le imprese commerciali, ma quelle importano i prodotti e non producono ricchezza....

altro errore blu. fra le due guerre l'agricoltura italiana contribuiva al pil per il 60%, adesso forse per un 2%. diresti che soffriamo la fame?

analogamente, i mitici servizi che nessuno sa mai cosa sono, possono garantire prosperità anche con quote di manifatuttriero calante.

della curva di laffer, ce ne occuperemo quando avremo messo in sicurezza il nostro debito, nel 2011 le banche chiuse ce le potevamo trovare noi.

ANDREAtom 07-07-15 09:28

Re: Verso il default
 
non soffriamo la fame perchè viviamo della ricchezza prodotta dai nostri padri e i nostri nonni, dei loro risparmi e sacrifici; ma questa prima o poi finisce, e se non eleggiamo un governo degno di tale nome torneremo TUTTI a coltivare la terra se vogliamo mangiare........

argaiv 07-07-15 16:18

Re: Verso il default
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 756864)
e se non eleggiamo un governo degno di tale nome torneremo TUTTI a coltivare la terra se vogliamo mangiare........

Conviene comprare gli attrezzi perchè ho come il sospetto che stia per succedere un bel casino in stile 2007/2008.... L'accoppiata di Grexit ma soprattutto lo scoppio bolla cinese potrebbero diventare un bel problema...

Forget Greece. China is the real problem



http://money.cnn.com/video/investing...&iid=obnetwork

ANDREAtom 07-07-15 16:35

Re: Verso il default
 
Se ci si comprassero i cinesi non sarebbe male; almeno ci insegnano a lavorare..... :D


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 13:56.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it