Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Rudi Mathematici (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=11)
-   -   Calcolo attuariale (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=59213)

Mizarino 04-11-17 20:58

Re: Calcolo attuariale
 
Sarà, ma che buoni a nulla e lavativi si siano sempre nascosti dietro (o dentro) il sindacato, come più o meno esplicitamente ha rilevato Erasmus, penso sia incontestabile...

aspesi 04-11-17 21:24

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807257)
Sarà, ma che buoni a nulla e lavativi si siano sempre nascosti dietro (o dentro) il sindacato, come più o meno esplicitamente ha rilevato Erasmus, penso sia incontestabile...

Sì, ma lui diceva che i sindacati (soprattutto la CGIL) gli avevano fatto perdere (quasi per fargli un dispetto o per cattiveria), diversi milioni di lire di liquidazione; mentre io ho cercato di spiegargli, pur capendo il suo disappunto, che tutto era stato fatto secondo normativa e regole, quando si sono unificate le varie anzianità di servizio.
Semplicemente, nel conteggiare anzianità e pensione, aveva avuto sfortuna; d'altronde, era stato lui stesso a scegliere di lasciare il metalmeccanico per l'insegnamento scolastico, che comportava una notevole riduzione della sua retribuzione.

:hello:

Mizarino 04-11-17 21:53

Re: Calcolo attuariale
 
Non mi riferivo a quanto Erasmus può averci smenato di liquidazione, quanto alle ragioni che lo hanno spinto prima ad abbandonare l'industria e poi ad abbandonare la scuola.

Le ragioni per cui in tanti (troppi) ambienti di lavoro chi non si uniforma(va) all'andazzo dominante veniva (viene) ostracizzato.

Se la scuola ha fatto la fine che ha fatto, lo dobbiamo all'onda lunga partita nel '68, quando il collettivismo e l'equalitarismo demagogici hanno fatto sì che pian piano si realizzasse nella società il principio marinaresco enunciato da Planezio svariati anni fa in questo Forum: un convoglio viaggia sempre alla velocità della nave più lenta

Sat 04-11-17 23:24

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807257)
Sarà, ma che buoni a nulla e lavativi si siano sempre nascosti dietro (o dentro) il sindacato, come più o meno esplicitamente ha rilevato Erasmus, penso sia incontestabile...

Contesto il "sempre". Anche per i sindacati c'è un prima e un dopo. C'è un prima fatto di grandi conquiste a favore di lavoratori sfruttati e malpagati e c'è un dopo dominato dalle mezze calzette tutte chiacchiere e distintivo. Ma la colpa è nostra che gli abbiamo lasciato campo libero. ;)

aspesi 05-11-17 09:57

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807259)
.

Le ragioni per cui in tanti (troppi) ambienti di lavoro chi non si uniforma(va) all'andazzo dominante veniva (viene) ostracizzato.

Lo so, lo so, in parte è successo anche a me.

Perché dopo i 30 anni ho lasciato il sindacato?
E nell'81 ho scelto di lasciare i controlli operativi della chimica fredda e calda all'interno degli impianti nucleari, per "estraniarmi" con maggior autonomia e rispondere ad altri interlocutori, pur con minori opportunità, occupandomi di sorveglianza ambientale, radioprotezione e del monitoraggio radiometrico di matrici ambientali ed alimentari a seguito di scarichi radioattivi liquidi ed aeriformi?

Erasmus 05-11-17 20:10

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

aspesi (Scrivi 807256)
Mi spiace se ti sei sentito "offeso", non ne avevo assolutamente l'intenzione, né mi pare di averlo inconsciamente fatto.

Stiamo ai fatti.
Hai scritto – ed è la seconda volta che ti cito in questo passo –:
Quote:

aspesi (Scrivi 807154)
E di "rompi", lavoratori cavillosi come te [...]

La "2ª persona" («come te») è Erasmus :). Il quale si è sentito "un tantino offeso".
[Ma non chiede alcuna riparazione :D]

[Fosse pure vero che è un "rompi" e che come lui erano certi lavoratori da te conosciuti come "lavoratori cavillosi" ... sempre di offesa si tratterebbe (ancorché meritata).
Faccio un paragone ... volutamente forzato.
Dare del "ladro" a qualcuno, ... sempre offesa è, a prescindere dall'essere l'offesa meritata o ingiusta.]
–––
:hello:

Erasmus 05-11-17 20:17

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

aspesi (Scrivi 807258)
[...] ma lui diceva che i sindacati (soprattutto la CGIL) gli avevano fatto perdere (quasi per fargli un dispetto o per cattiveria), diversi milioni di lire di liquidazione;

No! Non ho mai detto questo. Ti invito a ricontrollare quello che ho detto nei precedenti messaggi.
In particolare, non ho mai detto che i sindacati hanno agito "quasi per farmi un dispetto o per cattiveria". Ho detto, invece, che la politica della CGIL mi è parsa a volte "cervellotica".
E nemmeno ho detto che mi è stata decurtata la liquidazione. Ufficialmente questa mi è stata versata per i 20 anni di insegnamento.
Ripeto (riassumdendo) quello che ho detto che mi è successo, sperando di non essere equivocato.
a) Sono entrato nella Scuola nell'ottobre 1975.

[Preciso: prima ho detto "20 anni netti". Ma non è così! Adesso, pensandoci bene, vedo che di anni veri ne ho fatti 19. Ma gli anni mi sono sempre stati computati a partire dal 1975 compreso. Non ci ho mai pensato prima d'ora: ma anche a me è stato, dunque, regalato un anno di insegnamento, essendomi computati 20 anni di insegnamento, cioè dal 1975 al 1994 compresi i due anni di inizio e termine, anche se ho cominciato ad insegnare ai primi di ottobre del 1975 e sono andato in pensione nel settembre 1994.
Altra precisazione: la cessazione del rapporto di "lavoratore dipendente" presso la SIT-Siemens è ufficialmente del 6 gennaio 1976. Nei tre mesi precedenti mi era stato accordato un orario "elastico"! In pratica: continuavo la precedente mansione di coordinamento e programmazione del mio gruppo di lavoro cecando di essere presente al pomeriggio e lavorando anche a domicilio per quanto occorresse a svolgere bene quella mansione. Ricordo anche che in quei tre mesi, in viaggi in auto da Milano a Verona e da Verona a Milano spendevo (di benzina e autostrada) di più di quel che guadagnavo come insegnante. Ma avevo ancora intero lo stipendio da metalmeccanico perché agli impiegati del 7° livello (che non timbravano il cartellino!) il servizio non era computato a ore bensì a giornate
Dallo stesso 6 gennaio 1976 è decorso il mio contratto annuo come "consulente" (rinnovato tre volte, la seconda anche con aumento considerevole della retribuziione, aumento da me non richiesto e propriio per questo molto gradito!]

b) I contributi per la pensione versati all'INA sono rimasti all'INA, come se mai li avessi versati! Per l'ENPAS era come se, nei dodici anni in cui ero stato "metalmeccanico", fossi stato un insegnante "precario" retribuito senza trattenute per contributi al "fondo-pensione".
c) Quando, nel settembre 1994, sono andato in pensiione, mi è stato imposto di colmare le lacune dei contributi per la pensione.
Ufficialmente la mia liquidazione non è stata decurtata!
Formalmente ho semplicemente pagato i debiti arretrati (riconosciutimi come assenza di contributi al fondo pensione per gli anni in cui ero stato "metalmeccanico"
d) Per colmare le lacune dei contributi versati all'ENPAS, al momento di andare in pensione una buona fetta di quelle lacune è stata riempita con una ritenuta secca (di oltre due milioni) sulla liquidazione; e ill resto è stato rateizzato in due anni con ritenute sul mensile della pensione per un ammontare complessivo (contando la ritenuta sulla liquidazione) di cinque milioni.
La cosa strana (capitata a me e a qualche altro "sfigato" come me) è che quando sono andato in pensione l'ENPAS non c'era più! A chi fosse passato dall'industria alla Scuola qualche anno dopo di me non sarebbe stato richiesto di pagare nessun debito arretrato. Con l'arrivo delle nuove regole contributive, aver lavorato da sempre nella Scuola o prima nell'industria e poi nella Scuola diventava equibvalente in tutto.
Ma ... "sfigatamente" quelle nuove regole non erano retroattive.

Cocco Bill 06-11-17 08:24

Re: Calcolo attuariale
 
Ho capito come va a finire, qui alla fine nessuno mi paga da bere... :(

Mizarino 06-11-17 08:49

Re: Calcolo attuariale
 
Questo quando prenderò la pensione :D. Vista l'efficienza svizzera degli uffici napoletani, temo che non se ne parli prima del 2018 (se va bene)... :lipssealed:

ANDREAtom 07-11-17 09:39

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807207)
Passate pure al Bar del Forum, offro io!... :D

P.S. Scherzi a parte, quale potrebbe essere un modo efficiente per pagare da bere "in remoto", nel contempo evitando abusi ?

Perchè in remoto? facciamolo veramente, queste occasioni vanno festeggiate prima che siamo troppo vecchi per farlo.
Io ti proporrei (per esempio) di offrire il pranzo a tutti.... :D ma se poi proprio ti rifiuti facciamo "alla romana" però facciamolo, magari senza allargare troppo il discorso altrimenti diventerà troppo complicato.
Aspesi si preoccuperà di scegliere un punto adatto di ritrovo calcolando anche le distanze che ciascuno dovrà affrontare e che dovranno essere sempre più brevi in rapporto all'età; si preoccuperà anche di calcolare una quota di partecipazione di ciascuno in base appunto alle distanze percorse in modo da dividere equamente spese varie, eventuali pernottamenti ecc.
Io per esempio non avrei alcun problema a percorrere qualche centinaio di km in macchina, ma se qualcuno non se la sente potrebbe utilizzare mezzi pubblici e qualcun altro si incarica di andarlo a prelevare alla stazione.
Allora che ne dite? io non so se alcuni di voi già si conoscono, in caso contrario sarà divertentissimo celare fino all'ultimo la propria identità, cercando di riconoscersi dall'aspetto o altri particolari.
Se vogliamo provare a stilare l'elenco, l'unica condizione richiesta è dichiarare l'età e il luogo di partenza:
ANDREAtom, partenza da Macerata, compie 74 anni (a DIO piacendo) il prossimo 28 Febbraio.

nino280 07-11-17 10:18

Re: Calcolo attuariale
 
I miei dati come diceva qualche post fa Astromauh, sono arcinoti da tempo, comunque ripeterli non costa nulla:
Nino Montrone cioè Onofrio Montrone, alias nino280.
Anni 69, partenza da Torino. Professione tornitore in pensione hobby tennis, bastano?
Sarebbe una idea buona, e non mancherebbero le risate.
A me al ritorno bisognerebbe accompagnarmi fino a casa perché quando sono in compagnia alzo ancora di più il gomito.:D
Io di persona conosco solo Aleph, ci siamo visti una decina di anni fa in centro a Torino un giorno che lui è sceso dal suo aereo.
Ed per quello che giorni fa su un invito di Erasmus ad Aleph a dire la sua sulla sua pensione avevo già preannunciato che per lui è ancora troppo presto.
Ciao
Adesso che ricordo a proposito di Aleph, ricordo una cosa se vogliamo divertente.
Non ci conoscevamo, ma come avrebbe fatto Aleph a riconoscermi?
In quei giorni si stava parlando qui nel forum del volume del tricilindro (vedi mio avatar) che tale problema fu brillantemente risolto da Erasmus, io ne avevo uno reale cioè costruito da mio fratello Pino anche lui tornitore, allora me lo portai dietro e lo mostravo per strada (via Roma a Torino) nel palmo della mano e a mano tesa.
Aleph non ebbe nessun dubbio che ero io.:D:D

ANDREAtom 07-11-17 10:52

Re: Calcolo attuariale
 
Quindi se ho ben capito tu intenderesti partecipare... Mi piacerebbe tantissimo, vediamo se questa idea di "pranzo conviviale" interessa qualcun altro; le distanze non sarebbero un problema...

Erasmus 07-11-17 17:38

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 807377)
[...] Mi piacerebbe tantissimo, vediamo se questa idea di "pranzo conviviale" interessa qualcun altro; le distanze non sarebbero un problema...

Eh, eh! Piace tantissimo anche a me!
Ma ...sic stantibus rebus mi debbo accontentare – anzi, come dicevo altrove, sentrmi "sazio" – del solo essere ancora vivo e "vitale".

Ma se davvero per te e per altri non contano le distanze ... per cambiare distanze si cambiano i punti di incontro!
Perché non venite a conoscere Erasmus in Valpolicella? :mmh:

Qua sarebbe [forse] possibile (ma non ancora certa) una mia partecipazione ad un incontro di qualsiasi tipo (tranne ... orge a carattere erotico): 'incontro "conviviale" (con una abbuffata) o solo con un brindisi ... o anche a digiuno, fate vobis, purché dalle mie parti.:)

----------
Qui [i. e. dalle mie parti] ci sono: storia, arte, cultura, bellezze naturali (colline moreniche, Lessinia, m.te Baldo, Lago di Garda) ed artificiali (specialmente architettoniche: chiese romaniche, ville, "cantine" storiche, "corti" antiche, ecc) e, naturalmente, un fracco di ristoranti!. Sono molti di più i "cittadini" che da Verona città vengono a pranzare o cenare in Valpolicella di quanti, viceversa, vanno da qua alla città.

No: so già che la probabilità d'un incontro conviviale qui dalle mie parti è circa "ZERO +"!
Ma ho approfittato degli interventi di nino280 e di ANDREAtom per decantare la micro-regione (anzi: nano-regione) che ho scelto come "ambiente" definitivo (finche morte non ci separi): la splendida "Valpolicella" (che "valle non è", e tuttavia è ben definita geograficamente da sempre).

Una cosa che [ancora] non sapete!
Qui fin dalla preistoria ci abitavano popolazioni (probabilmente celtiche) dedite alla coltura della vite. Già ai tempi della Repubblica Romana dalla Valpolicella si esportava vino anche a grandi distanze.
Una di queste popolazioni era nota a Roma col nome di "Arusnati". Ed è un fatto storico che alla corte dell'imperatore veniva servito il vino – impropriamente detto "vino retico" – proveniente dalla Vallpolicella (che allora era nota come "territorio degli Arusnati").
Il vino retico (cioè ... il Valpolicella DOC dei tempi del primo impero romano) è celebrato dagli scrittori Virgilio (70 – 21 a. C.), Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), Marziale (40 (circa) – 104 d. C.) e Svetonio (70 – 126 d. C.).

Io non sono originario della Valpolicella. Né avrei mai pensato (in gioventù) di finire a fissare la mia stabile dimora in Valpolicella. Però fin da ragazzino mi piacevano le sue colline e le relative vallate. Facevo ancora le medie quando ho cominciato ad esplorarne le colline in bici (con faticacce che non vi dico, dato che allora le strade non erano asfaltate). Poi, quando abbiamo potuto, abbiamo scelto (mia moglie ed io) di venir a risiedere in Valpolicella ... ma (per comodità logistiche) al suo inizio, a soli 10 km dal centro di Verona.

[Purtroppo, però, anche la Valpolicella – soprattutto proprio nel Comune è Negrar (che è il mio) – è stata in gran parte "devastata" – direi "falsificata", nel senso che qua e là è addirittura irriconoscibile – da una edilizia invasiva e per niente rispettosa dell'estetica e della storia millenaria di questo superlativo territorio]
–––––––––
Ma come vola il tempo invecchiando!
A fine dicembre saranno 30 anni esatti che abito nella stessa casa ... e mi sembra quasi recente il trasloco da Verona a qua!
Viceversa mi sembra di aver soggiornato a lungo in ciascuna delle tre case che ho abitato a Milano ... dove ho abitato solo per 13 anni, e anche scarsi!

Oh: a qualcuno interessa un viaggetto turistico in Valpolicella?
Me lo faccia sapere ché potrei essergli utile!
------
Miiizaaa! Ma non c'è stato un ufficiale tuo "commiato" dall'Università, TE PRESENTE al cospetto dei COLLEGHI?
Grazie per aver appellato "intimi" noi tuoi amici di "Rudi Mathematici".
Eh, eh: noi siamo in "comunione virtuale" anche se tu resti nella tua "baitina" del Cadore.

Ma essere fisicamente presente nella tua "Facoltà di Chiimica" (o, in particolare, nell'aula dove tu tenevi le lezioni "frontali" – o in un'aula del laboratorio – di Chimica Inorganica)?
Troppo costoso (anche psicologicamente) un tale viaggio?

[Ma la lingua batte dove il dente duole. Io sono andato in pensione assieme ad una dozzina di colleghi (della stessa scuola).
A ciascun pensionando – me compreso – i colleghi hanno fatto un regalo (con una "colletta" ad hoc). E hanno anche fatto un effettivo "festeggiamento" (con tanto di "bicchierata" – questa però a spese dei pensionandi! –) prima della chiusura della scuola per le vacanze estive.
Ma io non c'ero!
Il mio regalo mi è stato recapitato a casa da una delle organizzatrici della "colletta" e dei "feteggiamenti".
A quella festa ci sarei stato volentieri se però fossero stati assenti il Preside e la sua preferita "collaboratrice" (da lui nominata "Vicepreside").
NB. Anch'io quell'anno, ufficialmente, ero "collaboratore del Preside" (eletto dal "collegio dei docenti" all'inizio dell'anno scolastico assieme agli altri due). Per questa mansione ero anche esonerato dall'essere a disposizione (in certe tre ore settimanali) per eventuali supplenza di "assenti imprevisti". Ma in qualità di "collaboratore del Preside" mai una volta e per nessun motivo mi è stato chiesto (o permesso!) dal Preside di fare alcunché!
E i miei 6 esposi (diconsi SEI ESPOSTI) al Provveditore per denunciare questa palese irregolarità sono rimasti senza risposta!
«Così va spesso il mondo... voglio dire, così andava nel secolo vigesimo» (I Promessi Sposi, cap. VIII)
––––
:hello:

Mizarino 07-11-17 20:25

Re: Calcolo attuariale
 
@Erasmus : Nel mio ultimo giorno di presenza ufficiale, che è stato il venerdì precedente il ponte di Ognissanti, ho festeggiato offrendo pizza, pasticcini e spumante ai colleghi più stretti e ai ragazzi del laboratorio. Poi sabato sono partito per la montagna (come da foto crepuscolare). Ora sono in paese ad aspettare che finisca il maltempo, ma domani torno nella baitina
a godermi la neve (temo che dovrò fare un bel tratto a piedi con zaino e provviste in spalla). A Napoli ritorno a metà mese.
Per un po' continuerò a frequentare (con scioltezza) il Dipartimento, almeno fin quando il mio studiolo non sarà destinato ad un uso migliore. Quindi, per rispondere anche ad Astromauh, per il momento poca nostalgia perché l'abbandono della scrivania non sarà brusco, e ci sarà anche tutto il tempo di salutare privatamente tutti i colleghi. :)
:hello:

Mizarino 07-11-17 20:36

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Erasmus (Scrivi 807409)
A quella festa ci sarei stato
volentieri se però fossero stati assenti il Preside e la sua preferita "collaboratrice" (da lui nominata "Vicepreside").

In che senso "collaboratrice" ? :mmh: :D
Quote:

NB. Anch'io quell'anno, ufficialmente, ero "collaboratore del Preside" ...
Ma in qualità di "collaboratore del Preside" mai una volta e per nessun motivo mi è stato chiesto (o permesso!) dal Preside di fare alcunché!
E non eri contento di non dover "collaborare" ? :D

Erasmus 08-11-17 07:28

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807418)
@Erasmus : Nel mio ultimo giorno di presenza ufficiale, che è stato il venerdì precedente il ponte di Ognissanti [...]

E io che credevo che "la notte delle streghe" tu fossi nella "baitina", magari "senza soluzione di continuità" dall'estate passata! :D
Ti chiedo scusa, Miza!
Questo errore l'ho fatto perché ufficialmente la mia pensione (e quella dei colleghi pensionati assieme a me) decorre dalla mezzanotte del 31 agosto (1994) ... e naturalmente in agosto la mia scuola era chiusa e io me ne stavo tranquillo a casa. Il nostro commiato – o meglio: il commiato dei pensionandi me escluso, con annesso "festeggiamento") – si è svolto in giugno, terminati gli "scrutini". Ed io, quel giorno, me ne sono andato a casa appena terminato il mio ultimo "scrutinio" senza salutare alcuno!
–––
:hello:

ANDREAtom 09-11-17 11:54

Re: Calcolo attuariale
 
@ Erasmus, prima hai detto parlando dell'iniziativa "piace tantissimo anche a me" ( non mi piacerebbe) e questo mi aveva rincuorato; ho anche studiato il percorso e secondo il navigatore dovrei farlo in meno di 4 ore, non avrei nessun problema, solo che poi dovrei pernottare lassù perchè rimetttersi in auto subito dopo l'abbuffata non è molto salutare.... :D
Purtroppo non credo che se ne faccia nulla perchè non vedo molto entusiasmo, soprattutto da parte di Mizarino che dovrebbe essere il festeggiato...
Probabilmente questo è dovuto al fatto che molti di voi già si conoscono e quindi sparita la curiosità iniziale non si giustifica il fatto di percorrere centinaia di km solo per andare a pranzo.
Comunque io sono disponibile; se la cosa si dovesse organizzare naturalmente sarebbe opportuno aspettare la prossima primavera.

Erasmus 10-11-17 15:32

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

ANDREAtom (Scrivi 807522)
[...] Probabilmente [...] molti di voi già si conoscono [...]

Non credo! Dopo nove anni (da parte mia) siamo amici, certo. Ma io non conosco nessuno di persona. E che io sappia solo nino280 e aleph si sono visti una volta (a Torino dove nino280 abita e dove aleph era atterrato come pilota).
---
:hello:

ANDREAtom 10-11-17 17:34

Re: Calcolo attuariale
 
E allora sarebbe divertente fare una bella tavolata, durante la quale organizzare qualche giochino, una specie di gara a chi riesce prima a riconoscere tutti i commensali...
Facevamo qualcosa del genere moooolti anni fa, quando ero radioamatore; non di quelli patentati che fanno collegamenti anche internazionali ma CB, che sta per Citizen Band (banda cittadina) e si usavano i cosiddetti "baracchini", radiotelefoni operanti sui 27 MHz dalla potenza irradiata non superiore ai 5 W , ma con antenna esterna montata sul tetto.
Io ne avevo uno autocostruito e nei giorni di buona propagazione riuscivo a fare collegamenti anche di 100-150 km; (si sfruttava la riflessione ionosferica) e si creava in questo modo una fitta rete di "amici dell'aria", ciascuno con uno pseudonimo un po' come facciamo nel forum, e ogni tanto si organizzavano di questi pranzi chiamati "carica batterie" in gergo radioamatoriale, :D e servivano appunto per conoscersi; si trascorrevano giornate veramente liete.
Mi piacerebbe molto rifarlo, anche se oggi c'è da fare i conti con gli "acciacchi" dovuti all'età e io ne ho parecchi ..... :o

nino280 10-11-17 17:49

Re: Calcolo attuariale
 
Allora io sono fuori concorso. Perché la mia faccia la conoscete un po' tutti perché innumerevoli volte ho postato mie foto.
Vediamo, oltre ad Aleph come già detto, riconoscerei senz'altro Erasmus, perché non mi ricordo più in quali circostanze ed in quale occasione ( forse una vota me la mando tramite mail) ho visto una sua foto.
Ciao
Riconoscerei anche quelli che oltre a essere in Coelestis li ho come amici in Facebook, per esempio Luca Conti, Nino Aspesi (no Aspesi no perché lui come immagine del suo profilo ha le sue montagne) ci sarebbe stato anche Antonio D'Amico ma sapete come è finita.
Sarà un caso proprio ieri mi sono ricordato di un altro che ci ha lasciati. Marius 1936.
Poi conosco di persona il nostro moderatore Piotr ma sono dieci anni che non posta più. E' rimasto ancora come moderatore, solo non so cosa modera.

aspesi 10-11-17 18:13

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

nino280 (Scrivi 807636)
Nino Aspesi (no Aspesi no perché lui come immagine del suo profilo ha le sue montagne)

:D
Però, un selfie mentre facevo un'escursione nell'agosto dell'anno scorso mi è scappato e è ancora visibile in fb...

:hello:

nino280 10-11-17 18:22

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

aspesi (Scrivi 807637)
Però, un selfie mentre facevo un'escursione nell'agosto dell'anno scorso mi è scappato e è ancora visibile in fb...

A si? Ora controllo.
https://s1.postimg.org/6m13pmqjkv/Nino280.png



Io invece in questa foto sono quello sulla destra.:D:D

ANDREAtom 10-11-17 18:29

Re: Calcolo attuariale
 
Adesso però non tirarti indietro; bisogna indovinarli TUTTI, e io mi auguro che potremo essere almeno dieci.... :D

Erasmus 10-11-17 20:43

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

nino280 (Scrivi 807638)

Eeeh... ma sei sempre tu! Ti riconosco dai capelli! :D

Noi volevamo vedere aspesi; 'Ndo' sta aspesi? :mmh:
Volevamo vedere quanto fatica il Nino_aspesi a salire sui suoi monti sollevando, passo dopo passo, la sua considerevole mole ...
--------------
Domanda impertinente (a Nnino280): che grado di parentela hai con la donna che ti mette una mano sulle spalle?
[Ti mette la sinistra sulla spalla sinistra stando alla tua destra . E' una specie di abbraccio ... "a posteriori" (!?!)... molto confidenziale].
------------------
Ma che schifo la pubblicità! Non se ne può più!
Tempo fa, caricata un'immagine su "postimage.org/", si poteva mettere il link ad essa in modo che, cliccando sul link, si apriva una pagina in cui si vedeva solo quell'immagine. Adesso nel forum, col tag "img" appare la sola immagine che si vul mostrare. Ma se si fa il link con lo stesso URL, ecco che si apre una pagina dove di immagini se ne vedono molte altre in più.
Riguardati il link che ho citato qui sopra.:mad:
Io non ho da "bruciare" neanche un grammo di grasso superfluo!
E che dire dell'italiano (come lingua) di chi fabbrica le didascalie?.
Leggo, per esempio ... (porco mindo, la pagina è cambiata, le immagini sono diverse da quelle di prima... provo ad andare a memoria): «Le donne sognano a te di incontrare uomini maturi». Eh, eh: le donne sognano A TE, nino280, che sei stra-maturo! :rolleyes:
-----
Ciao ciao (esauriti i 4 "emoticon")

nino280 11-11-17 08:59

Re: Calcolo attuariale
 
Marina? Nessun grado di parentela.
Una cara "collega" dei campi in terra rossa .
Poi quale è il link che citi di postimage, non lo vedo.
Ciao
Ho visto poi Aspesi è mimetizzato (ha un cappello mimetico ed occhiali un poco scuri) fra le sue vette.

nino280 12-11-17 19:16

Re: Calcolo attuariale
 
Scaricati Postimage e vedi come ti trovi. Io mi trovo bene.
Anche postimage ti inonda di pubblicità ma noi la evitiamo.
Qualcuno tempo fa mi disse come avrei dovuto fare per evitarle, probabilmente fu Erasmus che mi dette le dritte. Ciao

Mizarino 12-11-17 21:04

Re: Calcolo attuariale
 
Il 1° Novembre l'immagine (in tono) era il crepuscolo del 31 Ottobre, ma dopo il crepuscolo, se si aspetta un po', arriva l'alba:



e magari un bel mattino:



:)

Erasmus 12-11-17 23:45

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807778)
Il 1° Novembre l'immagine (in tono) era il crepuscolo del 31 Ottobre, ma dopo il crepuscolo, se si aspetta un po', arriva l'alba [...]

Belle foto!
Anzi: bellissime! (Mi stimolano una profonda nostalgia).

Ma ... le hai fatte tu le due foto la stessa mattina salendo dal paese alla tua "baitina" o te le ha fatte la macchina "automatica" (magari telecomandabile quando non passa nessun animale che ne inneschi il rilievo di raggi infrarossi)?

Quest'anno c'è già neve abbondante quasi dappertutto sopra i 1500 m.
Ed io – porco mondo – non potrò mai più farmi una sciatina con gli sci da fondo!
[Oddio: io, veramente, mi sentirei di farla ancora qualche sciatina, (con le dovute precauzioni, ché non sono mica un suicda!)
In fondo, si tratterebbe solo di restare sempre al di sotto ad una certa soglia di "potenza" (il superare la quale mi metterebbe il cuore a rischio ... di non farcela!). Ma dovrei prima neutralizzare l'opposizione delle mie donne (moglie, figlie ... e persino la nuora!) che non me lo permettono. Mia moglie, in particolare ... se solo ci provassi ne morirebbe lei! E io non sono nemmeno un "uxoricida"! :D
Aman! Sarà per quando nasco la prossima volta!

In questa vita, come ho già detto, ormai è giusto che mi accontenti (anzi: che mi senta anche "sazio") del solo essere ancora vivo e vitale.
----
Miza: "Take it easy!". Camminare sulla neve "molle" (per giunta in salita) è una faticaccia boia (anche con le "ciaspole")! Occhio che non ti venga un infarto!
[Ma ... perché non provi con sci da fondo? Modernamente ce ne sono con soletta rigata (e a "tacche") che davvero offrono una buona tenuta (di attrito statico) e un basso coefficiente di attrito dinamico. Insomma: sono sicuro che faticheresti molto meno nel tornare dal "paese" alla tua beatissima "baitina" (dove, peraltro, se la neve è abbondante t'aspetta l'altra fatica di spalarne un po', se no non riesci nemmeno ad entrare!).

Ti invidio, Miza! Ah come mi piacerebbe poter essere anch'io alle prese con le difficoltà di una nevicata recente ed abbondante!
Sono masochista? Siamo tutti masochisti? [Tu, aspesi, Erasmus e altri ... amanti della montagna innevata con la neve ancora "fresca" ...]. Ma anche una partita di tennis a 69 anni è una bella faticaccia, ma nino280 continua a giocare lo stesso ...].

Ciao Miza.
Ciao a tutti
–––
:hello:

aspesi 13-11-17 07:54

Re: Calcolo attuariale
 
Anch'io ;)





:hello:

Erasmus 13-11-17 08:05

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

aspesi (Scrivi 807788)
Anch'io ;) [...]

Belle foto, davvero!
[Vedo che le hai caricate su un sito di "hosting"].
Le hai fatte tu?
Descrivimi un po' questi luoghi, dai!
Ciao ciao!
––––
:hello:

aspesi 13-11-17 08:26

Re: Calcolo attuariale
 
Sì, le ho caricate (dal mio PC registrate in Dropbox gratuito) con il servizio tinipyc (che purtroppo dopo qualche anno le cancella :()

La zona è una piccola valle laterale della valle del Lys (la valle principale termina sopra Gressoney davanti al monte Rosa). Invece questa valle arriva e termina con la strada carreggiabile fino a Pian Coumarial (1460 m), da cui scarpinando iniziano bellissime escursioni nel parco del monte Mars (e traversate in Piemonte, a Oropa). Ci sono piste e anelli per sci da fondo e ciaspole, io vado fuori sentiero, questi posti li frequento da 50 anni. Le due foto sono scattate a circa 1800 m, il posto con le baite è Leretta, d'estate c'è un pascolo, vi si fa il formaggio (toma).

:hello:

Mizarino 13-11-17 09:27

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Erasmus (Scrivi 807783)
Belle foto!
Anzi: bellissime! (Mi stimolano una profonda nostalgia).

Ma ... le hai fatte tu le due foto la stessa mattina salendo dal paese alla tua "baitina" o te le ha fatte la macchina "automatica"

Le ho fatte io in persona personalmente
Sono salito mercoledì scorso, lasciando il fuoristrada a 3 km dal traguardo e 400 m più in basso come quota. Sono sceso ieri, appena in tempo per evitare la burrasca di neve.
Quote:

Miza: "Take it easy!". Camminare sulla neve "molle" (per giunta in salita) è una faticaccia boia (anche con le "ciaspole")! Occhio che non ti venga un infarto!
Lo so bene! In salita la fatica è mediamente doppia. In base al tempo impiegato, e tarando per 11 kg di zaino, è stata maggiore di un fattore 1.75.
Quanto all'infarto, non fare il menagramo! Il mio sistema cardiovascolare e respiratorio è al momento la sola cosa che funziona bene nel mio organismo. Ci manca solo che si scassi... :lipssealed:
Quote:

[Ma ... perché non provi con sci da fondo?
Perché alla mia età ho sviluppato un profondo rispetto per le mie tibie e femori. :D
Quote:

Ti invidio, Miza! Ah come mi piacerebbe poter essere anch'io alle prese con le difficoltà di una nevicata recente ed abbondante!
Per fortuna non era così abbondante: andava dai 20 ai 40 cm di altezza. Già che ci sono allego (in PS) anche un selfie, scattato mentre mi accingo ad affrontare un piatto di pastasciutta. C'è anche una bottiglia di vino, dedicata a Nino (almeno l'avanzo ... sopporto così bene il vino che in 4 giorni ne ho bevuto poco più di mezzo litro!). Ma forse lui preferisce il rosso...

P.S. Come promesso, ecco il selfie:



P.P.S.
Quasi quasi potremmo iniziare, in apposita discussione al Bar Nino, un photo-contest di montagna Mizarino-Aspesi... :D

nino280 13-11-17 10:56

Re: Calcolo attuariale
 
Veramente dei bei posti. Ho ammirato tutte le foto.
Ma io non invidio soltanto il vino che mi sono perso ma praticamente tutto.
Ciao
E poi non c'è bisogno di spostare le foto da qualche altra parte, se una foto è bella è bella ovunque sia messa.:hello:

aspesi 13-11-17 12:38

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807796)
P.S. Come promesso, ecco il selfie:

Le parti esterne in legno della tua baita sono in condizioni perfette, sembrano nuove.
Le hai verniciate da poco?

Il tetto ha lose in pietra?
Il tetto di casa mia è stato coperto con lose bergamasche, che in 20 anni sono annerite (ferro) e molte si sono scheggiate e spezzate. C'è il rischio che cadano e dovrò rifare la copertura, ho chiesto qualche preventivo, una botta... :lipssealed:

:hello:

astromauh 13-11-17 12:46

Re: Calcolo attuariale
 
Credo che la casa di Mizarino non sia restaurata ma che sia proprio nuova. Non vorrei sbagliare ma credo che se la sia fatta costruire un paio di anni fa.

:hello:

Mizarino 13-11-17 14:15

Re: Calcolo attuariale
 
Formalmente si è trattato della ristrutturazione di una vecchia stalletta/fienile in pietra e legno:



In realtà è stata abbattuta e ricostruita, riutilizzando però, oltre a materiali nuovi, anche tutte le pietre della vecchia costruzione.

I lavori sono iniziati nel 2007 e completati nel 2009. Alcune modifiche di dettaglio (es. apertura finestra e pannello fotovoltaico) sono state autorizzate e realizzate nel 2011-12.
Io ci ho dormito la prima volta nell'estate 2009. Allora avevo solo due letti, la stufa a legna (o cucina economica), un tavolo, una panca e quattro sedie. Ora ho anche un magnifico frigorifero da 50 L a compressore da 45 W, che programmato per 3 °C, consuma appena circa 0.1 kWh/giorno.

I rivestimenti esterni in legno di larice sono in gran parte gli originali. Solo il versante Sud (soprattutto gli scuri della porta dal lato esterno) soffre, soprattutto per il sole invernale, che ci batte a perpendicolo, combinato con la pioggia di scirocco. Nel 2015 gli ho dato una grattata leggera e una riverniciata con un protettore trasparente, ma la prossima primavera-estate ripeterò l'operazione.
Il tetto, debitamente coibentato, è rivestito in lamiera zincata e verniciata.
:hello:

nino280 13-11-17 14:24

Re: Calcolo attuariale
 

Mizzica che metamorfosi.
Poi questa mattina guardavo quella nuova e vedevo sulla destra una persiana semi aperta e mi domandavo. Una finta persiana senza buco nel muro del probabile gabinetto. E invece . . . . . .:D
Ciao

aspesi 13-11-17 14:37

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807826)
Ora ho anche un magnifico frigorifero da 50 L a compressore da 45 W, che programmato per 3 °C, consuma appena circa 0.1 kWh/giorno.

A quella altitudine, è utile quasi solo come freezer

Quote:

Mizarino (Scrivi 807826)
I rivestimenti esterni in legno di larice sono in gran parte gli originali.

Sono molto belli

Quote:

Mizarino (Scrivi 807826)
Solo il versante Sud (soprattutto gli scuri della porta dal lato esterno) soffre, soprattutto per il sole invernale, che ci batte a perpendicolo, combinato con la pioggia di scirocco. Nel 2015 gli ho dato una grattata leggera e una riverniciata con un protettore trasparente, ma la prossima primavera-estate ripeterò l'operazione.
Il tetto, debitamente coibentato, è rivestito in lamiera zincata e verniciata.
:hello:

Anch'io dovrei verniciare almeno tutti gli infissi. Ma è un lavoro che non mi piace, lo farò fare... ;)

In Trentino le baite non hanno copertura di pietre, come in Val d'Aosta? Forse è anche per una questione di peso... Comunque, il tetto non fa un rumore fastidioso quando piove forte?

:hello:

Mizarino 13-11-17 15:02

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

aspesi (Scrivi 807830)
A quella altitudine, è utile quasi solo come freezer

Non credere...
Da Giugno a Settembre, nello sgabuzzino dove tengo le provviste fresche, la temperatura viaggia fra i 12° e i 16°. In queste condizioni la carne cruda non resiste più di 24 h. Carne cotta e altri alimenti da frigo (yogurth, latte, salumi, formaggi) reggono meglio, ma è sempre meglio tenerli a bassa temperatura.
Per decenni, quando avevo i bambini piccoli (e in seguito) e andavo in Agosto in un'altra casa condivisa con turnazioni varie fra molti parenti, la conservazione degli alimenti per una settimana o più richiedeva cura e attenzione. Ora non è più un problema.
Quote:

In Trentino le baite non hanno copertura di pietre, come in Val d'Aosta?
Casomai in tavolette di legno. Io però non sono in Trentino, ma in Veneto.
Quote:

Comunque, il tetto non fa un rumore fastidioso quando piove forte?
Sì, ma il fastidio è cosa soggettiva. A me per esempio piace e affascina sentire l'infuriare degli elementi, soprattutto di notte (purché a dosi moderate)... :)

aspesi 13-11-17 16:10

Re: Calcolo attuariale
 
Quote:

Mizarino (Scrivi 807832)
Non credere...
Da Giugno a Settembre, nello sgabuzzino dove tengo le provviste fresche, la temperatura viaggia fra i 12° e i 16°.

Strano, forse dovresti scavare sottoterra.:)
Nel costone dietro a casa mia (e siamo solo a 1200 m) ci sono grotte naturali, ancora adesso utilizzate per la conservazione delle forme di formaggio (in barba alle disposizioni europee :D).
Ebbene, all'interno la temperatura per tutto l'anno oscilla sempre da 8 a 11 gradi.


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 10:42.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it