Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Rudi Mathematici (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=11)
-   -   La resilienza (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=59128)

nino280 13-09-17 15:41

La resilienza
 
Ero su Face.
Una mia mia amica ha scritto che l'uomo e anche la donna ,non stiamo li a fare gli schizzinosi sul genere, quello degli schizzinosi è mio di adesso, dovrebbero essere "resilienti" be non mi ricordo bene a che o a che cosa perché è successo 15 giorni fa, e no non importa a che e che cosa. Comunque "resilienti".
Mi si sono immediatamente rizzate le orecchie.
Perché? Naturalmente sulla resilienza.
La resilienza è un concetto metallurgico, e io che sono parente di Mimì, dovevo a tutti i costi farmi rizzare le orecchie.
La resilienza è la proprietà che hanno i metalli a non lasciarsi scalfire meglio dire "spezzare". E' un concetto vecchio assieme alla tecnologia dei metalli. Ne posso indicare a decine: flessione, torsione, durezza, malleabilità, duttilità, conducibilità, lavorabilità ok basta non mi sforzo più, no ne aggiungo solo uno flesso-torsione che poi sono due combinati assieme, l'ultimo poi basta si chiama proprietà alla "fatica" ma anche questo è una combine per esempio fra la compressione e la trazione,esempio una biella di un motore a scoppio che lavora sia a compressione che a trazione anche se a trazione un poco di meno. Ma, mi sono perso.
Insomma questa signora ho scoperto poi si interessa e segue la filosofia o forse psicologia non ricordo bene. Sono convinto, gli psicologi, hanno preso di sana pianta il termine resilienza e l'hanno trasportato da loro.
Quando le ho fatto notare cosa intendevo io per resilienza è stata d'accordo con me che effettivamente il termine aveva lo stesso significato nelle due discipline.
Ma non è l'unico caso in cui questi qua ci hanno rubato le parole.
Infatti parlano di persone malleabili, che in meccanica significa lasciarsi ridurre in lamine (devo controllare) insomma una specie di manipolare, e parlano anche di persone duttili, che per la metallurgia è la proprietà di lasciarsi ridursi in fili.
Avrei voluto con la signora continuare a parlare della "mia" resilienza ma ho evitato, perché andavo fuori il seminato per lei.
In tecnologia dei metalli c'è pura la macchina che misura la resilienza dei metalli. Si chiama il pendolo di Charpi. Devo vedere se va scritto con y finale al posto della i.
Si mette una provetta (vi assicuro è vera questa cosa perché ero presente ad una prova quando giovincello ero studente all'Avogadro istituto tecnico serale di Torino) si lascia cadere la mazza del pendolo, la mazza dopo aver spezzato la provetta risale dalla parte opposta (pensate ad una altalena dei bimbi) ma poi ridiscende ad oscillare bloccando però l'indice che è una specie di sfera d'orologio.
L'altezza che ha raggiunto la mazza dopo la rottura della provetta indica (attraverso una lancetta ad indice) il valore della resilienza di quel materiale sotto prova.
Chi lo sa se c'è una macchina tipo il pendolo di Charpy che misura la resilienza delle persone.
Metterò un immagine del pendolo.
Ciao

stefanone 13-09-17 15:56

Re: La resilienza
 
Credo sia una delle poche capacità collettive che abbondano in Italia!:cool:
Difatti il popolo italiano è bravissimo quando si tratta di assorbire i colpi, ma purtroppo quando sarebbe il caso di reagire...

nino280 13-09-17 15:58

Re: La resilienza
 
Il pendolo di Charpy
clicca qui













Etichette: materiali, prova


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 06:31.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it