Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

Dark_GRB 17-12-11 18:36

Re: Verso il default
 
Come molti di voi senz'altro gia' sospettano, questa manovra cosi' equa e innovativa forse fara' si' che un certo palazzinaro milanese, tra qualche mese, se ne uscira' dicendo "ve l'avevo detto! gli altri non sanno che imporre tasse!" e si ricandidera' a diventare di nuovo presidente del consiglio. E magari ci riuscira'.

Dark.

occhiodilince 17-12-11 19:01

Re: Verso il default
 
Una manovra così sarei riuscito a farla anch'io, non c'era mica bisogno dei bocconiani..

aspesi 17-12-11 19:01

Re: Verso il default
 
Il massimo sarebbe essere costretti a rimpiangerlo...:mad:


Syracusis, omnes incolae Dionysii tyranni exitium expotabant propter nimiam acerbitatem illius morum et intolerabilia onera regni.Sola anus, cotidie , matutino tempore deos, ut Dionysius incolumis esset, orabat.Ubi tyrannus mirum facinus cognovit, quia scire desiderabat tam novae benevolentiae causam, arcessivit anim et quid ita faceret eam interrogavit. Tum illa respondit "Certa est ratio propositi mei: puella(predicativo) enim, cum gravem tyrannum haberemus, eius mortem cupiebam.Sed, postquam interfectus est, aliquanto taetrior dominus arcem occupavit.Tum deos exorabam ut eius quoque dominatio finiretur:tyrannus interfectus est,sed postremo te tertium dominum (predicativo) habuimus, superioribus (precedenti)tyrannis infestiorem.Itaque, ne deterior dominus in locum tuum succedat cum in terfectus eris, caput meum pro tua salute devoveo".Tam facetam audaciam Dionysius non punivit et anus salva atque incolumis discessit.



Stargazer 18-12-11 11:05

Re: Verso il default
 
Quote:

Dark_GRB (Scrivi 547454)
E magari ci riuscira'.

Con tutte le generazioni che ha ammaliato o ingannato puoi scommetterci

KOSMOS AG 18-12-11 13:03

Re: Verso il default
 
@aspesi
E' arrivato il salvatore.
L'ho vista adesso ,troppo forte:D:spaf:

aspesi 18-12-11 13:25

Re: Verso il default
 
Per capire il crimine messo in atto dai "bocconiani" di tutto il mondo, basta guardare ai vari Draghi del credito illimitato alle banche all'1% e ai BTP al 7%: è questo 6% pulito pulito che pagheremo noi con le continue finanziarie.

Aprite gli occhi: il denaro sprecato per il salvataggio del sistema bancario è finito nei bonus e nascosto alle Cayman, quasi nulla è andato per il prestito! E' da cretini credere che dei delinquenti (economici) possano ravvedersi, qualora li si continui a trattare come nababbi.

E purtroppo, non si può mantenere il nostro normale standard di vita con la crescita del debito privato! L'80% della popolazione americana spende ancora il 110% del suo reddito. Questo, grazie ai bassi tassi di interesse di Greenspan e Bernanke.

Satomi, leggi, se vuoi, quello che dice in proposito Joseph Stiglitz, analizzando l'attuale crisi e stigmatizzando l'analogia con la Grande Depressione di 80 anni fa.
E' la crisi dell'economia reale che sta dietro la depressione. Nel '29 è stata la rivoluzione del modo di produrre in agricoltura, ora di quello dell'industria, che necessitano di minore occupazione, perché è aumentata la produttività.
Questo aumento di produttività è più veloce della domanda e porta ad un declino del reddito medio dei lavoratori.

Solo la spesa pubblica (stimolo keynesiano), non il rilancio del sistema bancario, può portare al recupero: bisogna investire soldi nell'istruzione e nelle infrastrutture per compensare la debolezza della spesa privata. Con creazione di occupazione manifatturiera e aumento dei consumi.

Quello che è successo nel '29 fra agricoltura e industria, sta succedendo ora fra industria e servizi. Si è assistito ad un calo di posti di lavoro nell'industria e ad un aumento della produttività, con la globalizzazione che ha spostato il lavoro laddove costa poco.
Nei paesi occidentali il risultato è un calo del reddito e dei posti di lavoro produttivo.
Per un po', i prestiti a tutti hanno nascosto il problema, creando una domanda artificiale e posti di lavoro "inutili" in finanza e nelle costruzioni, con aumento assurdo del valore delle case e del mercato azionario.

Il "male" sono i bassi salari, che riducono la domanda, indebolendo ulteriormente l'economia. Bisogna combattere i falchi che vogliono a tutti i costi tagliare il deficit colpendo indistintamente, soprattutto i poveri, e che, se vincessero, approndirebbero il crollo e allungherebbero il periodo nero di miseria.

Quello che si deve fare è intraprendere un programma di massicci investimenti pubblici, altro che le privatizzazioni, che sono solo armi di distruzione di massa. E contemporaneamente aumentare le tasse al 5% delle famiglie a più alto reddito, che detengono oltre il 30% della ricchezza; smantellare e regolare il sistema finanziario e la libertà d'azione delle banche, che devono servire la società, non il contrario. Ascoltando le proteste pacifiche (per adesso) di manifestanti ed indignati.

occhiodilince 18-12-11 13:38

Re: Verso il default
 
In tempi nei quali si chiedono spaventosi sacrifici anche "ai ceti meno abbienti", come ha detto il vostro grande presidente della repubblica, lo stesso presidente del consiglio e tutta la casta regnante non si è fatto mancare il concerto di natale con l'orchestra nella sal del senato. C'erano tutti i maiali e le loro consorti. Per gentile concessione lo hanno trasmesso anche alla Rai, presentatore e commentatore il Pippo Baudo nazionale, degno candidato alla presidenza del consiglio di questa bella italia. Il conto naturalmente lo abbiamo pagato noi. A nessuno è venuto il dubbio che forse di questi tempi si poteva rinunciare almeno per questioni di dignità e di immagine a questa spesa inutile e insensata.
Al termine è andato in onda uno spot sui parassiti di stato. Mai spot fu più azzeccato.

Mizarino 18-12-11 17:12

Re: Verso il default
 
In questi giorni ho fatto (seriamente) una ipotesi (ponendomi poi una domanda): mettiamo che con decreto ad effetto immediato il Governo consolidasse in un colpo tutto il debito pubblico ad un interesse minimo (mettiamo l'1 - 1,5%), in modo che a scadenza non si dovesse rimborsare nulla e quindi in modo che non sia necessario emettere altri titoli per rimborsare quelli in scadenza. Stante l'attuale situazione, comprensiva di una novantina di miliardi complessivi di manovre dell'ultimo anno, il bilancio dello Stato andrebbe in attivo di almeno una cinquantina di miliardi all'anno, che potrebbero essere usati in parte per un rilancio dell'economia, in parte per rimborsare poco alla volta il debito ...
La domanda è: che succederebbe ? :mmh:

ANDREAtom 18-12-11 17:37

Re: Verso il default
 
Niente; ci sarebbe un piccolo impoverimento dei creditori dovuto all'inflazione, ma i creditori esteri si accontentano?

Mizarino 18-12-11 17:44

Re: Verso il default
 
No, non si accontentano ... ma che potrebbero farci ? L'embargo ? La guerra ? ... :mmh:


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 16:28.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it