Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Cielo a occhio nudo, Congiunzioni e Fenomeni (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=18)
-   -   Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà? (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=60276)

alessio85 31-10-19 08:35

Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Buongiorno ragazzi, chiedo come si potrebbe vedere Marte il 13/10/2020 quando lui raggiungerà i 22,4” d’arco. Provengo da un Celestron Powerseeker, e con il 254mm Skywatcher dovrei vedere il pianeta , ma riuscirei a vedere dettagli fini dato il generoso diametro del telescopio in mio possesso?

Come avete visto Marte dai Vs telescopi? Io ricordo che col il 127mm Marte era piccolo ma con qualche dettaglio della syrtis, ma niente calotte polari né Olimpo.

Parlo delle recenti opposizioni perieliche del 2003 e del 2018. Grazie e buona astronomica!

robely79 31-10-19 14:47

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Marte è un pianeta difficile :mmh:

cosa vuol dire?
Che con un 10" seppur dobson (quindi non esattamente uno strumento specializzato per l'osservazione dei pianeti) Marte si può vedere molto bene ...o molto male

dipende:
1. dal seeing (stabilità dell'aria)
2. dall'alteltezza di Marte sopra l'orizzonte
3. dalla collimazione/messa appunto dello strumento
4. dalle condizioni fisiche di Marte stesso (tempeste di sabbia, stagionalità delle calotte polari)
5. diametro apparente di Marte

per esempio io ho visto meglio Marte quando era con un diametro di 15" ma molto alto sull'orizzonte, rispetto a quando era oltre i 20" ma molto basso in cielo

bisogna osservare tutte le sere possibili prima e dopo la data di opposizione e sperare nel momento "magico" di stabilità dell'aria che ti fa vedere i dettagli più fini:ok:

comunque la prossima opposizione del 2020 come altezza di Marte sopra l'orizzonte sarà molto più favorevole di quelle del 2003 e 2018

Longastrino 09-11-19 22:52

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
il Dobson è un newton e se hai l'accortezza di gestire bene le problematiche termiche vedrai alla pari degli altri strumenti. acclimatare un tubo chiuso e uno specchio grosso… siamo li.
col tuo dobson praticamente hai raddoppiato il diametro e quadruplicato la luce raccolta. cosa significa tutto ciò in pratica?

che al medesimo ingrandimento l'immagine risulterà più luminosa, contrastata e risoluta, ma NON più grande. (a pari condizioni seeing e acclimatamento)

l'occhio con maggior luce lavora meglio e riesce a discernere meglio le sfumature e nel caso dei pianeti anche i colori. la risoluzione data dal maggior diametro poi ti permetterà di notare dettagli prima preclusi dalle leggi dell'ottica. mi pare comunque strano che tu non sia riuscito a vedere le calotte col 127.

buone osservazioni!!:hello:

giovanni bruno 21-11-19 06:33

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Proprio nel 2003, ebbi la più favolosa visione di MARTE con un MEADE SCT da 254/2540mm ad f10 e con un oculare RADIAN da 4mm, per 635x .

Sia ben chiaro, un obrobrio per mesi prima e mesi dopo.

Questo per dire che un grosso diametro può """""POTENZIALMENTE"""" vedere molto di più , ma solo seeing permettendo.:ok::hello:

Giuliot 21-11-19 18:48

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Quote:

alessio85 (Scrivi 833939)
Buongiorno ragazzi, chiedo come si potrebbe vedere Marte---- con il 254mm Skywatcher dovrei vedere il pianeta , ma riuscirei a vedere dettagli fini dato il generoso diametro del telescopio in mio possesso?

Marte è un soggetto difficile per antonomaia, perchè quella poca tenue atmosfera che ha, è già sufficiciente a diluire e diminuire drasticamente la nitidezza della nostra osservazione.

Quindi nominare "dettagli fini" per Marte è una parola molto grossa, trattandosi di macchie di colore e tracce più o meno sfocate anche in ottiche grandi....(alla faccia della quantità di "canali" dettagliati, la reale presenza dei quali "indovinarono" più che osservarli, Percival Lowell in gara con Schiaparelli).
Non è infatti per nulla da escludere che quanto credettero di osservare furono in parte riflessi fra le lenti non trattate degli oculari del tempo, relativi a capillari del loro occhio cosi inisistentemente esasperato.

Tornando al Newton 250, ti troverai sicuramente molto meglio che con telescopi a tubo chiuso, se imparerai bene ad evitare la turbolenza all'interno del tubo, terribile e difficilissima o impossible da eliminare nei tubi chiusi, creata dalla differenza di temperatura fra lo specchio primario (caldo) e quella dell' ambiente del luogo di osservazione (più fredda e in precipitosa discesa in 3 stagioni su 4).

Molti astrofili includono erroneamente nella definizione di "cattivo seeing" anche quel tipo si turbolenza dentro al tubo, che è evitabile mettendo per tempo il telescopio in un ambiente di temperatura uguale entro uno o due gradi a quella che si troverà sul campo, e mantenendo accesa l'aspirazione della aria calda dal retro, quantomeno per asportarla dal percorso ottico, invece di spingerla in esso; e al limite, perfezionando l'estrazione dello streato limite perturbato, trasformandolo in un flusso laminare ordinato e trasparente, anche se la temperatura dello specchio non eguaglia quella ambiente ma la insegue da vicino.

La turbolenza atmosferica non è controllabile se presente in alta quota; ma al suolo si può evitare o minimizzare scegliendo, specie di estate, un luogo di osservazione erboso, che per sua natura non accumula calore, piuttosto che un terrazzo o piazzale asfaltato che, come il suolo o i tetti delle case, assorbendo la temperatura più elevata del giorno, la rilascino di notte disturbando le nostre osservazioni che attraversano la colonna d'aria calda che inesorabilmente si innalza da quei luoghi.

Certamente per osservare con strumenti con piccoli obiettivi, e quindi di bassa risoluzione, vedrai in modo nitido, ma molto, molto meno particolari di quel che ti può far vedere un Newton a partire dal diametro 200mm in poi, governato come si deve.

Hai quindi tempo di approfondire su questì'aspetto termico della visione astronomica, che è una strada in salita per arrivare a vedere al meglio quì sulla Terra, quel che l'atmosfera di Marte potrà permetterti con la sua presenza disturbante incontrollabile.

(Sulla acclimatazione delle ottiche puoi leggere qualcosa qui: https://www.grattavetro.it/acclimata...oni-possibili/

lucaagnelli 10-09-20 06:44

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Ciao ragazzi! Quindi, è il 2020 qualche consiglio per vedere Marte al suo meglio in autunno? :rolleyes:

bongi02 10-09-20 19:54

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Tutti i consigli precedenti sono più che validi; l'importante è iniziare ad osservare e cercare di capire la morfologia della superficie marziana.
Personalmente sono anni che lo osservo con un MAK127 e devo dire che, piano piano, i dettagli vengono fuori.
Ma si tratta di avere pazienza, restare all'oculare a lungo e magari confrontare quel che si vede con delle buone mappe o con programmi astronomici (stellarium, skysafari ed altri), che ti mostrano i dettagli delle superfici planetarie.
:ok:

alessio85 29-12-20 15:26

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
infatti scusatemi se non mi sono fatto sentire, ma tra vari acquisti e impegni, ho dato via il dobson e ho preso il mak 127, un vero gioiello di telescopio, sarà che lui nonostante il diametro (127) fa vedere benissimo i pianeti (scolpiti) , mentre con il dobson li ho visti il doppio grossi e "a pastello/sfumati"?

ho fatto una bellissima foto di Marte con il mak 127 all' opposizione (22,6")
https://drive.google.com/file/d/1llx...ew?usp=sharing

scorza 29-12-20 15:40

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Scusami!
ogni scarafone è bello a mamma sua!:D
Di bellissimo io vedo solo la tua immaginazione:D il mak 127 sa fare di meglio

pablo 29-12-20 17:28

Re: Marte 2020 - Dobson 254mm Skywatcher, come si vedrà?
 
Peccato aver dato via il dobson... il Mak 127 sarebbe stato un ottimo telescopio complementare.

In fotografia si può sempre fare meglio, ma ogni immagine è pur sempre il ricordo di un momento, spesso più bello dell'immagine in sé :hello:


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 08:56.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it